Valeria Marini, Lezioni Intime

(post chilometrico che contiene: Cecchi Gori detto Duracell, un santino di Padre Pio gemellato con una foto della Marini, il Tatto di Tette, il Gabinetto da Rimorchio, fenomeni paranormali, una pompinara del Re Sole, un neologismo rivoluzionario, il Pacco D&G e la posizione acrobatica 7 e 40, oltre a un sacco di altre cose terribili)

valeria marini lezioni intimeIl libro di Valeria Marini l’hanno fatto così: lei mezza morta sul letto “rotondo con lenzuola di seta e coperta in visone epilato” [1] che strafatta di Chanel numero cinque biascica un paio di cazzatelle sconnesse al telefonino (“Cecchi Gori soldoni io avere smalto unghie io essere femmina tanga Cecchi Gori nano hobbit”) e questo tipo, Gianluca Lo Vetro (un viscidone che vaneggia di moda su DonnaModerna – leggi: lecca il culo a chiunque gli capiti a tiro), che cerca di ordinare le cose dandogli un minimo di coerenza, sistemandoci intorno una qualche storiella estroversa (in prima persona) riempita di cretinerie fricchetton-esistenzialette da biscotto della fortuna (un miscuglione irresistibile di febbre citazionista: da Erich Fromm a Confucio ad Albert Einstein ad Antoine de Saint-Exupéry fino poi a Pier Francesco Pingitore, Cesare Lanza e Laura Pausini), qualche considerazione forbita da rubrichetta scema di psico-sociologia spicciola (in terza persona – dove Lo Vetro vuole dimostrare che Valeria Marini non è un paracarro qualsiasi ma un’artista furbissima che ha trasformato se stessa in un’opera d’arte, un’icona pop, un simbolo grandioso dei nostri tempi [2]), vari numerosi upgrade scolastici che dovrebbero attestare gli interessi non solo trucco/parrucco di Valeria Marini (così accanto a “preferisco i libri fotografici, con le immagini da sfogliare più che da leggere”, c’è Valeria Marini che consulta il Washington Post, è un’espertona di Buñuel, è sicurissima che García Lorca non sia un giocatore del Real Madrid, adora e si identifica in Jean Harlow, ha familiarità con Dorothy Parker, emenda affettuosamente citazioni flaubertiane e usa con ricorrenza impressionante “onirico” – per lo più ovviamente come attributo felliniano) e poi gli immancabili giochini di parole tanto ricchi di fascino e umorismo (“di-amanti”, “se-dotti”, “cine-presa” [3]) e le espressioncine creative per definire questa o quella stronzatina (“Marining”, “Scavallamento”, “SMSex” – v. sotto [4]) così facciamo finta che non si tratta soltanto di sfoghi d’idiozia disperata ma di pose giocosamente consapevoli. Nell’introduzione il tutto è sintetizzato in questo modo, che mi sembra azzeccato:

le mie confidenze inframmezzate da simpatici aforismi, a loro volta corredati da segni benaugurali come un almanacco da Frate Indovino: pillole vitaminiche sull’esistenza, il destino, l’amore, la carriera, il sesso, l’amicizia. Sino a questioni tipo il tanga per me comunque fondamentali

Ma andiamo nel dettaglio [5]. Potete già intuire la grandezza dell’opera dal titolo del primo capitolo, Il dito in bocca, dove Valeria ci si presenta come una bambinona ingenua dedita a viziucci neanche troppo ambigui

Sino a quattordici anni ho continuato a succhiarmi il dito. Lo facevo nel sonno, inconsciamente, ma anche di giorno, di nascosto […] e se mi sono succhiata il dito sino a quattordici anni, cosa posso aver fatto dopo?

E lo so che non è bello lasciare in sospeso un domandone del genere, ma il sesso direi di conservarcelo come ciliegina finale (una piccola anticipazione in tema, ok: la Marini pensa che gli amici la chiamino “flauto magico” perché “trasmetto e al tempo stesso attiro”) – parliamo un po’ di Valeria adolescente, che faceva la cameriera nei villaggi vacanze per pagarsi le trasferte da modella a Milano (i genitori erano contrari – e sul tema ha composto una filastrocca motivazionale che fa così: “autonomia, autonomia, per piccina che tu sia, rendi adulta la vita mia”), ed è proprio in un villaggio che ha conosciuto la sua prima anima gemella, Lorenzo Cherubini non ancora Jovanotti,

fortissimo, grintoso, unico! Faceva suonare i dischi come un direttore d’orchestra con i musicisti, riusciva a creare straordinarie sinfonie moderne. Aveva la musica nel sangue e il ballo nelle vene. Give me five!

Adesso nelle interviste nega (lui scandalizzato deve aver minacciato un bombardamento di querele) e ci va giù prudente dicendo che “no no, è stato solo un incontro”, ma nel libro c’è scritto esplicitamente, che “Lorenzo mi aveva sedotta dicendomi che ero la più bella del mondo” e che “mi ha pure dedicato una canzone” (non vuole dire quale, ma “basta fare caso ai testi dei suoi maggiori successi” – boh, secondo me è sei come la mia moto sei proprio come lei), ancora oggi “ogni anno, il 10 agosto, osservo il cielo e penso a lui che mi ha insegnato a guardare le stelle cadenti”, perché non c’è dubbio che erano anime gemelle,

andando a vivere a Cortona, dove dà da mangiare ai gatti via dalla pazza folla dello show biz, Lorenzo ha per esempio realizzato l’utopia della giovane Valeria che desiderava aprire una fattoria per soccorrere gli animali abbandonati [6]

e non solo, è talmente ovvio

Marini e Cherubini fanno pure rima

Non era una ragazzina sprovveduta: già all’epoca Valeria ha imparato una lezione di vita fondamentale, confermatasi poi col passare degli anni (i genitori che si separano quando lei c’ha sette anni, la stagione al villaggio di Jovanotti che comincia il sette maggio, a Milano che vive al civico sette, sul treno che spessissimo le capita la carrozza sette, il settimo giorno del mese nel camerino sette alla settantasettesima replica del suo primo spettacolo teatrale quando realizzò d’aver sfondato, la quarantasettesima edizione – conta la seconda cifra – del Festival di Sanremo in cui fece da valletta), la lezione è:

Scopri il più presto possibile il tuo numero. Ti accompagnerà per sempre e ti aiuterà a prendere le decisioni più importanti

Non è una cosa da tutti, scoprirlo così precocemente; e Valeria infatti non è una persona come tutte le altre, ha una sensibilità specialissima che la mette direttamente in comunicazione con le forze immateriali dell’altro mondo, rendendola addirittura capace di chiaroveggenza:

Spesso in una stanza mi capita di percepire la presenza di anime o entità strane. Sistematicamente faccio sogni premonitori. Ho presagito più di un cambio di governo, azzeccandone il futuro premier. Ho vissuto anche fuoriuscite dal mio corpo

E’ persino venuta a conoscenza dell’identità di una sua precedente incarnazione, che guarda caso c’aveva il nome che ricorda il suo, ed era un puttanone scatenato d’alto bordo (ok che qui siamo tutti super-razionali e scetticissimi ma insomma, bisogna ammetterlo: messa così, be’, ha una sua certa plausibilità):

Posso narrare la storia di una concubina della quale ho la certezza di essere la reincarnazione, Louise de Valérie, appassionata amante del Re Sole [7], che viveva alla sua corte

E non è sicura al cento per cento, ma forse è stata pure pittrice:

Quando sono andata a vivere in via Margutta, noto quartiere romano degli artisti, mi sembrava di essere tornata a casa. Da notare: non dipingo e non ho mai preso un pennello in mano

Ma non fraintendete, non vuole essere blasfemia, da buona cattolicona per finta Valeria si dichiara fedelissima e praticante [8]: cresciuta sulle pagine di rivistacce alla Oggi-e-similari, non può che essere devota del nostro caro amico Padre Pio; e grazie a Padre Pio – tu guarda la divina provvidenza! – ha fatto colpo su Alfonso Signorini, che scrive

Quando aprì il portafoglio, con la coda dell’occhio vidi tra i suoi documenti un’immaginetta di Padre Pio. Stupore dello stupore! Perché mio nonno era figlio spirituale del santo di Pietrelcina, per il quale in casa nostra c’è una vera devozione […] Il culto di Padre Pio ha legato Valeria anche a mia madre che adesso ogni sera all’ora del rosario dice una preghiera per la Marini. Mentre la sua foto con autografo campeggia nel soggiorno sotto quella di Padre Pio

E comunque. Valeria era impegnatissima a gettare le fondamenta teoriche del suo personaggio (“ho studiato sui libri e sui giornali il glamour delle dive degli anni Cinquanta, ho mescolato la seduzione bionda di Marilyn Monroe con la fisicità corposa di Sophia Loren e il brio di Gina Lollobrigida”) e muoveva i primi passi come attrice (“al corso di recitazione col metodo Strasberg“) quando cominciano a notarla alcuni grossi personaggioni, oggi stradefunti o completamente rincoglioniti (meglio: nessun rischio di querele a tappeto), che nella sua strampalata immaginazione autoincensante diventano protagonisti di imbarazzanti siparietti di adulazione:

Cinecittà, tardo pomeriggio. Un uomo mi segue. Sto al gioco. S’innesca una complicità maliziosa. Faccio finta di niente, ma lui ha capito che io ho capito. Quali sono le sue intenzioni? Intenderà corteggiarmi, provarci, molestarmi? Sono quasi eccitata da tutti questi interrogativi. Finalmente, il misterioso ammiratore rompe il silenzio. “Come ti chiami?” “Valeria Marini” gli rispondo, voltandomi di tre quarti. Solo a quel punto intravedo che il mio misterioso ammiratore è Federico Fellini in persona. La realizzazione di un sogno per me, di fronte all’inventore di quel mondo onirico che tanto mi aveva fatto fantasticare.

Fellini (che “mi risulta avesse scritto una parte appositamente per me” [9]) ma anche Zeffirelli (“dopo la Loren e la Lollo, c’è sicuramente la Marini” – questa può anche esser vera, ché Zeffirelli si sa, non ci sta tanto con la brocca) e Sordi (“avevo visto i suoi film, trovandolo fantastico nel ruolo di vigile […] mi ha fatto entrare in una dimensione onirica speciale” [10]) ed Enzo Biagi, a proposto del quale racconta un aneddoto molto buffo che sembra uscito da una puntata di mr. Magoo (cos’altro ha dovuto subire, povero vecchio),

Quando Biagi ha compiuto ottant’anni, alla festa con Agnelli, Prodi e Romiti, gli ho cantato Happy Birthday uscendo da una torta e imitando l’ineguagliabile augurio di Marilyn a John Fitzgerald Kennedy

valeria marini spiaggiataE poi va be’ il Bagaglino, la fama, il calendario (che non so chi gliela abbia messo in testa – oh bella, chi altri? dev’essere stato quel genio di Lo Vetro – la Marini crede d’aver contribuito a qualcosa di capitale, importantissimo, qualcosa che ha “cambiato profondamente il senso del pudore nazionale”, e che ha trasformato l’ex calendario da camionisti “in un punto d’arrivo artistico e professionale” – poveri illusi, è esattamente l’opposto) e la pubblicità cretinissima del Videochiamami (“le premesse astrologiche facevano faville: due attori e due registi, tutti nati sotto il segno del toro”) che – non l’avreste mai detto eh? – ha segnato il passo di una rivoluzione tecnologico-linguistica (delirio made in Lo Vetro):

Non è eccessivo sostenere che lo spot Videochiamami abbia fondato un nuovo genere di pubblicità: la reclame di cronaca vera. Per la prima volta il plot di un clip si è ispirato a una vicenda reale […] Ma a rendere questo spot un unicum senza precedenti è stato il neologismo dello slogan. Il termine “Videochiamami” ha registrato e classificato una nuova azione derivata dall’evoluzione dei mezzi tecnologici […] lo spot è diventato un tornasole dei tele-tempi, offrendo con un’operazione linguistica, una nuova voce alla lingua e al dizionario

E finalmente Vittorio Cecchi Gori (che appare nella sezione fotografica ritoccatissimo, blurato all’inverosimile, senza i suoi famosi quindici strati di pappagorgia). La prima volta che si sono incontrati lui le ha chiesto “ti dispiace se intanto mi faccio fare la manicure?”, e Valeria subito ha capito che c’avevano qualcosa in comune

Pensavo di essere la sola a discutere di lavoro mentre mi fanno i colpi di sole

Poi dopo, al ristorante

Vittorio si presentò con oltre un’ora di ritardo, aveva i gemelli della camicia sbottonati e i doppi polsi svolazzanti. “Scusa” tentò di giustificarsi “avevo un appuntamento con mia mamma”. Aveva fatto scoccare la freccia di cupido

Perché ovviamente “chi ha un rapporto sentito e profondo con la propria mamma è speciale”, e se poi la madre del tuo boyfriend si chiama come te, allora è fatta

Segno del destino. Era una persona meravigliosa, saggia e colta, con una laurea in lettere. Ci piacevano gli stessi film e nutrivamo le identiche passioni, come quella per le borse Chanel

Il fidanzamento con Cecchi Gori è partito alla grande, trombavano come ricci (attenzione!!! qui di seguito ci si riferisce a eventi che potrebbero facilmente indurre pensieri orrorifici quali “Cecchi Gori nudo”, “Cecchi Gori nudo che fa sesso”, “Cecchi Gori ha un pene”, “il pene di Cecchi Gori”) e non ne avevano mai abbastanza

Le nostre notti d’amore trasformavamo il talamo in un ring di incontri a più riprese in cui nessuno dei due gettava mai la spugna

e una volta in barca (la “nostra Love Boat”) con Tognazzi e la Izzo,

Siamo riusciti a raggiungere il record di due giorni chiusi in cabina… Ricky e Simona ci spedivano sms del tipo “Siete vivi?”, “Non avete ancora finito?”. Da quell’estate il mio instancabile amante avrebbe avuto un nuovo nome: “Duracell”

Poi purtroppo c’è stato il complottone, la bustina di coca che qualche nemico gli ha ficcato in cassaforte per incastrarlo, il loro amore che si spezza, una catastrofe mondiale (“alla notizia della nostra rottura, Leonardo Pieraccioni esclamò: E’ l’11 settembre dell’amore!“). Per fortuna che Valeria c’aveva qualche altro impegno a tenerla occupata: bazzicava da poco nel mondo degli stilisti di moda, che sognava dalla sua prima infanzia (“esprimevo la mia creatività vestendo e, soprattutto, svestendo le Barbie”). C’ha sempre capito moltissimo di moda, tra i suoi stilisti preferiti ci sono Anna Molinari,

La prima volta che le ho telefonato, mi ha conquistata senza neanche parlarmi. Il sottofondo musicale del centralino, infatti, era Diamonds are a girl’s best friend di Marilyn Monroe

e Dolce & Gabbana, perché

sono unici nel modellare quella parte dei pantaloni sotto la cintola, dove l’uomo deve dimostrare più “spessore”

ma la sua passione è anche il frutto di accurate ricerche storiche, per esempio quelle che ha effettuato su una “rara riedizione di tutti i Codici di Leonardo da Vinci” (conservata nella villa in Sardegna del suo amico Carlo Pignatelli),

su quei libri ho scoperto che il più grande artista di tutti i tempi disegnava anche costumi e si era occupato di biancheria intima. In materia, però, aveva idee diverse dalle mie. Leonardo, infatti, era contrarissimo agli slip da uomo. Li riteneva sconci e gli altri uomini dovevano portare i più casti mutandoni. Chi l’avrebbe mai detto che un artista così illuminato e lungimirante fosse per l’appunto un “mutandone”?

Le sue collezioni sono così all’avanguardia che s’è buttata su internet: ha costruito un avatar Second Life che rappresenta il suo obiettivo ultimo di fashion-seduzione, “le caratteristiche di grandi ammaliatrici in un solo profilo di femmina: O di Histoire d’O, Madame de Pompadour e Valentina di Crepax”; e già che c’era non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione di una chattatina erotica (non è vero niente: a dargli una tastiera la Marini fa come le scimmie di 2001, prima se le rigira tra le mani guardandola perplessa e poi scocciata prende a sbatacchiarla per terra divertendosi come una matta)

Da qualche tempo chattavo con un’altra identità come tutti i navigatori di Internet: il cosiddetto nickname. Sul web avevo intrecciato un rapporto con “Piccolo Principe” che si dipingeva come il mio tipo ideale. On line abbiamo fatto l’amore più volte. E così ho ricevuto anche il battesimo dell’etere

E il sesso, ok: il sesso. C’è l’ultima parte del libro che si chiama Seduzionario (ah no è la penultima, l’ultima è la V. pedia [11]) in cui Valeria ci dà qualche consiglio per essere più desiderate e rimorchiare meglio (roba che in confronto Biagio Antonacci col suo “hai impegni per i prossimi quindici anni?” è un bambino alla prima cotta), state a sentire – anzitutto, mani e piedi

La mano non deve sembrare una raspa e il piede non deve agire come la tela smeriglio… Men che meno se si spinge in certe parti del corpo. Prima di andare a dormire spalma della vasellina sulle estremità, indossando guanti e calzini per farla assorbire durante la notte. E tatua le tue unghie con gli strass: illuminano ogni tuo gesto

il corpo impanato,

Cospargiti di vitamine in crema. Aggiungi l’aloe che idrata e il burro di cocco che ammorbidisce. Il latte di mandorle che ammorbidisce e profuma la pelle. Il tutto condito con un’abbondante manciata di sale che drena i liquidi e la negatività

la biancheria intimo-geologica,

Tanga. E più di uno, stratificati. Prolungano il piacere dello strip

i trampoli perenni,

A spillo il più spesso possibile. Allungano la gamba e contraggono la natica, rassodandola. Ti manca la coda alzata e sei una gatta in calore… Non scendere mai dai tacchi. A maggior ragione se sei nuda.

E le strategie d’approccio, al bar (al bar?)

Sullo sgabellone del bar usa il “tatto di tette”: sporgiti come da un balcone e sfiora col tuo davanzale il suo braccio, scusandoti subito per il fortuito con-tatto

e il “gioco di sguardi”, che è il suo cavallo di battaglia (la cosa del portacipria mi fa impazzire),

Quando incroci gli occhi della tua preda, fissali per cinque secondi, contandoli col pensiero. Poi cambia improvvisamente obiettivo. Se non riceve il messaggio è impegnato, sposato, gay. Per fare ancora più la seduttiva, voltati leggermente di spalle, apri il portacipria col pretesto di rinfrescare il trucco e lanciagli occhiate dallo specchietto.

ma non bisogna esagerare, “niente sguardi su particolari come fede e orologio”, sennò si passa per una “ragazza in cerca di un matrimonio d’interesse”, piuttosto

Fai un’eccezione per la zip dei pantaloni con annessi, connessi, sovrastanti e sottostanti. E non dimenticare le mani: la dicono lunga anche sulle lunghezze.

Si può eventualmente ricorrere al “Marining”,

Dare da intendere di essere senza mutandine

o allo “Scavallamento”,

Gioco di accavallamento e scavallamento delle gambe, complice del Marining

Poi c’è il gabinetto, che secondo la Marini sarebbe un “grande alleato delle donne” (sì, in una sceneggiatura di Tinto Brass), perché

Se lui non ti ha ancora notata e va in toilette, seguilo cercando di incrociare il suo percorso. Se ti bloccherà il passo, mettigli una mano sul braccio, bisbigliandogli “Scusa” con gli occhi bassi. Se continua a guardati dopo che sei passata, rispondigli con un sorriso incoraggiante. Se ti segue nella toilette femminile, digli un po’ stranita “Cosa fai?” ma lascialo fare

A un passo dal traguardo

Metti l’uomo in condizione di fare l’uomo: lascia che sia lui a baciarti per primo. Se proprio non resisti, usa questa tattica: fagli chiudere gli occhi, sfioragli le labbra con le tue e digli “Hai visto quante stelle ci sono nel cielo stasera?”

E se riesci a trascinartelo a casa mi raccomando chiudi sul balcone gli animaletti domestici, che in certe situazioni possono essere dei bei rompiscatole

Un cane può leccare, un gatto graffiare e un pappagallo cantare sul più bello. Il più sicuro sarebbe un pesce che resta muto nella sua boccia. Ma in camera ce n’è già uno, che magari fraintende e non gradisce

Ricordatevi il preservativo (“certo, ma colorato e aromatizzato”), e per quanto riguarda i preliminari (non ho capito bene se intende suggerire il maneggìo delle palle oppure, boh, i litchis nel culo – che son pure ruvidetti, ahia – ma no no, allude alle palle)

Quando fai l’amore con la bocca non stare con le mani in mano. Riuscirai a fare due cose in una, prendendo i proverbiali “due piccioni con una fava” e moltiplicando il suo piacere. Fai pratica coi litchis: “flutto amole” come dicono i cinesi.

E se proprio volete strafare c’è la posizione inventata da Valeria, il 7 e 40:

Realizzarla è ai confini dell’equilibrismo. Immaginatevi lei, inginocchiata, che descrive un 4 e lui un 7 con una bella stanghetta pronunciata. Tutto il resto non è 0?

[1] su questo letto qua, o su quello firmato Marta Marzotto: “coperta di volpe rossa con sotto un antico broccato d’oro del Rajasthan”
[2] a Lo Vetro gli piace un sacco il nome Andy Warhol, è una specie di riflesso pavloviano, appena vede una cosa colorata e appariscente si entusiasma e dice Andy Warhol: uh che emozione le scarpe di Paciotti tigrate con lo sbuffino di pelo verde, Andy Warhol! uh che emozione guarda là quella spazzatura coi frutti marci dai mille colori muffosi, Andy Warhol!
[3] mi piace molto il giochino di parole che Lo Vetro attribuisce a Emilio Fede, per cui la Marini andrebbe in chiesa a cercare “l’as-soluzione”
[4] sugli SMSex ci fa la misteriosa panterona, “potete leggerli solo se li ricevete” (e va be’, sai che sforzo di fantasia, ve lo dico io come fanno di solito: “io trombare te tu bono hobbit impaccato io tre tanga uno sopra l’altro te tu volere io strippo?”)
[5] s’è parlato molto dei suoi due aborti – che scandalo! – ma chissenefrega, è un pezzettino tra i meno succulenti (e poi scusate, oh, ma che moralismo chiesotto da due soldi: gli impicciava d’andarci in barca, e allora? ha fatto bene)
[6] è uno dei pezzettini in terza persona, dove Lo Vetro fa l’esegeta marinologo
[7] e che razza di reincarnazione! la chiama “de Valeriè” e dice “la mia omonima” ma invece no – grazie macMarta – si chiamava Louise de La Vallière
[8] la fede l’ha avvicinata anche a Matteo Marzotto – avete presente no? quell’inutile ken parallelepipedico sempre inamidatissimo che le serate di beneficenza le chiama “ciàriti” – si sono conosciuti “in Vaticano a un concerto di Natale”
[9] “Posavo sulla copertina di schiena, col fianco proteso verso il lettore. Federico prese una penna e scrisse sul mio gluteo: “Ho deciso, abito qui”. L’ennesima conferma alla mia teoria sulla centralità del fianco
[10] quello con Sordi di cui si vanta tanto è un film di quelli che puoi spostarli in qualsiasi altro paese del mondo e il risultato rimarrebbe lo stesso, che so, “il peggior film di tutti i tempi del cinema zimbabwiano”
[11] lista ordinata alfabeticamente di cose mariniane tra cui vediamo potrei citarvi “CD: ne ho registrato uno sperimentale uscito in pochissime copie: Insieme… si canta meglio” e “COLORE: Fucsia” e “NOTTE: sto sveglia, dormire è tempo perso” e “POLITICI: Stimo Berlusconi e ammiro Bertinotti” e “QUADRI: trovo geniali quelli di Andy Warhol” (grande Lo Vetro)

364 commenti

Pagine: « 1 [2] Mostra tutti i commenti

ops ho lasciato il tag aperto…provo a richiuderlo (aiutatemiiiiiii!!)

Commento #201 di Tarata Tarantino
luglio 24th, 2008 @ 6:01 pm

funziona tutto

Valerissima, quindi tu hai seguito i consigli di Valeria, e hai notato che funzionavano?

Commento #202 di lara-v
luglio 24th, 2008 @ 6:02 pm

@Tarata… La Bambola eh?
il film dove la più espressiva era proprio l’anguilla grande prova d’attrice la sua…
interessanti i commenti degli onanisti a tal filmato…

Commento #203 di ninfeaalba79
luglio 24th, 2008 @ 6:14 pm

Oh, piano signore! sono un’ultraquarantenne senza un uomo, non rifatta e soprattutto senza il mito dell’omino al fianco e – è il caso di dirlo – me ne vanto.
Ho visto solo un matrimonio felice in vita mia, e ho smesso di considerarlo tale quando la metà maschile della coppia ha iniziato a corteggiare me. ;)

Commento #204 di Siminsen
luglio 24th, 2008 @ 6:22 pm

e brava la Betty

Commento #205 di alessandra
luglio 24th, 2008 @ 6:23 pm

@Siminsen, la storia del 740 non mi torna. E poi: lo zero che cos’è?

Commento #206 di lara-v
luglio 24th, 2008 @ 6:25 pm

Aiuto, il libro della Marini!! non c’è mai fine al peggio………
la frase più scema, che conferma indiscutibilmente la “fuoriuscita del suo cervello” (se mai ne ha avuto uno), secondo me è: “Marini e Cherubini fanno pure rima”…… @__@ neanche ai tempi delle medie mi venivano frasi del genere……

Commento #207 di PetitNuage
luglio 24th, 2008 @ 6:26 pm

@Sim… tu non fai della finzione seduttiva il tuo pane… no scrivi libri su come sedurre con la plastica e soprattutto tu non sei sola… hai un sacco di mici e i mici si sa stanno solo con persone intelligenti…

Commento #208 di ninfeaalba79
luglio 24th, 2008 @ 6:26 pm

@ninfeaalba79: infatti i commenti sono la ciliegina sulla torta dell’oVVoVE :)
Ma purtroppo per te non hai vinto ancora l’ambita anguiila (ovviamente è la stessa del film…e si sa dove è stata…)

Commento #209 di Tarata Tarantino
luglio 24th, 2008 @ 6:29 pm

Ve bè, ho già capito che la parte amante del trash che si nasconde in me prenderà il sopravvento: comprerò questo libro.

Commento #210 di lara-v
luglio 24th, 2008 @ 6:30 pm

Petit nuage: non dimentichiamo il termine “davanzale” e i doppi sensi sul pesce nella boccia.

Commento #211 di Vale
luglio 24th, 2008 @ 6:31 pm

già, ma la storia del 7 e 40 non potresti spiegarcela Betty? o vuoi lasciarci con la curiosità per spingerci a sciropparci il libro pure noi? ;)

Commento #212 di PetitNuage
luglio 24th, 2008 @ 6:32 pm

Per tatuare le unghie con strass bisogna andare da uno specialista?

Commento #213 di lara-v
luglio 24th, 2008 @ 6:33 pm

la cosa migliore di tutte è la selezione dei video su u tube..davvero geniale..
cmq la storia del trplo tanga più che una genialata sexy mi sembra una cagata spaziale, e poi, scusate, ma non era una che da a intendere che le mutande lei non le porta neanche??

Commento #214 di aidi
luglio 24th, 2008 @ 6:34 pm

@Aidi, non penso si possa trovare un vero filo logico nel Marini pensiero.

Commento #215 di lara-v
luglio 24th, 2008 @ 6:39 pm

pu**anone stagionato però….

Commento #216 di ninfeaalba79
luglio 24th, 2008 @ 6:40 pm

ot anche voi fate fatica a commentare??

Commento #217 di ninfeaalba79
luglio 24th, 2008 @ 6:42 pm

lara-v Già. Cos’è lo zero? La rappresentazione aritmetica del culone della Valeria? Il voto che lei dà al 7 se non funziona?
Si accettano ipotesi.
ninfealba No, infatti. Scherzavo. :-* Adesso vado a impanarmi il corpo: non sia mai che il postino suoni due volte e non mi trovi pronta per un 740

Commento #218 di Siminsen
luglio 24th, 2008 @ 6:43 pm

lara-v Già. Cos’è lo zero? La rappresentazione aritmetica del culone della Valeria? Il voto che lei dà al 7 se non funziona?
Si accettano ipotesi.
ninfealba No, infatti. Scherzavo. :-* Adesso vado a impanarmi il corpo: non sia mai che il postino suoni due volte e non mi trovi pronta per un 740

Commento #219 di Siminsen
luglio 24th, 2008 @ 6:43 pm

una cosa esilarante è il titolo di un film spagnolo che ha fatto: corazon de bonbon!!!!! …. mi fa sbellicare!

Commento #220 di michela
luglio 24th, 2008 @ 6:45 pm

Ninfea: Prima mi è andato un commento in moderazione… però di solito no.

Commento #221 di Vale
luglio 24th, 2008 @ 6:46 pm

La mia ipotesi: lo zero rappresenta il nulla che abita nella testa di Valeria.

Commento #222 di lara-v
luglio 24th, 2008 @ 6:48 pm

Vi prego leggete la pagina della marini su wikipedia! è evidente che l’ha scritta da sola, vista l’enfasi e lo specifico paragrafetto (per minchiate): Curiosità

Commento #223 di laFrà
luglio 24th, 2008 @ 7:15 pm

Una cosa però la devo dire: che Valeria Marini quando hanno arrestato Cecchi Gori alias Duracell non l’ha mollato, tipo Anna Hathway con Follieri, o Elena de Giorgi con Rizzoli; e quando lo difendeva mi ha stupita perché si vedeva che era innamorata.
Sotto tutta quella plastica batte un cuore..

Commento #224 di Bubu
luglio 24th, 2008 @ 7:49 pm

Forse è già stato detto (devo ancora leggere tutti i commenti) ma questo decerebrato Lo Vetro deve essere stato uno studente di Scienze della Comunicazione. Queste cazzate della se-duzione, la
cine-presa e via dicendo sono molto tipiche di certi professori di Sociologia della Comunicazione e a
Antropologia Culturale (parlo per esperienza, sic!)
E se non ha fatto Scienze della Comunicazione probabilmente lo rimpiange!

Commento #225 di Alice
luglio 24th, 2008 @ 7:56 pm

Forse è già stato detto (devo ancora leggere tutti i commenti) ma questo decerebrato Lo Vetro deve essere stato uno studente di Scienze della Comunicazione

sì, qualcosa tipo sociolinguistica, sociosemiotica, filosofia del linguaggio, psicosemiolinguistica, semiotica della comunicazione. Sono sicura che il suo cane si chiami Derrida.

Commento #226 di Makabe Rokurota
luglio 24th, 2008 @ 9:08 pm

“la cantante” “la cantante”

Commento #227 di bratz
luglio 24th, 2008 @ 10:50 pm

@siminsien: “…se il 7 si pone a destra del 4 l’unica cosa che può fare la stanghetta è trapanare la zona tra l’occipite e l’atlante…” Mamma mia quanto mi hai fatto ridere!!
Davvero sei un genio!
Comunque stà benedetta posizione del 740 io ancora non l’ho capita…e pure cosa dovrei imparare a fare coi litchi non ho capito…devo imparare a sbucciarli mentre “faccio l’amore con la bocca”? Boh!
Comunque non c’è proprio nessuno che difenda la Valeriona come è stato difeso il Biagio…povera Valeria…!!!
Io ci spezzo una lancia (o almeno uno stuzzicadenti) in suo favore e mi accodo a Bubu, almeno la Valeria non ha abbandonato il suo uomo come ha fatto ad esempio l’innamoratissima Anna Falchi con quel tapino dell’ex marito da cui è fuggita alla velocità della luce!!!
Comunque grazie Betty per questo mitico divertentissimo post!
(ps: ma poi di questi libri che ne fai? Te li tieni? Li regali alla parrocchia? Li metti in vendita su eBay?)

Commento #228 di La Silvia
luglio 24th, 2008 @ 10:52 pm

ho letto un nuovo modo di chiamarla…. VAKERIA Marini…..

Commento #229 di michela
luglio 24th, 2008 @ 11:13 pm

valeeeee non ti preokkupareee ci sono io a difendertiiiiiiii

Commento #230 di valerissima
luglio 25th, 2008 @ 12:16 am

ebbasta con sta marini… du’ litchi!!
voglio le chabrolelle
CHABROLELLE
CHABROLELLE!!!

(che non sono lelle da film francese, au contraire…)

Commento #231 di crocodile
luglio 25th, 2008 @ 8:13 am

povera Valeria, nessuna la difende!

Commento #232 di Valentina
luglio 25th, 2008 @ 9:18 am

Scusate, da ieri quando clicco su commenti si “allarga” la pagina. che succede?

Commento #233 di laFrà
luglio 25th, 2008 @ 9:23 am

è vero, nessuno difende la Valeria! quasi mi fa pena!

Commento #234 di lara-v
luglio 25th, 2008 @ 1:04 pm

Oh Flay! Oh Jesus! Io mi scandalizzo molto di più per tutte le persone che compreranno il libro e che credono a questo personaggio super costruito! (esclusi chi come Betty acquista per scopo scientifico di ricerca)….io non ci credo che la Marini è così. E’ tutta una finta, costruita come le sue labbra, tette, zigomi, ecc..idiciamo semmai che non ha fatto benissimo i calcoli: difatti si è dovuta buttare sulla biancheria intima non appena la carriera televisiva ha cominciato a naufragare!

Commento #235 di More than Betty
luglio 25th, 2008 @ 1:04 pm

ieri sono andata a comprare un regalo alla mia amica, voleva a tutti i costi il libro di Rita Rusic.. l’ex moglie di Cecchi Gori che, cito testualmente, grazie a Signorini ha potuto avvicinarsi alla scrittura e tenere ADDIRITTURA una rubrica fissa su Chi.
Stikazzi.
Comunque prima di partire per lo shopping avevo letto questo post… e sono stata tentata nell’acquisto del libro di Valeriona, ma mi sono detta: una alla volta, iniziamo dalla moglie, poi passiamo all’amante successiva… Attendo recensione dell’amica con ansia…

Commento #236 di Kay
luglio 25th, 2008 @ 1:41 pm

ps: il libro della Rusic si chiama Jet Sex. Il primo capitolo mi ha fatto inorridire… Per quello attendo recensione dell’amica, non penso di farcela a proseguire!!!

Commento #237 di Kay
luglio 25th, 2008 @ 1:43 pm

mumble mumble….qundi…conosco un uomo al bar, gli dò una tettata e gli faccio capire che non porto mutande…poi dopo la prima sveltina nel bagno, al secondo appuntamento, mi presento con tre tanga……ma come è possibile camminare con tre fili del tanga nel sedere?
superato l’ostacolo, gli chiedo…”hai visto quanti tanga ci sono nel mio sedere stasera?”

Commento #238 di rita
luglio 25th, 2008 @ 1:45 pm

se ci si arriva al secondo appuntamento, con questo metodo…

Commento #239 di lara-v
luglio 25th, 2008 @ 1:48 pm

Tre tanga con un pò di sforzo forse si possono anche infilare, ma di sicuro non quelli della sua linea di intimo! Con piume e perline subito si possano indossare uno sopra l’altro!

Commento #240 di Valentina
luglio 25th, 2008 @ 2:24 pm

@rita, oppure puoi fare il toto-tanga: “indovina quante mutande ho addosso e vinci un premio”…

Commento #241 di crocodile
luglio 25th, 2008 @ 2:26 pm

crocodile: ed il premio sarebbe poi una bella mangiata di litchis in compagnia….

Commento #242 di rita
luglio 25th, 2008 @ 2:34 pm

questa posizione del 7 40 non l’ho capita…

Commento #243 di biagia
luglio 25th, 2008 @ 3:02 pm

nemmeno un “avvocato delle cause perse” per Vakkeria Marini….

Commento #244 di michela
luglio 25th, 2008 @ 4:01 pm

presumo che nella sua linea di intimo (e quindi nella sua vita) non siano contemplate le mutande tradizionali!
Ma come fa a portare il tanga giorno e notte? O meglio, stando alle vaccate che racconta è piu’ il tempo che passa fagiana al vento che quello con un centimetro quadrato di tessuto (altamente infiammabile) addosso…

Commento #245 di SnowShadow
luglio 25th, 2008 @ 4:02 pm

biagia E se la stanghetta del 7 fosse il naso di Cecchi Gori? O le braccia tese di un sonnambulo?
Mumble mumble…

Commento #246 di Siminsen
luglio 25th, 2008 @ 4:36 pm

La Valeria Marini della Guzzanti era strepitosa!

Commento #247 di apricot
luglio 25th, 2008 @ 4:36 pm

Cosa può succedere se valeria Marini e Roberto Cavalli si uniscono? Un flash teribbile!
Riguardo a quando Salameria ha i vestiti addosso, mi è balenato questo pensiero: ai tempi del Bagaglino la vedevi in scena con quelle sottovesti semitrasparenti color pastello, e ti veniva da pensare “bhè certo, sono gli abiti di scena, sarà il regista ad aver deciso di vestirla sempre uguale”. Finito questo periodo te la ritrovi in giro con gli stessi straccetti, stesso modello, un pizzo rosa, glicine o rosso con strass e pecette qua e là e spacchi anomali, roba sicuramente cucita a beneficio di Cinecittà insomma. E deduci “si sarà tenuta i costumi per contratto, come Sara Jessica Parker, e mò se li mette”. Quindici anni dopo eccola combinata ancora così. Trucco teatrale e vestiti pure. Ma non sarà che il funesto presagio di Sabina Guzzanti si è avverato e la sua immagine ha preso il sopravvento?? Se è così, liberiamola!

Commento #248 di Lilly
luglio 25th, 2008 @ 4:50 pm

Nel corso dell’esilarante lettura, nonostante le avvertenze, non mi ha mai sfiorato l’immagine di lei con Cecchi Gori mentre copulano. Deve essere un forte istinto di autoconservazione (il mio…).
Sono morto dalle risate sul paragone tra le scimmie di 2001 e la Marini: semplicemente fantastico!!!!!!

Commento #249 di Ballestrero
luglio 25th, 2008 @ 7:27 pm

Bene, un altro libro che tra due anni si ritroverà tra le bancarelle nel ricettacolo del “solo3euro”, mezzo rovinato dalle intemperie perché anche per il libraio è un’inutile (e sgradito) sforzo contrastarne il giusto deperimento. Lì, tra “MelissePpì” e “Simonaventure”, vedremo anche questo tomo (il libro, non la Marini).
Farne degli ombrellini da cocktail?

Commento #250 di d-K
luglio 25th, 2008 @ 8:47 pm

@d-k: oppure origami, a forma di tanga, of course!

Commento #251 di lara-v
luglio 25th, 2008 @ 9:23 pm

avanzo un’ipotesi su cosa possa essere lo 0 nella nebulosa posizione 740: è il commercialista che osserva il corretto svolgimento delle operazioni…
Per il resto, mi rimane ancora da capire il 7 ed il 4. @ Siminsen, ti prego illuminami: sei l’unica -oltre a Betty- che sembra averci capito qualcosa! :-p

E ora mi unisco a Crocodile: CHABROLELLE! CHABROLELLE!

Commento #252 di ceci
luglio 25th, 2008 @ 10:24 pm

io difendo la my miglior friend valeria

Commento #253 di bratz
luglio 25th, 2008 @ 10:50 pm

Ma.. secondo voi queste commentatrici che si firmano ‘Bratz’ e ‘Valerissima’ sono vere ? ‘Bratz’ è pure che convinta che Bill Kaulitz sia una ragazza.. ok, le apparenze ingannano, ma sarà meglio chiarirle le idee prima che accada qualcosa di irreparabile.
Candido ‘all’astice del successo’ come carampan-ca**ata dell’anno.. che ne dite ?

Commento #254 di Ila
luglio 26th, 2008 @ 12:31 am

Io ci sto. Per me lei, come la sua “miglior friend”, è un fake grosso come il sedere della Marini.

Commento #255 di Edera
luglio 26th, 2008 @ 9:53 am

ma non ho capito la storia delle mutandine,,,,devi far intendere di non averle(che gia’ non e’ semplice senza scaturire in un linguaggio da camionista…come glielo dici? faccio prendere aria ai paesi bassi??) e poi invece.. traackk ..ne porti non una ma 4 paia ?
e’ ingannevole pero’!
comunque stasera che punto a buttare a puttane la serata provero’ un paio di gesta marinig…
quindi della borsetta porto tette finte , un paio di lichis non si sa mai dovessi fare l’amore con la bocca..ah e preservativi profumati se riuscissi a togliermi la ventina di perizoma che mi mettero’
grazie betty a buon rendere!

Commento #256 di betta
luglio 26th, 2008 @ 1:26 pm

Non è sublime tutto questo viola in copertina? Quasi quasi la uso come testata del mio blog.

Commento #257 di P!NkInSiDe
luglio 26th, 2008 @ 1:42 pm

Io sn un po’ ritardata_ ma la posizione 740 nn l’ho davvero capita_____________

Commento #258 di Liv
luglio 26th, 2008 @ 2:51 pm

@Liv: Forse è un bene. Il fatto di non averlo capito mi consola… Già l’immagine del Duracell mi fa tanta paura! Lo so, Betty ci aveva avvertiti, ma ora è troppo tardi!
Brrrr…

Commento #259 di dew25
luglio 26th, 2008 @ 3:48 pm

@Liv, non l’ha capita nessuna, fin’ora.

Commento #260 di lara-v
luglio 26th, 2008 @ 3:49 pm

Ma dall’espressione che ha in copertina non vi sembra che stia pensando: “Ho un terribile mal di testa!”?

Commento #261 di lara-v
luglio 26th, 2008 @ 3:51 pm

… forse si fa in 739 + lei con lo specchietto (per guardarsi le adenoidi)

Commento #262 di verde d'invidia
luglio 26th, 2008 @ 3:52 pm

letto ora il post! Bellissimo! decisamente le recensioni dei libri dei vip con citazioni commentate frase per frase sono la tipologia di post di betty che preferisco! Betty,voglio una versione del libro di Valeriona interamente commentato e interpretato da te,stile divina commedia edizione per le scuole

Commento #263 di Yersinia P.
luglio 26th, 2008 @ 4:39 pm

Devo fare una precisazione: l’amante di Luigi XIV non si chiamava Louise de la Valerie bensì Louise de la Valière.

Commento #264 di macMarta
luglio 26th, 2008 @ 6:38 pm

un post sulla Marini…è come sparare sulla crocerossa…

Commento #265 di thinky77
luglio 26th, 2008 @ 6:46 pm

un post sulla Marini…è come sparare sulla crocerossa…

tò, è ESATTAMENTE quello che pensavo io leggendo il post. Dio mio, che che CIALTRONA e che SEMPLICIOTTA ‘sta donna [parlo della Marini ovviamente]

Commento #266 di Barbara
luglio 26th, 2008 @ 8:34 pm

Chissà quanti anni ha. L’anno scorso ad un’intervista alla radio ne ha dichiarati 32. Non la smettevo più di ridere.

Commento #267 di NorthernStar
luglio 26th, 2008 @ 11:23 pm

Mi piacerebbe vedere una foto di Valeria Marini prima che si ditruggesse la bocca

Commento #268 di ilaria
luglio 27th, 2008 @ 6:14 am

http://striscialanotizia.mediaset.it/2007/02/21/video.shtml

Accontentata! In una foto addirittura riconosco qualche somiglianza con la Raffa nazionale (a proposito… torna in tv!!)

Commento #269 di Edera
luglio 27th, 2008 @ 8:39 am

grazie macMarta hai ragione: una chicca in più da aggiungere. l’ho messa in una noticella :-)

Commento #270 di Betty Moore
luglio 27th, 2008 @ 10:49 am

Betty anche se non c’entra con Valeria ti lascio questo link- Può essere di ispirazione per le prossime Malve.
http://tv.repubblica.it/copertina/mondo-emo/video&amp

Commento #271 di Valentina
luglio 27th, 2008 @ 11:09 am

Che nostalgia per i programmi della Dandini con i Guzzanti insieme..!

Commento #272 di laFrà
luglio 27th, 2008 @ 11:30 am

32 anni: ahahaha!!!!

Commento #273 di lara-v
luglio 27th, 2008 @ 11:38 am

avrete capito male. Avrà detto che aveva 32 tanga addosso!

Commento #274 di Valentina
luglio 27th, 2008 @ 12:37 pm

@Valentina: il link che hai postato è una vera perla, valeva la pena segnalarlo a Betty!

Commento #275 di lara-v
luglio 27th, 2008 @ 1:10 pm

Grazie Valentina, molto divertente! :-D

Commento #276 di Betty Moore
luglio 27th, 2008 @ 3:15 pm

mi è piaciuta la precisazione scocciata “fidatevi, gli emo non ascoltano i tokio hotel”

Commento #277 di ceci
luglio 27th, 2008 @ 4:54 pm

Ceci è la stessa tipa che ha detto che lo stile Emo è Morto negli anni ’80.

Commento #278 di Valentina
luglio 27th, 2008 @ 8:57 pm

Il futuro è in mano ai giovani….se sono come quelli del video di valentina propongo lo sterminio della razza umana….alieni venite!

Commento #279 di apricot
luglio 27th, 2008 @ 9:18 pm

Ma nessuno si ricorda della “sfavillante” di una zoccola nel film tratto da “Il settimo papiro“?

Commento #280 di Nemuriko
luglio 27th, 2008 @ 9:32 pm

ehm volevo dire “sfavillante interpretazione”..
scusa Betty -.-‘

Commento #281 di Nemuriko
luglio 27th, 2008 @ 9:35 pm

http://repubblica.it/gallerie/politica/silvio-portofino/9.html

Semo ‘bbburini!!

Commento #282 di roseau
luglio 28th, 2008 @ 12:13 am

trentadue anni? ma se ne ha fatti quaranta pochi mesi fa!!!! quanto al Settimo Papiro, uno dei piu’ bei libri di W. Smith, ero disgustata che ci fosse lei nel cast….ieri, poi, ho mandato mio marito nella libreria di una località balneare dove ci troviamo, a comprare LEZIONI INTIME per leggerlo sotto l’ombrellone (io mi vergognavo a chiederlo) e lui è uscito dicendo che avevano esaurito tutte le copie in un batter d’occhio!!!!! ma mi ha comprato, in compenso, un altro gioiello: JET SEX di Rita Rusic, la prima moglie dell’orrido Cecchi Gori!!!!!!!! chissà come, uscito contemporaneamente all’autobiografia di valeria marini… ah si, e chi mastica un po’ di storia, sa che Luisa di La Valliére era una ragazza TOTALMENTE diversa da Vakkeria Marini!!!!! paragone improponibile…!

Commento #283 di michela
luglio 28th, 2008 @ 1:17 am

Nei feed leggo che c’è un nuovo post sulle lelle charles bronson…ma quando clicco non mi apre la pagina! Succede anche a voi? uffiiiiiiiii…….voglio leggere!

Commento #284 di apricot
luglio 28th, 2008 @ 11:37 am

Ogni volta che la vedo in tv ho un’inquietante sensazione di deja-vu…mi ricorda qualcosa che ha a che fare con il mare, ma non una balena spiaggiata, troppo semplice..piuttosto snorkelling su barriera corallina: occhi sporgenti da pesce palla, labbroni da pesce napoleone, sguardo vitreo da cernia, intelligenza da vongola. Il tutto su fisichetto da dugongo.

Commento #285 di mus ponticus
luglio 28th, 2008 @ 11:39 am

mio dio mus ponticus ma hai una fantasia terrificante…proprio perchè calzante!

Commento #286 di michela
luglio 28th, 2008 @ 12:20 pm

Propongo alla Valeriona un tour europeo in acquario gigante su misura, è abbastanza onirico no? sai, l’atmosfera circense felliniana.
Potrebbe farci più soldi che con il Rotolone Regina camuffato da biografia..

Commento #287 di mus ponticus
luglio 28th, 2008 @ 1:44 pm

Purtroppo penso di aver capito la posizione 7e40 ,anche se mi pare di aver capito sarebbe piu’ corretta chiamarla 47…lei è il 4 vero?

Commento #288 di MalvaBoho
luglio 28th, 2008 @ 1:59 pm

mah, alcuni giorni fa una commentatrice diceva che se è il 47, e se lei fa il 4, allora le verrebbe trapanato l’occipite….. !!!!

Commento #289 di michela
luglio 28th, 2008 @ 2:21 pm

@MalvaBoh: Ma lo zero? lo zero dove lo mettiamo???

Commento #290 di lara-v
luglio 28th, 2008 @ 3:33 pm

Buona sera a tutte, c’è qualcuna di voi che casualmente vede il canale denominato “Canale Italia”? E più precisamente la trasmissione di liscio? Ebbene, il più grande assembramento di malvestite mai visto: mostruosità piene di rughe, con le ecstension, minigonne cortissime, la fiera dell’orrore.

Commento #291 di Nina
luglio 28th, 2008 @ 3:44 pm

come osi offendermi mio padre ti denunciera

Commento #292 di bratz
luglio 28th, 2008 @ 4:34 pm

lara-v
che bel nikname ke ti 6 data scommetto che vuoi somigliare a lara croft ma non ci somiglierai nemmeno un po

Commento #293 di bratz
luglio 28th, 2008 @ 4:42 pm

michela
la posizione del740 e facilxima siete talmente ignoranti da nn capirla

Commento #294 di bratz
luglio 28th, 2008 @ 4:44 pm

Ma io non ho fatto nè battute nè battutine….

Commento #295 di Nina
luglio 28th, 2008 @ 4:45 pm

MalvaBoho
sei il peggiore di ttutti quanti

Commento #296 di bratz
luglio 28th, 2008 @ 4:48 pm

mus ponticus
scommetto che ti sei dato questo nome da fungo porcino perche lo sei e poi bill katulitz e la mia fidanzata

Commento #297 di bratz
luglio 28th, 2008 @ 4:51 pm

apricot
anchio voglio legge! scommmettoo ccchhe sseeei sssooolllammmennnte UN SSECCCHHIIONNA
INVECE MIO PADRE A COSTRETTO LA MIA MAESTRA A FARMI USARE IL CELLULARE IN CLASSE!!!

Commento #298 di bratz
luglio 28th, 2008 @ 4:55 pm

roseau
TU SE UNA BURRINA

Commento #299 di bratz
luglio 28th, 2008 @ 4:58 pm

E TTUTTI VOI A ZAETE SAOCCIATO

Commento #300 di bratz
luglio 28th, 2008 @ 5:02 pm

uh mamma! ma poi perchè ce l’hanno tutte col mio nick name ultimamente?

Commento #301 di lara-v
luglio 28th, 2008 @ 5:11 pm

Hanno aperto le gabbie dello zoo?
Mus ponticus sarebbe un nome da fungo porcino per te? quello magari è il boletus edulis…studia, studia, mi sembra tu ne abbia mooooolto bisogno. Un corso estivo di ortografia magari?

Commento #302 di mus ponticus
luglio 28th, 2008 @ 5:12 pm

i corsi estivi forse avevano esaurito i posti!

Commento #303 di lara-v
luglio 28th, 2008 @ 5:14 pm

lara-v, commento 290: si diceva che lo zero (nella posizione 740) rappresentasse il chiulo della Marini, bello tondo come l’O di Giotto o come lo zero, appunto. I più maligni dicevano che la posizione 740 allude soltanto alla capacità contributiva dell’amante di turno…

Commento #304 di michela
luglio 28th, 2008 @ 5:27 pm

bratz ma sei ancora qui? Non ti hanno ancora ritirato dal commercio? Sai vero di aver perso una causa contro Barbie??

Commento #305 di Valentina
luglio 28th, 2008 @ 5:30 pm

e il mus ponticus è un topo, come micky mouse….mus = mouse…

Commento #306 di michela
luglio 28th, 2008 @ 5:31 pm

roseauu! Smack! Kiss! Pciù! Slurp! Ma che bello trovarti tra noi!

Commento #307 di Siminsen
luglio 28th, 2008 @ 6:06 pm

io sosn + bella di voi

Commento #308 di bratz fashion
luglio 28th, 2008 @ 6:19 pm

ancora ma basta

Commento #309 di **Miss Kaulitz**
luglio 28th, 2008 @ 6:28 pm

lo psicologo vi sta aspettando

Commento #310 di **Miss Kaulitz**
luglio 28th, 2008 @ 6:31 pm

Certo che le Bratz son proprio bambole di strada, ovvio che difendono la Marini!

Commento #311 di Valentina
luglio 28th, 2008 @ 7:38 pm

roseau: bentornata!!!

Commento #312 di Pam
luglio 28th, 2008 @ 9:54 pm

ciao ragazze!!!
sapete che il fantagenio del blog a cui il mio nome rimanda è il mio ragazzo!?
Indovinate come l’ho conosciuto?
Un bacione a tutti voi e un grazie di cuore a Betty, sempre più brava, sempre più venefica!!! @^^@

Commento #313 di roseau
luglio 28th, 2008 @ 10:45 pm

Roseau: controlla come hai scritto splinder nel link… :-*

Commento #314 di Pam
luglio 28th, 2008 @ 11:02 pm

io sono tanto contenta che tu esita, betty, credimi :)

Commento #315 di laclauz
luglio 28th, 2008 @ 11:05 pm

Ciao Roseau, che sorpresa! Bentornata :-D

Commento #316 di Betty Moore
luglio 29th, 2008 @ 12:40 am

Ciao, Betty! :-)))
Mi sto leggendo qualche post in arretrato.

Da morire…..quello su Allevi è una chicca.

Pam: hai ragione.

Spindler’S list…..S-P-L-I-N-D-E-R.

so’ rincojonita…..
chiedo venia.

Commento #317 di roseau
luglio 29th, 2008 @ 2:55 am

AHAHAH oddio che forza Valeriona!!!! Grazie Betty!!! Hai capito Cecchi Gori…brrr…Mi spiegate la posizione del 7 e 40?

Commento #318 di Silviona
luglio 29th, 2008 @ 2:02 pm

bill kaulitz t’amo

Commento #319 di **Miss Kaulitz**
luglio 29th, 2008 @ 6:19 pm

se la marini mi ruba bil la UCCIDO

CMQ

ti amo bill

Commento #320 di **Miss Kaulitz**
luglio 29th, 2008 @ 6:21 pm

…(attenzione!!! qui di seguito ci si riferisce a eventi che potrebbero facilmente indurre pensieri orrorifici quali “Cecchi Gori nudo”, “Cecchi Gori nudo che fa sesso”, “Cecchi Gori ha un pene”, “il pene di Cecchi Gori”)…

BUHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAAHAHAHAHHAH
:’D

Commento #321 di julieaiat
luglio 29th, 2008 @ 10:02 pm

ma le bratz raffigurano la marini!..non ci avevo mai fatto caso!
sarà contenta valeriona

Commento #322 di biagia
luglio 30th, 2008 @ 12:00 pm

Ma riguardo alle opere di Saint-Exupéry, non potremmo metterle (sì, anche assieme a Siddharta e al temibile Gabbiano Jonathan Livngston) nella lista del malvestitismo culturale? Più specificamente, nella sotto-lista kidult cioè cose che si possono leggere finchè si è sotto l’egida dell’acne adolescenziale ma poi basta.

Commento #323 di Baffo
luglio 30th, 2008 @ 6:43 pm

il piccolo principe non è un libro per ragazzi. assolutamente! ed io lo trovo bellissimo.

per gli altri due sono d’accordo. :)

Commento #324 di frida
luglio 30th, 2008 @ 10:39 pm

[…] promettente artista a riposo, Veronica Lario proclama il teatro la sua grande passione (oh, come la Marini! del resto c’hanno entrambe un carrierone teatrale che se la battono), da piccolina è stata […]

Pingback #325 di le Malvestite » Blog Archive » Veronica Lario e l’arredamento creativo (l’arpa dorata, la collezione di zebre di ceramica e una copia del Foglio artisticamente spiegazzata sul divano maculato di ghepardo)
luglio 31st, 2008 @ 1:19 am

uff..devo ancora leggere..ma faccio subito una domanda..perchè continuano a dire che la Marini è una bella donna?!quanto unge il giornalisti il suo agente?!
ciaooooooo

Commento #326 di prosperosa larue
agosto 1st, 2008 @ 3:36 pm

la cosa più penosa e che Salama si prende così sul serio che crede di insegnare a tutti come si fanno i pompini!!!

Commento #327 di I.B.
agosto 1st, 2008 @ 5:06 pm

io sono migliore di voi bimbominkia vesto firmata dalla testa a i piedi

Commento #328 di **Miss Kaulitz**
agosto 5th, 2008 @ 11:11 am

valeria Nazionale, quando penso a te, allora capisco dove non arriverà mai la mia vita: inutile più di te c’è da abbracciare la tazza del cesso e cantare “non sondegno di te”… che cara, ci mette a parte del suo duracell, che poi col cell l’ha videochiamato… che cara…
ha un che d ingenua, sotto tutto quelk rosa….

Commento #329 di leti
agosto 5th, 2008 @ 6:22 pm

squallidissima

Commento #330 di a'
agosto 14th, 2008 @ 3:13 pm

Miss Kaulitz.. non so se il tuo rotore cerebrale unico ti permetta di comprendere che sei sfociata in un post differente dal tuo usuale trogolo che è il post dei Tokio Hotel, ma volevo solo farti notare che tu non sei migliore di “noi bimbominkia” solo perchè ti vesti firmata dalla testa AI piedi (ma neanche più le preposizioni articolate vi insegnano a scuola?!?).
innanzitutto perchè TU in primis sei una bimbominkia.
secondo, perchè credere di essere migliore degli altri solo per il semplice motivo di indossare stracci firmati è squallido quanto il libro della marini.

Commento #331 di ainuruth
agosto 19th, 2008 @ 5:48 pm

@ nina: pensavo di essere l’unica a conoscere Canale Italia e la sua accozzaglia di malvestite… merita, davvero, ed è un potente antidepressivo ;-)

Commento #332 di ale
agosto 28th, 2008 @ 9:04 pm

Ale: pensa che io una zia relativamente giovane, 54 anni, ma malvestita da morire che si diverte a guardare questa trasmissione ma non nel senso che intendi tu bensì per ascoltare queste belle canzoni. Anche lei è una che si agghinda in maniera improbabile, adesso le è presa la mania di confezionare all’uncinetto orribili ciondoli da mettere al collo.

Commento #333 di Nina
settembre 1st, 2008 @ 3:34 pm

[…] sparare sulla Croce Rossa Ne avevamo accennato anche noi qui, ma questa chilometrico post sulla biografia  della Marini è […]

Pingback #334 di Come sparare sulla Croce Rossa « La Casa Dei Giochi
settembre 8th, 2008 @ 7:16 pm

Bellissimo il blog, complimenti!

“ho anche sperimentato fuoriuscite dal mio corpo” è una delle migliori che abbia mai letto…

Commento #335 di Manuela
settembre 12th, 2008 @ 12:15 pm

Dio mio…che mole inqualificabile di cazzate!! E’tra gli esseri, se non l’essere, più decerebrato che io abbia mai visto. Seconda solo ad Antonella Elia. A questo punto prefirisco pensare che è matta…perchè se devo pensare che sia perfino sana di mente mi viene il magone.

Commento #336 di Glamorous25
settembre 25th, 2008 @ 12:31 am

[…] (un innaturalissimo azzurro Skype) la tipica insalamatura, la borsetta bomba a mano e il pupazzetto Duracell; Alba Parietti col faccione abbottato come non mai (abitino Goodyear e stivaloni di pelle Pretty […]

Pingback #337 di le Malvestite » Blog Archive » Festival der Cinema der Quartiere Flaminio 2008, il malvacarpet
novembre 3rd, 2008 @ 3:23 am

Quondo i veggenti di medjugorje sono HANNO VISITATO L’INFERNO,HANNO VISTO UNA DONNA BIONDA CHE A CONTATTO COOL FUOCO DIVENTAVA UNA BESTIA IMMOND

Commento #338 di Anonimo
novembre 14th, 2008 @ 12:20 pm

Beh bisogna dire che nonostante la sua inutilità insulsa e la sua infondata sapienza su qualsiasi cosa esistente, la Valeriona incarna molto bene certi tipi di italianità…è la Marilyn Macaroni.
Tipo la sorella del commissario Macaroni in “Killer Condom” della Troma.
Solo più scema.

O no? Perchè io sto qui a studiare, studiare…e non ottengo nulla…invece la Valeria ha fatto i soldi con la sua “ocaggine perpetua e sbandierata”!.

Insomma, temo di aver sbagliato io…

Commento #339 di Bramina
febbraio 13th, 2009 @ 9:34 pm

ahaha…sei geniale!
ma dove lo trovi il tempo per leggere stè cose?!?

Commento #340 di lolita
luglio 17th, 2009 @ 5:08 pm

MIO DIO. Se ci fanno un film propongo il titolo: “Giocami, belva!”
Ah, il manifesto poi deve ritrarre un letto a forma di cuore con mille fronzoli e pizzi rosa e la Marini (in ginocchio che descrive un 4 sul letto) che addenta un pesce (quello muto nella boccia, non quello a cui allude lei) mentre fa per slacciarsi il reggiseno.
Squallore.

Commento #341 di Rita
agosto 12th, 2009 @ 10:31 pm

siete probabilmente un’accozzaglia di bruttone niuEig e sfikatelle !ma fate tenerezzza e risultate simpatiche rimanendovi giusto il dileggio e qualche sinapsi sopravvissuta ai rapporti anali coi cani !

Commento #342 di Pene
agosto 28th, 2009 @ 2:54 pm

Invidiose di Valeria Marini??? Ah ha ha ha!

Ps. Le sinapsi vengono danneggiate nei rapporti anali solo se il soggetto è uno come te: uno che ragiona col culo. Cheers (anzi, ciirs, mi adeguo)

Commento #343 di jules "Age Of Aquarius" chinaski
agosto 28th, 2009 @ 3:07 pm

ogni tanto fa bene rileggere questo post!

Commento #344 di nunu
ottobre 6th, 2009 @ 4:53 pm

vero vero nunu…lo stavo facendo proprio ora!
betty ti lovvo!

Commento #345 di louisvuitton
ottobre 26th, 2009 @ 9:44 pm

vero nunu…lo stavo facendo proprio ora!
betty ti lovvo!

Commento #346 di louisvuitton
ottobre 26th, 2009 @ 9:45 pm

La cosa che più mi fa arrabbiare della Marini è che…..che mi piace un sacco il suo sedere! (almeno in foto)
Non è giusto, una così non ha il diritto di riuscire a provocarmi.
uff, sti istinti animali…

Commento #347 di Cobalto
novembre 3rd, 2009 @ 1:52 am

Wow, ormai scrivono cani e porci…

No, ma che dico, poveri cani e poveri porci… XD
Bella rec =D

Commento #348 di Kunoichi alla ricerca di scritti decenti (Altresì detta K)
novembre 3rd, 2009 @ 7:50 pm

quindi è morta Natuzza Evolo, la mistica veggente che si faceva i graffietti sulle ginocchia a forma di emoticon di Gesù Cristo (notate nella foto qua a destra il balloon rudimentale, Gesù Cristo che saluta: “HI”). Natuzza Evolo non c’è più ma non è finita, anzi, il brutto arriva proprio adesso: venerazione alle stelle, mega-chiesa luna park, miracoli ovunque del fantasma-deodorante, pellegrinaggio fiume di moribondi, appello alla beatificazione, valanghe di paccottiglia gadgettistica.
Ahahhahhahhahhaahahahaahhaaaaaaha
Mi scompiscioooooooooooooooooooooo
Aiutooooooooooooooooooooooooooooooooo

Commento #349 di Fernando
novembre 13th, 2009 @ 12:31 pm

Con tutte ‘ste menti bacate, perché al manicomio, periodicamente, ci finisco sempre io?

Commento #350 di Fernando
novembre 14th, 2009 @ 11:09 am

Non capisco perché il mio commeto sulla Evolo si trovi tra quelli della Marini.
Nel commento precedente, ho detto menti bacate pensando alla Marini.
Ma visto che mi trovo, vale anche per tutti quelli dei circhi alla Evolo.

Commento #351 di Fernando
novembre 14th, 2009 @ 11:15 am

MA LA MARINI CHE PREFERISCO RESTA SEMPRE NELLA PERFORMANCE D ATTRICE NEL FILM D BIGAS LUNA COME DICE LEI…”è UN FILM D’AUTORE”…SI DA CASSONETTO DELL’INDIFFERENZIATO!LA FRASE MIGLIORE è DAMMI UN BACIO,O QUALCOSA DEL GENERE,NN DOVETE PERDERLO…MA POI DIMENTICATELO M RACCOMANDO

Commento #352 di romina the power
novembre 18th, 2009 @ 9:22 pm

Cosa può succedere se valeria Marini e Roberto Cavalli si uniscono? Un flash teribbile!
(Commento #248 di Lilly)

Quisi vede meglio. Ci sono incappata diverso tempo fa e dovevo condividerlo con voi.

Commento #353 di Anonimo
dicembre 10th, 2009 @ 1:26 pm

Ero io.

Commento #354 di Daniela
dicembre 10th, 2009 @ 1:28 pm

Sembra Vampirella!

Commento #355 di Vamp Pirelli
dicembre 13th, 2009 @ 1:47 pm

Ha me piace, e anche ai miei cugini selaci squaliformi

Commento #356 di Pantagruazzo
dicembre 27th, 2009 @ 12:37 pm

JJJ

Commento #357 di Anonimo
marzo 1st, 2010 @ 3:10 pm

Carine queste recensioni di libri.
La giusta dose di sarcasmo ed ironia.

Commento #358 di Ale
marzo 1st, 2010 @ 3:12 pm

La vasellina se la mette pure in bocca vero?:|

Commento #359 di Siol
marzo 25th, 2010 @ 11:05 pm

“Cospargiti di vitamine in crema. Aggiungi l’aloe che idrata e il burro di cocco che ammorbidisce. Il latte di mandorle che ammorbidisce e profuma la pelle. Il tutto condito con un’abbondante manciata di sale che drena i liquidi e la negatività”

Certo, e poi mi raccomando a 190° in forno per venti minuti. Tastare la croccantezza della pelle con uno stuzzicadenti, pliiiiis.

Commento #360 di DaNi
marzo 25th, 2010 @ 11:06 pm

ahah!

Commento #361 di Anonimo
settembre 21st, 2010 @ 8:24 pm

l’ho riletto per nostalgia, e ho pensato che se tornassi a scrivere, sarebbe davvero una garn cosa.

Commento #362 di sara
maggio 19th, 2011 @ 5:49 pm

[…] le piacete: c’est la biologie. In alternativa, altrimenti potete seguire il consiglio della valeriona nazionale: aspettatelo in ginocchio davanti alla porta del cesso: non potrà resistervi! 7 commenti 7 […]

Pingback #363 di laclauz ti insegna « ma anche no
aprile 2nd, 2012 @ 11:49 am

betty dai torna! ti prego!

Commento #364 di sara
agosto 27th, 2012 @ 4:59 pm

Pagine: « 1 [2] Mostra tutti i commenti

Lascia un commento

Tag permessi: <a href=""></a> <b></b> <i></i> <strike></strike> <blockquote></blockquote>

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.