Autore Topic: Questione animale, dai carnivori ai fruttariani  (Letto 89447 volte)

Monkey

  • Visitatore
Questione animale, dai carnivori ai fruttariani
« il: Gennaio 24, 2011, 08:37:05 am »
Gli animali servono solo a adornare il vostro cappotto? Li uccidete per sport o d'estate rifiutate l'autan perché avete a cuore le zanzare? Fate distinzioni tra animali domestici e non? Non mangiate niente che proietti ombra?
(il titolo oltre che brutto è specifico, magari poi cambio dietro vs suggerimento  ;D)
« Ultima modifica: Maggio 05, 2011, 01:59:57 pm da Betty Moore »

Fraulein Claire

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 3553
  • Mi glittero d'immenso. Team Irina
Re: Questione animale
« Risposta #1 il: Gennaio 24, 2011, 10:37:03 am »
Uhm. E' una questione controversa quella che hai tirato fuori, ma è un bell'argomento.
La mia posizione credo che sia una delle maggiormente diffuse, spero di riuscire a spiegarla bene perché non vorrei offendere nessuno o risultare contraddittoria. Io mangio la carne, anche se non troppo spesso, e quasi sempre bianca, ma solo per una questione di gusti: mi piace. Sono però anche per il rispetto di tutti gli animali. Non vedo questa cosa come una contraddizione, perché mi considero onnivora e vedo il mangiare carne per me come una cosa naturale, ma tendo anche a considerare le condizioni in cui è trattato un animale anche tenendo presente che verrà destinato a finire nel nostro piatto. E' difficile sapere sempre in che modo sono allevati gli animali, in piccola parte mi svio questo problema perché ho una zia che abita relativamente vicino a me e ha una bella campagna che ci porta spesso uova, latte crudo e galline, ma ripeto, è una fortuna di cui mi posso avvalere solo in parte, perché per una volta che sono sicura di mangiare le uova di galline che posson razzolare tranquille e di bere il latte di una mucchina tranquilla e serena, ce ne sono altre dieci in cui so poco o niente delle condizioni degli animali che han fornito ciò che mangio. Tutto questo perché, se trovo naturale mangiare carne, trovo innaturale far comunque soffrire in condizioni assurde ciò che mangio.
Sono contraria anche all'uso degli animali per cose assolutamente superflue, come le pellicce. Avrei potuto capire gli uomini primitivi che non avevano nulla da mettersi e per proteggersi dal freddo indossavano la pelliccia del bue muschiato appena spolpato, ma adesso non abbiamo più questo bisogno, dunque la trovo una cosa davvero superflua e anche un po' sadica: non trovo nulla di bello in una pelliccia, la sua fruizione non è giustificata neanche dal mio essere onnivora.
C'è stato un periodo in cui sono stata pseudo-vegetariana, in cui non mangiavo carne ma non per ragioni ideologiche, semplicemente una persona a me molto cara in quel periodo si era sottoposta a un intervento e la carne mi faceva venire la nausea, perché la sua visione mi faceva venire in mente indirettamente quella cosa. In quel periodo comunque sono stata bene, sicuramente si può vivere senza carne e anche bene, ma appena la situazione è migliorata, ho ricominciato tranquillamente a mangiare carne.
Insomma, sono stata come al solito prolissa ma spero di essermi spiegata bene :)
« Ultima modifica: Gennaio 24, 2011, 10:39:52 am da Fraulein Claire »
Radical-Kitsch.
Il Gotico Internazionale: un mostro Emo/Dark poliglotta.
You're an apple.

Mae

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 8343
Re: Questione animale
« Risposta #2 il: Gennaio 24, 2011, 11:52:44 am »
Concordo con la Fräulein: niente pellicce, ma mangio carne. Per le uova, compro solo quelle con codice "0", cioè in teoria da allevamento biologico e più o meno razzolanti.

In sostanza, mi dispiace mangiare carne (però eliminarla forse non mi farebbe bene), non solo per le condizioni degli allevamenti, ma anche perché il consumo di bovini è molto dispendioso in termini di risorse ambientali, e se ci fossero meno manzi in teoria ci sarebbe più cibo da ridistribuire.

Non mi sento in colpa verso le mucche, i maiali, i polli e gli animali che mangio, anche se li considero esseri nobilissimi. Ma ehi, se potessero, loro mangerebbero me.

Ho accolto gatti in casa, e sono stati sterilizzati con pochissime discussioni etiche. Anche questa è una violazione alla Natura, ma anche una forma di mediazione necessaria per la pacifica convivenza. Comunque i gatti in questione erano tutti trovatelli o fatti in casa.
"Il Darfur, è dentro di noi"

lucaluca

  • Visitatore
Re: Questione animale
« Risposta #3 il: Gennaio 24, 2011, 12:19:25 pm »
la stragrande maggioranza delle pelliccie sono fatte con animali da allevamento, se vivessi in siberia la pelliccia me la metterei eccome.
in italia, visto quello che costano le pelliccie con cui gli animalisti se la prendono , non credo influiscano molto nelle sorti degli animali, molto meno del fatto che si usano prodotti non riciclabili a cazzo tanto per dire.
o altri millemila esempi

Fraulein Claire

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 3553
  • Mi glittero d'immenso. Team Irina
Re: Questione animale
« Risposta #4 il: Gennaio 24, 2011, 12:29:53 pm »
la stragrande maggioranza delle pelliccie sono fatte con animali da allevamento, se vivessi in siberia la pelliccia me la metterei eccome.

Lucaluca, è un caso diverso. Se tu vivessi in Siberia la pelliccia sarebbe qualcosa di necessario, non un abbellimento dell'ennesimo outfit of the day.
Poi, io mi riferivo agli animali allevati per trarne solamente la pelliccia, ma qui non l'ho specificato io.
Comunque ho esposto il mio pensiero, non condivisibile e criticabile, ci mancherebbe.
Radical-Kitsch.
Il Gotico Internazionale: un mostro Emo/Dark poliglotta.
You're an apple.

Mae

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 8343
Re: Questione animale
« Risposta #5 il: Gennaio 24, 2011, 12:58:45 pm »
la stragrande maggioranza delle pelliccie sono fatte con animali da allevamento, se vivessi in siberia la pelliccia me la metterei eccome.
in italia, visto quello che costano le pelliccie con cui gli animalisti se la prendono , non credo influiscano molto nelle sorti degli animali, molto meno del fatto che si usano prodotti non riciclabili a cazzo tanto per dire.
o altri millemila esempi
Girava in Rete un video terroristico della LAV su come vengano scuoiati - vivi - gli animali da pelliccia.
Riguardo alle pellicce il problema non è solo quello delle signore e dei siberiani: ci sono un sacco di inserti in pelle e pelo in abiti o accessori a basso costo.

Poi ci sono le scarpe: io non voglio rinunciare al cuoio. Pamela Anderson invece lo fa, ed evita anche la lana.
"Il Darfur, è dentro di noi"

Fraulein Claire

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 3553
  • Mi glittero d'immenso. Team Irina
Re: Questione animale
« Risposta #6 il: Gennaio 24, 2011, 01:31:06 pm »
Mae, anche io ho cose di pelle, considerando che il tipo di pelle usata per le cose che compro io è la stessa degli animali uccisi per la carne.
Per questo non mi definisco animalista. Non lo sono, mangio carne e ho cose in pelle, ma sono contraria a dare sofferenze inutili agli animali.
Radical-Kitsch.
Il Gotico Internazionale: un mostro Emo/Dark poliglotta.
You're an apple.

lucaluca

  • Visitatore
Re: Questione animale
« Risposta #7 il: Gennaio 24, 2011, 02:15:05 pm »
bon ma parlando puramente ecologicamente qualunquemente e fattamente:
mettete su un piatto della bilancia i danni ecologici fatti dall'allevamento di pecore o dalla produzione di fibre sintetiche e sull'altro i danni per l'uccisione di animali da pelliccia da allevamento,  di sicuro la bilancia pende per i primi.
Siccome spesso e volentieri la buttano sul sentimentale e su quello che fa spettacolo se la prendono facile facile con le pelliccie.
Non vendo pelliccie eh!


Fraulein Claire

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 3553
  • Mi glittero d'immenso. Team Irina
Re: Questione animale
« Risposta #8 il: Gennaio 24, 2011, 02:26:41 pm »
Ho capito il tuo discorso lucaluca :). E anche se condivido il fatto che i danni ecologici dettati dall'allevamento siano maggiori rispetto a quelli dell'uccisione degli animali da pelliccia, secondo il mio modo di pensarla sull'argomento percepisco i primi come più "giustificabili" (passami il termine) in quanto mirati anche alla produzione di altro (pelle, ciccia etc, dunque cose "utili"), i secondi come superflui, in quanto mirati alla produzione di un bene "di lusso", non necessario.
E anche se avessi venduto pellicce di sicuro non ti avrei detto niente, non è chi vende la pelliccia, è chi la compra facendone uno status symbol che non riesco a capire.
Radical-Kitsch.
Il Gotico Internazionale: un mostro Emo/Dark poliglotta.
You're an apple.

Bellatrix

  • Visitatore
Re: Questione animale
« Risposta #9 il: Gennaio 24, 2011, 02:46:55 pm »
Qualcuno, nel forum, è vegetariano?

lucaluca

  • Visitatore
Re: Questione animale
« Risposta #10 il: Gennaio 24, 2011, 02:51:47 pm »
si dice erbivoro, se ne trovate qualcuno abbattetelo! per il suo bene.

Iris Q

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 6983
  • There isn't tripe for cats.
Re: Questione animale
« Risposta #11 il: Gennaio 24, 2011, 03:09:48 pm »
Qualcuno, nel forum, è vegetariano?

Ci hai mangiato insieme.  :facepalm:
Portaborse del P.G.T. (Partito Gatti TONDI)

Bellatrix

  • Visitatore
Re: Questione animale
« Risposta #12 il: Gennaio 24, 2011, 03:12:26 pm »
Davvero?  :o


(ma me lo avevi detto?  :sgratsgrat: )

Iris Q

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 6983
  • There isn't tripe for cats.
Re: Questione animale
« Risposta #13 il: Gennaio 24, 2011, 03:12:47 pm »
Te lo giuro.
Portaborse del P.G.T. (Partito Gatti TONDI)

Monkey

  • Visitatore
Re: Questione animale
« Risposta #14 il: Gennaio 24, 2011, 05:19:00 pm »
Sono vegana, abbattetemi vi prego! Abbiate pietà  ;D
(approfondirò in seguito)