Always look on the bright side – salsicce a La Mecca! lancio di croci! aboliamo l’Everest! la Croce Rossa comunista!

Non è precisamente un bright side a dire il vero – non esiste un bright side – perché viene sì da sghignazzarci e però insieme lo sconforto ti attorciglia le budella, è terribile, ma che possiamo farci? – soccombiamo – tanto vale godersi questa triste amarissima sghignazzata, ed ecco, volevo dire: ho selezionato e raccolto i frutti dell’idiozia più sopraffina dai gruppi Facebook pro-crocefisso che sono popuppati uno dietro l’altro alla velocità della luce negli ultimi tre giorni, cose come
- Tu stacchi il crocefisso dal muro? Io ti stacco le mani!
- CON UNA SENTENZA MI HANNO CROCEFISSO, CON UNA SENTENZA VORREBBERO TOGLIERMI
- Esponiamo un Crocifisso ovunque
- S.O.S. CROCIFISSO! DIFENDIAMOLO!
- TAGLIAMO LE MANI A CHI TOCCA IL CROCEFISSO
- NO CROCIFISSO??? NO BURKA!!,
il crocefisso simbolo di “accoglienza, tolleranza, rispetto reciproco”, proprio lui: ci si trovano dentro delle assurdità così grosse che se fossero soltanto pura finzione – e di quel romanzo distopico là che le contenesse, protagonista un vecchio monarca kitsch asessuato che parla a nome di Dyo – diremmo che si tratta di genio comico e niente altro, sentite qua, cose del genere,

UN GOVERNO SERIO reagirebbe SUBITO e con decisione… UNA CHIESA FORTE scenderebbe subito in campo senza esitare… REGALARE CROCEFISSI agli ALUNNI … Croci di cartone in omaggio con riviste e giornali non comunisti … VOLANTINAGGIO di Crocefissi all’ingresso di scuola …. SILVIO, una Croce per ogni famiglia, come hai fatto c…on l’utile euro calcolatore… CROCI IN OGNI LUOGO… Nuove fabbriche di ARREDI SACRI… Alla diabolica famiglia Lautsi nessuna parola ma UN LANCIO DI CROCI sulla propria abitazione…

Gli argomenti sono i soliti, 1) è un feticcio fondamentale che sta al cuore della nostra cultura; ma soprattutto 2) è un trojan dei subdoli pirati mussulmani; e poi, in netta minoranza, il paraculo 3) non dà fastidio, che male fa, è innocuo (sono il segretario del PD e non ho le palle) – vediamo,

Togliere il crocifisso dalle scuole è come privare l’Himalaya dell’Everest e del K2

duemila anni di storia cristiana contro tre mesi di cazzeggio ateista,

3 mesi di tempo……….ci sono voluti 2000 anni……….e adesso in 3 mesi di tempo andrà vanificata 2000 anni di storia e di identità del popolo cristiano!

dove andremo a finire?

Poi ci faranno togliere la Pasqua ? niente più disegnini dei nostri piccoli di Alberi uova è tutto ciò che lega con la religione,perchè se dà fastidio il crocifisso domani dà fastidio tutto il resto anche le uova, ma questa è una dittatura!

non ne avrebbero il coraggio perché in vacanza ci vanno pure gli atei, no? – e quando andate in vacanza allora Dyo vi piace, eh? eh?

se è per questo dovremmo abolire anche tutte le ricorrenze e le festività religiose, vedi Natale, Pasqua e compagnia bella…invece, l’incoerenza e l’ipocrisia, fanno sì che si rompano le balle ma senza superare il limite del tornaconto personale…xè fa comodo la settimana bianca tra il 25 ed il 1 gennaio, no?

forse forse c’è dietro un complottone giudaico-massonico dagli intenti subliminali: trasformare i simboli religiosi in simboli politicamente ideologizzanti,

Ma stiamo scherzando????? allora vogliamo togliere anche la croce dalle farmacie e dagli ospedali- pronto soccorso – la croce rossa senza croce diventa la bandiera comunista ci avete pensato????…..

c’è quello che si firma Vedo Nero che ha le idee molto chiare (ma questo non fa ridere, è agghiacciante e basta),

Stato laico un cazzo. La costituzione scritta dalle zecche comuniste non ha alcun valore e presto sarà cambiata. L’Italia è uno Stato Cristiano per tradizione ultra-millenaria. Chi tocca il Crocefisso (ma anche solo chi mette in discussione la cosa), Polonio-210 subito. La cagna finlandese è e RESTA finlandese: altro aspetto della costituzione che verrà cambiato. Non è con un timbro che si diventa Italiani. Blut und Boden! gli islamici c’entrano sempre.

e molti altri che la pensano allo stesso modo,

FUCILAZIONE PER I TRADITORI DELLA TRADIZIONE!

è colpa dell’Europa,

da un’europa che pensa alla curvatura delle banane o alla grandezza dei piselli cosa ci si può aspettare. e non è una battuta, è tutto vero

l’Europa satanista,

satana e’ sempre piu’ scatenato! ma GESU’ ha un grande esercito che lotta per lui……. e dice: SI AL CROCIFISSO NELLE SCUOLE…….

è il furioso relativismo anti-cristiano che travolge tutto, la gente è preoccupata,

mio cognato si chiama CROCE, deve cambiare cognome?

è una preoccupazione che si sente un po’ dappertutto nel mondo,

anche qui a malta siamo preoccupati per questa sentenza . oserei dire che qui 100 per 100 siamo in disaccordo con cio che sta accadendo

e con tutti gli altri simboli non cristiani, poi, come la mettiamo?

Già, perchè non togliamo alloween allora, perchè dissacra la ricorrenza dei morti ??

Si comincia col delirio Santanchè style,

devo togliere il crocefisso??? be allora tu togli il burca voglio guardarti in faccia!!!!

perché in realtà no, non è colpa degli atei, che in fondo sono soltanto dei bonaccioni ebeti “che fanno schifo”, dei viziosi blasfemi devastati dal senso di colpa,

se non ci credi, per te il crocifisso è solo un soprammobile come un altro, che fastidio ti dà? O ti da fastidio vederlo appeso al muro perché ti interroga e non sai come rispondere? Ti turba in qualche modo e quindi lo vuoi togliere per non doverci pensare?

si capisce: è tutta una macchinazione degli arabi

chissà xchè da quando sono arrivati i mussulmani sono iniziati i casini. Finchè non c’erano loro a nessuno è mai venuto in mente di togliere i crocefissi. E’ veramente vergognoso che vengono qui da noi a dettare leggi e noi dobbiamo adeguarci, invece a noi la ci tagliano le teste…La nostra religione è intoccabile! Non vi sta bene? Camèl, carèta e a Cà!!!!

buoni sì ma fessi no, a salsicciate li prendiamo!

Va bene ospitalità e integrazione ma questa è la …nostra terra. BUONI SI MA FESSI NOoooooo…!!!! tra un po’ pretenderanno che gli Italiani facciano pure il bibè e ‘sti stranieri che vengono a rompere. arriva il giudeo e vuole togliere il crocefisso, arriva il musulmano e dice che siamo un manica di stronzi in generale; vorrei proprio vedere se mangiassi una salsiccia a La Mecca cosa succederebbe….

piuttosto la clandestinità,

tra non molto i Cattolici saranno costretti a nascondersi e a vivere i clandestinità, o in alternativa dovranno accettare il corano, il burka e la barba come maometto. Da quando sono nato indosso una catenina con un una medaglietta di S.Antonio ed un Crocefisso…… La corte Europea non provi a toccarmela.

se ne andassero in Argentina o in Cina, loro,

fuori dal cazzo sti babbuini nn vi state rendendo conto ke ormai camminando x strada troviamo piu tanti di loro ke di noi? è ora di finirla ke vengono qua a comandare!!!!!!!! riprendiamoci la nostra italia!!!!l’italia agli italiani!!!chi non è italiano tornii al suo paese!!!!è ora di tirere fuori i coglioni…basta…siamo diventati una vergogna….Fuori dall’Italia gli usurpatori delle nostre tradizioni..! e chi si sente ANTITALIANO! VADA A FARLO IN ARGENTINA O IN CINA..!

a cosa vogliono ridurci?

Potremmo togliere le bandiere italiane nelle nostre piazze per lasciare spazio a quelle degli altri paesi! Potremmo smettere di parlare la nostra lingua e parlare la loro. Potremmo respirare dentro a dei sacchetti di plastica così non rovineremo la loro aria!

e insomma, ok gli arabi, bene, ma non si può mica perdere l’occasione di sfanculare un tantino pure i froci, no?

A proposito di Razzismo, in Italia funziona così: se un qualsiasi cittadino (che purtroppo per lui non è gay, ne di colore, ne di una religione diversa dalla nostra) viene rapinato all’uscita di una banca e malmenato dopo avergli scippato i soldi appena prelevati dallo sportello si becca 3 righe -massimo 4- in cronaca …locale; se invece la stessa cosa succede ad un gay oppure ad una persona di colore o ad un islamico… si becca la notizia d’apertura di tutti i tg e giornali nazionali oltre una serata a lui dedicata a Porta a Porta e a Matrix. Ma alla fine chi è razzista, boh?

perché se tutto quello che ci sta sulle palle può essere eliminato – lo dice la sentenza! lo dice la sentenza! – ehi, io voglio eliminare i froci e gli arabi e i comunisti,

SONO ‘ACCORDO CON LA SENTENZA NEI SUOI PRINCIPI.. adesso mi dà il “là” di rimuovere dai luoghi pubblici,,tutto cio che mi offende..e che impedisce di educare i miei figli con le mie idee..
Cazzo che bella sentenza…
quindi è giusto è sano… è legale rimuovere dai luoghi pubblici:
I ricchioni che si baciano in strada.. perkè ledono la mia sensibilità e nn sono educativi ( le lesbiche no..perke eccitano le mie sensibilità)
I mussulmani che pregano ..in mezzo alla strada
chi ha la maglietta del Che…
chi spaccia kebab (puzza pure)
e chi mi sta sul cazzo in generale….

cioè meglio, sintetizzando:

fai quello che cazzo vuoi…..sò solo che ti rompo il culo se ledi la mia sensibilità.. nulla di personale..applico solo la illuminata sentenza ..di eliminare tutto quello che mi dà fastidio..

(e scusate, già: non sono riuscita a finirla la mega-recensione di Dan Brown, salta alla settimana prossima, scusate!)

478 commenti

Pagine: « 1 2 [3] Mostra tutti i commenti

Anche se non so come la prenderai ,quando l’IA forte sarà esattamente, e più,della mente umana e comporrà meglio di Bach e scriverà meglio di Goethe :P,lì,mi sa…che un po’ di certezze cadranno miseramente.

Jean, me la spieghi? non ne so nulla, che vuol dire IA?

Commento #401 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 6:10 pm

Si,hai ragione…”IA” non è che un acronimo che sta ad indicare l’intelligenza artificiale.L’IA “forte” è quella che quasi sicuramente, in futuro,sarà capace di pensare.

Commento #402 di Jean
novembre 14th, 2009 @ 6:32 pm

@luca: ma scusa, chi ti ha chiamato in causa? la mia era solo una considerazione generale. Ovvio che mi sono accorta che la supremazia è detenuta dall’uomo in quanto unico essere capace di ragionare, razionalizzare etc. Mi hai sentita dire che gli animali battono gli uomini in intelligenza? Ho detto solo che l’intelligenza non è un valore assoluto, ma, oh,ma questo è un mio parere. E se i tuoi gatti li fai uscire di casa il cibo vedrai che se lo trovano da soli perchè il mondo cammina e camminerebbe anche senza gli uomini. Per quanto riguarda Hitler: quello a tirarlo in ballo è stato Jean.

Commento #403 di breschau di livonia
novembre 14th, 2009 @ 6:37 pm

http://www.youtube.com/watch?v=5L42p9bPF1M

Commento #404 di a proposito...
novembre 14th, 2009 @ 7:15 pm

breschau, non prendertela. Io semplicemente volevo porre l’accento su un altro argomento, del tutto passato inosservato, ma tant’è. Mi spiace, il mio interesse era altrove ma non ho trovato corresponsione. Pace.
Comunque, il fatto che gli uomini siano in supremazia intellettuale è una tale ovvietà che manco l’avrei tirata in ballo, se non fosse che la frase “incriminata” da cui è nato il discorso è stata del tutto estrapolata (molto malamente peraltro) dal resto del brano che avevo trascritto, che consideravo degno di attento interesse.
p.s. I miei gatti sì, certo, ma ciò non toglie che godono molto della mia civiltà, e che quando l’anno scorso una era ammalata ed è stata operata il sottoscritto provvedeva alle flebo, che da sola non si sarebbe certo fatta. Sicuramente grazie a me vivranno (si spera) meglio, più e più a lungo. Ma anche questa è un’ovvietà.

Commento #405 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 7:27 pm

Commento #402 di Jean
non sono in grado di fare previsioni sul futuro, non ho mezzi per farlo, ma mi pare fantascienza allo stato puro. Per lo meno sul fatto che si arrivi a creare l’opera d’arte, come hanno fatto mozart o bach. A meno che (e quì sta la fantascienza) oltre alla capacità di pensare, non si riesca a programmare (???) la capacità di sentire e di dimenticare di essere macchina. Noi siamo, a parte l’intelligenza siamo. La macchina non è, a parte l’IA non è più niente.

Commento #406 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 7:32 pm

Ok, continui a non capire e quindi ripeto ciò che ho già detto
1) sì la supremazia intellettuale dell’uomo non si mette in discussione e chi uomo non è a volte ci perde e a volte (come la tua gatta) ci guadagna.

2) in ogni caso, il mondo camminerebbe, a modo suo, anche senza tutto ciò. L’intelligenza è un valore per gli esseri umani e basta. Non è un valore assoluto.

PS: noi senza intelligenza siamo un involucro di carne vulnerabile il cui valore e senso è opinabile. Così come la macchina senza intelligenza è un ammasso di ferraglia.

Commento #407 di breschau di livonia
novembre 14th, 2009 @ 8:22 pm

Può essere inquietante ,ma ci sono diversi studi al riguardo.Secondo alcuni,con la tecnologia giusta,la mente sarà facilmente riproducibile,in quanto è un prodotto del cervello e il cervello è un prodotto della materia, che risponde a determinati meccanismi biochimici.Basterebbe che queste macchine, fossero capaci di elaborazioni casuali come la nostra mente,e spunterebbe il pensiero per magia con conseguente coscienza e personalità.Il “siamo non siamo” è ontologia,è cosa umana.Comunque qualunque cosa accadrà per fortuna io non ci sarò più!Anche se un discorsetto con un robot sarei curioso di farlo…

Commento #408 di Jean
novembre 14th, 2009 @ 8:56 pm

breschau,
primo: non sono stupido, anche se forse lo pensi (e francamente mi interessa pochissimo); la tua ulteriore precisazione, assicuro, è davvero superflua, avevo chiuso l’argomento per rispetto di te e di me.
Secondo: il fatto che l’intelligenza sia un valore per l’uomo credo non ci consenta, visto che uomini siamo, di considerarla secondariamente come tu pensi, trovo sia un discorso ampiamente incoerente, ma è una mia opinione. Se poi ti soffermi solo sul fatto che non sia “valore assoluto” nell’universo, bene, contenta tu contenti tutti, ma è una considerazione che trovo banale almeno quanto il discorso della supremazia umana sul regno animale. Se poi vuoi addirittura dire che si può voler bene ad un handicappato cerebroleso o a un porcellino d’india e voler male ad un genio, bene, ma sarebbe l’ennesima ovvietà, condivisibile ovvietà, e preferirei leggere altro sull’argomento, se proprio.
Ciò che hai scritto alla fine, nel p.s., dimostra che la vediamo in modo completamente diverso, ma non ho intenzione di convincerti, anche perchè a contestare con logica il tuo pratico assunto ho unicamente prove filosofiche, per fortuna mia assai condivise in dottrina.
Come vedi, e sono d’accordo con te, non sono per niente simpatico.

Commento #409 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 9:03 pm

luca, per carità non farmi la vittima! Non ho mai detto che dei due lo stupido sia tu e per quanto riguarda il discorso delle simpatia, non ha senso, anche perchè non ci conosciamo affatto. Mi è capitato di non essere daccordo con tanta gente qui, ma nessuno si è mai fatto i tuoi problemi e nemmeno io. Con questo, chiudiamo pure l’argomento e ti assicuro che non lo faccio per dispetto verso di te e delle centinaia di filosofi che vorresti chiamare in causa. Tu hai detto le tue ovvietà e io ho detto le mie, semplicemente.

Commento #410 di breschau di livonia
novembre 14th, 2009 @ 9:23 pm

jean,
il siamo e non siamo è ontologia, figuriamoci, ne sono cosciente. Però è utile riflettere su questo, secondo me, e con metodo. Mi pare che nessuno di noi sia solo vita biologica. Infatti, mi verrebbe da dire, alcuni di noi comprendono bach nel profondo, per esempio.
Il fisico Davies è convinto che “se la teoria centrale della vita non è in grado di spiegarne l’origine, siamo di fronte ad un serio problema”. Chiediamoci allora. da dove viene la vita? ho alcune risposte da sottoporre, che penso possano lasciarvi perplessi. Se interessa ne possiamo parlare. Dico solo, per ora, da agnostico non convinto di niente, ma lo dicono altri, che mi sembra di vedere il “dogma” più in chi nega la presenza, come dice qualcuno, di “una logica intrinseca nella natura che in chi crede in padre pio e le sue stimmate”.

Commento #411 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 9:25 pm

@jean: vero, inquietante ma interessante. Ci si potrebbe arrivare, un giorno. Un giorno molto lontano, però!

Commento #412 di breschau di livonia
novembre 14th, 2009 @ 9:25 pm

breschau, non ho mai detto che mi sei antipatica, ho detto che io sono antipatico.-)

Commento #413 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 9:27 pm

jean, credo mancherà sempre qualcosa, ad un’intelligenza artificiale, per lo meno nella comprensione dell’opera d’arte. Sensazione mia. Potrà calcolare meglio di 1000 uomini, potrà scrivere senza un errore, ma non scriverà l’infinito di leopardi nè un improvviso come schubert, mai, perchè sono attività che hanno inscindibilmente a che fare con la vita, col vivere. Parere personale, motivato pure, ma non suffragato da conoscenza scientifica, quindi quì mi fermo:-)

Commento #414 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 9:33 pm

Eh, ma allora siamo come Natale e Pasquale: la pensiamo uguale! Pure io non ho detto che sei antipatico, ma sono pronta ad ammattere di non essere simpatica! Vabbè, facciamoci due risate sopra e via.

Comunque non ci giurerei che un’intelligenza artificiale non possa produrre arte. Anche il concetto di arte è piuttosto relativo, a ben rifletterci. E comunque, una macchina dotata di una perfetta riproduzione del cervello umano (ma è ancora fantascienza) potrebbe …

Commento #415 di breschau di livonia
novembre 14th, 2009 @ 9:36 pm

breschau, sono pienamente d’accordo sulla risata:-)
Il fatto è che io sono convinto che l’essere umano, nella sua complessità, sia arte, sia musica nella sua essenza, sono completamente,visceralmente d’accordo con il ragionamento articolato di vito mancuso riportato qualche commento fa. La macchina no poichè non vive, semplicemente squalificata in origine. Sarà un tentativo di riproduzione, come i suoni campionati riproducono a volte perfettamente (ma mai, secondo l’orecchio sensibile) i timbri originali.

Commento #416 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 9:43 pm

quando una macchina potrà soffrire per amore, allora ne riparliamo.

Commento #417 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 9:45 pm

Sì, per il momento sì. è come prendere la stampa di un’illustrazione di Dulac dei primi del ’900 e una riproduzione digitale dei giorni nostri: la differenza è notevole. Ma un giorno, chissà; come ho già detto, mi piacerebbe esserci per vedere. E magari assistere a una Fiera della Carne, dal momento che sono decisamente misantropa, come avrai capito XD

Commento #418 di breschau di livonia
novembre 14th, 2009 @ 9:54 pm

non credo che sarò mai sorpreso per il livello artistico prodotto da una macchina, ma fra millemila anni chissà…rimango comunque dell’ottuso parere che non accadrà e mi gusto (quando ci capisco qualcosa) l’arte di chi vive o ha vissuto:-)

Commento #419 di luca chinaski
novembre 14th, 2009 @ 10:28 pm

ancora sul crocifisso.
Premessa: condivido sostanzialmente l’esposizione di curzio maltese, di qualche commento fa.
Ho pensato, diabolicamente: prendiamo atto che la sentenza CEDU non può obbligare l’italia ad ottemperare, poichè non può incidere direttamente nel nostro ordinamento. L’unico obbligo per l’italia è la costrizione al pagamente dei danni morali, fissato nel caso in favore del ricorrente in euro 5.000. Dico io: cavoli, lo faccio pure io. Facciamolo tutti. Un bel ricorsino alla CEDU, ci facciamo mandare via e mail le motivazioni dalla famiglia ricorrente e proponiamo, ognuno per se, un ricorso fotocopia. Chiaramente solo chi ha figli a scuola. Sono 5.000 euro che entrano così, secchi secchi. Vuoi mettere la soddisfazione?

Commento #420 di luca chinaski
novembre 15th, 2009 @ 1:22 pm

bah.
1) anche io non sono molto d’accordo con l’antropocentrismo apparentemente casereccio (chi fa le pulizie in casa tua? te o la gatta, eh?!?) del sig. luca chinaski, che peraltro solitamente apprezzo molto nei commenti. non capisco perché un gatto avrebbe bisogno di dirigere una fabbrica di scarti di carne in lattina per dimostrare di essere eventualmente al pari livello di un uomo. il gatto “in natura” farebbe altrimenti, e non rischierebbe di diventare un grasso cuscino di morbida pelliccia davanti al caminetto.
forse luca pensa un po’ troppo alle specie animali da lungo tempo addomesticate?
2) Bach può piacere anche a me, ma non mi è mai passata per la testa l’idea che possa essere la chiave per intuire una qualche armonia superiore alle aporie umane. per me è bella musica che mi dà emozioni e suggestioni almeno quanto un nuovo video di Lady Gaga (!). e pensando alla mia formazione “eurocentrica” mi chiedo: chissà a quante migliaia (milioni?) di persone non gliene frega un cazzo di mr. Bach e della sua bella musica!

poche certezze e – ora e sempre – GATTI E NON GINOCCHIA!! ;-)

Commento #421 di una ex-regina del malvapride
novembre 16th, 2009 @ 1:40 pm

Commento #421 di una ex-regina del malvapride
ringrazio del generico apprezzamento.
per la storiella del gatto ti invito a contestualizzarla, nel merito entrando nel discorso di mancuso, completamente disatteso anche da te mi pare. Il mio atteggiamento è esclusivamente finalizzato a quel contesto, il resto ce lo state mettendo voi.
Stesso dicasi su bach ( osu mozart, o su schubert, vedi tu), ma qui mi fermo se non hai competenze in materia (credo proprio che non ne abbia, visto il parallelismo con il video citato, davvero completamente fuori luogo).

Commento #422 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 2:00 pm

contestualizzare il gatto? ma anche no, grazie. mi pare ininfluente a questo punto. ;-)
ho scritto il commento mentre fioccavano i commenti e mi ritengo soddisfatta di quello che ho letto nelle tue un po’ stizzite risposte a breschau di livonia. dubito che potremmo mai dialogare davvero con queste convinzioni di partenza, quindi perché perdere tempo? tu sembri avere fede (una “fede filosofica” direi), io probabilmente proprio no. non c’è ciaccona al mondo che potrebbe unirci! :)

Commento #423 di una ex-regina del malvapride
novembre 16th, 2009 @ 2:31 pm

Prendo atto, nessuna intenzione di insistere da parte mia; dormiremo comunque entrambi sogni tranquilli, che dici?:-)

Commento #424 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 3:08 pm

@regina: sbaglierò, ma il bisogno di legittimare a tutti i costi la presenza dell’uomo sulla terra e il suo dominio sulle altre specie l’ho sempre vista come la pecca maggiore di filosofia e religione. Peraltro, non ne vedo il bisogno, dato che i fatti (se considerati da un certo punto di vista) parlano chiari. Coda di paglia, forse?

Commento #425 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 3:47 pm

@breschau,
se posso intromettermi (solo se posso…) mi pare che la pecca del tuo ragionamento sia che equipari “superiorità intellettuale” a “dominio sulla specie”, cosa che nè io, nè tantomeno mancuso, ci sognamo neppure. Ho solo parlato di superiorità intellettuale, mai di dominio. Detto ciò, mi ritiro in buon ordine.

Commento #426 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 4:14 pm

Luca, per favore, sei come al solito troppo autoreferenziale (o dotato di coda di paglia). Non ho accusato nè te nè mancuso di equiparare le due cose: mi sono limitata a fare un’osservazione generale sul modo di pensare di taluni santi, mistici, filosofi (o tutte e tre le cose assieme) etc. Come vedi, nessun ragionamento da parte mia (e quindi nessuna pecca): solo una semplice constatazione, che non ha a che vedere con quello che magari pensi tu.

Commento #427 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 4:19 pm

breschau,
touchè. Il problema nasce forse dal fatto che la confusione sui due aspetti regna sovrana in talune menti, come ho potuto verificare (non nella tua, ci mancherebbe, meglio precisare:-)
Aggiungerei però che confondere o accomunare i mistici e i santoni ai filosofi (per lo meno ai buoni filosofi) sia quantomeno azzardato, sotto molteplici aspetti, perfino un po’ ignorante (in senso buono, eh). Non aggiungo altro, anzi sì ma per ridere: io la coda di paglia, nel caso di specie, non ce l’ho e sai perchè? perchè ritengo di essere nel giusto, nessun sospetto di errore da parte mia, per ora. Semmai, ti aiuto, trovo sia corretto definirmi (come già anticipato) antipatico, scontroso, un po’ pedante, presuntuoso, cose così insomma, con magari un “assai” messo davanti.
Breschau, discutere con te lo trovo….entusiasmante:-)

Commento #428 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 4:52 pm

Mah, non so quale sia la tua scala per giudicare la validità di un qualsivoglia filosofo, ma se io pecco di ignoranza tu pecchi un po’ di blasfemia nei confronti della disciplina che ami. Pensi che Sant’Agostino o San Tommaso d’Acquino siano santoni tipo mago Otelma! Me ne intendo poco, ma credevo questi fossero filosofi accreditati.

E sì, la coda di paglia ce l’hai, proprio come tutti coloro i quali ritengono di essere nel giusto, dai! (altro atteggiamento che condividi coi filosofi, anche se mi auguro tu non abbia l’ego di un Nietzche!)

Io ad esempio non dico di essere nel giusto: come ho già sottolineato, queste sono le mie opinioni e basta :D

Commento #429 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 5:10 pm

Aquino … sbaglio sempre!

Commento #430 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 5:18 pm

da wikipedia:
Avere la coda di paglia: essere in sospetto di non avere la coscienza pulita quindi reagire velocemente a critiche o osservazioni, “prendere velocemente fuoco”, come la paglia.
Ritenere di essere nel giusto (è il mio caso) non è sufficiente per essere possessore di coda di paglia, come vedi, poichè è necessario il “sospetto di non avere la coscienza pulita”: tale sospetto in me difetta, non ce l’ho.

Esemplificando con Tommaso e soprattutto con Agostino credo tu abbia ancora interpretato male ciò che ho scritto (mi pare che sia tu a volerli considerare semplici “santoni”, non io di certo, ma dimmi se ho mal inteso). Se vorrai, ti racconterò qualcosa di loro (compresi errori di valutazione oramai famosi e superati) che spero ti convincerà sulla mia buona fede (ma solo dopo che avrò cambiato l’olio alla macchina – povero essere inanimato ma non per questo insofferente) e preparato una frugale cena. Ciao:-)

Commento #431 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 5:24 pm

La coda di paglia è assai più complessa di quello che dice wikipedia. Anche perchè non esiste nessuno completamente convinto di essere nel giusto: il minuscolo bruscolino del dubbio s’insinua ovunque, specie quando qualcun altro mette in discussione ciò che dici. Da qui, la coda di paglia.

Poi, come al solito rigiri la frittata: non ho detto che i due filosofi in questione siano santoni, anzi, molti aspetti della loro filosofia sono interessanti e assai apprezzabili. Ma, sotto altri aspetti, non sono tanto lontani dalla contemplazione dell’uomo propugnata da Aristotile come suprema forma di conoscenza. Chiamalo uomo, chiamalo Dio, non cambia molto.
Ti lascio alla macchina!

Commento #432 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 5:46 pm

@ breschau di livonia, commento #425: concordo.

sospetto che luca chinaski riponga un po’ troppa fiducia nei grandi nomi della filosofia. non è che una cosa, solo perché l’ha detta tizio o caio (per quanto interessanti, acuti o famosi) sia necessariamente vera e incontestabile per CHIUNQUE abbia un minimo di raziocinio! non pensarla allo stesso modo non significa necessariamente essere dei pasticcioni privi di logica.
e anche sulla musica e sul concetto di arte (anzi: Arte) mi pare un po’ troppo sicuro delle sue idee; ma non mi pare questo il luogo per discuterne approfonditamente senza andare troppo OT.
ecco, tutte queste certezze, queste verità filosofiche e antropologiche, questo ridurre gli atei praticamente a integralisti irosi (commento #411),questa buona fede sbandierata e usata per ridicolizzare chi la pensa in maniera differente… mi inquietano un po’! ;-)

Commento #433 di una ex-regina del malvapride
novembre 16th, 2009 @ 6:17 pm

Giustissimo, regina, direi che hai toccato un bel po’ di nervi scoperti. Tra l’altro, mi sembra che io e te stiamo prendendo la cosa con una certa calma e una leggera dose di ironia. Il Chinaski ci prova, ma è inutile: traspare l’acredine e la voglia di darmi apertamente dell’idiota, cosa che tra l’altro può fare se la cosa lo aiuta a stare meglio. Io non mi formalizzo.

Commento #434 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 6:42 pm

Togliamo pure il secondo “la cosa” dall’ultima frase. Sta fretta che ho!

Commento #435 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 7:18 pm

Non riduciamo però la filosofia a semplice opinionismo…
Ci sono stati filosofi tutt’altro che pippaioli mentali,da soli sono arrivati a dire cose che poi la scienza avrebbe confermato anni dopo.Nietzsche ha frantumanto la metafisica(non è poco)…ed ha abbracciato un cavallo piangendo,vedendolo frustato:altro che momento di follia,è stato un meritatissimo momento di lucidità!Il vero precursore dell’attivismo animalista :)
Riguardo a Bach e alla musica classica,la vedo come Schopenauer:la musica esprime con un linguaggio universalissimo, l’intima essenza, l’in sé del mondo.Perciò, che bach o mozart siano il massimo di quella disciplina si può star certi.Sono anch’io un po’ fissato con Bach devo ammettere…che poi non piaccianno a tutti e non vengano considerati Leader,ci mancherebbe,dipende dal soggetto.Gran casino di discorso comunque.Ora:”prima vivere poi filosofare”,ergo… a lavoro.

Commento #436 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 7:32 pm

Scusate gli orrori ortografici vale la stessa giustificazione di breschau:la fretta!

Commento #437 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 7:34 pm

ci tengo a precisare,intendiamoci….chiaramente la musica come fenomeno contestualizzato nella rappresentazione che l’uomo ha della realtà!Non è che perchè un gatto un ippopotamo o un alieno non apprezzino bach siano stupidi.Anche “intelligenza” è una definizione prettamente umana da applicare all’uomo e non all’alieno, perchè lo si farebbe comunque in termini sempre umani.Possiamo possedere una nostra cognizione di intelligenza, ma non quella di “animalità” se non rapportata esclusivamente alla nostra.Ciò che percepiamo dell’animale è a livello empatico o di similitudine.Ecco che poi si corre sempre il rischio di umanizzarli,alcuni solo così riescono a rispettarli,in quanto animali disanimalizzati!Per la musica è diverso perchè è rapportata al mondo umano e non penso che ci siano al mondo persone che possano non attribuire qualità alla musica di Bach.

Commento #438 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 8:04 pm

ecco, a me la musica e l’arte piacciono piacciono e piacciono, ma non insisterei troppo sul loro “linguaggio universalissimo”. mi pare un luogo comune un po’ ammuffito… universale DE CHE? di tutto IL CREATO? di tutte le specie INTELLIGENTI? di quegli esemplari eletti della specie con la supremazia intellettuale? ohiohi… tantomeno direi che questo o quello ne rappresentano il vertice supremo. addirittura! suvvia, datemi pure dello sporco relativista sciovinista scervellista ma teniamo un tono più leggero in omaggio al rosa di questo blog e cerchiamo di evitare giudizi troppo netti se non servono a divertirci. ;-)

Commento #439 di una ex-regina del malvapride
novembre 16th, 2009 @ 8:10 pm

@Jean, perfettamente d’accordo su quanto hai detto degli animali. Però questo atteggiamento è normale, istintivo, e non vedo come potremmo farne a meno. Pure gli animali di sicuro, ci filtrano attraverso la loro “animalità”. Noi agiamo allo stesso modo. Anche perchè, scientificamente parlando, pure gli esseri umani sono animali.

@regina: tranquillo, anche se sono xx non trovo i tuoi discorsi affatto complicati, anzi continua pure.

Commento #440 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 8:33 pm

Jean: o forse non proprio così. per esempio: conosco persone che Bach non lo sopportano neanche, e senza dover andare a cercarle tra gli ultimi antropofaghi della Papua! e che vuol dire? che sono per forza dei bastian contrari o degli ignoranti irriducibili? non credo. preferisco pensare che di “universale” nell’esperienza umana ci sia molto meno. forse cose più istintive (come il riconoscere volti in qualunque cosa abbia certe caratteristiche o l’attrazione verso le armonie simmetriche…).
sono comunque sostanzialmente d’accordo colle tue precisazioni sull’intelligenza, anche se mi viene il dubbio che tu intenda in qualche modo contrapporla specularmente ad una animalità non disanimalizzata (cioè quella roba che non sarebbe filtrata dall’empatia umanizzante). preferisco ragionare (umanamente, ovvio) in termini di diversità
ma vedo che i miei 4 neuroni cominciano a fumare e che rischio odi diventare sempre più contorta… vado a rivedermi “bad romance” di Lady Gaga, e poi ad ingozzarmi d’insalata! ;-)
buona cena a tutt*!

Commento #441 di idem come sopra
novembre 16th, 2009 @ 8:36 pm

Rassegnatevi, le cose che hanno valore universale sono poche e la maggior parte prescindono decisamente dall’intelletto. Magari, se le volete scoprire, dedicatevi all’antropologia culturale e allo studio del folklore e della demologia. Direi che hanno più peso studi del genere che non tutta la filosofia da bar che state facendo.

Commento #442 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 8:43 pm

#442
Di diversità.Per dirla in termina informatici sintetizzo in:simile hardware,stesso sitema operativo(emozioni,sentimenti,dolore…in alcune specie anche evidente coscienza di sé),ma software diversi,diverse applicazioni diverse finalità…quindi niente di “derivato” dalla contrapposizione.Ho appena magnato e pure assai,la mente vacilla :D spero sia arrivato il concetto.
#breschau
Studio medicina,mi sembra abbastanza universale :)

Commento #443 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 9:55 pm

Mi riferivo al nome in codice 441.

Commento #444 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 9:58 pm

Allora, posso dire che l’Uomo di Neanderthal sta alla macchina analitica di Babbage come l’Homo sapiens sta a Windows Xp? Sì? Dai che voglio sembrare intelligente pure io, stasera!

Commento #445 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 10:09 pm

Possiamo dire di sì,anche se, prendendo ad esempio, non so…un gasparri o un facchinetti potresti essere facilmente confutata :°D

Commento #446 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 10:35 pm

Accidenti. Torno e trovo il finimondo, con pensieri davvero singolari, pur nella loro ingenuità. Bene. Mi fa intimo piacere aver scatenato un dibattito, ma non noto risultati apprezzabili, pur avendo letto in velocità da centometrista;-)(dyo che bello essere antipatico, a volte)
Non ricordo chi ha insinuato che le darei dell’idiota volentieri, e che sarebbe liberatorio e peraltro addirittura concesso dal destinatario: grazie, ma passo, odio le querele. Rilevo che il destinatario (della richiesta di insulto) si formalizza poco, come dice, ma non indugia a ritornare su un commento appena fatto per “scusarsi” su errori ortografici o sui generis (vizio ricorrente nel blog, al quale forse ho raramente ceduto pure io, ammetto la mancanza): alla faccia dell’essere poco formali! (e alla faccia della vanità, direi io).
Poi, qualcuno ha rilevato il luogo comune “musica come linguaggio universale”, oppure l’esempio di persone non del tutto fuori dal mondo che addirittura odierebbero bach, e pare che chi parla in questo caso sia medico o quasi. Spero non aver sbagliato, sono andato davvero veloce nel leggere. A un medico futuro, persona di scienza, farà forse piacere sapere che un grande logico matematico, Kurt Godel, ha spiegato che la verità non si dimostra mai logicamente, MAI, poichè impossibile da dimostrare. Ho studiato a lungo questo assunto, potrò spiegarlo a richiesta, non è poi così rivoluzionario per un filosofo (forse per un medico sì). Perfino un mangiapreti come Odifreddi (sapete chi è vero?) concorda senza riserve. Semplicemente perchè l’oggetto filosofico (anche teologico, se vogliamo) non ammette intrinsecanmente dimostrazione. Cogliere il senso del tutto, si dice. Cogliere, non spiegare, attenzione, quindi linguaggio solo per chi coglie. Ecco, il senso del tutto ha bisogno, forse di qualcos’altro. Pensate di cosa può aver bisogno, vi sfido in questo. Le risposte tra cui dovrete scegliere sono tre:
1. geometria
2. folklore
3. letteratura
chi indovina vincerà un’autobiografia manoscritta di Baruch Spinoza. Però dovrà anche dare la spiegazione, eh…mica si spara a caso quì…

Commento #447 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 11:01 pm

mio dyo, quante certezze inquietanti…mi sono autoinquietato.

Commento #448 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 11:05 pm

p.s. se ho sbagliato in velocità a collegare i concetti con chi li ha espressi, chiedo umilmente perdono …ah, la vanità…

Commento #449 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 11:12 pm

Eh, bello luca come ti attacchi a ogni favatina; fai quasi tenerezza. Va bene accusarci di dire ovvietà, ma tu, cristo, cerca di far di meglio. Se non citi Bach, Spinoza o Locke non hai nulla da dire e ciò è assai triste.

Però quella di Godel è una paraculata genialissima! La tirerò in ballo ogni volta che qualcuno mi chiederà di dimostrare perchè un cantante/scrittore/artista è meglio di un altro.

Commento #450 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 11:21 pm

Lo sapevo che avresti tirato fuori Godel,che spesso viene citato a sproposito.Comunque,nonostante Godel, 2+2 resta sempre 4.Ora manca solo la meccanica quantistica.

Commento #451 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 11:26 pm

locke non l’ho mai citato, confondi, però me ne ricorderò, ma solo dopo averlo studiato. Eh sì, io parlo solo dopo aver studiato, di solito.
Su godel sono felice di averti dato uno spunto:-)
p.s. posso fare molto meglio breschau, non mi crederai ma cerco di mantenere il livello colloquiale per essere più divulgativo.

Commento #452 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 11:28 pm

jean, è forse vero. 2+2 fa quattro. Ora prova a sbizzarrirti con qualcosa di più, come ad esempio l’esistenza di dio (dimostrata da godel in 28 passaggi):-)

Commento #453 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 11:31 pm

vado a nanna, bye…

Commento #454 di luca chinaski
novembre 16th, 2009 @ 11:32 pm

Godel ha solo dimostrato l’esistenza di “proposizioni indecidibili” e indecidibile non significa automaticamente vero,men che minimamente che dio esista!non ha confutato la logica aritmetica,infatti 2+2=4 ora e per sempre!È meglio non usare Godel fuori dall’ambito matematico…non c’azzecca niente con la filosofia o con la musica…
Discorsi INFINITI luca :)
Io m’aspettavo che prendevi le difese di Bach almeno…due paroline almeno?

Commento #455 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 11:50 pm

-almeno

Commento #456 di Jean
novembre 16th, 2009 @ 11:51 pm

Uh, mamma mia, non trattenerti, luca. Anzi, mostrami il tuo genio da 5 cifre così che ti rispetterò assai di più. Mi annoio a sentire sdottoramenti che non sono farina del sacco del mio interlocutore; non cè stimolo. Comunque basta così: ci sono persone più interessanti con le quali parlare in questo blog.
E buonanotte!

Commento #457 di breschau di livonia
novembre 16th, 2009 @ 11:51 pm

uhmmmm mi è piaciuto il dialogo tra breschau jean e regina,non l’ho trovato per niente ingenuo,anzi!ma forse io non sono abbastanza superiore per capire :-))
luca mi pare che sia un po’ in confusione…troppa filosofia senza filosofia forse

Commento #458 di PaTT
novembre 17th, 2009 @ 12:57 am

Betty,
grazie ancora, per questa decina di minuti di scompisciante euforia.

Commento #459 di Fernando
novembre 17th, 2009 @ 2:11 pm

Wow, quanti nemici mi ritrovo! Com’era il detto di Giulio Cesare?

@Patt,
rispondo prima a te, lo trovo più immediato. Ti ringrazio dell’apprezzamento, ma mi farebbe piacere leggere uno straccio di motivazione più….come dire….motivata. La frasetta ad effetto che hai voluto scrivere appellandomi, beh, chevvordì’? motivazioni, please, poi se vuoi discutiamo.

@jean,
qualche rilievo sparso: 2+2 non fa sempre quattro, lo dicono i matematici e non io (e daje colle citazioni, vero?), pare sia questione di sistema di riferimento. E’ la classica pippa matematica. Prova con excel, ti divertirai come un bimbo. Se selezioni “formato celle” e prevedi numeri senza i decimali, quindi un sistema senza decimali ma che autonomamente arrotonda, allora scoprirai che digitando, ad esempio, 2,6 + 2,6 e inserendo la formula della somma, otterrai miracolosamente l’effetto 2+2=5. Con lo stesso sistema, potrai, sempre ad esempio, ottenere 1+1=1, e via dicendo. Questione di sistemi in buona sostanza. Per la citazione della dimostrazione di dio, famosissima, ammetto la provocazione ma non ho resistito, anche perché il metodo arriva a un risultato analogo (o meglio dire vicino) a un pensiero filosofico a me caro (e ridaje!). Quanto a godel, la musica e la filosofia, chiedi che c’entra? Dimmi che scherzi…c’entra, eccome se c’entra, e il discorso è davvero INFINITO, hai intuito bene! E’ singolare che non abbia mai sentito nemmeno nominare l’acronimo GEB. Non mi dilungo oltre, ma non vedere, a prescindere dal GEB, la stretta correlazione esistente tra matematica e musica e tra grande musica e filosofia…beh…che devo dire, nulla, non dirò nulla, davvero. Ah, dimenticavo…le difese di bach…perché mai? Bach e la sua arte sono la miglior difesa di se stesso, e la miglior difesa di bach sono pure le critiche fessacchiotte mosse al suo indirizzo, fuoriuscite dalla boccuccia dell’incompetente di turno al quale il sommo è avvezzo da secoli, ridendosela grassamente. Non serve alcun intervento, a mio avviso. Io bach preferisco suonarlo e ascoltarlo, ed eventualmente cercare di comprenderlo. Ne parlo, raramente, con chi può condividere, solo con i musicisti (colti) e ancor più raramente, ma con leggerezza, con il resto del mondo che si dimostri ricettivo. Con gli altri, diversamente, faccio pernacchia e non ne parlo. Già provato, non fa per me.

@Breschau,
come già detto (ma forse ora l’hai finalmente capito) non miro né al tuo rispetto, né a quello dei tuoi amici di blog, quindi stai tranquilla e non ti sforzare che vivo benissimo così. Non mi interessa, davvero (mi interessava, ora non più) un ragionamento che non sono riuscito a condividere con voi, ma come già detto fa nulla, tornerà mi auguro altra gente con cui discutere, e nel caso non torni pazienza. Mi spiace una cosa: ho provato a deviare l’argomento verso altri lidi, solo perché di ciò che desideravo parlare proprio non si poteva (proprio non vi interessava, e va beh, non posso pretendere) ma speravo di arrivarci con la logica. Sono usciti invece argomenti pseudo animalisti volemose bbene, che ancora a pensarci dico “azz ma dove sono andati a pescare, ma che c’entrerà sta cosa con quel che sta scritto lì?” e ho dovuto infine proprio abbandonare. Sulla farina del mio sacco o meno, preferirei non parlarne, ma mi viene da ridere un po’. Ti dirò almeno questo: trovo sia una forma di rispetto citare doverosamente, anziché far proprie, le considerazioni di terzi, questo sempre. Ma ciò non significa che siano poco interessanti, e nemmeno che non le abbia comprese. Non sono vanitoso al punto da credere che ciò che penso sia più interessante di ciò che ha pensato qualcuno di notevole, forse a differenza tua. La vanità è un problema, non trovi? Comunque, ho messo in relazione alcuni argomenti, brevemente, certo, per quanto mi avete reso possibile il compito, visto il davvero scarso interesse all’approfondimento che avete dimostrato: ecco perché la citazione, spesso, è rimasta lì solitaria.

Auguri vivissimi.

Commento #460 di luca chinaski
novembre 17th, 2009 @ 3:56 pm

buon TSO, caro luca chinaski! e a presto! ;-)

Commento #461 di una ex-regina del malvapride
novembre 17th, 2009 @ 4:05 pm

grazie di cuore, altrettanto:-)

Commento #462 di luca chinaski
novembre 17th, 2009 @ 4:32 pm

Luca, penso anche io ci sia un intreccio tra matematica filosofia e musica,credevo si fosse capito dai post precedenti.Ma i teoremi di Godel,per quel che ne so,mi lasciano un po’ perplesso al riguardo,comunque approfondirò…dopo la laurea magari :)
Alla prossima.

Commento #463 di Jean
novembre 17th, 2009 @ 4:57 pm

ohiohi.. siamo sempre a Bach (bravissimo, eh! ma lasciamolo un po’ in pace non tiriamolo sempre per la giacchetta!) e ancora a insistere su quel neoplatonico di Gödel! la sua ossessione per un dio logico-matematico mi è sempre stata sulle ovaie! luca, getta la maschera: non sei un vero agnostico! ;-P
P.s.: se Gödel avesse fatto un TSO forse non sarebbe schiattato in quel modo orribile.. nevvero? ;-)

Commento #464 di una ex-regina del malvapride
novembre 17th, 2009 @ 5:17 pm

non l’avevo capito, colpa mia che non ho letto un tuo commento che condivido molto. Sorry.

Commento #465 di luca chinaski
novembre 17th, 2009 @ 5:17 pm

il commento sopra era per jean.
Regina, bach se ne esce poichè espressamente richiesto: sono abituato a rispondere alle domande poste con cortesia:-)
quanto a godel, posso capire le tue perplessità, ci mancherebbe:-)
p.s. come cavolo si fa la o con l’umlaut? boh..

Commento #466 di luca chinaski
novembre 17th, 2009 @ 5:22 pm

non so cosa sono, regina. Semplicemente credo profondamente (oggi) in ciò che ho copiato nel commento incriminato, quello del “dominio sull’animale” (ironico, eh..), ma in tutto quel ragionamento, nella sua interezza.
Domani forse avrò cambiato idea.

Commento #467 di luca chinaski
novembre 17th, 2009 @ 5:27 pm

non sai come si fa la ö? credevo tu usassi le tabelle ASCII come tovagliette per la colazione, figurati! sono sinceramente sorpreso! :-)
(p.s.: esiste sempre il copia-incolla per semplificarsi la vita)

Commento #468 di una ex-regina del malvapride
novembre 17th, 2009 @ 5:31 pm

hai ragione sul copia incolla, ma vuoi mettere conoscere il meccanismo? sono un troglodita dell’informatica, lo ammetto, altro che tabelle ascii (che cavolo sono?)

Commento #469 di luca chinaski
novembre 17th, 2009 @ 7:38 pm

meno male che sei un “troglodita dell’informatica”, altrimenti chissà quante sentenze sputazzavi in proposito! :DDD
per ö:
tieni premuto ALT e digita col tastierino numerico 148.
ok? :)

Commento #470 di una ex-regina del malvapride
novembre 17th, 2009 @ 7:54 pm

fenomenale:-) me ne vanterò prima o poi, tienimi d’occhio:-))))
grazie:-)

Commento #471 di luca chinaski
novembre 17th, 2009 @ 9:38 pm

ciao Betty… un piccolo consiglio: occupati solo di stronzate (come vip e cose del genere) perche poi quando tocchi argomenti seri e/o importanti cadi sul ridicolo e offendi la tua intelligenza.
Ciao

Commento #472 di marco
novembre 24th, 2009 @ 12:51 pm

ma come, le tradizioni catto cristiane nel popolo italiano, il crocifisso non si tocca e quant’altro…e poi….e poi il paesello di bburini leghisti denominato coccaglio, vicino a brescia, guidato da un sindaco davvero, come dire, intriso di tradizione catto cristiana?, che autonomamente decide di rastrellare il territorio e far sgombrare gli immigrati (denominando l’operazione, proprio come fanno le polizie, pensate un po’: white xmas! che significa natale di razza bianca?). E ancora, un la russa che spiga animosamente che il crocifisso no, quello non si tocca, urlando “possono morire piuttosto!”. Ma come? il buon gesù cosa ne penserebbe di tutto ciò? Trovate tutto su voglioscendere.

Commento #473 di luca chinaski
novembre 26th, 2009 @ 9:15 am

un amico catto-leghista mi ha fatto notare che nel commento testè esposto il bbbbbburino sono io a dar dei bbbburini a chi si ritrova problemi seri da risolvere, senza sapere esattamente di che si tratta.
Sono d’accordo con lui, a volte mi scappa il giudizio frettoloso: chiedo venia, il bbbburino sono stato davvero io sta volta.

Commento #474 di luca chinaski
novembre 26th, 2009 @ 9:49 am

Ottimo post, Betty, a differenza di marco #472 mi piace quando ti dedichi al “sacro”, fallo più spesso!

X Jean (sempre se mi leggerai)
sono d’accordo quasi su tutto con te e non voglio riaprire il dibattito (occhio agli spazi dopo le virgole che qui ti sbranano ;D), solo una cosa: riguardo all’IA forte, soprattutto per come mi pare di capire tu la intenda, avrei giusto qualche dubbio (sulla debole no), al riguardo ti consiglierei di leggere alcuni degli scritti più importanti di John Searle, che forse hai letto, forse no.
È tutto.
Ciao

Commento #475 di cris
dicembre 5th, 2009 @ 3:57 pm

Visto che si avvicina il Natale, ritorno a commentare qui aprendo con una piccola riflessione fatta con parole di altri:
“Noto con un certo sgomento (dato che codesti sono fenomeni inarrestabili) come la società marci, con ogni mezzo ed in ogni modo, verso la tutela dell’irrazionale. Mala tempora currunt!”

Era da un po’ che volevo lasciare qui qualche link, ma mi hanno impegnata e coinvolta altre discussioni, nel frattempo.

Il primo lo introduco con queste parole di Freud: “I perceived ever more clearly that the events of human history, the interactions between human nature, cultural development, and the precipitates of primeval experience (the most prominent of which is religion) are no more than the reflection of the dynamic conflicts between the ego, the id and the super – ego, which psychoanalysis studies in the individual, are the very same processes repeated upon a wider stage (S.Freud, An Autobiographical Study, Poscript 1935), che riporto da:
http://psychohistory2001.com/
Scendendo in basso nella pagina, ci sono alcuni saggi in italiano.
Io, finora, ho letto solo quello su Pinocchio, che mi ha aperto a una serie di riflessioni su come le religioni non siano che i miti eterni dell’umanità, rielaborati di volta in volta a seconda del cammino che un popolo fa.
Penso che, forse, avremmo bisogno di fare una sorta di analisi generale, e di terapia, che ci permettessero di diventare davvero consapevoli di chi siamo, e trovare un equilibrio e crescere una buona volta.
Ogni saggio rimanda poi ad altri i cui link magari non appaiono nella home page. Alcuni (pochi), purtroppo, non funzionano più.

Riguardo alla figura storica di Gesù:
http://mondodomani.org/reportata/prinzivalli01.htm

Questo invece è il sito di una casa editrice cattolica, di cui apprezzo il coraggio di mettere in evidenza diversi limiti all’interno delle riflessioni e delle posizioni della Chiesa, nonchè del modo in cui è impostata la teologia ufficiale. Si veda in particolare questa collana:
http://www.lameridiana.it/Default.aspx?TabId=96&itemID=5&cTabID=93&cMid=442

Commento #476 di Daniela
dicembre 14th, 2009 @ 3:51 pm

ma che ho detto, stavolta? Finisco sempre in moderazione.

Commento #477 di Daniela
dicembre 14th, 2009 @ 3:53 pm

Ecco, della situazione degli studi di teologia oggi si occupano questi due libri:
http://www.lameridiana.it/Default.aspx?TabId=61&isbn=90
http://www.lameridiana.it/Default.aspx?TabId=61&isbn=97
Ma devo dire che sono tanti i titoli che hanno attirato la mia curiosità.

Commento #478 di Daniela
dicembre 14th, 2009 @ 4:08 pm

Pagine: « 1 2 [3] Mostra tutti i commenti

Lascia un commento

Tag permessi: <a href=""></a> <b></b> <i></i> <strike></strike> <blockquote></blockquote>

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>