Le Malvestite

Psychiatric help => Malvahoo answers => Topic aperto da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:13:36 pm

Titolo: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:13:36 pm
Prossimamente.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:14:01 pm
Ho bisogno di un'attenta partecipazione femminile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 06:16:54 pm
che sarebbe il ragazzo facile?  :ohoh:
quello che ogni buco è trincea?  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:21:40 pm
No, no... il ragazzo facile dal vostro punto di vita; l'equivalente speculare della ragazza facile.

A mio avviso se n'è parlato ancora poco.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:22:05 pm
Ma presto vi farò esempi e vi porrò domande precise.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:22:49 pm
Presto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:23:12 pm
Magari una volta tornato a Milano.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 06:29:57 pm
No, no... il ragazzo facile dal vostro punto di vita; l'equivalente speculare della ragazza facile.
a me quel punto di vista manca.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 15, 2012, 06:30:45 pm
Per me è quello che conosci da poche settimane e ti invita in vacanza.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:32:24 pm
Vedo che non riuscite a sganciarvi da punti di vista consueti e per me non siete neppure sincere.

Ma aspettate che apra ufficialmente la discussione.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 15, 2012, 06:33:37 pm
Perchè non dovremmo essere sincere? Che ci guadagniamo a dirti balle?
Forse ti sei spiegato male ed è meglio aspettare che ci spieghi meglio come suggerisci.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Agosto 15, 2012, 06:45:50 pm
cioè uno che ci sta con tutte?
mi sembra una tipologia abbastanza diffusa  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 06:47:33 pm
Beh...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 06:48:52 pm
Vedo che non riuscite a sganciarvi da punti di vista consueti e per me non siete neppure sincere.
ci sono ottime premesse che la discussione finisca a schifìo, bene bene  :asd: :ihih:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 15, 2012, 07:27:34 pm
con questo topic fino ad ora mi sembra che lo scopo di allevi sia di superare il numero di messaggi di nuovacarne :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 07:31:41 pm
con questo topic fino ad ora mi sembra che lo scopo di allevi sia di superare il numero di messaggi di nuovacarne :sisisi:
nota l'uso strategico di post monosillabici
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 07:34:00 pm
adotterò la tecnica dei post di sole faccine
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 07:34:20 pm
 :preteincazzato:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 15, 2012, 07:34:46 pm
con questo topic fino ad ora mi sembra che lo scopo di allevi sia di superare il numero di messaggi di nuovacarne :sisisi:
nota l'uso strategico di post monosillabici

non mi sfugge niente

(http://mongabay.org/images/thai/owl_eyes.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 07:40:22 pm
ne resterà soltanto uno

(http://4.bp.blogspot.com/_zmVLVcAZCVY/TH_ciVq9iJI/AAAAAAAAAYY/PDmMg8mN5Gw/s1600/highlander.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:14:28 pm
No.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:15:00 pm
Quello era l'obiettivo secondario.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:17:47 pm
Ma voglio davvero parlare di questo argomento.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:18:53 pm
Anzi, ora che ho un po' di tempo in attesa che passi a prendermi proprio il soggetto da cui parte la mia riflessione posso instradarla.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:21:17 pm
Tutto nasce, appunto, dal mio amico er Depresseraro.

Er Depresseraro è uno che di donne e di avventure ne ha avute veramente a bizzeffe, più di quante possa ricordare.
Questo, da stereotipo, dovrebbe essere motivo di contentezza e di vanto, se non che...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:23:34 pm
Se non che si è accorto che le donne lo trattano da oggetto sessuale.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:26:05 pm
Facciamo l'esempio più recente: la tipa che ha cuccato l'altra sera, di cui vi ho detto.

Quella sera stessa è scattato giusto un rapido limone, si sono detti che si sarebbero rivisti l'indomani, quindi la sera del 13.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 10:26:49 pm
Quello era l'obiettivo secondario.
seh  :ihih:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:29:22 pm
Il 13 lui la contatta e lei gli risponde subito, quella sera appunto si vedono (mentre io, vi avevo detto, sono andato a passeggiare con l'ottantenne) e "fanno roba", con reciproco desiderio.

Si lasciano in buona armonia ma lei comincia a fare dei discorsi per mettere le mani avanti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:31:40 pm
Il 14 mattina er Dep mi dice che per lui ha significato qualcosa, e che infatti è pieno di timori per non dire paure (è er Depresseraro mica per niente).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:34:44 pm
E puntualmente, ai successivi suoi messaggini lei risponde tardi, e alla richiesta di rivedersi nicchia: ieri dice "forse domani" e oggi invece "magari quando torno".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:35:34 pm
Ella è infatti in procinto di partire, non è una turista, qui ci vive e lavora e in vacanza va altrove.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:36:35 pm
Insomma, avuto quel che voleva, perché in fondo era stata la prima ad attaccare bottone con er Depresseraro e me, l'ha poi condito via senza troppe cerimonie.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:39:34 pm
Il mio amico si rende conto che non è la prima volta che gli succede, e un po' scherzando un po' seriamente io gli detto che è un oggetto sessuale e "un ragazzo facile".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:41:43 pm
Quello su cui vorrei un parere femminile è: individuate - più o meno consciamente - la tipologia del ragazzo facile, di quello che ci sta; cioè quello con cui andate quando avete voglia di un'avventura di una sera o poco più, e che non vi fate nessun problema a scaricare il giorno dopo?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:42:59 pm
Con l'idea, magari, che c'è abituato che è il tipo da rapporti fugaci e quindi non ci sono particolari rischi...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 10:45:24 pm
cioè quello con cui andate quando avete voglia di un'avventura di una sera o poco più, e che non vi fate nessun problema a scaricare il giorno dopo?
credo di averlo scritto circa 1000 volte che gli scambi di fluidi corporei fini a sè stessi non potrebbero interessarmi di meno...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:47:42 pm
Tu.

Ma non è così per tutte. Di certo non è così per questa ragazza per esempio.


Per contro, rispondo a Betty, sappiamo benissimo che non è vero che tutti gli uomini vanno con chiunque...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:51:22 pm
Per aggiungere un elemento questa ragazza (nel suo caso l'appellativo è giusto, è il mio amico a non essere più tanto ragazzo) ha da non molto concluso una relazione di due anni ed è, a quanto pare, in una fase in cui desidera sfarfallare.

Fatico a credere che nessuna fanciulla di questo forum si sia trovata in simile situazione...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Agosto 15, 2012, 10:53:32 pm

Se non che si è accorto che le donne lo trattano da oggetto sessuale.

E' la prima volta che sento parlare di un uomo che si lamenta di questa cosa  ;D Purtroppo non ho un grande contributo per questo topic, come NC sono del partito del 'sesso senza amore no grazie'. Mi chiedo solo se queste persone in fondo non siano loro stesse per prime a porsi, magari inconsciamente, come oggetti sessuali e non come potenziali partner a tutto tondo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:56:27 pm
Beh, appunto... lui un po' se ne lamenta; probabilmente perché ormai ha 36 anni, perché la sua ultima ragazza l'ha mollato perché lo giudicava troppo inaffidabile e infedele quando poi era la prima a esserlo (almeno per quanto ne posso sapere io cioè dai di lui racconti).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2012, 10:59:13 pm
Io però spero che nei prossimi giorni si faccia avanti qualcuna che pratichi, almeno a periodi, il sesso per divertimento e che dopo aver fatto un po' d'introspezione ci dica con quale criterio sceglie i propri partner estemporanei e se per caso a pensarci si è accorta di cercarli in una certa tipologia.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2012, 11:00:47 pm
come NC sono del partito del 'sesso senza amore no grazie'.
amore è una parola grossa, ma quantomeno ci deve stare un FORTE interesse, una prospettiva un poco più ampia di quella circoscritta al circolo figale antartico. Cioè per me fare sesso con uno che non mi importa di liquidare il giorno dopo come farei con un testimone di geova è controsenso totale  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Agosto 15, 2012, 11:30:13 pm

Io cerco proprio l'ammmore  :occhicuore: Senza... boh, non vedo il punto (con questo non critico chi non la pensa come me, espongo semplicemente il mio punto di vista). E' anche vero che magari ci vuole un po' di tempo per capire se c'è un sentimento effettivo da parte di entrambi, ma posso aspettare, anche perché ci sono molte cose che si possono fare senza arrivare al sesso vero e proprio  :ihih:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Monkey - Agosto 16, 2012, 12:39:14 am
Uhm, spero di riuscire a rispondere alla domanda. Se l'amico è uscito con una ragazza, ha rimediato un limone e l'eventualità di un nuovo appuntamento e basta, mi sembra chiara l'intenzione di non volere unire le proprie anime nel dolce giuoco dell'ammore: per una serata del genere non c'è bisogno neanche di conoscere i rispettivi nomi.

Magari domani spiego meglio.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 01:26:40 am
No, non hai capito.

La seconda sera non si sono limitati al limone.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 01:32:04 am
Il limone è scattato dopo pochi minuti che si conoscevano, si sono poi rivisti la sera dopo e hanno fatto altro.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 16, 2012, 01:46:31 am
Questo topic mi interessa molto, ma al momento sono reduce da una serata paesanotta con processione di San Rocco e cover band di Renato Zero dotata di due ballerine desincronizzate e cellulitiche, come manco nei peggiori racconti di lucaluca.

Comunque notare come "Er Depresseraro" sia diventato "Er Dep", che, ne sono certo, in qualche defunto dialetto babilonese o ittita è una preposizione articolata.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 09:58:37 am
Non avevi detto che LUI l'aveva SEDOTTA come da protocollo?!

Se così, è molto consapevole, per essere un inconsapevole...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 10:09:13 am
limone duro, senza futuro

Er Dep, storia di limone e di cucchiaio

l'incontro fatale tra il ragazzo facile e l'eroina di provincia

un uomo punto sul vivo
 

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 16, 2012, 10:27:58 am
limone duro, senza futuro

Er Dep, storia di limone e di cucchiaio

l'incontro fatale tra il ragazzo facile e l'eroina di provincia

un uomo punto sul vivo
:rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 16, 2012, 10:30:01 am
Non avevi detto che LUI l'aveva SEDOTTA come da protocollo?!
HAHA!  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 10:30:36 am
L'aveva sedotta perché aveva un gran voglia di essere sedotta.

Dopo pochi minuti che parlavamo ci ha detto una frase tipo "ma dove vi nascondete voi ragazzi interessanti? Devo dunque venire a XXX (nome della frazioncina in cui stiamo)?".

Una ragazza in cerca di avventure che ha trovato un seduttore navigato che ha tessuto la rete che entrambi volevano con grande rapidità.

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 10:32:45 am
Con la differenza che ella aveva un tronchesino molto efficiente per uscirne mentre egli ne è rimasto un po' più impastoiato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 10:36:57 am
perché lei parla al plurale e poi limona al singolare?!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 10:47:42 am
Poiché appunto solo uno è capace e intenzionato a fabbricare rapide reti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 16, 2012, 10:53:11 am
Inconsciamente questo ragazzo mi sembra fin troppo consapevole, come diceva Mixar.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 10:55:25 am
Ma non ho mai detto che non lo sia.

Solo, sta cominciando a non amare più la condizione e la tipologia che si è costruito.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 16, 2012, 10:58:26 am
E allora deve svegliarsi. Se una ragazza ci prova SPUDORATAMENTE, come mi è parso di capire, non è che ci vuole molto a capire che magari...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 11:03:33 am
Poiché appunto solo uno è capace e intenzionato a fabbricare rapide reti.
queste donne, che più non sanno tessere...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 11:13:21 am
No, sono io quello che non sa fabbricare...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Agosto 16, 2012, 11:28:34 am

Io la vedo in modo molto semplice (magari pure troppo): se uno finora è stato soddisfatto di fare l'oggetto sessuale, ma adesso non gli va più bene, basta che si proponga in modo diverso. Eviti le ragazze che non vogliono impegnarsi e lasci perdere il sesso al secondo appuntamento.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 11:32:59 am
No, sono io quello che non sa fabbricare...

ciò non esclude che tu possa cadere nella rete dall'altra fabbricata
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 16, 2012, 12:04:01 pm
L'aveva sedotta perché aveva un gran voglia di essere sedotta.

Dopo pochi minuti che parlavamo ci ha detto una frase tipo "ma dove vi nascondete voi ragazzi interessanti? Devo dunque venire a XXX (nome della frazioncina in cui stiamo)?".

Una ragazza in cerca di avventure che ha trovato un seduttore navigato che ha tessuto la rete che entrambi volevano con grande rapidità.

Se la cosa si è risolta in pochi minuti perché la tipa c'aveva voglia, allora non parlerei proprio di seduzione. Per come la intendo io eh
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Agosto 16, 2012, 12:28:13 pm

E' la seduzione secondo DaUomo  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Monkey - Agosto 16, 2012, 12:51:16 pm
Anche con una serata in più l'esito è lo stesso: se offro solo sesso mi sembra normale essere cercata solo per quello, o non cercata più una volta passata la voglia. Non è così ovvio voler approfondire la conoscena di qualcuno solo perché c'è attrazione fisica.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 16, 2012, 01:15:16 pm
Solo, sta cominciando a non amare più la condizione e la tipologia che si è costruito.
beh allora potrebbe cominciare a capire che abbordare la gente al bar non è il modo più intelligente per incontrare qualcuno che sia interessato a qualcosa di più che non al "divertimento" estemporaneo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 01:48:26 pm
Appunto.

Ma credete che sia così facile cambiare un abito consolidato?

E poi in questo frangete lui avrebbe voluto di più.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 16, 2012, 01:51:05 pm
Se avesse davvero voluto di più, e l'abbiam detto in tutte le salse, non ci usciva il giorno dopo limonando duro. O proprio a monte non avrebbe raccattato una tizia che aveva la famelica voglia di venir abbordata stampata in faccia.

A me sembra tutto molto chiaro.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 02:01:01 pm
Ancora, evidentemente non sono stato chiaro: la limonata è stata la sera stessa, pochi minuti dopo la conoscenza. Sono state le attività... genitali a essere state rimandate alla sera dopo.

Però io non sarei così categorico: anche un affetto profondo e duraturo può nascere da un visto-piaciuto.
Il punto che mi interessa, lo ribadisco, è la percezione femminile del mio amico (e di simili persone) come di un ragazzo facile da usare e mollare senza troppi pensieri.
Per gli uomini nei confronti delle donne è cosa risaputa e analizzata, il caso speculare - come questo - a mio avviso non è ancora stato sufficientemente tematizzato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 02:03:54 pm
Per altro come regola generale il mio amico ha proprio quella di non fare sesso al primo appuntamento.

E anche simili regole e discipline un tempo erano più appannaggio di quelle "ragazze facili" che però non volevano sembrarlo troppo, mentre agli uomini si preoccupavano solo di espugnare il castello il prima possibile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 16, 2012, 02:04:07 pm
Ancora, evidentemente non sono stato chiaro: la limonata è stata la sera stessa, pochi minuti dopo la conoscenza. Sono state le attività... genitali a essere state rimandate alla sera dopo.

Questa precisazione non cambia i fatti. Se davvero in quel frangente voleva di più non ci limonava per poi disperarsi del suo essere stato usato. Evidentemente non sono chiara io a questo punto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 02:05:55 pm
Può essere.

Però nella fattispecie probabilmente se non limonava non otteneva proprio nulla.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 02:06:46 pm
Ed evito apposta i congiuntivi perché ne sono piuttosto convinto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 16, 2012, 02:07:59 pm
E allora hai già detto tutto cavolo!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 16, 2012, 02:11:32 pm
Il punto che mi interessa, lo ribadisco, è la percezione femminile del mio amico (e di simili persone) come di un ragazzo facile da usare e mollare senza troppi pensieri.
beh se uno cerca di abbordarmi in un locale magari coi soliti stupidi pretesti non penso certo che è l'ammmmore della vita  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Monkey - Agosto 16, 2012, 02:38:17 pm
Citazione
anche un affetto profondo e duraturo può nascere da un visto-piaciuto

Ovvio che sì. Ma se l'amico finisce sempre nella stessa situazione, forse dà l'impressione di non aver altro da offrire. Non è che sembra scemo?  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2012, 03:34:29 pm
Dunque, mettiamo un attimo in chiaro alcune cose: er Dep. nei suoi 36 anni di vita ha avuto anche dei rapporti lunghi, pluriennali (ma più da adolescente o da ventenne), mentre ho dei conoscenti molto meno sciupafemmine, meno capaci di procurarsi una ragazza in poche mosse, che al contrario non hanno mai raggiunto i 12 mesi con la stessa donna.

No, io non credo che sembri scemo, credo appunto che sembri leggero, il che è un'altra cosa.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 16, 2012, 03:52:07 pm
credo che la tipologia dell'uomo oggetto che soffre della sua condizione sia quantomeno rara. Oggetto nel senso inteso qui, eh.
Credo piuttosto che al tuo amico abbia fatto comodo come condizione fino a qualche anno fa, adesso è arrivato a un'età in cui "sfarfallare" non gli interessa più, solo che ripete sempre le stesse "routine" (nel senso informatico) e non capisce che così non cambia la sua condizione.  ;D

Il ragazzo facile nella fascia di età 16 - 25 anni single è rappresentato dal campione maschi eterosessuali del pianeta.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 04:15:16 pm
non credo al campione universale; nella prima parte di quella fascia ho detto più di un no perché seriamente mi interessava più di tutto lo sviluppo di un sentimento

a tempo debito, annotando un po' di cose circa le interazioni con le umane femminili genti, ho rivisto e in parte disapprovato le primigenie mie convinzioni   
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 04:16:54 pm
nulla di cattolico, solo di romantico, quanto alle convinzioni; preciso
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Agosto 16, 2012, 07:01:25 pm

Il visto-piaciuto può starci, anzi, può essere di buon auspicio per sviluppi futuri. Il sembrare leggero, invece, secondo me non è neanche sempre collegato al limonare dopo un'ora che ci si è conosciuti: per me uno 'leggero' è uno che ha i classici interessi del tamarro (partita, palestra, mare... al femminile parrucchiere, moda, al massimo i libri di Moccia). Non una cattiva persona, ma uno con cui non saprei di cosa parlare - non che io sia una fine intellettuale, eh, ma non potrei accompagnarmi più o meno stabilmente a uno leggero.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 16, 2012, 07:04:05 pm

Il visto-piaciuto può starci, anzi, può essere di buon auspicio per sviluppi futuri. Il sembrare leggero, invece, secondo me non è neanche sempre collegato al limonare dopo un'ora che ci si è conosciuti: per me uno 'leggero' è uno che ha i classici interessi del tamarro (partita, palestra, mare... al femminile parrucchiere, moda, al massimo i libri di Moccia). Non una cattiva persona, ma uno con cui non saprei di cosa parlare - non che io sia una fine intellettuale, eh, ma non potrei accompagnarmi più o meno stabilmente a uno leggero.
secondo me quelli non sono leggeri, sono proprio gnoranti  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Agosto 16, 2012, 07:06:18 pm

Anche, ma secondo me spesso le due cose coincidono  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 16, 2012, 07:09:08 pm

Anche, ma secondo me spesso le due cose coincidono  ;D
certo, perchè più hai gusti "generalisti" (o meglio non hai gusti tuoi  :asd: i classici tipi "che musica ascolti?" "un po' di tutto"  :facepalm:) e più è facile che ti vada bene più o meno chiunque ti capiti a tiro  :asd:
Mica ci hai quei dieci-venti filtri attarverso cui farli passare, es: gusti cinematografici demmerda -> via sciò  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 07:28:29 pm
ma qui non c'era un sacco di gente che si sarebbe fatta, una tantum, Balotelli?! ::)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 16, 2012, 07:29:50 pm
Io di certo no! ma che schifo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 16, 2012, 07:36:12 pm
ma qui non c'era un sacco di gente che si sarebbe fatta, una tantum, Balotelli?! ::)
ma chi?  :o
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 16, 2012, 08:39:34 pm
Il campione generale è una cazzata. Io mi sono spesso trovato a dire dei no quando intravedevo all'orizzonte pippe mentali, stalking e problemi di varia natura. E sti cazzi se ti danno dell'impotente o del frocio.*
Come affermava un mio raffinato e sofisticatissimo conoscente, non bisogna fottersi la vita per uno schizzetto di due secondi.

Banalmente, alla fama di "facile" contribuisce moltissimo pure il contesto in cui il soggetto X vive e opera: se si limona/tromba con donne che si conoscono reciprocamente, è chiaro che la nomea si diffonda.


* Si dovrebbe aprire una parentesi sulle molte donne che ritengono che il possesso una vagina le renda immediatamente desiderabili, e che chiunque non mostri tale desiderio nel momento in cui esse vogliono trombare sia automaticamente omosessuale o abbia probbbblemi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2012, 08:48:41 pm
fortunatamente non ho mai attratto paranoiche
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 16, 2012, 09:20:20 pm
momentomomentomomento. Io non ho mai detto che uno che non ci sta è impotente o chissaccosa, eh...

evidentemente mi sono sbagliato, non tutti gli uomini  - ovviamente liberi e ovviamente nella fascia d'età di cui sopra, non lo dirò più perché lo intendo sottinteso - ci stanno con una che ci prova spudoratamente, anche per una volta sola.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Teresa - Agosto 17, 2012, 12:20:57 am
Er Dep deve imparare a tirarsela.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 17, 2012, 12:21:41 am
Se se la tirasse forse non sarebbe Dep, ma un banale Tir.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2012, 01:47:24 am
Bene, la discussione decolla.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 17, 2012, 02:16:16 am
abbattiamola
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Monkey - Agosto 17, 2012, 08:01:02 am
Ma no, secondo me la leggerezza è un'altra cosa. Se è ciò che intendo io è una splendida qualità.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2012, 09:33:40 am
No, non parliamo di quella leggerezza.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2012, 09:43:48 pm
Beh, io non avrò molto nuovo materiale fresco sull'esemplare n°1, ma spero che la discussione continui.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 18, 2012, 11:14:54 am
allè, io penso che dr dep chiagne e fotte. sa che la società richiede alla sua età uno stile di vita più sobrio, ma lui non riesce ad adeguarsi, e probabilmente nemmeno lo vuole, lo vuole solo fare sapere.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 18, 2012, 11:17:11 am
allè, io penso che dr dep chiagne e fotte.
in senso proprio letterale  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 18, 2012, 11:21:33 am
un uomo multitasking :monociglio:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 12:27:41 pm
Più sobrio?

Ma che state dicendo??!?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 12:28:54 pm
Ma, a parte aggettivi e verbi che mi hanno dato un brivido nella schiena, hai proprio mancato il punto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 18, 2012, 12:34:10 pm
Ma, a parte aggettivi e verbi che mi hanno dato un brivido nella schiena, hai proprio mancato il punto.
Allevy però se vuoi che la discussione "decolli" devi un minimo alimentare pure tu  :bambambam:
 espandi il concetto +++
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 18, 2012, 12:35:54 pm
Notare come per esprimere un concetto allevi utilizzi da un po' sempre almeno 2 post, solo per vincere il duello di messaggi contro NC.  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 18, 2012, 12:37:22 pm
Buff, statisticamente a NC basterà una malvacronaca qualsiasi (tipo Lady Oscar) per mangiarsi Allevy a colazione.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 18, 2012, 12:42:15 pm
Notare come per esprimere un concetto allevi utilizzi da un po' sempre almeno 2 post, solo per vincere il duello di messaggi contro NC.  :asd:
me ne sono accorta
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 12:42:42 pm
Guardate che io sono sceso rispetto a SJ solo perché per quasi due settimane ho avuto una sorta di vita sociale...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 18, 2012, 12:42:49 pm
lui è furrrbo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 18, 2012, 12:43:10 pm
ma io sono più furrrba di lui
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 18, 2012, 12:43:26 pm
 :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 12:44:29 pm
 :tze:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 18, 2012, 12:46:29 pm
 :-*
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 12:48:46 pm
Comunque, al di là del fatto che "la società richieda uno stile più sobrio alla sua età" (mi viene una domanda: devo mettermi la camicia nera e festeggiare il sabato fascista? Già che ci sono, er Dep le camice nere le mette eccome), il punto è che con J. (la tizia dell'altra sera) er Dep avrebbe voluto di più, provare a intavolare un rapporto, mentre ella l'ha usato come un sollazzo e poi l'ha scaricato.
Magari quando tornerò dalle vacanze lo chiamerà di nuovo... ma solo per qualcosa di fugace e non impegnativo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 18, 2012, 12:50:54 pm
Comunque, al di là del fatto che "la società richieda uno stile più sobrio alla sua età"
e noi ce ne fottiamo  :metallaro:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 12:52:56 pm
Ah, non ricordo se ve l'ho detto - ed esula dal discorso più generale - ma er Dep è fisso in montagna da giugno e ci resterà fino a novembre.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 18, 2012, 12:57:08 pm
er Dep avrebbe voluto di più, provare a intavolare un rapporto, mentre ella l'ha usato come un sollazzo e poi l'ha scaricato.

Ma il punto è ha provato con la persona sbagliata e lo poteva intuire! Non c'è nulla da spiegare o discutere: era chiaro già da come si poneva la ragazza. Poi è ovvio che non troverà mai nulla di più serio che se alla prima ragazza arrapata che fa gli occhietti dolci lui cede. Se davvero volesse cambiare starebbe alla larga da tipette così. Per me è tutto molto lineare e non so su cosa vorresti continuare la conversazione
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 12:59:51 pm
Invece quello che dici è interessante: parli di cedere riferito all'uomo.

Questo è comunque un ribaltamento concettuale che alcuni anni fa sarebbe stato difficilmente concepito e e ancora oggi presso alcune persone suona strano. Invece assumendo questa posizione credo si possa cominciare anche a parlare di ragazzi facili e di come le donne li individuano e ci si rapportano.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 01:00:18 pm
Che è poi quello che m'interessava sin dall'inizio.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 01:01:16 pm
(oh, per altro, considerata da quel punto di vista, è una tipetta niente male, J...)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2012, 01:13:47 pm
tutto 'sto discorso mi ricorda che devo fare anch'io più vita sociale allargata; uscito una settimana dal solito fosso, mi è stato attaccato pure bottone da una graziosissima fanciulla delle montagne, ovviamente l'ultimo giorno e due valli distante
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2012, 01:14:36 pm
Ma sei un ragazzo facile, arch?  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 18, 2012, 01:15:19 pm
er Dep avrebbe voluto di più, provare a intavolare un rapporto, mentre ella l'ha usato come un sollazzo e poi l'ha scaricato.

Ma il punto è ha provato con la persona sbagliata e lo poteva intuire! Non c'è nulla da spiegare o discutere: era chiaro già da come si poneva la ragazza. Poi è ovvio che non troverà mai nulla di più serio che se alla prima ragazza arrapata che fa gli occhietti dolci lui cede. Se davvero volesse cambiare starebbe alla larga da tipette così. Per me è tutto molto lineare e non so su cosa vorresti continuare la conversazione

Pulito, preciso, lineare.
Concordo ovviamente
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2012, 01:17:23 pm
Ma sei un ragazzo facile, arch?  ;D

Per lei mi sarei lietamente fatto oggetto :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 18, 2012, 02:14:44 pm
Già che ci sono, er Dep le camice nere le mette eccome

Un punto a suo favore.

tutto 'sto discorso mi ricorda che devo fare anch'io più vita sociale allargata; uscito una settimana dal solito fosso, mi è stato attaccato pure bottone da una graziosissima fanciulla delle montagne, ovviamente l'ultimo giorno e due valli distante

(http://magiccards.info/scans/en/me3/180.jpg)

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 19, 2012, 10:02:08 am
Ma, a parte aggettivi e verbi che mi hanno dato un brivido nella schiena, hai proprio mancato il punto.

stai parlando con me?

(http://t0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTh1rG0Z41-g3E5TI-z2rwxxIQ6AbglMJJvNPFffHc3xmluNnuT4Ilm6q9N5A)

dovresti essere contento, almeno c'è qualcunbo che un brivido nella tua vita te lo fa provare :-*
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 11:24:48 am
Stavo riflettendo: è vero che il rovesciamento è avvenuto, però è avvenuto con tutto il corredo di consigli bacchettoni dda anni '50; sostanzialmente mi dite che avrebbe dovuto non starci subito, il ragazzo serio, come la ragazza seria un tempo, sarebbe quello che non si concede.

E se si andasse finalmente oltre a tutto ciò?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2012, 11:26:22 am
Allè, in questo caso occorrerebbe ridiscutere da capo la categoria di "ragazzo/a serio/a". Altrimenti si ricadrà costantemente sui consigli anni 50.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 19, 2012, 11:32:18 am
Stavo riflettendo: è vero che il rovesciamento è avvenuto, però è avvenuto con tutto il corredo di consigli bacchettoni dda anni '50; sostanzialmente mi dite che avrebbe dovuto non starci subito, il ragazzo serio, come la ragazza seria un tempo, sarebbe quello che non si concede.

E se si andasse finalmente oltre a tutto ciò?
io col piffero che ho "consigliato" ciò. Per me l'amico tuo pesca nel posto sbagliato e nel modo sbagliato. Se cerco l'ammmore profondo lo cerco tra le fottute con sconosciuti nel cesso della discoteca? Tra le conoscenze iniziate con uno "scusa sai l'ora" scelte sulla base di un bel culo? perdonami eh, questo è proprio andare a random o cercare l'ago nel pagliaio, percentuale attesa di fallimento 99,99999999%
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 19, 2012, 11:36:24 am
Stavo riflettendo: è vero che il rovesciamento è avvenuto, però è avvenuto con tutto il corredo di consigli bacchettoni dda anni '50; sostanzialmente mi dite che avrebbe dovuto non starci subito, il ragazzo serio, come la ragazza seria un tempo, sarebbe quello che non si concede.

E se si andasse finalmente oltre a tutto ciò?
io col piffero che ho "consigliato" ciò. Per me l'amico tuo pesca nel posto sbagliato e nel modo sbagliato. Se cerco l'ammmore profondo lo cerco tra le fottute con sconosciuti nel cesso della discoteca? Tra le conoscenze iniziate con uno "scusa sai l'ora" scelte sulla base di un bel culo? perdonami eh, questo è proprio andare a random o cercare l'ago nel pagliaio, percentuale attesa di fallimento 99,99999999%



amen sorella
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 11:37:36 am
A parte il fatto che in discoteca non ci va... E poi tu no, ma Desdemona, PG e Anne mi pare di sì.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 19, 2012, 11:39:25 am
tendenzialmente ho cominciato a preferire le donne che consapevolmente e senza infingimenti vanno al sodo se e quando ritengono, senza edificare costruzioni sentimentali; le preferisco ad altre, più convenzionali, che "ti amo/non ti amo più". Preferisco la sincera crudezza alla vaga e capricciosa e instabile promessa. Sono tipi distinti di interazioni umane che non credo più debbano essere disposte su gradini diversi di una una malcelata "scala di valory".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 19, 2012, 11:40:53 am
A parte il fatto che in discoteca non ci va...
fa lo stesso, mica c'è differenza tra abbordare in discoteca o per strada o al bancone del bar. Trattasi sempre di persone di cui non sai nulla di nulla di nulla di nulla, è l'acchiappo generalista che può funzionare solo per persone generaliste, generaliste anche in amore :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2012, 11:41:51 am
tendenzialmente ho cominciato a preferire le donne che consapevolmente e senza infingimenti vanno al sodo se e quando ritengono, senza edificare costruzioni sentimentali; le preferisco ad altre, più convenzionali, che "ti amo/non ti amo più". Preferisco la sincera crudezza alla vaga e capricciosa e instabile promessa. Sono tipi distinti di interazioni umane e non credo più debbano essere disposte su gradini diversi di una una "scala di valory".

Amen. Trovarle...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 19, 2012, 12:17:56 pm
io la trovai una volta una così, solo che poi al momento di "lasciarci"- prendevamo strade diverse - pur entrambi convinti di non essere coinvolti,  ci scapparono le lacrimucce da parte di entrambi :P
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 19, 2012, 12:45:33 pm
A parte il fatto che in discoteca non ci va... E poi tu no, ma Desdemona, PG e Anne mi pare di sì.

io non ho scritto che non doveva starci subito. non è questo il punto secondo me, si può fare tutto subito la prima volta che ci si vede e poi continuare e creare una cosa bella e duratura, non c'è una regola per fortuna.
quello che sottoscrivevo dell'analisi di desdemona è che il bersaglio scelto era abbastanza palese che non volesse nulla di più
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: purple - Agosto 19, 2012, 06:03:24 pm
Semplicemente la donzella gli ha letto la fame atavica "quantitativa" in faccia. Avesse intravisto quella "qualitativa" probabilmente avrebbe lasciato perdere da subito, ben sapendo che avrebbe trovato quanto cercava tre poltrone più in là.

Il fatto che lui credesse di iniziare una conoscenza più costruttiva su quelle basi poi, beh mi risulta quantomeno comico se non assai poco credibile. L'impressione è che entrambi da subito sapessero dove e soprattutto come volessero andare a parare. Che poi gli piaccia piangersi addosso per vezzo, è un altro conto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 06:15:03 pm
Poltrone? E che ti immagini, un teatro?
Per altro no, non c'era tutta questa scelta, quella sera.

Comunque lui baciandola, me l'ha detto subito, ha provato quel qualcosa in più che non aveva per esempio provato con una incontrata a fine luglio e rivista un paio di giorni prima, e infatti si è subito spaventato e preparato alla delusione.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 19, 2012, 06:18:36 pm
Poltrone? E che ti immagini, un teatro?
Per altro no, non c'era tutta questa scelta, quella sera.

Comunque lui baciandola, me l'ha detto subito, ha provato quel qualcosa in più che non aveva per esempio provato con una incontrata a fine luglio e rivista un paio di giorni prima, e infatti si è subito spaventato e preparato alla delusione.


solo baciandola?
ma sei sicuro dell'età anagrafica?
che ha in bocca, la lingua amore-detector?

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 06:20:26 pm
Lui 36, lei credo 24/25...

Ma mica ha parlato di amore (né allora né poi), semplicemente di un brivido.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2012, 06:21:27 pm
Allevy, perdona l'ottusità ma non ho capito esattamente se vogliamo parlare dell'episodio del Dep* (e in tal caso bisognerebbe conoscere bene tutte le altre sue vicende erotico-sentimentali e valutare se i suoi approcci siano stati sempre di un certo tipo), oppure del "problema" del "ragazzo facile", per il quale le ragazze del forum mi sembra abbiano offerto una visione generale sufficientemente chiara. Che possiamo approfondire quanto vuoi, ma che quella resta.


*tenendo conto che, come già detto da qualcuno, da come lo descrivi pare che abbia una certa inclinazione al piantoaddossismo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 06:25:57 pm
Entrambe le cose, mi interessa ovviamente di più il secondo aspetto generale, ma visto che spesso si ritorna sul primo chiarisco dei punti.


Per altro non è che "abbia una certa inclinazione al piantoaddossismo": ha una depressione grave e invalidante pienamente diagnosticata.

Come vi ho detto non lo vedevo da molti anni, ma mi risulta che fino alla sua prima crisi depressiva, tre anni fa, non abbia mai avuto la tendenza a piangesi addosso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2012, 06:38:37 pm
Ok, allora lo si chiama Dep a ragion veduta.

Quanto al secondo aspetto generale, boh... cosa ritenga ancora la società in merito alla differente 'disponibilità' sessuale della donna e dell'uomo lo sappiamo tutti. Se vogliamo parlare di 'facile' come categoria astratta, è assolutamente normale che si metta in campo il 'concedersi': sono entrambe categorie anni 50, che vanno benissimo a braccetto.
Se vogliamo eliminare queste categorie, allora occorre diventare relativisti e guardare al singolo caso: il tuo amico ha mirato al bersaglio sbagliato, o meglio ha creduto di mirare al bersaglio giusto accorgendosi poi dopo che era quello sbagliato. A quel punto, la questione è: la ragazza è stata chiara e onesta da subito? In caso affermativo, c'è poco altro di cui discutere. In caso negativo, ce ne rammarichiamo, ma si tratta sempre di un abbordaggio da bar, come le forumiste hanno più volte fatto notare. Inutile continuare a cavillare su discoteche e poltrone.

Quello di cui secondo me si parla troppo poco è che la 'liberazione dei costumi' dovrebbe essere un processo biettivo. Come alla donna si dovrebbe garantire la possibilità di usare il proprio corpo come più le aggrada senza passare per 'troia', all'uomo si dovrebbe concedere il diritto all'astinenza o alla ritirata senza passare per 'frocio'. Purtroppo quest'ultimo diritto non viene quasi mai garantito, e - cosa gravissima - esso viene negato ANCHE e SOPRATTUTTO dalle donne. C'è ancora un sacco di lavoro da fare, signore.


Domanda che non c'entra un cazzo: ma eri ospite dal Dep? Nel senso, dormivi da lui?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 06:46:33 pm
No, ero ospite di una vecchia signora.



Io sono anni che pratico astinenza e non ho alcuna tendenza omosessuale (purtroppo, mi capita di pensare); quanto alla ritirata è una cosa che ho fatto più molti anni fa, adesso semplicemente non arrivo alla situazione che richieda una simile mossa o il suo opposto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 19, 2012, 06:50:07 pm
che ha in bocca, la lingua amore-detector?
:rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2012, 06:52:13 pm
No, ero ospite di una vecchia signora.

Io sono anni che pratico astinenza e non ho alcuna tendenza omosessuale (purtroppo, mi capita di pensare); quanto alla ritirata è una cosa che ho fatto più molti anni fa, adesso semplicemente non arrivo alla situazione che richieda una simile mossa o il suo opposto.

Meno male, altro punto a favore di Dep dopo le camicie nere.

Quello che facciamo tu, io, Mix e gli altri piselluti del forum è tutto sommato abbastanza relativo.
Però posso immaginare che ci sia capitata l'esperienza della negazione-ritirata e che questa sia stata accolta dalla controparte come se fosse una specie di abominio genetico del cromosoma Y, ve? A me è capitato più volte.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 19, 2012, 06:57:01 pm
Però posso immaginare che ci sia capitata l'esperienza della negazione-ritirata e che questa sia stata accolta dalla controparte come se fosse una specie di abominio genetico del cromosoma Y, ve? A me è capitato più volte.
credo che capiti solo con quelle che si sentono troppo 3 cazzi e mezzo e si stupiscono tantissimo di ricevere un rifiuto. Solitamente invece il fatto di non scopare qualsiasi cosa abbia un buco è accolto come preoccupante sintomo di frociaggine principalmente dalla allegra community maschile del bar dello sport.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 19, 2012, 06:57:32 pm
Come alla donna si dovrebbe garantire la possibilità di usare il proprio corpo come più le aggrada senza passare per 'troia', all'uomo si dovrebbe concedere il diritto all'astinenza o alla ritirata senza passare per 'frocio'.
poi ci sta il sublime cortocircuito logico di quelli che lei non ci sta e allora troia.  :asd:  :patpat:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 07:01:12 pm
Non è un punto a favore der Dep, semplicemente non sapeva che sarei andato su così come io non sapevo che fosse lì; per altro mi ha invitato a tornare ospite suo (ma vuol dire ospite dei suoi genitori, in loro presenza, e non è che abbia un gran rapporto con loro, anche perché sono destrorsi).



[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ppd9WumDk6M&feature=related[/youtube]
dal minuto 3:15
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 07:02:14 pm
quelle che si sentono troppo 3 cazzi e mezzo

Che significa?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2012, 07:03:28 pm
Però posso immaginare che ci sia capitata l'esperienza della negazione-ritirata e che questa sia stata accolta dalla controparte come se fosse una specie di abominio genetico del cromosoma Y, ve? A me è capitato più volte.
credo che capiti solo con quelle che si sentono troppo 3 cazzi e mezzo e si stupiscono tantissimo di ricevere un rifiuto. Solitamente invece il fatto di non scopare qualsiasi cosa abbia un buco è accolto come preoccupante sintomo di frociaggine principalmente dalla allegra community maschile del bar dello sport.

Le donne libereefeliciilmiocorpoèmio condividono molti più valory di quanto non si creda con la community del bar dello sport. Spesso maturano l'idea assolutamente bestiale che l'emancipazione sessuale sia una cosa che non implica affatto l'ipotesi che il piselluto non ci stia. Come dire, voglio avere il controllo ANCHE del corpo dell'altro, oltre che del mio.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: purple - Agosto 19, 2012, 07:05:04 pm
Poltrone? E che ti immagini, un teatro?
Per altro no, non c'era tutta questa scelta, quella sera.

Comunque lui baciandola, me l'ha detto subito, ha provato quel qualcosa in più che non aveva per esempio provato con una incontrata a fine luglio e rivista un paio di giorni prima, e infatti si è subito spaventato e preparato alla delusione.

Ay madre, sempre così pignolo. Poltrone, sedie son mica veggente come faccio a sapere con precisione com'era arredato il bar/locale. La prossima volta userò posto a sedere  ;)

Mi spiace per il tuo conoscente, forse è stata la sua condizione di fragilità a fargli intravedere di più sul momento. Oppure possiamo pensare ad un colpo di fulmine a senso unico; del resto sono così inaffidabili che la non perfetta corrispondenza d'intenti si presenta nel 99% dei casi.

Per quanto riguarda "l'essere facili", beh credo che indipendentemente da essere portatori di XY o XX ce lo si legga reciprocamente in faccia se si ha l'interesse di provare a portare avanti una conoscenza o se invece si voglia solo sollazzarsi un po'. Niente vieta che dal sollazzo poi scocchi qualcosa (o implica che nel solo sollazzo ci sia qualcosa da biasimare), ma ammettiamolo, quando si cerca una relazione prima di passare allo slinguazzo e alle danze amatorie solitamente si cerca di conoscersi quantomeno un po' e si fa il tentativo di intravedere anche il carattere e non solo il fisico o l'elettricità fra i due. Far trascorrere pochi/e minuti/ore è implicitamente segnale che si è in una fase di "non voglio complicazioni". Dichiararlo, anche solo con le azioni, dovrebbe mettere sull'avviso la controparte.

E con questo riacquisto punti come vecchia nonnetta pyna del forum.  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2012, 07:06:43 pm
Non è un punto a favore der Dep, semplicemente non sapeva che sarei andato su così come io non sapevo che fosse lì; per altro mi ha invitato a tornare ospite suo (ma vuol dire ospite dei suoi genitori, in loro presenza, e non è che abbia un gran rapporto con loro, anche perché sono destrorsi).

Se tu fossi stato in casa sua avrei avuto da questionare sul fatto di concedersi cavalcate avendo un ospite a cui pensare, cosa che mi sono trovato a subire (in quanto persona ospitata) e che ho trovato disdicevolissima e maleducata. Ma non farci caso, dipende dall'educazione nazista e implacabile inculcatami da mamma.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 07:10:21 pm
Era una festa patronal/turistica, eravamo fuori dal tendone dell'orchestrina, non c'erano sedili di sorta.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2012, 07:14:57 pm
Avendo i suoi in casa er Dep in quel caso ha camporellato.

Che poi ha dirla tutta non hanno esattamente scopato: alla di lei domanda se avesse un preservativo ha risposto no, e hanno ripiegato su pratiche alternative.
Il tempo per procurarsene uno l'avrebbe avuto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 19, 2012, 07:19:41 pm
quelle che si sentono troppo 3 cazzi e mezzo

Che significa?
quelle che si credono le più fighe della terra, quelle "convinte" vah
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: purple - Agosto 19, 2012, 07:20:00 pm
almeno era divertente la festa?   :asd:

E sia, alla prossima cercherò di ricordarmi "uno tre tipi più in là".
Infine fin dove si siano spinti cambia poco-niente sul discorso generale, al di là del tuo conoscente in questione.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 19, 2012, 07:56:31 pm
com'è la faccia da "fame atavica quantitativa"?! ;D
sento che potrebbe essermi molto utile ;D ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2012, 07:59:57 pm
Avendo i suoi in casa er Dep in quel caso ha camporellato.

Uguale.

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 20, 2012, 09:40:12 am
A parte il fatto che in discoteca non ci va... E poi tu no, ma Desdemona, PG e Anne mi pare di sì.

Si, io vado in discoteca. E lì, se proprio volessi, ci troverei le scopate. E basta. basta saperlo. Se lo si sa e si vuole comunque al gioco bene, altrimenti amen.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 20, 2012, 09:51:13 am
A parte il fatto che in discoteca non ci va... E poi tu no, ma Desdemona, PG e Anne mi pare di sì.

Si, io vado in discoteca. E lì, se proprio volessi, ci troverei le scopate. E basta. basta saperlo. Se lo si sa e si vuole comunque al gioco bene, altrimenti amen.

Credo che Allevy intendesse che tu, PG e Anne avete parlato di "concedersi" (in merito alla categoria del "facile").
Quoto il resto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 20, 2012, 09:52:15 am
Perdono allora. Ho capito male io.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 23, 2012, 02:19:39 pm
io non ho parlato di alcun "concedersi" ho parlato di altro, forse troppi brividi XD
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 12:03:11 pm
ahahaahahahah quante cazzate, cioè volevo dire interessanti considerazioni SBAGLIATE.
Allevi invece di preoccuparti  dei drammi interiori dei tuoi amicici preoccupati che tutti loro scopano sempre
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=qrM0z3v3LUY[/youtube]
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 12:30:13 pm
Ma questo non è niente di nuovo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Agosto 27, 2012, 12:33:54 pm
Io non pratico, e non ho esperienza di broccolamento.
Però mi sembra assurdo imporsi la regola del "non si tromba la prima sera" se poi si limona, e si rimanda alla sera dopo. È una regola vuota, non ci vedo un senso.
Si può fare sesso subito e comunque prefiggersi di conoscersi meglio, oppure prima aspettare di conoscersi e poi trombare.

Ma lui non aveva preservativi perché proprio non se lo aspettava? Non voleva quell'esito?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 12:38:40 pm
Ma questo non è niente di nuovo.
e allora non cercare di sviare introducendo questioni assurde e di scarsa rilevanza.

che poi mi tocca ridere a sentire ennecì che mi immagino in disco a rimorchiare col questionario
(ascolti i kraftwerk ok crocetta su kraftwerk, chi è il tuo fisico nucleare preferito?uhm  beh uno qualunque, no no a te non la do qualunquista di fisicinucleari che non sei altro)
oppure il beltenebrosobizanturchino che dice di no in nome della bizanturchineriatenebrosa.
Un uomo, tranne casi conclamati di pericolo fisico e di estrema repellenza morale e fisica, non dice mai di no la prima di volta, semmai la seconda!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 27, 2012, 12:42:06 pm
che poi mi tocca ridere a sentire ennecì che mi immagino in disco a rimorchiare col questionario
(ascolti i kraftwerk ok crocetta su kraftwerk, chi è il tuo fisico nucleare preferito?uhm  beh uno qualunque, no no a te non la do qualunquista di fisicinucleari che non sei altro)
io non rimorchio in discoteca, è questo il punto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 12:42:53 pm
Non so dire esattamente perché non avesse con se i preservativi... semplicemente non li aveva e non voleva sbattersi per procurarseli.

Tra l'altro avrebbe dovuto andare a prenderli dalla sua amica-farmacista-che-se-non-avesse-il-ragazzo-che-gli-sta-anche-simpatico-se-la-farebbe-subito, la cosa probabilmente lo genava.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 12:44:10 pm
e dove rimorchi alla facoltà di nonsodovia di scienze confuse?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 12:44:25 pm
De Broglie.

Feynman come riserva perché è simpatico.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 12:47:38 pm
che stai cercando di rimorchiare ennecì allevi?
solo io posso cercare di rimorchiare ennecì SIA CHIARO!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 27, 2012, 12:48:01 pm
e dove rimorchi alla facoltà di nonsodovia di scienze confuse?
non "rimorchio" da nessuna parte, se conosco un tipo (tipicamente amico di amici) e mi piace approfondisco, ma non vado rastrellando il deserto col pettine tipo Balle Spaziali, è solo fatica sprecata, frustrante e abbastanza squallido anche
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 12:48:21 pm
infatti mi sono iscritto a scuolaennecì per passare il quizzone
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 12:48:45 pm
che stai cercando di rimorchiare ennecì allevi?

Che le nere potenze me ne scampino!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 12:49:17 pm
azz mi tocca diventare pure amico di amici di ennecì!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 12:49:46 pm
Ora però non mandate a donnine ragazzi facili il mio topic!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 12:52:58 pm
ma che topic e topic, tutto quello che di saggio c'era da dire l'ho detto io
1) invece di preoccuparti che i tuoi amici gli è girato il marone sinistro preoccupati per te piuttosto
2) sui doveri imprescindibili dell'uomo ho già detto
3) evito di dire quello che penso delle donne non vorrei dover disiscrivermi di già!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 12:54:32 pm
ma che topic e topic, tutto quello che di saggio c'era da dire l'ho detto io
1) invece di preoccuparti che i tuoi amici gli è girato il marone sinistro preoccupati per te piuttosto

Contesto fortemente. Per te dovrei scrivere ogni singolo post su di me e sul mio rapporto con le donne?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 27, 2012, 01:00:41 pm
ma che topic e topic, tutto quello che di saggio c'era da dire l'ho detto io
1) invece di preoccuparti che i tuoi amici gli è girato il marone sinistro preoccupati per te piuttosto

Contesto fortemente. Per te dovrei scrivere ogni singolo post su di me e sul mio rapporto con le donne?

(http://moe.animecharactersdatabase.com/uploads/chars/4758-337208416.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 27, 2012, 01:01:14 pm
ma che topic e topic, tutto quello che di saggio c'era da dire l'ho detto io
1) invece di preoccuparti che i tuoi amici gli è girato il marone sinistro preoccupati per te piuttosto

Contesto fortemente. Per te dovrei scrivere ogni singolo post su di me e sul mio rapporto con le donne?

(http://moe.animecharactersdatabase.com/uploads/chars/4758-337208416.jpg)
:rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 01:01:38 pm
Bravo Theo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Agosto 27, 2012, 01:14:02 pm
Non so dire esattamente perché non avesse con se i preservativi... semplicemente non li aveva e non voleva sbattersi per procurarseli.

Tra l'altro avrebbe dovuto andare a prenderli dalla sua amica-farmacista-che-se-non-avesse-il-ragazzo-che-gli-sta-anche-simpatico-se-la-farebbe-subito, la cosa probabilmente lo genava.

Capisco sempre meno le intenzioni del tizio. E della tizia. Vai apposta atrombare con uno sconosciuto e non ti porti i preservativi? Boh.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 01:17:11 pm
Mah, per quanto riguarda la tizia vige ancora la consuetudine per cui, essendo un indumento maschile ci deve pensare l'uomo; quanto a er Dep in effetti da una parte non voleva scopare.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 01:45:14 pm
ma che topic e topic, tutto quello che di saggio c'era da dire l'ho detto io
1) invece di preoccuparti che i tuoi amici gli è girato il marone sinistro preoccupati per te piuttosto

Contesto fortemente. Per te dovrei scrivere ogni singolo post su di me e sul mio rapporto con le donne?

no ma dovresti evitare di intorbidare le acque con gli inesistenti problemi dei tuoi amicici. Per non parlare delle terribili disquisizioni sul ragazzo/a facile.
che poi ragazzo facile mi suona molto come
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=hPSGqVPI_aU[/youtube]
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Agosto 27, 2012, 11:20:54 pm
guarda che buono sono e che buona è Yo Landi con te allevi nonostante la tua ignoranza estetica vogliamo aiutarti con la tua sfigaggine, ecco come si fa a rimorchiare, va beh se tu non hai una nonna puoi sempre dire che la torta la prepari tu

http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=NNIw91uTaAY
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 27, 2012, 11:35:27 pm
Ma io non voglio rimorchiare...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 03, 2012, 08:06:22 pm
http://www.corriere.it/cronache/12_settembre_03/relazione-sesso-primo-incontro_fdf16c3c-f5ac-11e1-b714-22a5ae719fb5.shtml

conclusioni verosimili ma questione posta in maniera totalmente cretina in più punti  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 08:09:59 pm
per me sono inverosimili anche le conclusioni, nel senso che è mischiare mele e arance
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 03, 2012, 08:12:47 pm
per me sono inverosimili anche le conclusioni, nel senso che è mischiare mele e arance
beh, statisticamente funziona come ragionamento. Se due non sono fortemente interessati difficilmente pazienteranno 6 e passa mesi prima di arrivare "al dunque", quindi c'è più filtro alla base.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 08:15:07 pm
il che non toglie che poi l'interesse scemi di brutto  oppure che due che l'hanno fatto la prima volta anche per caso poi si trovino interessantissimi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 03, 2012, 08:16:13 pm
il che non toglie che poi l'interesse scemi di brutto  oppure che due che l'hanno fatto la prima volta anche per caso poi si trovino interessantissimi.
certo tutto può accadere, ma sui grandi numeri secondo me è verosimile quel tipo di tendenza là. Mica si può analizzare caso per caso
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 08:16:40 pm
anzi tutta sta discussione io sono rimasto stupito dalle vostre certezze e "categorie".
che generalmente sono sballate (tranne i casi evidenti scuola)

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 08:18:36 pm
va bhe ma perchè forse dai grandi numeri fa peso il grande numero dei "rimorchi da occasioni di rimorchio" che per forza di cose tendono ad essere limitati nel tempo (non per forza eh anzi)
tolta questa grande categoria, nel resto non so se sia vero
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 03, 2012, 08:51:43 pm
nei grandi numeri siamo tutti morti
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 08:53:27 pm
non era il lungo periodo di keynes?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 03, 2012, 09:29:05 pm
un corollario bifido di quello
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 09:33:05 pm
comunque quello che veramente vorrei sapere in questo topic è come ha rimorchiato NC
eh NC?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 03, 2012, 09:36:29 pm
comunque quello che veramente vorrei sapere in questo topic è come ha rimorchiato NC
eh NC?
non sono mica un cafone del bar dello sport.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 09:37:43 pm
beh ma qua siamo tutti raffinati intellettuali e potresti spacciarla per una disquisizione filosofico estetica sulla seduzione
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 09:39:58 pm
si potrebbe generalizzare con
"racconta come hai o sei stato/a sedotto/a"
allevi escluso altrimenti poi si mette a piagnucolare sulla sua ecs
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 03, 2012, 09:44:09 pm
si potrebbe generalizzare con
"racconta come hai o sei stato/a sedotto/a"
bravo comincia tu, poi ti raggiungiamo  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 09:46:45 pm
no io ci ho avuto l'idea e poi ho raccontato fin troppi cazzi miei ora TOCCA A VOI.
Su che è molto meglio, divertente ed "istruttivo" che tutte le fumose  e sballate teorie e filosofie scritte finora in questo topic
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 03, 2012, 10:25:13 pm
strepitoso successo della iniziativa di lucaluca

(http://images.wikia.com/nonciclopedia/images/e/eb/Sterpaglia.gif)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 10:27:05 pm
vabbeh  ci ho messo la buona volontà mica posso costringervi

cioè se volessi sì, plagiandovi, ma preferivo la buona spontanea volontà
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 03, 2012, 10:35:21 pm
In effetti sarebbe interessante.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 03, 2012, 10:37:20 pm
ecco ora l'ha detto pure il saggio allevi, quindi fatevi avanti siori e siore
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 09:37:47 am
Io l'ho rimorchiato ignorandolo  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 12:32:32 pm
più dettagli accidenti! più dettagli!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 01:14:14 pm
Ma se vuoi i dettagli forse è meglio che vada nel mio angolino privato.... :ihih:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 01:16:14 pm
va benissimo
su seguite il luminoso esempio di Mona! e intanto seguilo tu Mona
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 04:28:06 pm
questo mio tentativo è quasi disastroso
SU dai un minimo di collaborazione
L'invito vale anche per lorsignori (allevi escluso per evitare lagne ovviamente)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Settembre 04, 2012, 06:08:01 pm
I ragazzi facili, quelli che non dovevi fare nessuna particolare fatica, molto più rari di quanto non si creda (e spesso anche attraenti quindi potenzialmente in grado di selezionare, ma no, quelli volevano macinare una dopo l'altra e basta), quando ero più giovane li ho sfuggiti consapevolmente, pensavo allo squallore e bla bla bla. Oggi che di anni ne ho 32 mi dispiace un po', perché le occasioni non tornano, e anche i rapporti da una botta e via hanno una loro utilità sul piano della conoscenza della propria sessualità. Quindi non ho storie da raccontare, ma un consiglio non richiesto: donne del forum, specie se siete giovini e belle (come a quanto ho capito è Desdemona) e dite sempre no, aripensatece!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 06:13:19 pm
arcibaldo non voglio manifesti ideologici!
che vuol dire che non hai storie da raccontare?
che hai sempre detto no? dai su racconta un episodio significativo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:14:58 pm
Buon contributo Archibald, grazie.

Ieri sera ho avuto a cena un mio vecchissimo amico (quasi una specie di fratellastro) che però da anni vedo relativamente di rado; da un anno è sposato, ma poco prima di convolare era passato per un per una fase in cui si era lasciato con la sua allora ragazza adesso moglie, ritrovandosi single.
Pur essendo stato - al contrario mio - uno che da adolescente cuccava parecchio e senza problemi, in questo periodo si era accorto di non essere rimasto un "ragazzo facile", anzi di esser diventato uno che le donne le fa fuggire con la propria stranezza e complessità.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Settembre 04, 2012, 06:16:19 pm
arcibaldo non voglio manifesti ideologici!
che vuol dire che non hai storie da raccontare?
che hai sempre detto no? dai su racconta un episodio significativo
Se si parla di ragazzi facili, ho perso le mie (in verità non moltissime) occasioni.
La mia conoscenza in materia deriva dalle mie amiche e i loro racconti. Ma non posso parlare al posto loro.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:16:38 pm
Buon contributo Archibald, grazie.
sei contento che finalmente una utentessa dice "datela"?  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:17:31 pm
Comunque, un conto è quello che desidera adesso Lulù, un altro quello per cui questo topic è nato, e tu hai risposto perfettamente a questa seconda esigenza.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 04, 2012, 06:17:38 pm
anzi di esser diventato uno che le donne le fa fuggire con la propria stranezza e complessità.

tuttavia ha trovato una solida corrispondenza alla sua stranezza e complessità
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:17:46 pm
Ma non posso parlare al posto loro.
perchè? lucaluca lo fa sempre  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:19:06 pm
Buon contributo Archibald, grazie.
sei contento che finalmente una utentessa dice "datela"?  :asd:

Naaaa, anche se lo sguardo malinconico retrospettivo mi piace sempre; più che altro mi pare abbia individuato bene la categoria: attraenti, non selettivi e più rari di quanto non si pensi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:20:11 pm
anzi di esser diventato uno che le donne le fa fuggire con la propria stranezza e complessità.

tuttavia ha trovato una solida corrispondenza alla sua stranezza e complessità

No, ma infatti mica è insoddisfatto... tuttavia in quei mesi di singletudine non ha corso la cavallina quanto avrebbe voluto o quanto era solito fare da giovanissimo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:21:08 pm
anzi di esser diventato uno che le donne le fa fuggire con la propria stranezza e complessità.
:desolazione:
diomio cioè rifuggono i meglio
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:22:45 pm
Eh, come no... infatti tutte quelle che fuggono me si perdono una meraviglia...  ::)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Settembre 04, 2012, 06:22:56 pm
Buon contributo Archibald, grazie.
sei contento che finalmente una utentessa dice "datela"?  :asd:
So che stai scherzando, ma appunto per me non è mai stata questione di "dare": gli uomini in un rapporto sul piano dello sforzo fisico "danno" molto di più. Quindi dovrei esortare a ricevere, più che a dare  :D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:23:38 pm
Comunque, per suffragare Archibald:

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=5vUx9xudqp0[/youtube]
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 04, 2012, 06:24:36 pm
Buon contributo Archibald, grazie.
sei contento che finalmente una utentessa dice "datela"?  :asd:
So che stai scherzando, ma appunto per me non è mai stata questione di "dare": gli uomini in un rapporto sul piano dello sforzo fisico "danno" molto di più. Quindi dovrei esortare a ricevere, più che a dare  :D


(http://www.jeja.it/wp-content/uploads/ET-Telefono-casa.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 06:24:53 pm
Ma non posso parlare al posto loro.
perchè? lucaluca lo fa sempre  :asd:
ahahaahah


arcibaldo la cosa non è limitata dal titolo del topic inutile di allevi, non mi interessa se siete o avete avuto facili o difficili.

voglio episodi in cui avete o siete stati sedotti (a prescindere dalla facilità o meno)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:25:47 pm
Il topic non è inutile: ti ha dato l'abbrivio per porre le tue domande.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 04, 2012, 06:26:01 pm
si, mandiamo in vacca il topic!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:29:02 pm
Eh, come no... infatti tutte quelle che fuggono me si perdono una meraviglia...  ::)
vabbeh ma scusa come sono gli uomini "che vale la pena" secondo te? io non ti sopporterei mai perchè sei troppo pedante :asd: ma almeno sei interessante, hai personalità, ecc ecc
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 06:30:40 pm
Manca il sei simpatico e poi stiamo apposto NC!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:31:06 pm
poi di solito ho constatato che un minimo di turbe mentali sono incluse nel pacchetto dell'essere interessanti  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:31:32 pm
Manca il sei simpatico e poi stiamo apposto NC!
ahahahaha
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:31:39 pm
Manca il sei simpatico e poi stiamo apposto NC!

 :sisisi:  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:34:26 pm
Allevy sei bello dentro e cacacazzi fuori
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:35:03 pm
vabbeh ma scusa come sono gli uomini "che vale la pena" secondo te?

Gonfi davanti e dietro (pacco e portafoglio), ovviamente.  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Settembre 04, 2012, 06:35:45 pm
Buon contributo Archibald, grazie.
sei contento che finalmente una utentessa dice "datela"?  :asd:

Naaaa, anche se lo sguardo malinconico retrospettivo mi piace sempre; più che altro mi pare abbia individuato bene la categoria: attraenti, non selettivi e più rari di quanto non si pensi.
Sì, di questo sono convinta: i ragazzi facili, al di là degli stereotipi cazzari sul gallismo italiano, sono pochi. Di questi pochi, quelli che ho visto in azione erano tipi bellocci (il cliché pensa che  sia il bruttino a essere meno selettivo), la cui sicurezza nell'approccio derivava forse dalla rarità dei rifiuti. Le ragazze che puntavano erano carine nella media, a volte in proporzione meno attraenti del ragazzo facile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:37:35 pm
vabbeh ma scusa come sono gli uomini "che vale la pena" secondo te?

Gonfi davanti e dietro (pacco e portafoglio), ovviamente.  ;D
sì ma si parlava di qualità caratteriali, tu dici tipo che fanno bene a rifuggire i tipi che ci hanno la stranezza e la complicatezza (manco fossero la peste bubbonica, io rifuggo i tipi noiosi e che parlano di calcio piuttosto  :asd:)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 06:38:00 pm
e dagli con tutta sta teoria
siete degli intellettualoidi
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:38:52 pm
Ma meno male che Lulù ti ha segnalato il topic, Archibald, sono molto in sintonia con la tua analisi.

Poi proprio ieri il mio amico D. mi raccontava di uno che conosce che ci prova a tutto spiano con la tecnica a carraramato e ottiene ottimi successi pur essendo bruttino, ma questa è un'altra tipologia ancora.
Er dep. invece è proprio come dici tu.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 06:39:36 pm
Ho raccontato solo io, che cafoni a mandar avanti una donna. Che mancanza di solidarietà femminile le altre utentesse!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:40:27 pm
Che mancanza di solidarietà femminile
è il thread degli animali mitologici?  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 06:40:33 pm
ha ragione da vendere Mona!

allevi sai che scopertona che provandoci sempre e comunque ci si riesce!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:41:20 pm
sì ma si parlava di qualità caratteriali, tu dici tipo che fanno bene a rifuggire i tipi che ci hanno la stranezza e la complicatezza (manco fossero la peste bubbonica, io rifuggo i tipi noiosi e che parlano di calcio piuttosto  :asd:)

Meglio quelli allegri e senza troppi grilli pel capo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 06:42:22 pm
beh esistono persone allegre e complicate

è un'idea radicalchic che essere musoni=complicati
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 04, 2012, 06:42:34 pm
la più comune tra le comuni non sessantottine... indi soli soletti, lasciati indietro dagli altri, ella in calzette bianche su calza nera e anfibi (sia lode sempre), seduta fronteggiandomi s'avvolgeva in mezz'ombra nella magra felpetta in nerofumo en passant, lasciandomi seguire l'opera sua completa fino al necessario "... freddo?" ...  
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:42:42 pm
allevi sai che scopertona che provandoci sempre e comunque ci si riesce!

Ma infatti si sa, anche solo per banali motivi statistici.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:42:57 pm
sì ma si parlava di qualità caratteriali, tu dici tipo che fanno bene a rifuggire i tipi che ci hanno la stranezza e la complicatezza (manco fossero la peste bubbonica, io rifuggo i tipi noiosi e che parlano di calcio piuttosto  :asd:)

Meglio quelli allegri e senza troppi grilli pel capo.
i tipi solari?  :brrr:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:44:34 pm
beh esistono persone allegre e complicate

è un'idea radicalchic che essere musoni=complicati
infatti
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 06:46:42 pm
mixarcch sono sicuro di non averci capito nulla o quasi ma ti ringrazio per il contributo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:48:35 pm
Ma no musoni, però complicati=complicati, c'è poco da fare.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 06:49:01 pm
Una volta ci ho provato con uno bello-bello. Quei tipi a cui io non mi avvicino mai perchè non mi cagano mai (notiamo il doppio mai).
Ebbene complice il bere gli ho chiesto da accendere e poi mi sono piazzata lì davanti senza smuovermi che si è sentito obbligato a parlarmi, almeno per mandarmi via :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 04, 2012, 06:50:44 pm
Ma no musoni, però complicati=complicati, c'è poco da fare.
ma che intendi per complicati? c'ho i probbblemi?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 06:56:33 pm
Ah boh... è quello che dice mia zia: "i fioi de R. xe complicati".

(R. sarebbe mio padre, suo fratello)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 06:58:26 pm
secondo me dice invece che i xe mona
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 04, 2012, 07:00:14 pm
secondo me dice invece che i xe mona

Quello in nostra assenza, in nostra presenza dice complicati.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 07:03:06 pm
tutto quadra
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mbee - Settembre 04, 2012, 10:10:02 pm
Per far felice ll&Bella:
ho conosciuto il mio ragazzo nella località di villeggiatura dove andavamo ogni anno a luglio, stessa comitiva, lui troppo più grande per notarmi.
Poi abbiamo passato un anno a sentirci via msn/mail/videochat, non ci siamo mai visti fino all'estate successiva in cui lui ci provava come un disperato e io rifiutavo (volevo essere sicura sicura sicura che fosse interessato per davvero). Tornati a Roma, ci siamo baciati :occhicuore:, poi dopo un paio di settimane ci siamo messi insieme.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 10:11:40 pm
lui troppo più grande per notarmi.

Ma allora è un vecchio?  :ihih: :asd:

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 10:12:25 pm
evvai Mbee! vedete come è facile seguite l'esemplare esempio di Mbee e raccontate raccontate raccontate!

(mi pare di essere un animatore da villaggio turistico membro di herbalife)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mbee - Settembre 04, 2012, 10:16:35 pm
lui troppo più grande per notarmi.

Ma allora è un vecchio?  :ihih: :asd:



Rispetto a me, sì ;D
Abbiamo 5 anni di differenza, ora non sembrano tanti, ma quando ne avevo 13/14 lui non mi vedeva proprio, né io ero interessata a uno così vecchio :P
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 10:19:32 pm
scusa quanti anni hai ora?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 10:20:34 pm
io ho raccontato su un altro episodio di corteggiamento (mi pare in questo topic o forse quello delle domande) e tu non mi hai cagata. luca quindi che chiedi di raccontare se poi ignori le nostre esperienza?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 10:23:14 pm
eh? beh l'avrai raccontato prima di ieri
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 10:24:46 pm
Stava in questo topic e l'ho raccontato prima!

Una volta ci ho provato con uno bello-bello. Quei tipi a cui io non mi avvicino mai perchè non mi cagano mai (notiamo il doppio mai).
Ebbene complice il bere gli ho chiesto da accendere e poi mi sono piazzata lì davanti senza smuovermi che si è sentito obbligato a parlarmi, almeno per mandarmi via :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mbee - Settembre 04, 2012, 10:26:13 pm
scusa quanti anni hai ora?

22.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 10:28:06 pm
ah sembrava più un voler romper le palle che un tentativo a me veramente.

22 e 27 beh siete entrambi giovanissimi e dal mio punto di vista quasi coetanei
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 10:31:39 pm
ah sembrava più un voler romper le palle che un tentativo a me veramente.

Però alla fine era diventato lui lo stalker e io che lo mandavo in bianco!
Il mio metodo della suspance e del farsi desiderare funziona!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mbee - Settembre 04, 2012, 10:32:06 pm
22 e 27 beh siete entrambi giovanissimi e dal mio punto di vista quasi coetanei

Sì, infatti adesso la differenza non la sentiamo, invece quando ci siamo messi insieme avevo 17 anni ed era più evidente, proprio a livello di abitudini (io andavo al liceo e i periodi in cui ero più libera erano le vacanze di Natale e quelle estive, che però corrispondevano alle sessioni per lui, che andava all'università).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 04, 2012, 10:33:18 pm
Il passato di gerontofila di Mbee: ecco cosa hai scoperto luca!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 10:34:43 pm
ma va 17-22 siamo nella normissima
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mbee - Settembre 04, 2012, 10:36:43 pm
ma va 17-22 siamo nella normissima

Io ero quasi l'unica, nella mia classe, ero molto invidiata infatti  :pfui:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 04, 2012, 10:37:37 pm
ahahah questo mi ha fatto venire in mente una cosa ma è meglio che non la dico
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Teresa - Settembre 05, 2012, 12:25:00 am
Il passato di gerontofila di Mbee: ecco cosa hai scoperto luca!

E allora mia mamma che si è messa con uno 10 anni più vecchio?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 05, 2012, 12:54:28 am
Non mi pare poi molto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Settembre 05, 2012, 09:13:18 am
ma va 17-22 siamo nella normissima

Io ero quasi l'unica, nella mia classe, ero molto invidiata infatti  :pfui:

Pure io l'ultimo anno di liceo stavo con uno di 5 anni più grande. Che di lavoro faceva il macellaio :asd: (non esattamente, ossia la sua famiglia aveva un piccolo supermercato e lui stava ovviamente anche al bancone gastronomia/salumeria, ma faceva più ridere dire che era macellaio)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 05, 2012, 09:26:13 am
Salumiere, allora...

Ma aveva le guance rubizze e la fronte sempre un po' sudata?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 05, 2012, 09:26:53 am
sempre interagito con coetanee anche se qualche interesse Mrs. Robinson c'è stato ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Settembre 05, 2012, 09:29:53 am
Salumiere, allora...

Ma aveva le guance rubizze e la fronte sempre un po' sudata?

Tuttofare, tagliava e serviva pure la carne e a volte aiutava nella macelleria dello zio.
Niente guance rubizze e fronte sudata, però da vero bottegaio di paese faceva i commentini ambigui alle sciure :sisisi:

sempre interagito con coetanee anche se qualche interesse Mrs. Robinson c'è stato ;D

Ma 5 anni non sono tanti
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 05, 2012, 09:31:36 am
oltre venti?!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Settembre 05, 2012, 09:32:21 am
oltre venti?!

eh, 20 sì invece
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 05, 2012, 09:32:32 am
sempre interagito con coetanee anche se qualche interesse Mrs. Robinson c'è stato ;D

E per... dire Lolita è eccessivo, ma comunque per una giovinetta?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 05, 2012, 09:33:07 am
ehm... al contrario... non io per...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 05, 2012, 09:33:37 am
Niente guance rubizze e fronte sudata, però da vero bottegaio di paese faceva i commentini ambigui alle sciure :sisisi:

Allora va bene.  :up:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 05, 2012, 09:35:30 am
sempre interagito con coetanee anche se qualche interesse Mrs. Robinson c'è stato ;D

E per... dire Lolita è eccessivo, ma comunque per una giovinetta?
Che cito Mrs. Robinson a fare, per indicare la direzione dell'interesse?!  ::)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 05, 2012, 09:43:28 am
Sì, ma magari poteva esserci anche l'opposto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 05, 2012, 09:53:38 am
beh, sarebbe davvero al limite del lolicon, dai...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 05, 2012, 09:56:29 am
Alla tua età?
No, ormai puoi avere degli affaire anche con ragazze molto più giovani senza andare nel lolitismo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 05, 2012, 09:58:00 am
Io ormai sono troppo vecchia per fare la lolitina del caso, ovviamente con mio grande rammarico.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 05, 2012, 10:08:34 am
Alla tua età?
No, ormai puoi avere degli affaire anche con ragazze molto più giovani senza andare nel lolitismo.
Per dire... una tipa che ultimamente trovo interessante ha 8 anni in meno... a me sembra una distanza iperspaziale...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 05, 2012, 12:31:05 pm
8 anni in meno è il minimo sindacale
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: mikyhell79 - Settembre 05, 2012, 09:36:21 pm
Ooooooohhh!!!   :occhicuore:   :vojo:
http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/09/04/foto/quei_disegni_in_citt_studi_dell_innamorato_senza_nome-41973038/1/?ref=HRESS-9
(http://i1040.photobucket.com/albums/b408/riverblog/Settembre_2012/Immagine.jpg?t=1346835566)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 05, 2012, 09:39:37 pm
significativa la foto all'Istituto Nazionale Tumori
avevo sentito dire che l'amore è una malattia, non pensavo così grave però
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Teresa - Settembre 05, 2012, 10:59:53 pm
Niente guance rubizze e fronte sudata, però da vero bottegaio di paese faceva i commentini ambigui alle sciure :sisisi:

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=EHf7MEUYl-I[/youtube]

d'obbligo... ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 05, 2012, 11:01:25 pm
8 anni in meno è il minimo sindacale
ti assicuri di non sembrare eccessivamente immaturo a confronto?  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Settembre 06, 2012, 09:53:56 am
Non si può splittare aprendo una nuova discussione sugli approcci?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 06, 2012, 10:19:50 am
tipo?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Settembre 06, 2012, 10:22:04 am
Tipo invece di infilare la domanda che potrebbe dare inizio a un thread normale in mille discussioni, aprirne una nuova col titolo che Lucaluca riterrà più appropriato all'uopo suo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 10:24:08 am
Tipo invece di infilare la domanda che potrebbe dare inizio a un thread normale in mille discussioni, aprirne una nuova col titolo che Lucaluca riterrà più appropriato all'uopo suo.
ma non risponderà nessuno a quella domanda  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 06, 2012, 10:27:20 am
'spetta, intendevo il tipo di approcci... tentativo standard di abbordo, tela del ragno, esposizione della fresca gioventù (con eventuali elementi di missisrobinismo o corrispettivo maschile), vie creative per favorire l'interazione, etc.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Settembre 06, 2012, 10:34:12 am
Il mio scopo non è creare tale discussione, sicché non me ne cale di cosa ci finirebbe dentro. Però mi stufa il disordine da OT diffusi, sono una mente semplice e la confusione mi confonde.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Settembre 06, 2012, 10:35:07 am
Tipo invece di infilare la domanda che potrebbe dare inizio a un thread normale in mille discussioni, aprirne una nuova col titolo che Lucaluca riterrà più appropriato all'uopo suo.
ma non risponderà nessuno a quella domanda  :asd:
Pazienza, a me è capitato un sacco di volte.

E poi qualcuno ha già risposto, qua e là.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 05:43:03 pm
(https://fbcdn-sphotos-e-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash4/394439_460985223941020_101517597_n.jpg)

Filosofia Archibald.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Settembre 06, 2012, 06:17:19 pm
Mi sembra molto ragionevole.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Settembre 06, 2012, 06:18:38 pm
bisogna solo trovarsi dalla parte del ricevente, e non è semplice
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 07:51:05 pm
8 anni in meno è il minimo sindacale
ti assicuri di non sembrare eccessivamente immaturo a confronto?  :asd:
eh no cara mia, esiste una spiegazione scientificissima a proposito
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 07:54:02 pm
La menopausa arriva prima dell'andropausa?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 07:55:24 pm
quello è un effetto collaterale, un minimo corollario della mia teoria
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 07:58:08 pm
ah se è una tua teoria sarà scientificissima di sicuro  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 07:59:44 pm
La menopausa arriva prima dell'andropausa?
non voglio spaventarvi, ma a molti uomini gli muore l'uccello molto prima della età della menopausa  :asd:
è la vyta moderna così poco salutare  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:00:47 pm
e quale sarebbe l'età della menopausa?
visto che tu sei scientifica (quella del quizzone per rimorchiare)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:01:46 pm
e poi l'uomo quando entra nella pace dei sensi trova altro da fare (rientra pure nella mia teoria)

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:02:15 pm
e quale sarebbe l'età della menopausa?
visto che tu sei scientifica (quella del quizzone per rimorchiare)
il quizzone te lo sei inventato tu  :patpat:
tra i 45 e i 50, iniorante.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:04:02 pm
e poi l'uomo quando entra nella pace dei sensi trova altro da fare (rientra pure nella mia teoria)


e la donna invece no, giusto?  :facepalm:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:06:49 pm
no è una plastica raffigurazione delle tue idee sul rimorchio.

Comunque la mia bellissima teoria è questa
1) le donne raggiungono la maturità in tutti i sensi prima dell'uomo
2) solo che quando raggiungono la maturità si bloccano e poi cominciano a regredire
3) l'uomo la raggiunge più tardi e in realtà continua a maturare in molti aspetti per lunghi anni, mentre la donna invece nel frattempo regredisce
4) quindi l'uomo più diventa vecchio più si allontana dalla coetanee perchè tende sempre verso donne mature e non regredite.
5) certo anche l'uomo ad una certa età comincia a regredire globalmente ma di solito molto più tardi

Tipo te nc 10 anni fa scommetto che gli scoiattoli non ci badavi nemmeno, ora sei regredita allo scoiattolismo e tra 10 anni ti vestirai da scoiattola gigante per andare a disneyland, quindi un tuo coetano che se ne farà tra 10 anni di una vestita da scoiattola?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:08:08 pm
e poi l'uomo quando entra nella pace dei sensi trova altro da fare (rientra pure nella mia teoria)


e la donna invece no, giusto?  :facepalm:
beh una donna in menopausa non significa sia nella pace dei sensi anzi, solo che impazzisce e fa quelle cose strane e regredite tipiche delle vecchie, intendo anni dopo la menopausa non con la menopausa


ah se ti servono le fonti scientifiche di sta teoria: me la sono inventata io.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 08:08:33 pm
Non fa una grinza.

 :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:09:23 pm
posso portare pure delle prove
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:14:01 pm

Tipo te nc 10 anni fa scommetto che gli scoiattoli non ci badavi nemmeno, ora sei regredita allo scoiattolismo e tra 10 anni ti vestirai da scoiattola gigante per andare a disneyland, quindi un tuo coetano che se ne farà tra 10 anni di una vestita da scoiattola?
ti sbagli, coltivo lo scoiattolismo da sempre, ma non trovavo tutto il materiale che trovo adesso su facebook :sisisi:


Citazione
Comunque la mia bellissima teoria è questa
1) le donne raggiungono la maturità in tutti i sensi prima dell'uomo
2) solo che quando raggiungono la maturità si bloccano e poi cominciano a regredire
3) l'uomo la raggiunge più tardi e in realtà continua a maturare in molti aspetti per lunghi anni, mentre la donna invece nel frattempo regredisce
4) quindi l'uomo più diventa vecchio più si allontana dalla coetanee perchè tende sempre verso donne mature e non regredite.
5) certo anche l'uomo ad una certa età comincia a regredire globalmente ma di solito molto più tardi
questa è solo una fantascientifica consolatoria convinzione nella quale si trastullano gli uomini per avallare e compiacere la loro endemica vecchioporcaggine  :asd:
li vedo i 35enni senza capelli e la pancetta, stanno ancora "maturando" sìsì  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:18:45 pm
il che ci riporta al tema già affrontato del ridicolo divario tra la percezione del decadimento fisico nell'uomo e nella donna nella società

l'uomo brizzolato? FASCINO! la donna brizzolata? VECCHIA STREGA!
l'uomo con le rughe? FASCINO! la donna con le rughe? DA ROTTAMARE!

ma fatevi un clistere di botox  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 06, 2012, 08:18:50 pm
Nessuno dei miei vecchi ha mai avuto problemi in quel senso...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:18:57 pm
le mie idee di sicuro non contemplano "scusa che musica ascolti? non ascolti i metallica? ah niente da fare"

Le tue risposte confermano la mia teoria
1) ovvio che fisicamente  dopo i 25/27 un uomo cede, ci mancherebbe, solo che è un'ossessione tipica femminile quella di pensare che tutto sia legato alla "forma fisica".
il discorso ovviamente non vale in generale, è ovvio che il 20 enne palestrato fa più colpo di uno col doppio degli anni su buona parte dell'universo femminile, ma non ha nulla a che fare con la maturità.
2) beh anche se fosse una fantasticheria consolatoria che te ne frega a te?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 08:19:40 pm
Quindi in base alla tua teoria che età dovrebbero avere quelle che dovrei cercare dalle quali dovrei farmi rimorchiare?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:20:12 pm
guarda che la percezione del decadimento fisico fa parte appunto della mia teoria, sono le donne le prime a regredire e a vedersi solo da quel punto di vista.

Certo ora tu tirerai fuori il maschilismo e blablabla, ma tant'è.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:20:26 pm
2) beh anche se fosse una fantasticheria consolatoria che te ne frega a te?
niente, godevo nel risvegliarvi dai vostri dolci sogni con una secchiata gelata  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:20:30 pm
quanti anni hai allevi?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 08:20:45 pm
Non vi dirò come Lurk definisce le donne sopra i 35.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:21:08 pm
2) beh anche se fosse una fantasticheria consolatoria che te ne frega a te?
niente, godevo nel risvegliarvi dai vostri dolci sogni con una secchiata gelata  :asd:
figurati l'autoillusione è più forte di qualsiasi cosa tu possa dire, e non è detto che l'illusa non sia tu
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 08:22:57 pm
quanti anni hai allevi?

Cristo, ma ancora? La tua memoria è proprio svizzera, eh? Nel senso di piena di buchi. 4 meno di te.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:24:43 pm
una 24/26 enne
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 08:25:35 pm
Se vabbé...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:26:01 pm
1) ovvio che fisicamente  dopo i 25/27 un uomo cede, ci mancherebbe, solo che è un'ossessione tipica femminile quella di pensare che tutto sia legato alla "forma fisica".
CAZZATONA EPOCALE, i discorsi sulle donne "tanto al chilo" che ho sentito da bocche maschili farebbero accapponare la pelle a qualsiasi coltivatore di pollame. Ossessione tipicamente femminile, come no  :asd:

La differenza è che spesso all'uomo della forma fisica SUA gliene fotte zero, in compenso pretende, pretende e pretende, da crasso egoista ed arrogante quale è.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:27:33 pm
mi ricordo ancora l'amico mio, rachitico ingobbito e sosia di gad lerner, che sindacava tutto schifato sugli 1,5 etti di cellulite delle passanti, cioè  :asd: :facepalm:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:27:59 pm
comunque la mia teoria va temperata con la saggezza pratica del grande e saggio maestro Casanova che bloccò la sua biografia ai 48 anni, dicendo che dopo venivano solo tristezze.
e se lo diceva lui nonostante il suo fisico e la sua vitalità eccezionali.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:30:29 pm
va beh nc tu continui a parlare di fisico fisico fisico, poi che tu ne dia la colpa agli uomini non cambia la mia impressione.
sembri quei preti che parlano sempre di peccato peccato peccato, ovvio che i peccatori per loro sono gli altri, ma l'ossessione del peccato è tutta loro.

comunque sta teoria in forma più ristretta l'ho letta pure da ortega y gasset, che ovviamente poi distingue due grandi categorie di uomini e donne
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 06, 2012, 08:30:41 pm
Io morirò il giorno prima di compiere 26 anni. E' già strano che ne abbia 25 e sia ancora viva.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:31:38 pm
e poi io sono una prova vivente della mia teoria
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:34:27 pm
va beh nc tu continui a parlare di fisico fisico fisico, poi che tu ne dia la colpa agli uomini non cambia la mia impressione.
sembri quei preti che parlano sempre di peccato peccato peccato, ovvio che i peccatori per loro sono gli altri, ma l'ossessione del peccato è tutta loro.

comunque sta teoria in forma più ristretta l'ho letta pure da ortega y gasset, che ovviamente poi distingue due grandi categorie di uomini e donne
oh perdonami lucaluca, davo per scontato che quando parlasti di maturazione e altre menate sventolando una non precisata "scientificità" parlassi dal punto di vista fisico. Quindi è molto molto peggio di quanto pensassi, stai dicendo che l'uomo matura più a lungo quindi di più e che la donna - com'è che hai detto? ah sì - "regredisce" prima, quindi diventa diciamo un po' rincoglionita giusto?  :facepalm: :facepalm: :facepalm:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 08:35:42 pm
Sì, certo, è ovvio che intenda quello.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:35:57 pm
scusate vado a pigliare le pillole dell'alzheimer, torno subito  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:36:52 pm
Sì, certo, è ovvio che intenda quello.
e tu gli dici pure che non fa un grinza  :facepalm:
basterebbe la sola esistenza di lucaluca-fredsanford a confutare interamente la sua teoria  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 08:39:01 pm
Taci tu, regredita.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 08:39:29 pm
(E comunque stiamo andando troppo OT, ci vuole Archibald).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:41:21 pm
ma ora voglio la spiegazione "scientifica" eh? non credere di passarla liscia  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:42:15 pm
beh io dico per ridere eh.
di che scientificità parli? che garantisco io? ahahahahahah
non ho alcuna teoria in proposito in realtà, solo che tu nc veramente ci hai la fissa del fisico, come potevo pensare alla regressione fisica?
fisicamente bene o male invecchieranno uguale no?
L'invecchiamento fisico mica è una regressione, fisicamente poi sarà diverso da persona a persona e non in base al sesso.
In base al sesso di solito cambia solo il tipo di invecchiamento (chessò gli uomini perdono i capelli le donne gli cadono le tette).
Era ovvio che nella mia scintificissima teoria parlare di qualcosa di più generico e non fisico, anche il modo di reagire all'invecchiamento fa parte di questo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:43:10 pm
Sì, certo, è ovvio che intenda quello.
e tu gli dici pure che non fa un grinza  :facepalm:
basterebbe la sola esistenza di lucaluca-fredsanford a confutare interamente la sua teoria  :asd:
cioè mi stai dando del rincoglionito?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:44:25 pm
beh a 20 stavo con una coetanea a 30 con una con 8 anni di meno ed ora a 40 con una che ne ha 14 di meno.
quindi sarei al contrario una prova vivente.
Certo ora tu tirerai fuori il maschilismo oppure che le ho costrette con l'ipnosi o la magia nera.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 06, 2012, 08:47:09 pm
Certo ora tu tirerai fuori il maschilismo oppure che le ho costrette con l'ipnosi o la magia nera.

Io voto per la terza che hai detto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:49:39 pm
beh io dico per ridere eh.
di che scientificità parli? che garantisco io? ahahahahahah
non ho alcuna teoria in proposito in realtà, solo che tu nc veramente ci hai la fissa del fisico, come potevo pensare alla regressione fisica?
era l'unica che potevi sperare di dimostrare "scientificamente" (non che ci sperassi troppo, conoscendoti), a rigor di logica solo di quello potevi parlare. Ma tu non sei logico  :sisisi:

Era ovvio che nella mia scintificissima teoria parlare di qualcosa di più generico e non fisico, anche il modo di reagire all'invecchiamento fa parte di questo
non hai ancora esplicitato appieno i termini di questa regressione nè spiegato la tua teoria però, devi limare i termini della cazzatona alla luce delle ultime considerazioni?  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:50:33 pm
Sì, certo, è ovvio che intenda quello.
e tu gli dici pure che non fa un grinza  :facepalm:
basterebbe la sola esistenza di lucaluca-fredsanford a confutare interamente la sua teoria  :asd:
cioè mi stai dando del rincoglionito?
a volte, un po'  :fischietta:

:canecorre:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:51:19 pm
Certo ora tu tirerai fuori il maschilismo oppure che le ho costrette con l'ipnosi o la magia nera.

Io voto per la terza che hai detto.
anche io
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 08:53:24 pm
NC sono veramente allibito!
ho scritto una cosa dichiaratamente da ridere, inventata al momento, e tu stai seriamente discutendo di questo?

Guarda che a me va benissimo essere un vecchio rimbambito che spara cazzate, e con questo amen.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 08:59:50 pm
NC sono veramente allibito!
ho scritto una cosa dichiaratamente da ridere, inventata al momento, e tu stai seriamente discutendo di questo?
l'avevi articolata così bene per punti che sembrava una delle tue supercazzole vere  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 09:03:13 pm
Perché, c'è differenza?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 09:06:14 pm
beh in parte ci credo, ripeto sono anche cose scritte da altri, pure Casanova faceva dei discorsi simili, ovviamente con delle sottigliezze e analisi di cui io non sono in grado
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 09:07:00 pm
e vabbhè in questo forum a bilanciare dei saggi intelligentoni logici come voi ci vuole uno stupido rimbambito come me, mi pare ovvio.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 06, 2012, 09:08:03 pm
beh in parte ci credo,
(http://cdn-static.zdnet.com/i/story/60/05/003301/nelson-muntz.gif)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 09:11:20 pm
beh tu credi sempre e comunque al tuo sacchettino di stereotipi antimaschilisti.
quindi siamo pari (almeno per me)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Settembre 06, 2012, 09:39:36 pm
La menopausa arriva prima dell'andropausa?
non voglio spaventarvi, ma a molti uomini gli muore l'uccello molto prima della età della menopausa  :asd:
è la vyta moderna così poco salutare  :sisisi:

di contro la jolanda muore solo col resto del corpo ;D

NC sono veramente allibito!
ho scritto una cosa dichiaratamente da ridere, inventata al momento, e tu stai seriamente discutendo di questo?

Guarda che a me va benissimo essere un vecchio rimbambito che spara cazzate, e con questo amen.

ti ci vedo come uno di quei vecchi cercatori d'oro mezzi matti dei film western.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 09:41:41 pm
appena mi compro il metal detector.

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Settembre 06, 2012, 09:43:32 pm
ancora tua moglie non ti ha distolto dal proposito?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 09:45:02 pm
lei non si rende conto che così diventeremo spaventosamente ricchi.
le donne non capiscono mai un cazzo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 09:46:47 pm
ti ci vedo come uno di quei vecchi cercatori d'oro mezzi matti dei film western.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=pYJpM475RHk[/youtube]

Tipo questo?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Settembre 06, 2012, 09:49:17 pm
questo non è matto però. intendo quelli sempre ubriachi fuori dai saloon, spesso con le mutande lunghe rosse o bagnati fradici per essere caduti nell'abeveratoio.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2012, 09:52:18 pm
Walter Brennan...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Settembre 06, 2012, 09:52:27 pm
a me nessuno mi ha mai buttato dentro un abbeveratoio, capito signorina maestrina!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Settembre 07, 2012, 09:42:04 am
Ma no, ci cadi da solo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 07, 2012, 09:45:40 am
Mae tu e tuo marito a che punto siete? stai già regredendo?  :asd:

è per la scienza  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Settembre 07, 2012, 09:46:34 am
Mio marito è anziano, ha tre anni più di me. Io sono una giovane e guizzantissima donna rassegnata.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 07, 2012, 09:48:24 am
Mio marito è anziano, ha tre anni più di me.
anche il mio  :sisisi:

(http://ilpranzodibabette.blog.deejay.it/files/photos/uncategorized/2008/01/26/a54083651a2f00d1d7b50f4a881f0d44.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Settembre 07, 2012, 02:22:10 pm
scusate vado a pigliare le pillole dell'alzheimer, torno subito  :asd:

Le hai prese un'ora fa.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Settembre 07, 2012, 02:25:18 pm
a me nessuno mi ha mai buttato dentro un abbeveratoio, capito signorina maestrina!

non ancora ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Settembre 07, 2012, 02:25:32 pm
scusate vado a pigliare le pillole dell'alzheimer, torno subito  :asd:

Le hai prese un'ora fa.
:rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 05, 2012, 05:15:26 pm
Alla tua età?
No, ormai puoi avere degli affaire anche con ragazze molto più giovani senza andare nel lolitismo.
Per dire... una tipa che ultimamente trovo interessante ha 8 anni in meno... a me sembra una distanza iperspaziale...
Sono 7...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 05, 2012, 08:16:08 pm
Citazione
Che poi gli piaccia piangersi addosso per vezzo, è un altro conto.

Mi ero persa 'sto pandemonio :o

purple ma questo è un genio;
il manualetto del broccatore selvaggio ce l'ha dentro il cervello...
cerca la scintilla...
una gliela spenge...
e la prossima lo consola :sciuretta:

PENTATHOL :ghismundicon: :ghismundicon:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 06, 2012, 08:03:49 am
Il mi' homo sostiene che , avendo questo individuo avuto una fortuna, (intesa come sorte :predica:) sfacciata fino ai 26 anni, è arrivato un po' "lungo" di una decina  di anni e ora il poverino ;D si annoia.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mirtillosa° - Novembre 06, 2012, 11:43:36 am
Mio marito è anziano, ha tre anni più di me.
anche il mio  :sisisi:

(http://ilpranzodibabette.blog.deejay.it/files/photos/uncategorized/2008/01/26/a54083651a2f00d1d7b50f4a881f0d44.jpg)


anche il mio, ma sembrano 30
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 10, 2012, 03:36:52 am
Mi sa che devo riesumare questo topic per Ste: questa sera si è fatto due diverse tipe e una terza che lo cercava l'ha dovuta rimandare a domenica.
Sostanzialmente è il tipo con il quale le ragazze tradiscono il proprio moroso, anche se ovviamente poi non ne nascono grandi storie; ma per ora, pur lamentandosene ogni tanto, la cosa non lo disturba troppo. Il punto è che, a differenza der Depresseraro, ha ancora 25 anni.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 10, 2012, 04:06:47 am
Devi esserne contento allevi: statisticamente ve ne siete fatte una a testa!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 10, 2012, 11:23:37 am
Devi esserne contento allevi: statisticamente ve ne siete fatte una a testa!

E' la distribuzione pro capite che è preoccupante...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 10, 2012, 11:24:50 am
Già.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 10, 2012, 02:25:32 pm
due insieme?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 10, 2012, 02:28:45 pm
Mi ero chiesto la stessa cosa ma siccome sono un giovine per bene non ho posto questa domanda imbarazzante a Messer Allevy.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 10, 2012, 02:34:11 pm
ecco che arrivo io che non ho di questi problemi ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 10, 2012, 08:01:10 pm
Mi sa che devo riesumare questo topic per Ste: questa sera si è fatto due diverse tipe e una terza che lo cercava l'ha dovuta rimandare a domenica.
Sostanzialmente è il tipo con il quale le ragazze tradiscono il proprio moroso, anche se ovviamente poi non ne nascono grandi storie; ma per ora, pur lamentandosene ogni tanto, la cosa non lo disturba troppo. Il punto è che, a differenza der Depresseraro, ha ancora 25 anni.

Di che si lamenta? Del fatto di non avere grandi storie? E allora perché concupisce donne impegnate?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 10, 2012, 08:43:51 pm
Mi sa che devo riesumare questo topic per Ste: questa sera si è fatto due diverse tipe e una terza che lo cercava l'ha dovuta rimandare a domenica.
Sostanzialmente è il tipo con il quale le ragazze tradiscono il proprio moroso, anche se ovviamente poi non ne nascono grandi storie; ma per ora, pur lamentandosene ogni tanto, la cosa non lo disturba troppo. Il punto è che, a differenza der Depresseraro, ha ancora 25 anni.

Di che si lamenta? Del fatto di non avere grandi storie? E allora perché concupisce donne impegnate?
non capisci il dramma di questi rimorchiatori da bar di oggi... Loro cercano il vero amore, ma  vengono irretiti da spietate diavolesse che vogliono solo il loro corpo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 11, 2012, 12:21:13 am
due insieme?

No, una a inizio serata, una alla fine.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 11, 2012, 01:17:56 am
Mi sa che devo riesumare questo topic per Ste: questa sera si è fatto due diverse tipe e una terza che lo cercava l'ha dovuta rimandare a domenica.
Sostanzialmente è il tipo con il quale le ragazze tradiscono il proprio moroso, anche se ovviamente poi non ne nascono grandi storie; ma per ora, pur lamentandosene ogni tanto, la cosa non lo disturba troppo. Il punto è che, a differenza der Depresseraro, ha ancora 25 anni.

Di che si lamenta? Del fatto di non avere grandi storie? E allora perché concupisce donne impegnate?
non capisci il dramma di questi rimorchiatori da bar di oggi... Loro cercano il vero amore, ma  vengono irretiti da spietate diavolesse che vogliono solo il loro corpo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6WzW6NYuxYs[/youtube]
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Novembre 11, 2012, 09:18:24 am
Mi sa che devo riesumare questo topic per Ste: questa sera si è fatto due diverse tipe e una terza che lo cercava l'ha dovuta rimandare a domenica.
Sostanzialmente è il tipo con il quale le ragazze tradiscono il proprio moroso, anche se ovviamente poi non ne nascono grandi storie; ma per ora, pur lamentandosene ogni tanto, la cosa non lo disturba troppo. Il punto è che, a differenza der Depresseraro, ha ancora 25 anni.

Di che si lamenta? Del fatto di non avere grandi storie? E allora perché concupisce donne impegnate?
non capisci il dramma di questi rimorchiatori da bar di oggi... Loro cercano il vero amore, ma  vengono irretiti da spietate diavolesse che vogliono solo il loro corpo.


ma infatti il discorso è sempre il solito... di che si lamentano se vanno a rimorchiare nei locali dopocena? io ho  amici che vanno così, ma lungii da loro l'idea di lamentarsene, anzi
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 11, 2012, 10:22:33 am
Non è che vanno proprio a rimorchiare nei locali... o non sempre comunque.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 11, 2012, 10:26:42 am
...facendo conoscere ste al depresseraro, dici che si annichilirebbero a vicenda, innescherebbero invece una sorta di fissione erotico nucleare nelle femmine della zona, oppure ancora si scoprirebbero essi stessi metà separate, recuperando, finalmente, insieme, loro due, la primigenia, e perduta, unità nell'Ammore?!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 11, 2012, 10:33:24 am
Ma Ste è da poco che è diventato così.
Mi diceva l'altra notte che è stata una che lpha fatto molto molto soffrire che, allo stesso tempo, gli ha dato confidenza.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 11, 2012, 12:50:55 pm
...facendo conoscere ste al depresseraro, dici che si annichilirebbero a vicenda, innescherebbero invece una sorta di fissione erotico nucleare nelle femmine della zona, oppure ancora si scoprirebbero essi stessi metà separate, recuperando, finalmente, insieme, loro due, la primigenia, e perduta, unità nell'Ammore?!
:rotfl: :rotfl: :rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 11, 2012, 01:02:23 pm
Mah. Mi sembrano persone che non hanno le idee chiare su ciò che vogliono, o che non sanno come ottenerlo. Non è che sia facile o automatico trovare l'ammmmòre, però se fai sempre la stessa cosa e non ottieni quello che vuoi, devi provare a fare qualcos'altro, no? Non dico che l'amore si trovi sempre, che per ciascuno ci sia un'anima gemella. Però secondo me aiuta non avere femmine disinteressate intorno, se si vuole attirarne una interessata. E ci si abbatte soltanto a farsi illusioni su rimorchiature di mezza serata (capisco che Ste invece sia triste perché "gli riesce" il broccolamento ma non la relazione).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 11, 2012, 02:13:09 pm
due insieme?

No, una a inizio serata, una alla fine.

ciu is megl che uan

...facendo conoscere ste al depresseraro, dici che si annichilirebbero a vicenda, innescherebbero invece una sorta di fissione erotico nucleare nelle femmine della zona, oppure ancora si scoprirebbero essi stessi metà separate, recuperando, finalmente, insieme, loro due, la primigenia, e perduta, unità nell'Ammore?!

hai vinto! ;D ;D ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 11, 2012, 02:15:32 pm
...facendo conoscere ste al depresseraro, dici che si annichilirebbero a vicenda, innescherebbero invece una sorta di fissione erotico nucleare nelle femmine della zona, oppure ancora si scoprirebbero essi stessi metà separate, recuperando, finalmente, insieme, loro due, la primigenia, e perduta, unità nell'Ammore?!
:rotfl: :rotfl: :rotfl:

per me andrebbe esattamente così
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 11, 2012, 02:44:24 pm
[ma infatti il discorso è sempre il solito... di che si lamentano se vanno a rimorchiare nei locali dopocena? io ho  amici che vanno così, ma lungii da loro l'idea di lamentarsene, anzi

ai miei tempi ci si lamentava se non si scopava nulla, però non ho mai sentito nessuno dire che non aveva beccato nulla, anzi aveva tirato su come minimo 3 pescigatto e il più grosso aveva spezzato la lenza ma era na bestia così.
ah sì mi ero confuso con la pesca ma il concetto va bene.

Allevi ti ripeto non preoccuparti per i tuoi amici che scopano preoccupati per te che stai lì  a guardarli (guardone)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 11, 2012, 04:27:39 pm
Mah. Mi sembrano persone che non hanno le idee chiare su ciò che vogliono, o che non sanno come ottenerlo. Non è che sia facile o automatico trovare l'ammmmòre, però se fai sempre la stessa cosa e non ottieni quello che vuoi, devi provare a fare qualcos'altro, no? Non dico che l'amore si trovi sempre, che per ciascuno ci sia un'anima gemella. Però secondo me aiuta non avere femmine disinteressate intorno, se si vuole attirarne una interessata. E ci si abbatte soltanto a farsi illusioni su rimorchiature di mezza serata (capisco che Ste invece sia triste perché "gli riesce" il broccolamento ma non la relazione).

Oppure, molto semplicemente, non se la sentono di impegnarsi davvero in una relazione stabile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 11, 2012, 05:07:52 pm
lucaluca per favore dimmi a che ora uscire, perchè esco poco e non vorrei trovarmi im mezzo a rissa per il Desepressero :asd: :asd: :asd:
 
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 11, 2012, 05:21:45 pm
Mah. Mi sembrano persone che non hanno le idee chiare su ciò che vogliono, o che non sanno come ottenerlo. Non è che sia facile o automatico trovare l'ammmmòre, però se fai sempre la stessa cosa e non ottieni quello che vuoi, devi provare a fare qualcos'altro, no? Non dico che l'amore si trovi sempre, che per ciascuno ci sia un'anima gemella. Però secondo me aiuta non avere femmine disinteressate intorno, se si vuole attirarne una interessata. E ci si abbatte soltanto a farsi illusioni su rimorchiature di mezza serata (capisco che Ste invece sia triste perché "gli riesce" il broccolamento ma non la relazione).

Oppure, molto semplicemente, non se la sentono di impegnarsi davvero in una relazione stabile.

Appunto: non hanno le idee chiare su ciò che vogliono. Se non se la sentono, perché lamentarsi se non ce l'hanno?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 11, 2012, 08:21:14 pm
lucaluca per favore dimmi a che ora uscire, perchè esco poco e non vorrei trovarmi im mezzo a rissa per il Desepressero :asd: :asd: :asd:
 
Donna Ghismunda sempre ai suoi servigi, tiro fuori il sestante, la sfera delle magie  e il calcolatore ayurvedico dei bioritmi.
Mi faccio due passi per il cammino della piccola conoscenza: puoi uscire tranquilla tutte le sere e le mattine, evita di uscire quando ci sta scirocco.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 13, 2012, 12:18:55 pm
Purtroppo questa storia me ne ha fatta venire in mente un'altra :furioso: :furioso: :furioso:

lei 21 fresca come una rosa (grossi-grossi problemi si anoressia alle spalle)
lui 39 "ragazzo facile" che vogliometterelatestaapostoadognicosto

Sposalizio in campagna sposa incinta e radiosa.
nasce una spendida bimba (il mascalzone aveva gusti fini)
Lei ripiomba nel tunnel peso-perfetto/moglieperfatta
Lui continua con la solita abitudine di broccolare il broccolabile E zing di conseguenza.
Due solitudini che si incontrarono?
All'inizio erano "anime affini" poi la distruzione :brrr: :brrr: :brrr: :brrr:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 12:23:45 pm
Ah sì dovevo aggiornarvi: Ste con la francese sta facendo il difficile, le dà buca, cioè rimanda l'incontro, per effettivi motivi di lavoro, ma dice di essere contento di non averla vista non appena gli aveva scritto "mi sono lasciata col ragazzo ho voglia di vederti"; perché - parole di Ste stesso - "io con questa ci voglio uscire, non voglio essere la scopata di reazione alla fine della relazione poi subito mollato".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 12:29:24 pm
Ma Ste è da poco che è diventato così.
Mi diceva l'altra notte che è stata una che l'ha fatto molto molto soffrire che, allo stesso tempo, gli ha dato confidenza.

Quindi ora si consola con due/tre ragazze al giorno per dimenticarla?
 :asd:

Ah sì dovevo aggiornarvi: Ste con la francese sta facendo il difficile, le dà buca, cioè rimanda l'incontro, per effettivi motivi di lavoro, ma dice di essere contento di non averla vista non appena gli aveva scritto "mi sono lasciata col ragazzo ho voglia di vederti"; perché - parole di Ste stesso - "io con questa ci voglio uscire, non voglio essere la scopata di reazione alla fine della relazione poi subito mollato".

Cioè disdegna la sua stessa tattica  :sgratsgrat:
Egoista  :nanna:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 12:39:07 pm
No, non per consolarsi, non è quello il punto, ma il fatto che stare con lei l'ha convinto che poteva ambire alle ragazze bellissime e in generale essere confidente in se stesso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 13, 2012, 12:40:09 pm
Purtroppo questa storia me ne ha fatta venire in mente un'altra :furioso: :furioso: :furioso:

lei 21 fresca come una rosa (grossi-grossi problemi si anoressia alle spalle)
lui 39 "ragazzo facile" che vogliometterelatestaapostoadognicosto

Sposalizio in campagna sposa incinta e radiosa.
nasce una spendida bimba (il mascalzone aveva gusti fini)
Lei ripiomba nel tunnel peso-perfetto/moglieperfatta
Lui continua con la solita abitudine di broccolare il broccolabile E zing di conseguenza.
Due solitudini che si incontrarono?
All'inizio erano "anime affini" poi la distruzione :brrr: :brrr: :brrr: :brrr:
se uno nasce tondo non muore quadro, inutile illudersi del contrario  ::)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 13, 2012, 12:46:54 pm
Citazione
Cioè disdegna la sua stessa tattica 
Egoista

 :clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 13, 2012, 12:47:49 pm
Citazione
se uno nasce tondo non muore quadro, inutile illudersi del contrario

Dura lex sed lex :preteincazzato:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 13, 2012, 12:49:29 pm
Allevi 'sto qui segue il  "flusso"

pensa a te 'na  bona volta :sciuretta: :sciuretta: :sciuretta:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 12:52:38 pm
No, non per consolarsi, non è quello il punto, ma il fatto che stare con lei l'ha convinto che poteva ambire alle ragazze bellissime e in generale essere confidente in se stesso.

Quindi non ho capito: questa gli piace così tanto che l'ha reso sicuro di sè da andare con tutte le bellone che gli garbano?
Ora però è pentito e torna da quella che non è più occupata.

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 13, 2012, 12:59:55 pm
Misia prova
 la FXXA è il campo elettromagnetico.
er Depressero segue "il flusso" annusa l'aria sente gli ormoncini femmili che lo cercano e "segue il suo istinto animale".
Poi si pente e cerca di meglio.
 Schema fisico
http://www.lyra.it/scuola/moodle/mod/resource/view.php?id=135 (http://www.lyra.it/scuola/moodle/mod/resource/view.php?id=135)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 01:03:27 pm
Misia prova
 la FXXA è il campo elettromagnetico.
er Depressero segue "il flusso" annusa l'aria sente gli ormoncini femmili che lo cercano e "segue il suo istinto animale".
Poi si pente e cerca di meglio.
 Schema fisico
http://www.lyra.it/scuola/moodle/mod/resource/view.php?id=135 (http://www.lyra.it/scuola/moodle/mod/resource/view.php?id=135)

 :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 01:06:07 pm
No, non per consolarsi, non è quello il punto, ma il fatto che stare con lei l'ha convinto che poteva ambire alle ragazze bellissime e in generale essere confidente in se stesso.

Quindi non ho capito: questa gli piace così tanto che l'ha reso sicuro di sè da andare con tutte le bellone che gli garbano?
Ora però è pentito e torna da quella che non è più occupata.

Forse qui ci stiamo confondendo: quella che ha reso sicuro Ste è una sua ex, che chiameremo "la spagnola" come l'influenza, perché ciò che non ammazza fortifica (e perché banalmente ha quella nazionalità), con la quale è stato insieme per un periodo relativamente lungo per la sua giovane età e per il suo stile, che l'ha fatto molto soffrire ai tempi, ma che ora ringrazia per come l'ha temprato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 01:09:41 pm
Per altro ieri sera al bar io, Ema, Ste ed Ele abbiamo parlato proprio di questo, cioè delle diverse esperienze relativamente alla durata dei rapporti nel nostro passato (Ema e Ste fuori standard per brevità, io fuori standard per lunghezza, Ele tutto sommato la più normale), di cosa vogliamo in una relazione etc. etc. e in particolare si sono molto prodigati a dare consigli a me, del tipo non richiesto o inefficace, ma comunque mi ha fatto piacere.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 01:14:11 pm
Ok, ma questa allora non è una delle tante, giusto?
"io con questa ci voglio uscire, non voglio essere la scopata di reazione alla fine della relazione poi subito mollato".

Quello che voglio dire invece è che non è detto che se allunga il brodo lei non lo consideri invece "uno dei tanti"  ;)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 13, 2012, 01:19:16 pm
No, non per consolarsi, non è quello il punto, ma il fatto che stare con lei l'ha convinto che poteva ambire alle ragazze bellissime e in generale essere confidente in se stesso.

Quindi non ho capito: questa gli piace così tanto che l'ha reso sicuro di sè da andare con tutte le bellone che gli garbano?
Ora però è pentito e torna da quella che non è più occupata.

Forse qui ci stiamo confondendo: quella che ha reso sicuro Ste è una sua ex, che chiameremo "la spagnola" come l'influenza, perché ciò che non ammazza fortifica (e perché banalmente ha quella nazionalità), con la quale è stato insieme per un periodo relativamente lungo per la sua giovane età e per il suo stile, che l'ha fatto molto soffrire ai tempi, ma che ora ringrazia per come l'ha temprato.


"Temprato" a? Fare il ragazzofacile? Non ho capito.

Comunque posso dire una cosa impopolare? Tutti 'sti problemi non riesco a seguirli.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 01:19:47 pm
Certo che non è detto.
Però Ste pensa comunque che buttarsi immediatamente tra le sue braccia non sarebbe stato il migliore inizio in vista di far durare il rapporto.
Considerate che i due si sono di fatto già detto di piacersi, ma non si sono mai nemmeno baciati, tra l'altro proprio perché aveva il moroso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 01:21:23 pm
Comunque posso dire una cosa impopolare? Tutti 'sti problemi non riesco a seguirli.

Non è impopolare, perché da quello che viene fuori nemmeno io li seguo  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 01:22:38 pm
Che poi, disciamolo, anche Ema potrebbe entrare di diritto nella categoria del ragazzo facile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 01:23:54 pm
Certo che non è detto.
Però Ste pensa comunque che buttarsi immediatamente tra le sue braccia non sarebbe stato il migliore inizio in vista di far durare il rapporto.
Considerate che i due si sono di fatto già detto di piacersi, ma non si sono mai nemmeno baciati, tra l'altro proprio perché aveva il moroso.

Ammazza che complicato  :P
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 13, 2012, 01:25:21 pm
Descritti in questa maniera, a me danno l'impressione di essere poco più che dei ragazzini troppo cresciuti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 01:26:22 pm
Che poi, disciamolo, anche Ema potrebbe entrare di diritto nella categoria del ragazzo facile.

Ma come età è più grande di Ste, giusto?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 01:28:34 pm
Ste è nel suo pieno diritto, avendo 25 anni; per Ema che ne ha 33 può essere vero. Anche perché Ema vorrebbe in pura teoria una donna per la vita, ma proprio non ci riesce visto che mette pochissimo impegno nelle relazioni e non appena ha un momento di stanchezza vuole cambiare.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 01:29:09 pm
Che poi, disciamolo, anche Ema potrebbe entrare di diritto nella categoria del ragazzo facile.

Ma come età è più grande di Ste, giusto?

Sì, e il Depresseraro anche di più, ne ha 36.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 01:32:02 pm
Come vi dicevo già le altre volte attualmente Ema sta con la stessa ragazza da febbraio, ma come ammette lui stesso è perché è lei (Alessia, Ale) a metterci tutto l'impegno del mondo e a voler fortemente tenere in piedi la relazione; anche perché la sua esperienza è opposta: Ema è il secondo ragazzo di tutta la sua vita.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 13, 2012, 01:47:04 pm
Ste è nel suo pieno diritto, avendo 25 anni; per Ema che ne ha 33 può essere vero. Anche perché Ema vorrebbe in pura teoria una donna per la vita, ma proprio non ci riesce visto che mette pochissimo impegno nelle relazioni e non appena ha un momento di stanchezza vuole cambiare.

Mica sembrano ragazzini troppo cresciuti perché vanno a donne, eh?
Ma perché si fanno problemi da sedicenni babbei.
Sempre SE quello che dici è vero e SE si limita a questo.

Oltre al fatto che l'età non dà diritto proprio a una sega, a mio parere.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 13, 2012, 01:51:29 pm
Ema vorrebbe in pura teoria una donna per la vita [...] non appena ha un momento di stanchezza vuole cambiare.
ecco la donna ideale di Ema

(http://www.cisi.unito.it/progetti/shining/film/danny3.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 02:17:59 pm
Theo, quello che dico è vero ma ovviamente non si limita a questo, come puoi anche solo immaginare di pensarlo?
Comunque francamente sei troppo un censore arcigno.

E l'età dà diritto eccome: a 25 se ne hai la capacità e la disinvoltura fai bene a saltare da un letto all'altro, sempre restando l'utilizzo delle dovute precauzioni.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 02:24:55 pm
non è che servono chissà quali capacità basta un bel visin!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 02:26:22 pm
non ho capito Donna Ghismunda cosa intenda per FXXA (che è una equazione algebrica?)
Ho però un'altra interpretazione su perchè la Spagnola è detta Spagnola, soprattutto se ci ha le tette grosse
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 13, 2012, 02:28:08 pm
c'è chi l'dareisa la vita intera, per un basin d'un bel visin...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 13, 2012, 02:29:00 pm
Non hai capito proprio.

Qui il censore arcigno non sono certo io.
A 25 fai bene*, e fai bene anche a 35 o a 40 o a 125.

Solo che, a differenza di un sedicenne babbeo, devi avere la maturità di comprendere le situazioni in cui ti trovi a "cacciare" e le conseguenze dei tuoi comportamenti, capacità che mi pare i tuoi amici non dimostrino troppo, almeno da come li descrivi. E la stessa cosa ti è stata ripetuta nelle pagine passate da parecchie colleghe del forum.



*secondo chi, poi?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 02:41:15 pm
No, no avevo capito, ma rimane il fatto che sei un censore arcigno, nei giudizi che dai, in come ti esprimi in generale; per altro io penso che chi in amore non è un sedicenne babbeo sia quasi sempre uno stronzo.

Secondo chi? Secondo me. Per me l'età costituisce una differenza: da molto giovani si ha il diritto di combinare casini sentimentali, comprendendo anche il danno collaterale di far soffrire qualcuno, diritto che scema man mano che gli anni passano.

In ogni caso Ste il suo farfallonismo se lo gestisce piuttosto bene, è contento di scopare spesso donne diverse (anche se gli dà fastidio scoprire che, una volta su due, la ragazza ha già una relazione ufficiale, e il fatto è che spesso lo viene a sapere solo dopo, tanto che quando lo sa prima lascia perdere) e vive soddisfatto; chi ha problemi a gestire la propria vita sentimentale e non è capace di coerenza tra aspirazioni e pulsioni è Ema (e ancora di più er Depresseraro, che poi sta anche clinicamente male).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 02:42:50 pm
bizanturchino sei un censore arcigno e rompi pure il casso: lasciali fare sti figlioli altrimenti noi che leggiamo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 13, 2012, 02:45:13 pm
un casso più, senza casso...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 02:52:38 pm
Ema sta con la stessa ragazza da febbraio, ma come ammette lui stesso è perché è lei (Alessia, Ale) a metterci tutto l'impegno del mondo e a voler fortemente tenere in piedi la relazione

Questo è un po' triste però  :-\
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 02:55:42 pm
Ema Ale la birra per i vampiri
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 02:58:30 pm
Eh sì: Ema è una persona fortemente sballottata da pulsioni contrarie, sia in campo sentimentale sia in altri campi come quello lavorativo o quello musicale.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 13, 2012, 03:00:16 pm

Ma Ste e la francese non potrebbero semplicemente frequentarsi senza pensarci troppo su e poi se son rose fioriranno?  ???

Non sono d'accordo sul fatto che se combini danni sentimentali e soprattutto fai soffrire l'altro ma sei giovane non c'è problema, se sei stronzo lo sei già a vent'anni  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 13, 2012, 03:09:04 pm
saranno un gran mare di cazzate da cazzeggio ma resta divertente leggerle... ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 13, 2012, 03:11:32 pm
Ema Ale la birra per i vampiri

non è male
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 13, 2012, 03:12:31 pm
Ema Ale la birra per i vampiri

non è male

email
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 03:16:49 pm
Ema Ale la birra per i vampiri

non è male

Sai che l'ho capita solo ora?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 03:18:30 pm
Ma Ste e la francese non potrebbero semplicemente frequentarsi senza pensarci troppo su e poi se son rose fioriranno?  ???

E' quello che Ste intende fare, solo che fino a venerdì lei aveva il fidanzato. Si incontreranno per la prima volta con lei libera giovedì.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 13, 2012, 03:19:36 pm
No, no avevo capito, ma rimane il fatto che sei un censore arcigno, nei giudizi che dai, in come ti esprimi in generale

Oh yes, and I'm proud of it.  :pfui:

(http://www.magictime.it/cards/DI/Grand%20Arbiter%20Augustin%20IV.full.jpg)

Attenzione, però. Io non ho mai usato categorie anni '50 (cit.) tipo "farfallonismo" o "ragazzo facile" o "oggetto sessuale" o "relazione seria", quindi il concetto di "censore" va quantomeno circostanziato.

Comunque, mi spiace ribadirlo, ma da come li descrivi i comportamenti di queste persone sembrano molto infantili.
Sicuramente queste persone nello specifico non saranno tali, ma uno non può valutare le cose immaginando dietrologie personali che il più delle volte non fornisci, o che fornisci in seconda istanza. E' accaduta la stessa cosa con il caso del Dep, per il quale praticamente tutte le ragazze del forum ti hanno (a ragione) fatto notare che il lamento non aveva alcun senso, considerando le circostanze della limonata. Il suo stare clinicamente male non invalida la valutazione generale del caso "ragazzo facile", che poi mi pare fosse ciò che tu richiedevi.

Nel caso di Ste, non capisco dove sia la questione, se dici che non si fa problemi ad andare a donne diverse. Anche io posso considerare quantomeno furbo evitare di andare con donne già impegnate, per sfuggire a rogne quasi inevitabili.
Poi se la francese sarà così corretta da smollare il fidanzato per una nuova relazione con Ste, buon per lui.

per altro io penso che chi in amore non è un sedicenne babbeo sia quasi sempre uno stronzo.

Questa è una delle più epocali stronzate mai sentite (a proposito di censore arcigno).  :asd:
Per non parlare dei "diritti sentimentali" dei giovani (in questo quoto Adriana).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 13, 2012, 03:24:47 pm

Diciamo che fra il 'sedicenne babbeo' e lo 'stronzo' dovrebbe esserci la categoria 'persone equilibrate'. Dovrebbe.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 03:27:16 pm
Ema Ale la birra per i vampiri

non è male

Sai che l'ho capita solo ora?
intendevo dire  che ale suona come una birra e ema come ematico quindi ricorda il sangue, quindi la birra del sangue quindi la birra per vampiri, che bevono notoriamente sangue.

Non chiedermi di tradurti pure la pappardellla di bizanturchino
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 13, 2012, 03:28:47 pm
Ema Ale la birra per i vampiri

non è male

Sai che l'ho capita solo ora?
intendevo dire  che ale suona come una birra e ema come ematico quindi ricorda il sangue, quindi la birra del sangue quindi la birra per vampiri, che bevono notoriamente sangue.

Non chiedermi di tradurti pure la pappardellla di bizanturchino

Beh, questa era ancora più stele di rosetta della mia, eh? ^^
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 03:30:34 pm

Diciamo che fra il 'sedicenne babbeo' e lo 'stronzo' dovrebbe esserci la categoria 'persone equilibrate'. Dovrebbe.

:up:

O comunque persone che sappiano vivere le relazioni senza sperare che siano "altro" rispetto alla realtà.
Si sappia, io faccio il tifo per Ema Ste ;)

Edit: faccio confusione, sorry  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 03:34:39 pm
io faccio il tifo per la Sida che se li porti tutti via
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 03:35:10 pm
ahaah fare il tifo per na malattia (me ne sono accorto solo ora della battuta inconscia)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 13, 2012, 03:43:54 pm
ahaah fare il tifo per na malattia (me ne sono accorto solo ora della battuta inconscia)

 :facepalm: :facepalm: :facepalm: :facepalm: :facepalm:

Comunque a me stanno più simpatiche le ragazze-preposizioni, che oltre ad avere dei nomi meravigliosi, prendono fanno e vanno quanno je pare  :owno:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 03:45:15 pm
seisoloinvidioso che a me le battute escono come gli zampilli zampillano da una fontana
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 03:50:44 pm

Comunque a me stanno più simpatiche le ragazze-preposizioni, che oltre ad avere dei nomi meravigliosi, prendono fanno e vanno quanno je pare  :owno:

Ale però mi sembra la meno agile a muoversi visto che regge tutto lei  :sisisi:

(http://www.accaparlante.it/sites/default/files/images/sisifo[1].jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 13, 2012, 03:56:42 pm

Comunque a me stanno più simpatiche le ragazze-preposizioni, che oltre ad avere dei nomi meravigliosi, prendono fanno e vanno quanno je pare  :owno:

Ale però mi sembra la meno agile a muoversi visto che regge tutto lei  :sisisi:

(http://www.accaparlante.it/sites/default/files/images/sisifo[1].jpg)

:nonono:
(http://4.bp.blogspot.com/_hL2XepHlzkU/S7zgTUG8sMI/AAAAAAAAAak/YMNX50TzAWE/s1600/scarabeo.jpg)
 :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 13, 2012, 04:01:46 pm
 ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 13, 2012, 04:20:22 pm
 :sciuretta: :sciuretta: :sciuretta: :sciuretta:

la signorina che viene dalla Spagna :pfui:

http://www.lastampa.it/2012/11/13/societa/spagna-nella-carta-dei-vini-una-bottiglia-da-mila-euro-K3SKdCMdH27YjrOhPa5frJ/pagina.html (http://www.lastampa.it/2012/11/13/societa/spagna-nella-carta-dei-vini-una-bottiglia-da-mila-euro-K3SKdCMdH27YjrOhPa5frJ/pagina.html)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 04:35:53 pm
Il vino in questione è francese, è solo in un ristorante spagnolo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 04:36:32 pm
La francese ha già lasciato il suo ragazzo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 04:37:31 pm
Comunque Theo sono in profondo disaccordo con quasi tutto quello che dici.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 13, 2012, 04:37:52 pm
La francese ha già lasciato il suo ragazzo.
Rohmer intrigava parecchio di più... ::)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 13, 2012, 04:39:33 pm
(http://img805.imageshack.us/img805/1803/vlcsnap2012051915h49m54.png)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 13, 2012, 04:39:49 pm
invece secondo me quello che scrive theo è ragionevole. tieni conto che qui si scrive senza conoscere le persone, sappiamo solo quello che ci riporti tu. e da come lo riporti anche l'impressione che ne ho io è di gente immatura o quantomeno poco onesta con se stessa
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 13, 2012, 04:43:06 pm
Comunque Theo sono in profondo disaccordo con quasi tutto quello che dici.

Ma noi siamo SEMPRE in disaccordo su quello che diciamo, che si parli di cynema, di musica cantautorale italiana pallosa e portasfiga, di filosofia estetica visionaria, di byrra etc.
Sai che novità!

(http://i44.tinypic.com/72ajpc.png)

Questo sono io che punto il mio bastone da censore arcigno in una quieta atmosfera autunnale.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 04:43:36 pm
Visionaria?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 13, 2012, 05:20:14 pm
non ho capito Donna Ghismunda cosa intenda per FXXA (che è una equazione algebrica?)
Ho però un'altra interpretazione su perchè la Spagnola è detta Spagnola, soprattutto se ci ha le tette grosse

figa, lei si è una lady, io non ho di questi problemi 8)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 13, 2012, 05:22:49 pm
Allevi3MSC
premessa
è davvero commovente, e lo dico senza ironia il fatto che tu senta vicinanza con i tuoi "compagnucci di bevute"
e aggiungo che la vostra introspezione, il valutare gli errori è una cosa che dovrebbero fare tutti
resta il fatto però che quello che narri sembra più un

"parapiglia scatta il gioco della bottiglia"
"tu non giochi abbiamo fatto le squadre prima" (Elio e le storie tese)

Cosa che a mio modestissimo parere dovrebbe finire con l'adolescenza
Ipsa dixit ;)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 13, 2012, 05:37:23 pm
no, l'introspezione collettiva no... ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 05:46:13 pm
Il gioco della bottiglia? Ma che stai a dì?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 13, 2012, 06:07:09 pm
ahahah forse una delle poche volte che ho capito perfettamente quello che ha scritto ghismunda! :up:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 06:11:36 pm
Da questo punto di vista sì: un notevole sforzo di ridursi alla comprensibilità.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 13, 2012, 06:14:01 pm
Il P.C. Nuovo mi aiuta a non parlare per Spot ;)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 06:20:10 pm
L'opposto di quel che succede a me qui con questo netbook dallo schermo piccolo e che perde connessione ogni tot minuti...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 07:49:49 pm
Donna Ghismunda devi capire che gli amichetti di allevi avranno sicuramente aggiornato il gioco della bottiglia portandolo alla loro età.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 13, 2012, 07:59:46 pm
Sì, ma più che altro non è qualcosa che si faccia assieme... ognuno separatamente per conto proprio e io proprio niente.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 13, 2012, 08:03:17 pm
consolati con la focaccia
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 14, 2012, 12:19:28 am
Forse ci sarà sabato. Domani pesce fresco alla Mer du Nord.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 14, 2012, 01:48:11 am
Per altro ieri sera al bar io, Ema, Ste ed Ele abbiamo parlato proprio di questo, cioè delle diverse esperienze relativamente alla durata dei rapporti nel nostro passato (Ema e Ste fuori standard per brevità, io fuori standard per lunghezza, Ele tutto sommato la più normale), di cosa vogliamo in una relazione etc. etc. e in particolare si sono molto prodigati a dare consigli a me, del tipo non richiesto o inefficace, ma comunque mi ha fatto piacere.

Sarebbe interessante, assolutamente ozioso e OT confrontare gli standard di lunghezza. Delle relazioni.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 14, 2012, 01:50:48 am
Certo che non è detto.
Però Ste pensa comunque che buttarsi immediatamente tra le sue braccia non sarebbe stato il migliore inizio in vista di far durare il rapporto.
Considerate che i due si sono di fatto già detto di piacersi, ma non si sono mai nemmeno baciati, tra l'altro proprio perché aveva il moroso.

Mah. Mi pare una pulizia di facciata, ma va bene. Però boh, io sono un'ottimista e credo che se deve andare, va, quasi in qualunque caso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 15, 2012, 01:49:01 am
Ste è molto agitato all'idea di vedere la tipa domani; pare che già la scorsa notte abbia faticato a dormire.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 15, 2012, 09:32:20 am
Meno pippe (mentali. E non)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 15, 2012, 03:10:29 pm

Io suggerisco meno pippe mentali, quelle non invece potrebbero aiutare ad alleviare la tensione.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 15, 2012, 03:23:45 pm
Meno pippe (mentali. E non)

 :benebene: :benebene: :benebene:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 15, 2012, 04:25:55 pm
Sciocchi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 02:21:22 am
E insomma, doveva essere la serata in cui me ne stavo a casa tranquillo, dopo la giornata intera senza toccare alcool, e magari guardare Lady Oscar, e invece è tornato a casa Ste abbattutissimo poiché con la francese è andata malissimo che aveva una gran bisogno di bere e allora l'ho accompagnato e mi sono fatto tre birre mentre lui ne beveva sette, che nemmeno avevo troppa voglia perché ho mal di pancia.

Ma ho moltissimo nuovo materiale per il topic, compresa una nuova categoria, che forse meriterà uno spazio tutto suo, della quale vi anticipo solo il nome: l'uomo ikea.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 10:06:44 am
o è uomo o è ikea le due cose assieme non stanno
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 16, 2012, 10:10:18 am
La versione 2.0 dell'uomo supermercato? (cioè vai e te lo scegli tra gli scaffali come lo preferisci)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 10:13:15 am
se era una donna potevo fare la battutona "perchè va montata?"
essendo un uomo non si può, oltre che per ribadire il fatto che l'uomo con l'ikea non c'entra nulla
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Novembre 16, 2012, 10:33:01 am
o è uomo o è ikea le due cose assieme non stanno

:sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 16, 2012, 10:35:34 am
ikea socialista
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 12:20:49 pm
Comunque, quella dell'Uomo Ikea è una categoria sociologica spicciola inventata da Ste: si tratta in pratica dell'uomo desiderabile come viene propagandato da MTV; così come l'Ikea fornisce suppellettili di buona qualità accessibili a quasi tutti, finendo coll'imporre una sorta di gusto unico (ne abbiamo parlato a lungo anche qui), allo stesso modo tutte le ragazze, e in particolare le coetanee di Ste (che infatti se la fa con quelle più grandi, ultimamente sembra che ci sia una sorta di maledizione dei 29 anni), desiderano il modello Uomo Ikea.
Sintesi perfetta dell'Uomo Ikea, a parere di Ste, è Ema: occhioni blu, barba precocemente bianca, capelli brizzolati e lineamenti fanciulleschi, su un corpo in forma ma di sostanza.
Ste a contrario è magrolino, biondo con i capelli lunghi, occhi marroni e quasi glabro su buona parte del viso (ha giusto qualche pelo sotto il mento, io alla sua età potevo già esibire barbe brahmsiane) e quindi, sostiene lui, interessa o alle più anziane che cercano il ragazzino, oppure le altre lo possono prendere giusto come sfizio tra un Uomo Ikea e l'altro.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 12:22:09 pm
Inutile dire che queste e altre riflessioni vengono dal fatto che ieri è andata molto male con la francese, poiché "esco da una storia di tre anni con un tipo", "lui è uno stronzo e se ne va via ma io lo amo ancora", "non sono pronta per un'altra storia".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 16, 2012, 12:32:10 pm
Povero  :patpat:

Dovrà continuare a frequentarne anche due per sera  :ihih:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 16, 2012, 12:33:45 pm
occhioni blu, barba precocemente bianca, capelli brizzolati e lineamenti fanciulleschi, su un corpo in forma ma di sostanza.

Detta così mi sembra che la fabbrica Ikeomini mi stia offrendo una roba strana ma "è stata ideata da un genio illustre che ha vinto mille premi per la sua genialità".
La barba bianca mi inquieta assai, penserei a Babbo Natale durante l'amplesso, insieme con i lineamenti fanciulleschi non crea un ibrido strano?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 12:37:54 pm
Ma non così lunga e non così bianca...

Un po' tipo quella di Clooney quando se la fa crescere.

(http://cdn1.stbm.it/girlpower/gallery/foto_gallery/gossip/george-clooney/george-clooney-barba-e-baffi.jpeg?-3600)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 16, 2012, 12:41:32 pm
Ma non così lunga e non così bianca...

Ovviamente giocavo, esageravo sulla percezione della barba bianca.
Ma ci puoi mettere una foto del tipico uomo Ikea? Non riesco a visualizzare le diverse componenti in una unica fisionomia. George non è mica Ikea, no?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 16, 2012, 12:42:03 pm
l'uomo ikea.
:ghismundicon:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 16, 2012, 12:42:23 pm
O lui

(http://images.virgilio.it/sg/cinema-tv2009/upload/pit/0000/pitt-barba-bionda.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 16, 2012, 12:44:25 pm
Comunque, quella dell'Uomo Ikea è una categoria sociologica spicciola inventata da Ste: si tratta in pratica dell'uomo desiderabile come viene propagandato da MTV; così come l'Ikea fornisce suppellettili di buona qualità accessibili a quasi tutti, finendo coll'imporre una sorta di gusto unico (ne abbiamo parlato a lungo anche qui), allo stesso modo tutte le ragazze, e in particolare le coetanee di Ste (che infatti se la fa con quelle più grandi, ultimamente sembra che ci sia una sorta di maledizione dei 29 anni), desiderano il modello Uomo Ikea.
Sintesi perfetta dell'Uomo Ikea, a parere di Ste, è Ema: occhioni blu, barba precocemente bianca, capelli brizzolati e lineamenti fanciulleschi, su un corpo in forma ma di sostanza.
Ste a contrario è magrolino, biondo con i capelli lunghi, occhi marroni e quasi glabro su buona parte del viso (ha giusto qualche pelo sotto il mento, io alla sua età potevo già esibire barbe brahmsiane) e quindi, sostiene lui, interessa o alle più anziane che cercano il ragazzino, oppure le altre lo possono prendere giusto come sfizio tra un Uomo Ikea e l'altro.
ah tutto qua? speravo che ci fosse materiale per aprirci un thread di 100 pagine tipo quello delle Pyne
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 16, 2012, 12:48:42 pm
Citazione
O lui

Gusto personalissimo con lui giusto un caffè perchè poi :nonono: :nonono: :nonono:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Misia - Novembre 16, 2012, 12:54:38 pm
Brad o Clooney? No perché è Clooney quello del caffè e basta  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 01:15:25 pm
barba bianca celo
sostanza celo
occhioni blu nocelo
tratti fanciulleschi nocelo


che sono? l'uomo aiazzone?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 01:16:52 pm
e comunque non è che se la fa con le più grandi: se la fa con le vecchie!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 01:17:23 pm
Beh, 100 pagine decisamente no, ma forse un topic piccolino ci potrebbe scappare.
In fondo anche questo c'immaginavamo sarebbe finito subito.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 01:24:14 pm
barba bianca celo
sostanza celo
occhioni blu nocelo
tratti fanciulleschi nocelo


che sono? l'uomo aiazzone?

L'uomo Grappeggia Arredatutto.

Comunque Ema è snello, Lulù, solo che non è magrino, ha un'ossatura e anche una muscolatura più virili... e quando non ci sta attento gli viene anche la pancetta, ma non è in nessun caso grosso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 01:26:55 pm
grazie della descrizione ma ti posso assicurare che di come è ema non mi frega nulla eh
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 01:29:00 pm
Era per dire che non è che tu possa proprio dire "celo".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 01:31:44 pm
non capisco, barba bianca e sostanza celo è misurabile. non capisco poi che c'entri con il fisico del tuo amico?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 01:33:53 pm
Che per essere Uomo Ikea ci vuole meno sostanza: più di quella di Ste ma meno della tua (o della mia, se è per quello).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 01:40:12 pm
ah esiste una sostanza ben precisa?

ma tanto che me ne sbatte ora che sarò ricco ricco, a proposito ho da chiederti dei consigli tu che sei il nostro petronio arbitro ecc ecc.
Dovrò vestirmi ovviamente col cappello a cilindro e quel vestito nero con le code dietro, dove si comprano quelle robe e che marche mi devo comprare per essere sicuro di essere nel giusto, che poi gli altri ricconi altrimenti mi sgamano.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 16, 2012, 01:42:32 pm
Non hai mai visto Titanic? Gli arricchiti non vengono accolti bene in società.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 01:44:10 pm
beh io sul titanic non ci vado, ma ci tengo ad essere vestito con tutti i crismi
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 16, 2012, 02:11:47 pm
ah
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 16, 2012, 02:30:16 pm
Chi ha denti non pane e chi ha pane non ha denti.
Questo Ste se non si fa una tipa si lamenta, se se la fa si lamenta. Che si organizzi!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 16, 2012, 02:31:42 pm
Vorrei rispondere che la soluzione potrebbe essere quella di andare a puttane, ma comprendo che non sarebbe il caso.
Ormai l'ho detto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 16, 2012, 02:37:51 pm
Vorrei rispondere che la soluzione potrebbe essere quella di andare a puttane, ma comprendo che non sarebbe il caso.
Ormai l'ho detto.

ma perché dovrebbe se ogni donna che lo vede si arrapa e se lo vuole fare?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 16, 2012, 02:38:16 pm
suvvia è una tecnica vecchia come il mondo si chiama "piangi e fotti"
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 16, 2012, 02:43:52 pm
Vorrei rispondere che la soluzione potrebbe essere quella di andare a puttane, ma comprendo che non sarebbe il caso.
Ormai l'ho detto.

ma perché dovrebbe se ogni donna che lo vede si arrapa e se lo vuole fare?

Perché ogni donna che quando lo vede, e si arrapa, pare sia anche portatrice di problemi (ragazze fidanzate, ragazze appena mollate...). Dunque se alla fine si scopa sempre, senza mai andare oltre, io consiglierei (ovviamente è una provocazione) di andar con una puttana: se il fine è sempre quello di scopare, anche se lui desidera altro, almeno farlo senza lagne. Senza una donne che ha le paranoie mentali perché ha il moroso a casa, o perché lo ama ancora, o perché...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 16, 2012, 02:46:39 pm
Vorrei rispondere che la soluzione potrebbe essere quella di andare a puttane, ma comprendo che non sarebbe il caso.
Ormai l'ho detto.

ma perché dovrebbe se ogni donna che lo vede si arrapa e se lo vuole fare?

Perché ogni donna che quando lo vede, e si arrapa, pare sia anche portatrice di problemi (ragazze fidanzate, ragazze appena mollate...). Dunque se alla fine si scopa sempre, senza mai andare oltre, io consiglierei (ovviamente è una provocazione) di andar con una puttana: se il fine è sempre quello di scopare, anche se lui desidera altro, almeno farlo senza lagne. Senza una donne che ha le paranoie mentali perché ha il moroso a casa, o perché lo ama ancora, o perché...

secondo me riuscirebbe ad averci menate pure con loro
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 16, 2012, 02:49:00 pm
secondo me riuscirebbe ad averci menate pure con loro

Dici che è uno che tira sul prezzo?  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 16, 2012, 02:55:19 pm

Una delle caratteristiche dell'uomo Ikea è avere un nome impronunciabile?

Comunque Clooney non è Ikea, è gay.

Ste dovrebbe sfruttare l'interesse delle donne mature nei suoi confronti e proporsi come gigolò  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mirtillosa° - Novembre 16, 2012, 03:35:48 pm
Comunque, quella dell'Uomo Ikea è una categoria sociologica spicciola inventata da Ste: si tratta in pratica dell'uomo desiderabile come viene propagandato da MTV; così come l'Ikea fornisce suppellettili di buona qualità accessibili a quasi tutti, finendo coll'imporre una sorta di gusto unico (ne abbiamo parlato a lungo anche qui), allo stesso modo tutte le ragazze, e in particolare le coetanee di Ste (che infatti se la fa con quelle più grandi, ultimamente sembra che ci sia una sorta di maledizione dei 29 anni), desiderano il modello Uomo Ikea.
Sintesi perfetta dell'Uomo Ikea, a parere di Ste, è Ema: occhioni blu, barba precocemente bianca, capelli brizzolati e lineamenti fanciulleschi, su un corpo in forma ma di sostanza.
Ste a contrario è magrolino, biondo con i capelli lunghi, occhi marroni e quasi glabro su buona parte del viso (ha giusto qualche pelo sotto il mento, io alla sua età potevo già esibire barbe brahmsiane) e quindi, sostiene lui, interessa o alle più anziane che cercano il ragazzino, oppure le altre lo possono prendere giusto come sfizio tra un Uomo Ikea e l'altro.

a me con uomo Ikea viene in mente qualcuno che può piacere un po' a tutte, che si adatta a qualsiasi donna (come un mobilino ikea che lo puoi mettere in qualsiasi casa o quasi), quindi con caratteristiche fisiche piuttosto comuni e rassicuranti, invece la barba e i capelli bianchi sui tratti da giovincello mi sembrano una caratteristica rara, che non può piacere a tutte
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 16, 2012, 03:48:03 pm
Inutile dire che queste e altre riflessioni vengono dal fatto che ieri è andata molto male con la francese, poiché "esco da una storia di tre anni con un tipo", "lui è uno stronzo e se ne va via ma io lo amo ancora", "non sono pronta per un'altra storia".

non mi voglio sentire legata c'è? e mi sento confusa?

barba bianca celo
sostanza celo
occhioni blu nocelo
tratti fanciulleschi nocelo


che sono? l'uomo aiazzone?

 :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

secondo me riuscirebbe ad averci menate pure con loro

Dici che è uno che tira sul prezzo?  :asd:

ben mi ricordo che pria di partire v'eran tariffe inferiori alle 3000 lire!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 16, 2012, 04:43:33 pm
Citazione
secondo me riuscirebbe ad averci menate pure con loro

No bambine non avete capito NON SONO AL SUO LIVELLO.

Le vuole conoscere da piccole, prima gli tira le treccine
poi quando sono pppprobblematiche le educa

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 05:00:48 pm
Eh ma pare che il tipo che va bene con tutte adesso sia quello (paterno e fanciullo assieme); o almeno è decisamente quello che sostiene Ste.

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 16, 2012, 05:08:28 pm
Citazione
Eh ma pare che il tipo che va bene con tutte adesso sia quello (paterno e fanciullo assieme); o almeno è decisamente quello che sostiene Ste.

Vedi allora che mi dai ragione :asd: :asd: :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 16, 2012, 05:11:33 pm
Attente bambine a socializzare troppo con l'uomo-Ikea ;)

http://www.lastampa.it/2012/11/16/esteri/ikea-ai-prigionieri-politici-della-ddr-vi-chiediamo-scusa-non-sapevamo-XMqj8pfaiDtnyM8KCoJWDM/pagina.html (http://www.lastampa.it/2012/11/16/esteri/ikea-ai-prigionieri-politici-della-ddr-vi-chiediamo-scusa-non-sapevamo-XMqj8pfaiDtnyM8KCoJWDM/pagina.html)

 
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 16, 2012, 05:26:50 pm
Attenti i bimbi attenti i cani. Attenti!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 05:52:37 pm
Forse potrei cambiare il topic aggiungendo l'uomo ikea.

In ogni caso un punto importante sembrerebbe essere che Ema, in virtù del suo splendido aspetto Uomo Ikea, non venga percepito (o comunque molto meno) come ragazzo facile, sebbene in fondo non sia meno incostante. Ma siccome abbiamo detto sin dall'inizio che quella di ragazzo facile è una categoria della percezione femminile, di fatto non lo è.
Potere rassicurante della barba brizzolata!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 16, 2012, 08:26:45 pm
Eh ma pare che il tipo che va bene con tutte adesso sia quello (paterno e fanciullo assieme); o almeno è decisamente quello che sostiene Ste.



E di preciso come funziona? A giorni alterni?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 16, 2012, 08:29:31 pm
No, al contempo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 16, 2012, 09:06:55 pm
a me paiono un sacco di menate
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 16, 2012, 11:56:33 pm

Ma al contempo è un casino, non ci si capisce niente.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 17, 2012, 12:10:50 am
Chiedi, Adriana, e si proverà a spiegarti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 17, 2012, 12:18:05 am

E' che non capisco come uno possa essere paterno e fanciullo contemporaneamente, mi sembrano quasi inconciliabili. Se è una cosa relativa solo all'aspetto fisico ok, se riguarda anche il comportamento sono un po' perplessa. Puoi farmi qualche esempio?  :)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 17, 2012, 12:20:21 am
Beh, nella fattispecie era molto di più una questione di aspetto.
Di paterno nel comportamento di Ema c'è poco.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 17, 2012, 12:21:27 am
Se non, per esempio, nel suo tono abituale di voce, che è abbastanza rassicurante.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 17, 2012, 04:03:16 am
non ho ancora capito sta cosa del ragazzo facile: sarebbe uno che se una gli spalanca le cosce non dice di no?
allora tutti sono ragazzi facili tranne bizanturchino ma che lo dice solo per far scena.
un uomo può dire di no solo la seconda volta per giustificati motivi (tipo la tipa estremamente rompicoglioni)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 17, 2012, 11:24:58 am
Sì, sì va bene Lulù...

Ma, a parte il fatto che le cose NON stanno come dici tu, non è quella la definizione di ragazzo facile di cui parliamo qui.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Novembre 17, 2012, 11:32:45 am
lucaluca ti rispondo io perché come sempre allevi ti tratta con sufficienza  (ma fa così con tutti) ;D

ragazzo facile era all'inizio della discussione il corrispettivo maschile della ragazza facile: nello specifico, prendendo spunto dalla vita reale di qualche conoscente di allevi, un tizio che non riesce a smettere di fare l'uomo oggetto e impollinare qua e là, pur non stando bene in questa condizione. O almeno dichiarando di non stare bene.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 17, 2012, 11:44:32 am
Chopper, non dire minchiate: io non tratto MAI con sufficienza nessuno. Certe volte ci si stufa della spocchia assolutistica di Lulù depositario unico della verità, perché anche lo scherzo alla lunga annoia.

Comunque no, non è questo il punto: come ripetuto più volte, anche nelle ultime pagine, è una categoria della percezione femminile, cioè è quel tipo di ragazzo che le donne non si fanno problemi a usare e mollare come un taxi, buono per trastullarsi quando si ha voglia di una scopata ma da non prendere troppo in considerazione per una relazione, perché tanto è uno che "ci prova con tutte".

Una condizione che può magari essere piacevole in alcune fasi della vita, ma nella quale si rischia di restare intrappolati: è decisamente quello che accade ar Depresseraro e, in misura minore anche considerando gli 11 anni in meno, a Ste.

Al contrario Ema, pur essendo sentimentalmente non meno instabile di questi due (forse persino di più) NON è un ragazzo facile (così come lo si intende qui) perché non è percepito così: con lui le ragazze vogliono una relazione, anche se poi questa si dimostra avere vita breve.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 17, 2012, 11:49:57 am

Allevi, forse tu non hai l'intenzione di trattare gli altri con sufficienza, ma spesso l'impressione che si ha dai tuoi post è quella  ;)

Sul fatto di ritrovarsi intrappolati in una condizione non più gradevole, boh, a me non sembra difficilissimo uscirne: basta avere un approccio differente con le ragazze e, se necessario, chiarire subito che non si è interessati al semplice sesso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 17, 2012, 11:54:20 am
La fai troppo semplice; gli abiti non si cambiano tanto in fretta.
La seconda parte della ricetta, poi, mi pare astratta, o comunque difficilmente applicabile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 17, 2012, 12:11:14 pm

Sì, è difficilmente applicabile soprattutto se uno ha le idee un po' confuse, che, senza offesa, mi sembrano una caratteristica dei tuoi coinquilini.
Che ci vuole a dire 'Guarda cara, vorrei costruire una relazione stabile, se tu non sei interessata a impegnarti forse è meglio lasciar perdere'? 
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 17, 2012, 01:00:45 pm
allora della presunta sufficienza di allevi mi ci faccio il chinotto in polvere.
Uh uh la categoria del ragazzo facile è una cosa serissima allora!
aahahahahh che è pissicologia o sociologia da bar?
L'idea del povero bimbo che nella percezione femminile è un ragazzo facile è una COMPLETA IDIOZIA!
1) perchè se esiste l'equivalente femminile di sicuro non lo è nella percezione maschile: le ragazze allegrotte facili allo spalancamento di coscia lo sono per loro scelta, non è di sicuro per colpa della percezione maschile. Se fosse una questione di percezione maschile allora ci sarebbero un sacco di due di picche. Che poi una parte di questa popolazione femminile pianga il morto post, "mi ha scopato ma io volevo una cosa più profonda ecc eccc" fa solo parte dell'umana commedia, spesso di autoillusione
2) nel caso maschile fa ancora più ridere, primo perchè non esiste essere maschile che ad evidenti offerte femminili si neghi, a meno che sia uno squilibrato o che proprio la situazione presenti dei problemi gravissimi.
Secondo una che vuole uno semmai viene attirata dal sembrare difficile, e in ogni caso ci sono così tantissimi ragazzi facili che non gli mancano le scelte.

Per concludere i tuoi amichetti radicalchicche sono tutti presi dall'apparire profondicomplicati il che spiega tutto, cosa che li fa brillare come sofferenti e complicati ai tuoi occhietti da allocco.
E in pari attirano qualche scemetta che dice wow vediamo che mi faccio sto tipo complicato e difficile, un po' come quelli che si fingono ghei per attirare le "redimeretrici".

Che poi si parli di 40 pagine di un tizio che scopa e piange perchè scopa, beh siamo nella demenza totale, e pure pretende che sia un argomento serio da non pigliare per il culo.

Lo manderei in una galera in sudafrica, così sì si potrebbe lamentare di essere considerato un ragazzino facile!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 17, 2012, 01:10:43 pm
Sociologia da bar, esattamente; o spicciola, espressione che preferisco e ho già utilizzato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 17, 2012, 01:12:35 pm
primo perchè non esiste essere maschile che ad evidenti offerte femminili si neghi, a meno che sia uno squilibrato o che proprio la situazione presenti dei problemi gravissimi.

Che palle... questo è semplicemente falso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 17, 2012, 01:14:14 pm
ahahahahahaha è assolutamente vero, tranne gli squilibrati ovviamente.
Comunque ho detto l'Assoluta Verità sull'argomento che per me è tombalmente chiuso amen.
Devo trovare i tesori non preoccuparmi di sti radicalchicchi che piangono e scopano e viceversa
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 17, 2012, 01:52:12 pm
ragazzi facili
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=o8SPiK-ULLc[/youtube]
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 17, 2012, 02:41:38 pm
non ho ancora capito sta cosa del ragazzo facile: sarebbe uno che se una gli spalanca le cosce non dice di no?
allora tutti sono ragazzi facili tranne bizanturchino ma che lo dice solo per far scena.
un uomo può dire di no solo la seconda volta per giustificati motivi (tipo la tipa estremamente rompicoglioni)

diresti di si anche a una donna obiettivamente brutta?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 17, 2012, 03:07:30 pm
Anne generalmente uno non direbbe di no nemmeno ad una brutta, poi ovviamente bisogna prendere la cosa col buonsenso (quanto brutta?), o col mettergli un sacchetto del pane in testa.

Ci sono anche altri casi che giustificano il rifiuto maschile eh, ma sono tutti casi facilmente inquadrabili in norme di minimo buon senso: tipo l'allergia della tipa al sapone
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 17, 2012, 03:16:10 pm
cazzo devo essere un luridissimo cesso a pedali puzzolente allora  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 17, 2012, 03:31:34 pm
A parte le boiate di lucaluca che risuonano in sottofondo tipo cantiere della metro C, una ragione ottima-ottimissima per dire di no è l'intuizione chiara et profetica che la tipa si accollerà in maniera mollusca appena dopo la fase plateau.
E dopo un paio di esperienze te ne accorgi subito, altro che radar.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 17, 2012, 03:33:43 pm
A parte le boiate di lucaluca che risuonano in sottofondo tipo cantiere della metro C, una ragione ottima-ottimissima per dire di no è l'intuizione chiara et profetica che la tipa si accollerà in maniera mollusca appena dopo la fase plateau.
E dopo un paio di esperienze te ne accorgi subito, altro che radar.
ma cosa dici mai tesoruccio  :asd:

(http://www.divertimento.it/fnts/cartoni/immagini/lamugalleria/400/lamu10.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 17, 2012, 04:19:57 pm
primo perchè non esiste essere maschile che ad evidenti offerte femminili si neghi, a meno che sia uno squilibrato o che proprio la situazione presenti dei problemi gravissimi.

Che palle... questo è semplicemente falso.

questa è una cazzata perché tu non sei tutti gli esseri maschili del mondo, e ci sono uomini che non si scopano ogni caso che gli si propone disponibile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 17, 2012, 05:32:45 pm
bizanturchino quello che senti è il rimbombo della tua testolina vuota piena di cazzate: non ho detto uomo che rifiuta una "relazione" cosa frequentissima, ma uomo che rifiuta una scopata che è una cosa diversa, che poi esista il caso che la donna dica scopata ma pensi relazione e quindi l'uomo la sfugga rientra nei casi di buon senso, ma non sfugge la scopata in sè ma il pericolo di rimanere incastrato, cose ben diverse..
Bastava un minimo di logica: se si parla di ragasso facile quello si intende non profonde comunanze d'annimme e ammorre.


Pg che ti devo dire: tu invece sei abilitata a parlare a nome di tutti gli uomini del mondo? se conosci un uomo che abbia detto no (nell'insieme dei casi di buon senso che mi pare inutile elencare anche se fate i finti tonti) presentamelo.

All'infuori dei bizanturchini che vanno urlando a tutto l'universo mondo che loro hanno detto no per fare gli interessanti.
Di solito chi dice no, e mi riferisco al caso credibile delle femmine, non è così interessato a dire al mondo che ha detto no, tranne il caso che vogliono tirarsela, evidentemente bizanturchino ci ha il lato femminile che deve tirarsela che ne so.

Da parte mia riterrei vergognoso dire no per un uomo, ma tanto io non corro il rischio e quindi pace al mondo.


Nc se tu hai tentato esplicitamente di scoparti uno con quel solo intento e questo ti ha detto no, mi spiace per te, ma è il primo caso che sento. Anche perchè non sei la superfigona ma di sicuro non sei brutta. boh misteri del mondo.

Vado in discoteca vah che sono quasi più svegli di voi missà.

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Novembre 17, 2012, 05:35:11 pm
una ragione ottima-ottimissima per dire di no è l'intuizione chiara et profetica che la tipa si accollerà in maniera mollusca appena dopo la fase plateau.
E dopo un paio di esperienze te ne accorgi subito, altro che radar.

e questo lo dice anche lucaluca però...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 17, 2012, 05:41:54 pm
Nc se tu hai tentato esplicitamente di scoparti uno con quel solo intento e questo ti ha detto no, mi spiace per te, ma è il primo caso che sento. Anche perchè non sei la superfigona ma di sicuro non sei brutta. boh misteri del mondo.
sai che non mi interessa la pesca sportiva  :asd:
devo aver lasciato trapelare la finalità mollusca  :ohcielo:
alla prossima metafora ittica fucilatemi  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 17, 2012, 05:45:41 pm
No no, io parlo proprio di rifiutare la scopata.
E ti assicuro che non lo si fa per risultare interessanti, ma per evitare seccature problemi che considero ben PIU' fastidiosi e arraffatempo di quanto non lo sia l'essere additato come radicalscicche o bizanturchino dai vari lucaluca di questo pazzo mondo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 17, 2012, 05:48:44 pm
Nc se tu hai tentato esplicitamente di scoparti uno con quel solo intento e questo ti ha detto no, mi spiace per te, ma è il primo caso che sento. Anche perchè non sei la superfigona ma di sicuro non sei brutta. boh misteri del mondo.
sai che non mi interessa la pesca sportiva  :asd:
devo aver lasciato trapelare la finalità mollusca  :ohcielo:
alla prossima metafora ittica fucilatemi  :asd:


In effetti...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 17, 2012, 05:49:05 pm
No no, io parlo proprio di rifiutare la scopata.
E ti assicuro che non lo si fa per risultare interessanti, ma per evitare seccature problemi che considero ben PIU' fastidiosi
quei fastidiosi pruriti intimi quando lei ha la candida o la gonorrea :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 17, 2012, 05:49:44 pm
No no, io parlo proprio di rifiutare la scopata.
E ti assicuro che non lo si fa per risultare interessanti, ma per evitare seccature problemi che considero ben PIU' fastidiosi
quei fastidiosi pruriti intimi quando lei ha la candida o la gonorrea :sisisi:

O le piattole, che a noi pelosi si attaccano che è un piacere.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Novembre 17, 2012, 05:49:54 pm
No no, io parlo proprio di rifiutare la scopata.
E ti assicuro che non lo si fa per risultare interessanti, ma per evitare seccature problemi che considero ben PIU' fastidiosi
quei fastidiosi pruriti intimi quando lei ha la candida o la gonorrea :sisisi:

ma in quel caso è un tegame, is different. Si possono riconoscere
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 17, 2012, 05:55:24 pm
ma in quel caso è un tegame, is different. Si possono riconoscere
la candida alla donna può venire anche se non tromba mai, la donna tegame non c'entra nulla  :nonono:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Novembre 17, 2012, 05:59:24 pm
ho imparato qualcosa
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 17, 2012, 06:27:18 pm
ma son così diffuse le piattole tra la gente che potenzialmente potreste scopare?! ;D preoccupante...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 17, 2012, 06:29:32 pm
ma son così diffuse le piattole tra la gente che potenzialmente potreste scopare?! ;D preoccupante...
la domanda si presta volutamente ad una doppia lettura?  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 17, 2012, 06:34:53 pm
in verità, incidentalmente...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Adriana - Novembre 17, 2012, 09:52:43 pm

Cos'è la fase plateau?  ???

(http://archive.meemi.com/7ebd5f03e754cb808e1c56043dd67676f844b7594615d33ab1dd914d727b18dd.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 17, 2012, 09:57:07 pm
materassare
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 18, 2012, 01:19:23 am
E' una fase dell'orgasmo femminile. Dicono. Ma mi fa ridere il termine.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 18, 2012, 02:30:56 am
Un anno sul plateau



Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 18, 2012, 02:33:56 am
pur sempre questione di resistenza
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 18, 2012, 07:01:22 am
avendo tempo a gogò a lavoro ho meditato ed ho espresso il dogma in termini chiari:
Un uomo davanti ad evidenti offerte femminili e in mancanza di controindicazioni gravi dirà e DEVE dire sempre sì.

(quindi non tiratemi fuori  robe tipo "ma se lei ha la lebbra?" "ma lui rovinerebbe una famiglia?"  "il cugino di lei appartiene alla mafia" ecc ecc, il dogma è chiaro e cristallino! "in mancanza di controindicazioni gravi")

Poi esiste anche la frigidità maschile ma non rientra nei casi statisticamente "normali" e non è una condizione da augurare a nessuno.

Ho anche trovato uno spezzone che esemplifica il dogma che meglio non si puote:
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=8ti-xQBcBqQ[/youtube]
Come si vede qui l'omo si comporta da omo! e solo davanti a gravi controindicazioni rinuncia all'accoppiamento!
Nel proseguire del film si vede anche la giusta punizione ai bizanturchini che si credono furbi a mangiare erbette ed aria lessa per prevenire i problemi del mangiare, che non scopano per prevenire i problemi successivi e che non bevono per non avere il mal di testa il giorno dopo.
Si credono furbi e finiscono appestati lo stesso!
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=kaySqDanUaA[/youtube]
MI dicono che da giovinetta Donna Ghismunda giocasse a passare li cavalconi col santo uomo Zenone.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Novembre 18, 2012, 10:30:00 am
tu hai ragione, solo che le "controindicazioni gravi" variano da soggetto a soggetto...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 18, 2012, 10:53:33 am
Sooo problemiii :sbadiglio: :sbadiglio: :sbadiglio: :zzz: :zzz: :zzz:

Mi conceda Mina  :giesu: di rispondere allameglio gioventù frequentata da Allevi

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=1vzwC3LYA-A&feature=related[/youtube]
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Novembre 18, 2012, 11:32:14 am
avendo tempo a gogò a lavoro ho meditato ed ho espresso il dogma in termini chiari:
Un uomo davanti ad evidenti offerte femminili e in mancanza di controindicazioni gravi dirà e DEVE dire sempre sì.

Ho anche trovato uno spezzone che esemplifica il dogma che meglio non si puote:
Brancaleone? Devi risalire al medioevo per trovare un esempio...non credo faccia testo. Allora si facevano tutto ciò che si muoveva, animali compresi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 18, 2012, 02:26:12 pm
Caro arcibaldo in maniera filosoficadabar ti potrei dire che le pulsioni fondamentali dell'uomo  corrono inalterate e invariate durante i secoli, sopra ci mettono solo una patina variabile.
In maniera più esatta posso dire che quello è il medioevo di un grande che la sapeva lunga e "parlava a nuora perchè suocera intenda"
Infine che male ci sta nel medioevo? è un periodo belliffimo!
E gli animali mi sa che se li inchiappettano anche nei modernissimi iusssei ai nostri giorni a giudicare dalla relazione k. che tanto fu citata nel passato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 18, 2012, 02:29:18 pm
avendo tempo a gogò a lavoro ho meditato ed ho espresso il dogma in termini chiari:
Un uomo davanti ad evidenti offerte femminili e in mancanza di controindicazioni gravi dirà e DEVE dire sempre sì.

Ho anche trovato uno spezzone che esemplifica il dogma che meglio non si puote:
Brancaleone? Devi risalire al medioevo per trovare un esempio...non credo faccia testo. Allora si facevano tutto ciò che si muoveva, animali compresi.
naaah ci sono pure in tempi "moderni"  :sisisi:

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=T_joCpeSqQ4[/youtube]
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 18, 2012, 10:52:04 pm
Anne generalmente uno non direbbe di no nemmeno ad una brutta, poi ovviamente bisogna prendere la cosa col buonsenso (quanto brutta?), o col mettergli un sacchetto del pane in testa.

Ci sono anche altri casi che giustificano il rifiuto maschile eh, ma sono tutti casi facilmente inquadrabili in norme di minimo buon senso: tipo l'allergia della tipa al sapone


onestamente non ci credo che davanti a un cessone inguardabile che si cala le mutande ti si alzerebbe, luca.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 18, 2012, 10:54:55 pm
qui stiamo andando nei casi esclusi dal dogma, anche una bella che stia tantissimo sulle palle sarebbe lo stesso
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 18, 2012, 10:56:12 pm
la morale è che non andresti con ogni donna che apre le cosce.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 18, 2012, 10:57:42 pm
il dogma è singolarmente chiaro
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 18, 2012, 10:58:32 pm
qui stiamo andando nei casi esclusi dal dogma, anche una bella che stia tantissimo sulle palle sarebbe lo stesso

Casca il bue. Quindi si ammette una forbice molto ampia di casi in cui ci si può non stare. ^^
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 18, 2012, 10:58:56 pm
ma dai che non è automatico manco con una mediamente carina e mediamente simpatica...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 18, 2012, 11:02:21 pm
per estremamente antipatica intendo una proprio proprio antipatico
ma se non ci credete offritemi le vostre grazie che vi devo dire?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 18, 2012, 11:26:36 pm
per rendere più chiaro il dogma (che per me lo era) elenco le categorie "escluse"
1) estremi rilevanti di bruttezza e antipatia (cioè una deve essere sul mostruoso oppure così antipatica che in 20 minuti vi distrugge con l'antipatia, cosa un pochino difficile per una che negli stessi 20 minuti si dichiara simpaticamente disponibile)
2) allergia totale al sapone
3) malattie contagiose e gravi (non la candida che per quel che ne so il maschio  è solo portatore sano)
4) conseguenze dell'accoppiamento che possano essere veramente deleterie (tipo uno non si rovina la famiglia per il gusto di una scopata)
5) gusti sessuali totalmente incompatibili

al di fuori di questi casi il dogma VALE
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 19, 2012, 07:49:43 am
Citazione
2) allergia totale al sapone

completamente d'accordo siamo nel 2012

non  è più "odore di santità :messa:"
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 12:08:51 am
Ah, oggi Beppe parlando dell'inizio del periodo in cui viveva a Bruxelles, prima di conoscere Netti e dopo una storia molto lunga, ha detto che in quel periodo faceva la puttana. Però comunque, non venendo percepito per tale non è diventato un ragazzo facile... o almeno questo non gli ha impedito di essere preso sul serio dalla splendida Netti. Tra un paio di settimane fanno 5 anni.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Novembre 27, 2012, 08:14:31 am
nel senso che si faceva pagare?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 11:38:21 am
No, non credo. Credo nel senso che non discriminava nulla e non aspettava nemmeno il tempo che alla prima si calmasse il respiro per andare con la seconda.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 27, 2012, 11:39:25 am
in effetti, un mestiere
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 27, 2012, 12:08:39 pm
Avrebbe potuto farsi pagare. Avrebbe DOVUTO, anzi!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 12:09:53 pm
Beppe? Ma di Beppe foto non ne hai mica viste... o sì?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 27, 2012, 12:11:37 pm
Beppe, no. Neanche di Ste, penso.
Di Ema, sicuro. E anche di Paolo  :ihih:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 27, 2012, 12:11:46 pm
Ah, oggi Beppe parlando dell'inizio del periodo in cui viveva a Bruxelles, prima di conoscere Netti e dopo una storia molto lunga, ha detto che in quel periodo faceva la puttana. Però comunque, non venendo percepito per tale non è diventato un ragazzo facile... o almeno questo non gli ha impedito di essere preso sul serio dalla splendida Netti. Tra un paio di settimane fanno 5 anni.

Non veniva percepito perché non lo diceva? O si sapeva del suo comportamento ma comunque per qualche ragione pareva lo stesso "un bravo ragazzo"?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 27, 2012, 12:13:25 pm
Ma la nuova foto di Paolo (controllato ora  :ihih:) non mi piace.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 12:15:25 pm
Eh, non lo so Mae... io l'ho conosciuto che c'era già Netti, e ieri non si è diffuso in spiegazioni.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 27, 2012, 12:19:37 pm
Per la mia molto limitata esperienza, quando uno fa la puttana (per un uomo di solito si dice che fa lo stronzo, in quel caso  ::)) non lo dice alle interessate. Chapeau per averlo ammesso, comunque.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 12:27:11 pm
L'ha detto al Kafka dove c'eravamo io e Ste anni dopo...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 27, 2012, 12:39:58 pm
Immagino sia un locale, ma sarebbe bellissimo se fosse un amico tuo, il Kafka.  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 12:43:30 pm
E' il locale dove il gruppo di Ema, Ste e gli altri era ospite fisso. Da quando ha cambiato gestione Ema non ci vuole più suonare... non ho capito esattamente perché.

Se fosse a causa del fatto che non hanno più la Zinne alla spina approverei, ma credo che i motivi siano altri.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 27, 2012, 12:45:55 pm
Beppe? Ma di Beppe foto non ne hai mica viste... o sì?

Ho capito. E' lui che deve pagare me  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 27, 2012, 12:47:07 pm
E' il locale dove il gruppo di Ema, Ste e gli altri era ospite fisso. Da quando ha cambiato gestione Ema non ci vuole più suonare... non ho capito esattamente perché.

Se fosse a causa del fatto che non hanno più la Zinne alla spina approverei, ma credo che i motivi siano altri.

Per un attimo ho pensato che la Zinne fosse una barista procace.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 01:05:39 pm
La Zinnebir è la "Brussels' people ale".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 27, 2012, 07:02:35 pm
Immagino sia un locale, ma sarebbe bellissimo se fosse un amico tuo, il Kafka.  ;D
sai quello scrittore cosìì caruccio e interessante, sì il ka!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 27, 2012, 07:30:29 pm
ho dato un volto a Ema Ste e Ele  :ohcielo:
Ste è un ragazzino  :flush:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Novembre 27, 2012, 07:43:29 pm
Anne generalmente uno non direbbe di no nemmeno ad una brutta, poi ovviamente bisogna prendere la cosa col buonsenso (quanto brutta?), o col mettergli un sacchetto del pane in testa.

Ci sono anche altri casi che giustificano il rifiuto maschile eh, ma sono tutti casi facilmente inquadrabili in norme di minimo buon senso: tipo l'allergia della tipa al sapone


onestamente non ci credo che davanti a un cessone inguardabile che si cala le mutande ti si alzerebbe, luca.
Una dimostrazione cinematografica del dogma di Lucaluca
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=zXSfba5cBOY&feature=related[/youtube]
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 27, 2012, 07:53:35 pm
beh a parte il neo messo ad hoc, non ci vedo tutta sto orribilità.
Forse per gli standard moderni sì, certo che tra una "coniglia denutrita spellata" che va di moda e questa 10 volte meio questa
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 08:32:50 pm
ho dato un volto a Ema Ste e Ele  :ohcielo:
Ste è un ragazzino  :flush:

Però ora basta.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 27, 2012, 08:35:42 pm
ora basta cosa?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 27, 2012, 08:37:01 pm
basta violare la privacy di questi 3 poveri ignari, dei quali sappiamo solo con chi scopano, quando e se hanno la diarrea   ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 27, 2012, 08:40:44 pm
eh no io voglio saperne di più per i miei scopi
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 27, 2012, 08:46:45 pm
basta violare la privacy di questi 3 poveri ignari, dei quali sappiamo solo con chi scopano, quando e se hanno la diarrea   ;D

Appunto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 28, 2012, 09:11:05 am
ma non mi pare che ne stiamo violando la privacy, sappiamo quello che allevi ci racconta di sua sponte
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 28, 2012, 10:55:17 am
Certo, però non è bene che possiate associare un'identità precisa a queste persone.
Maledetto fb.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 28, 2012, 10:58:39 am
guarda caso

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 28, 2012, 11:09:46 am
Certo, però non è bene che possiate associare un'identità precisa a queste persone.
Maledetto fb.

Potevi cambiare le preposizioni.  :pfui:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 28, 2012, 11:23:14 am
e poi in fondo parlare di indentità precisa è un'esagerazione.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 28, 2012, 11:27:41 am
e poi in fondo parlare di indentità precisa è un'esagerazione.

Ma se tu sei amico di Feisbuc di Allevi forse (perché non lo sono) puoi vedere gli amici sua, tra cui, sempre forse, ci sono le preposizioni. E patatrac.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 28, 2012, 11:28:16 am
mae non hai capito la battuta
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 28, 2012, 11:31:26 am
No.  :'(
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 28, 2012, 11:33:32 am
mi piace spiegare le battute, mi da una certa soddisfazione.
Volevo dire che gli amichetti di allevi sono degli stereotipini nemmeno degni di essere considerati dotati di una propria personalità/identità.
Sono anche perfettamente intercambiabili tra loro.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 28, 2012, 11:34:18 am
mi piace spiegare le battute, mi da una certa soddisfazione.
Volevo dire che gli amichetti di allevi sono degli stereotipini nemmeno degni di essere considerati dotati di una propria personalità/identità.
Sono anche perfettamente intercambiabili tra loro.

Ah! Cattivo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 28, 2012, 11:35:16 am
era comprensibile
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 28, 2012, 11:37:33 am
Mi domando se qualcuna delle preposizioni sappia o abbia mai saputo del fatto che Allevy fa parte delle Malvestite.
Saremmo tutti in gravissimo pericolo di vita.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 28, 2012, 11:38:01 am
era comprensibile tranne mae tranne mae tranne mae
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 28, 2012, 11:38:47 am
Mi domando se qualcuna delle preposizioni sappia o abbia mai saputo del fatto che Allevy fa parte delle Malvestite.
Saremmo tutti in gravissimo pericolo di vita.
perchè di grazia? ci vengono a prendere a casa? (ho un sacco di buche da metal detector da chiudere in giardino, mi farebbe comodo)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 28, 2012, 11:39:26 am
era comprensibile tranne mae tranne mae tranne mae

Mi scherzate.  :-\
Questo l'ho capito!  :D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 28, 2012, 11:40:27 am
Mi domando se qualcuna delle preposizioni sappia o abbia mai saputo del fatto che Allevy fa parte delle Malvestite.
Saremmo tutti in gravissimo pericolo di vita.

Forse Allevi di più.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 07:34:12 pm
Gente, la discussione è lunga e ho letto solo le prime pagine. Vi darò dunque i miei due cents.
Quello che dirò è però così circoscritto:
Fascia d'età: dai 16 ai 25.
Zona: Emilia Romagna (Modena, Bologna e Ferrarese), Veneto (Rovigo).
Tipologia di uomini/ragazzi: studenti universitari, lavoratori, italiani e non (presenza di slavi e cinesi ben integrati, non ghettizzati, con amici/fidanzate italiane o comunque occidentali).
Quel che io noto, amici miei, è un generale sovvertimento di tutto ciò che ci è noto. Per ciò che io e molte mie coetanee abbiamo vissuto, ormai le ragazze scappano via dai ragazzi appiccicosi che già al secondo appuntamento parlano della vostra vita insieme.
Tutto ciò è agghiacciante.
A momenti non te lo smollano se prima non prometti di sposarli... beh forse esagero, ma anche quando è evidente l'attrazione (se non fossero attratti non ti dichiarerebbero amore eterno) è difficilissimo portarteli a letto, devi prima sottostare a una serie di appuntamenti romantici, sospiri, partecipare alle loro fantasie su quando sarete vecchierelli insieme...
E no, non è una tattica per conquistarci, perché se vedono che non partecipiamo si incazzano.
I diciassettenni non cedono più agli ormoni ma stanno assieme alla stessa ragazza per anni, con un senso di responsabilità spaventoso, e magari senza neanche farci sesso.
C'è questo ritorno ai very valory, soprattutto da parte dei ragazzi, che fa paura.
E sì, interpellando loro, il ragazzo che voi avete giudicato normale (e che tutto sommato anche io giudico tale) è leggero, stupido e poco serio. A solo sentir nominare rapporti occasionali, scopamicizia e cosa simile, si trasformano in preti. Che gran bastone in culo...
Mi sta anche passando la voglia, quasi quasi faccio il salto della quaglia...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 28, 2012, 07:41:27 pm
I diciassettenni non cedono più agli ormoni ma stanno assieme alla stessa ragazza per anni, con un senso di responsabilità spaventoso, e magari senza neanche farci sesso.

Condivido poco, di quello che hai detto.
Per anni con la stessa ragazza, da sposare alla fine della corsa, perché cercano la sicurezza.
Poi si scopre che, per anni, sono andati a troie o hanno avuto l'amante. Il ritorno ai very valory non esiste, è solo un camuffamento.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 28, 2012, 07:44:41 pm
Interesante...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 07:53:50 pm
No, Mipiaccionoglianziani (scusa la mancanza delle maiuscole xD), sono abbastanza sicura. Almeno per quella fascia d'età di quella zona.
Lo so perché io stessa ho cercato - cough - di sedurre uno di loro *PedoArty*.
Dai, una sexyuniversitaria che ti fa il filo, e la lasci a bocca asciutta (nonostante gli piacessi, si vedeva) per stare fedele ala tua tipa (di cui poi ti lamenti e non ci stai neanche bene)?
Ovviamente un campione non fa la regola, però viste anche le altre vicende che ho vissuto con altri ragazzi e i racconti delle mie amiche della zona, mi è sembrato solo un altro spaventoso sintomo dei valory che ritornano. PAURA.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 28, 2012, 07:55:59 pm
I diciassettenni non cedono più agli ormoni ma stanno assieme alla stessa ragazza per anni, con un senso di responsabilità spaventoso, e magari senza neanche farci sesso.

Condivido poco, di quello che hai detto.
Per anni con la stessa ragazza, da sposare alla fine della corsa, perché cercano la sicurezza.
Poi si scopre che, per anni, sono andati a troie o hanno avuto l'amante. Il ritorno ai very valory non esiste, è solo un camuffamento.

Concordo in toto.
Artemis, questi casi li devi sondare tra un 5-6 anni, e vedrai.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 08:01:03 pm
Sarà un camuffamento, ma c'è da chiedersi perché. Una volta ci si vantava di farsi tre ragazze a notte, adesso perché c'è questa esigenza di fare i casti e puri, quando non è richiesto dalla ragazza che ti trovi davanti?
Qualunque sia la risposta a questa domanda, è comunque un dato da annotarsi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Pasto Nudo - Novembre 28, 2012, 08:02:26 pm
Sarà un camuffamento, ma c'è da chiedersi perché. Una volta ci si vantava di farsi tre ragazze a notte, adesso perché c'è questa esigenza di fare i casti e puri, quando non è richiesto dalla ragazza che ti trovi davanti?
Qualunque sia la risposta a questa domanda, è comunque un dato da annotarsi.


messaggio di servizio:

sto cercando di broccolarti via PM, cagami.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 08:07:33 pm
Fatto u_u è che nessuno mi caga mai via MP quindi non ci guardo xD
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 28, 2012, 08:12:38 pm
Una volta ci si vantava di farsi tre ragazze a notte, adesso perché c'è questa esigenza di fare i casti e puri, quando non è richiesto dalla ragazza che ti trovi davanti?
Qualunque sia la risposta a questa domanda, è comunque un dato da annotarsi.
Tu non lo sai, ma si vantano ancora. Solo che non lo vengono dire a te.
Forse sono troppo drastica, ma tu mi pari un pochino ingenua su alcuni punti della questione. Come dato geografico citi il Veneto. Io sono veneta. Mi sembra che tu stai parlando del ragazzo-bene, che abbisogna della ragazza ufficiale da portare alle cene, in famiglia. La limpidezza di cui tu parli non esiste, per me. Non cedono alle tentazioni per non incrinare una situazione "ufficiosa" che può portare solo vantaggi o perché hanno la coda di paglia. O lo fanno. Lo fanno. Magari non con l'universitaria che può spifferare tutto all'amica, il mondo bene è una culla piccola piccola, ma con la prostituta. E tutto torna (almeno a me)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 28, 2012, 08:20:44 pm
boh

mi vien da parafrasare il buon vecchio Agrado quanto all'atenticità e all'idea che si ha di sé stessi...

che uno scopi qui e là o si abbandoni e leghi ad alcune o ad una persona, se ciò risponde al suo modo di stare dignitosamente al mondo... interagirà come potrà con il resto delle persone, comunque, in un modo come nell'altro...

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 28, 2012, 08:23:05 pm
Ah, ma quindi Artemis tu sei la ragazza malvagia che ci prova con quelli impegnati...


(http://deeperintomovies.net/journal/image09/sunrise2.jpg)


(http://media.tumblr.com/tumblr_mc5j99JqJm1qzzh6g.jpg)

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 08:26:18 pm
Guarda, so di non avere la verità in mano (ci mancherebbe) e anche di essere particolarmente giovane, però prima di tutto voglio chiederti cosa tu intenda per mondo bene e in cosa differisca dal mondo non bene.
Perché lì per lì mi sembra quasi si parli di... non lo so, gente con villini e macchinoni, cene in famigghia, tutta roba a me sconosciuta (si sarà notato, visto il modo stereotipato con cui ne parlo), ma probabilmente mi sbaglio.
E comunque di Veneto cito solo il sud, quasi al confine con l'Emilia Romagna (e se devo dire la verità, io sto a Bologna, e del Veneto riferisco solo ciò che mi è stato raccontato da alcune mie coetanee... l'ho riportato come dato, ma se mi chiedi la vicenda in particolare, non posso metterci la mano sul fuoco, anzi.  Ho riportato la zona per dovere di cronaca, ma in prima persona non so dirti, mi dispiace ;) )
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 28, 2012, 08:32:35 pm
No, Mipiaccionoglianziani (scusa la mancanza delle maiuscole xD), sono abbastanza sicura. Almeno per quella fascia d'età di quella zona.
Lo so perché io stessa ho cercato - cough - di sedurre uno di loro *PedoArty*.
Dai, una sexyuniversitaria che ti fa il filo, e la lasci a bocca asciutta (nonostante gli piacessi, si vedeva) per stare fedele ala tua tipa (di cui poi ti lamenti e non ci stai neanche bene)?
Ovviamente un campione non fa la regola, però viste anche le altre vicende che ho vissuto con altri ragazzi e i racconti delle mie amiche della zona, mi è sembrato solo un altro spaventoso sintomo dei valory che ritornano. PAURA.
non capisco tutto sto stupore per uno che resta fedele alla sua tipa, non è una cosa normale che uno già impegnato non cade come una pera matura ai piedi di qualsiasi tizia gliela sbatte in faccia?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 08:32:59 pm
boh

che uno scopi qui e là o si abbandoni e leghi ad alcune o ad una persona, se ciò risponde al suo modo di stare dignitosamente al mondo... interagirà come potrà con il resto delle persone, comunque, in un modo come nell'altro...



Per carità, ci mancherebbe altro. Però volevo portare i miei due cents, si parla di ragazzi facili e io ho riportato situazioni in cui spesso mi è capitato di vedere gli stessi ragazzi storcere il naso pensando a quelli che ogni tanto si facevano una sveltina, o cose del genere.

@ Allevi: e che ci vuoi fa', sono stata infettata dalla kattyverya da piccola!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 28, 2012, 08:33:36 pm
Il mondo bene non è mica solo quello. E' anche quello dei paesi, dove hai la ragazza ufficiale da anni.
Non esiste il mondo non bene, esiste solo quello dove fai le tue cose (belle o brutte) e fai i conti con te stesso e morta là (vedi Mixar)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 08:35:51 pm
No, Mipiaccionoglianziani (scusa la mancanza delle maiuscole xD), sono abbastanza sicura. Almeno per quella fascia d'età di quella zona.
Lo so perché io stessa ho cercato - cough - di sedurre uno di loro *PedoArty*.
Dai, una sexyuniversitaria che ti fa il filo, e la lasci a bocca asciutta (nonostante gli piacessi, si vedeva) per stare fedele ala tua tipa (di cui poi ti lamenti e non ci stai neanche bene)?
Ovviamente un campione non fa la regola, però viste anche le altre vicende che ho vissuto con altri ragazzi e i racconti delle mie amiche della zona, mi è sembrato solo un altro spaventoso sintomo dei valory che ritornano. PAURA.
non capisco tutto sto stupore per uno che resta fedele alla sua tipa, non è una cosa normale che uno già impegnato non cade come una pera matura ai piedi di qualsiasi tizia gliela sbatte in faccia?

In quel caso specifico non era sorpresa, era esasperazione xD uffi, e io che ci avevo sperato!
Ho preso il caso in particolare solo per rispondere alla questione "fanno i santarellini ma poi hanno le amanti", poi il caso di per sé non è stupefacente e ovviamente non c'è nulla di male. (Che poi io rimanga a bocca asciutta e veda male il ritorno ai valory è un altro discorso: io sono malvagia u_u - a parte che quando ce l'ho io, il ragazzo, sono la prima a essere fedele xD per dire il tipo)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 08:42:42 pm
Il mondo bene non è mica solo quello. E' anche quello dei paesi, dove hai la ragazza ufficiale da anni.
Non esiste il mondo non bene, esiste solo quello dove fai le tue cose (belle o brutte) e fai i conti con te stesso e morta là (vedi Mixar)

Come già detto, la verità in mano non ce l'ho e sono prontissima a sospettare che fossero tutte pose, solo che le cose che ho vissuto io in prima persona... beh, non mi portavano a pensarlo.
Voglio dire, un ragazzo che si irrita al punto da farti scenate se dopo il terzo/quarto appuntamento non ti senti molto a tuo agio a parlare di passare la vita assieme non mi sembra che si atteggi. O almeno, magari lo fa ma inconsciamente.
Questo per citarti un caso in particolare, poi avrò avuto sfortuna io e tutti gli altri casi (magari quelli che mi sono stati raccontati) erano gonfiati oppure tutte chiacchiere.
Ho solo riportato la mia esperienza: sta di fatto che attorno a me la morale vigente sembra "a vent'anni fidanzati, sposati subito e che sia per la vita".
è bello? Perché no, potrebbe esserlo. Non m'interessa che sia una cosa buona o meno, e neanche che loro la rispettino davvero. Però non mi sembra che la manifestino solo per fare bella figura, anche per il modo con cui ci vengo in contatto (non è il ragazzo che per rimorchiarmi mi dice di essere tanto sensibile e di amare una donna con tutto sé stesso, è magari, per esempio, il gruppo di amici dove sono tutti superseri - e anche qui non ci sto sputando veleno, riporto un dato di fatto. Può essere una cosa bellissima e probabilmente lo è.) mi sembrano sinceri.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 28, 2012, 09:00:37 pm
Bellatrix ha ragione su molte cose.
Oltre ai casi da lei citati, ci sono anche frequenti episodi di fidanzamenti epocalmente lunghi per 'sedare' profonde forme di insicurezza, o personalità immature.

Posso citarti, tra i molti esempi possibili, quello di un mio vecchio amico conosciuto quando avevamo 18 anni, che è rimasto perennemente fidanzato con una ragazza fino all'anno scorso (ora ne ho 31, fai tu i conti). Legame di quelli indissolubili, perenni.
Salvo che dopo il 'lasciaggio', verificatosi perché dopo 13 anni di fidanzamento immutabile non avevano più un cazzo da dirti (e anche per divergenze di ambizioni lavorative), il tizio - di bell'aspetto, quindi senza particolari problemi di broccolamento - si è ritrovato trentenne a cercare di 'recuperare' tutta quell'educazione sentimentale e sessuale che non ha avuto modo di esperire prima... con effetti grotteschi, tipo seguire per mezza Europa una tizia conosciuta durante un viagggggio freak a Barcellona, progettare rocamboleschi trasferimenti all'estero dopo un mese salvo tornare come un cane bastonato al momento in cui la ragazza ha dichiarato esplicitamente di non essere interessata 'in quel senso', etc.

Per questo ti consigliavo di attendere qualche anno prima di farti un'idea. Il passaggio dai 25 ai 35 lascia sul campo parecchi caduti, da una parte e dall'altra.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 28, 2012, 09:06:12 pm
La situazione sembra la mia con tre anni di differenza.

Io però non ho recuperato per nulla quell'educazione sessuale e sentimentale, né di fatto cerco di farlo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 09:10:48 pm
Theodorus, guarda che ti do pure ragione.
Pure io infatti sono convinta che facciano così per avere delle sicurezze (in un mondo dove nulla è sicuro, specie di questi tempi - vedi, l'occupazione) e ironizzavo sul ritorno ai valory per la buffa tendenza ad arricciare il naso davanti ai ragazzi più sgamati, come un tempo si faceva per le tizie che perdevano il pulzellaggio prima del matrimonio.
Però non sono d'accordo (e qui potrei aver capito male, chiedo venia in caso) se mi si dice che tutto ciò è stato detto per atteggiarsi a bravi ragazzi, col preciso intento poi di essere infedeli ecc ecc. ma facendo bella figura davanti alla comunità. Perché io penso che siano sinceri. Ingenui, illusi, ma lì per lì sinceri. Magari poi cambieranno, non lo metto in dubbio. Ma sono convinti.
Né io, per quanto giovane e per certi versi ingenua, sono la prima stupida che passa. Me ne accorgo, quando le cose mi vengono dette per fare bella figura. Non sempre, lo concedo, ma in molti casi sì, e questo, in particolare, è anche abbastanza scardinato dai discorsi che potrebbero avermi fatto. Si tratta di osservazione dello spazio circostante. Sono giovane io, ma sono giovani anche loro, e ci convivo tutto il tempo: ci vado a lezione, ci dormo la notte (condivido la casa con delle ragazze, a che avete pensato? xD),  ci faccio la spesa.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 28, 2012, 09:38:08 pm
No, Mipiaccionoglianziani (scusa la mancanza delle maiuscole xD), sono abbastanza sicura. Almeno per quella fascia d'età di quella zona.
Lo so perché io stessa ho cercato - cough - di sedurre uno di loro *PedoArty*.
Dai, una sexyuniversitaria che ti fa il filo, e la lasci a bocca asciutta (nonostante gli piacessi, si vedeva) per stare fedele ala tua tipa (di cui poi ti lamenti e non ci stai neanche bene)?
Ovviamente un campione non fa la regola, però viste anche le altre vicende che ho vissuto con altri ragazzi e i racconti delle mie amiche della zona, mi è sembrato solo un altro spaventoso sintomo dei valory che ritornano. PAURA.

domanda: per caso aderiscono a cl o altri movimenti pseudocattolicitalebani? sono mormoni?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 09:40:41 pm
No no no no!
Non frequento quella gente, io xD
No, scherzi a parte, sono troppo fondamentalista atea, non lo dico per male, ma finirei per irritare qualsiasi essere vagamente credente nel raggio in un km.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: fedevì - Novembre 28, 2012, 09:41:31 pm
Mmm...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 28, 2012, 09:43:13 pm
No no no no!
Non frequento quella gente, io xD
No, scherzi a parte, sono troppo fondamentalista atea, non lo dico per male, ma finirei per irritare qualsiasi essere vagamente credente nel raggio in un km.

allora non mi spiego la diffusione del puritanesimo dalle tue parti. qui, in sicilia nordorientale posso assicurarti che vige il "futti, futti, ca diu piddona a tutti".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: fedevì - Novembre 28, 2012, 09:43:29 pm
Mi è capitato di aver a che fare con le coppie descritte da Artemis ma, solitamente, stanno insieme perché provengono dall'ambiente dell'oratorio (senza per forza essere ciellini) oppure perché non hanno niente di meglio da fare, per noia e abitudine. Epperò epperò tutti questi ragazzini e ragazzi desiderosi di casa dolce casa non ne conosco.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 09:47:08 pm
Anche la mia compagna di stanza è siciliana e pure da lei le cose non vanno così. Nella mia zona però è pieno, è una cosa impressionante!
In Sardegna... beh, l'ho lasciata prima di farmene un'idea certa, però ricordo di questa coppia dove lui era un belloccio perdutamente innamorato della sua tipa. Motivo: era l'unica a non averlo sedotto e abbandonato!
In questo caso non era tanto strano lui (immagino che dopo una vita in cui tenti di avere una relazione non dico per la vita, ma normale, e vieni usato solo per il tuo aspetto fisico, ti passi la voglia della sveltina) ma mi fa pensare alle mie corregionali xD
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: fedevì - Novembre 28, 2012, 09:50:46 pm
Mah, sto facendo mente locale per apportare un contributo che confermi le tue considerazioni, Artemis...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 28, 2012, 09:51:07 pm
per dare l'opposta esperienza rispetto a quella introdotta da theo, conosco più di una persona, maschi e femmine, apparentemente più che provati nelle esperienze di sesso e di sentimento, fragili e insicuri, incoerenti, rifugiati nelle secche delle credenze per potenziare l'autostima, etc.

quindi torno a ribadire che, fuori dal colore e dall'umorismo, ogni costruzione sistematica vale un mezzo centesimo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 28, 2012, 09:51:31 pm
insomma, alla fine di tutto questo si può concludere con: chi ha denti non ha pane e chi ha pane non ha denti...mi chiedo dove siano i miei denti e il mio paneXD
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 28, 2012, 09:55:12 pm
Magari la gente che ho attorno viene davvero dall'oratorio. Io vedo come sono ora, non li frequento sin dall'infanzia (dato che sono nata e cresciuta in un ambiente diverso). Un'educazione particolarmente religiosa, anche se magari rifiutata in età adulta, ha sempre i suoi strascichi...
Sta di fatto che, di contro, tutti i ragazzi sesso droga e ruockenroll, se mi dovessi basare sulle mie conoscenze e sulla mia esperienza personale, non dovrebbero esistere. Invece esistono eccome, solo che attorno a me non ce n'è. E no, non  frequento istituti religiosi, né gente "di un certo livello" (come amo quest'espressione xD), ma conosco persone di un po' tutti gli ambiti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 28, 2012, 09:55:32 pm
per dare l'opposta esperienza rispetto a quella introdotta da theo, conosco più di una persona, maschi e femmine, apparentemente più che provati nelle esperienze di sesso e di sentimento, fragili e insicuri, incoerenti, rifugiati nelle secche delle credenze per potenziare l'autostima, etc.

Ecco.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 12:04:19 pm
insomma, alla fine di tutto questo si può concludere con: chi ha denti non ha pane e chi ha pane non ha denti...mi chiedo dove siano i miei denti e il mio paneXD
tanto tu non ci hai nemmeno lo stomaco
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 12:09:02 pm
ogni tanto bellamona è saggia e sono d'accordo con lei, il problema di artemis è che è rovigotta oppure che gli è entrata la nebbia di rovigo in testa.
Da osservatore esterno ragazze/ine in difficoltà a trovarsi uno da sbattere a quell'età non ne vedo proprio, magari frequenti i posti sbagliati artemis, se vuoi ti do i consigli.

Sulla fedeltà, non credo ad una fedeltà morale o da oratorio o ecc ecc, ma si può benissimo sentirsi fedeli "istintivamente" ad una persona, e persino resistere ad una che spalanca le cosce, non ci vedo nulla di straordinario.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: purple - Novembre 29, 2012, 12:12:02 pm
Meno male che morirò zitella.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 12:13:03 pm
perchè? (non perchè morirai zitella ma perchè meno male?)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 12:16:03 pm
Artemis è sarda, Lulù.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: purple - Novembre 29, 2012, 12:19:06 pm
perchè? (non perchè morirai zitella ma perchè meno male?)
meno male perché la zitellaggine consolidata mi toglie/toglierà il fastidio e l'inutile fatica di stare a rimuginare sugli argomenti di queste 45 pp.
 :pigro:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 12:19:43 pm
boh io avevo letto rovigo. allora è valida la seconda opzione.
Comunque per esperienza le uniche sarde buone sono quelle in saor
ahahaahahahahaahahah
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 12:21:04 pm
Io a Bruxelles ne avevo conosciuta una tostissima.
Però è tornata in Italia da anni ormai.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 12:21:23 pm
perchè? (non perchè morirai zitella ma perchè meno male?)
meno male perché la zitellaggine consolidata mi toglie/toglierà il fastidio e l'inutile fatica di stare a rimuginare sugli argomenti di queste 45 pp.
 :pigro:
beh non è automatico, allevi che è zitello pure vedi che impegno che ci mette nel disquisire di affari di quore.
E un parere dall'esterno spesso è il più equilibrato e spassionato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 12:23:56 pm
Io non avevo tra le mie conoscenze molti sfarfallatori, parlando dei vent'anni. Qualcuno con un'alta mobilità sentimentale e/o un'intensa e varia vita sessuale sì. Ma anche un buon numero (su un totale esiguo) di persone con relazioni serie e durature, o che preferivano aspettare un incontro più sentimentalmente fruttifero.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 12:25:46 pm
tu eri già rinomata come spaccaletti all'epoca mae?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: purple - Novembre 29, 2012, 12:27:15 pm
perchè? (non perchè morirai zitella ma perchè meno male?)
meno male perché la zitellaggine consolidata mi toglie/toglierà il fastidio e l'inutile fatica di stare a rimuginare sugli argomenti di queste 45 pp.
 :pigro:
beh non è automatico, allevi che è zitello pure vedi che impegno che ci mette nel disquisire di affari di quore.
E un parere dall'esterno spesso è il più equilibrato e spassionato.
allora dovrò correggermi e alla parola zitellaggine sostituirò "pace dei sensi".

Inoltre, ad Allevi piace fare fatiche inutili e trastullare i suoi pensieri in varie congetture, a me no. Ecco il segreto  ;)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 12:30:18 pm
sì ma così lasci le nuove e inesperte generazioni monche della tua saggia saggezza: chi può essere più saggio di chi non soffre più delle passioni!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 12:51:31 pm
LucaLuca, sulla fedeltà altro non ho da dire se non di leggere quello che ho risposto a NuovaCarne. Sicuramente il tono sembrava sorpreso, ma era per ridere: sono la prima a essere fedele quando sono in una relazione (in effetti è difficile essere fedeli da single). Del resto, mi sono definita sexyuniversitaria: quanto potevo essere seria?

Indubbiamente poi di tipi che venderebbero l'anima per una trombata ci sono e a frotte, solo leggo di loro su internet, non fanno parte della mia esperienza e in pratica non ne conosco. Ma forse sono sfigata io xD
Poi non so se avete notato, ma ultimamente su internet va anche di moda lamentarsi di come le donne preferiscano gli stronzi mentre loro che sono così sensibbbili e fedeli sono single. Questo caso però non lo porto come argomentazione a favore della mia tesi: sono tutte robe che dicono di loro stessi, per giunta su internet. Nella realtà saranno ben diversi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 29, 2012, 01:04:03 pm
Sulla fedeltà, non credo ad una fedeltà morale o da oratorio o ecc ecc, ma si può benissimo sentirsi fedeli "istintivamente" ad una persona, e persino resistere ad una che spalanca le cosce, non ci vedo nulla di straordinario.
Infatti. Di contro, se stare con una persona diventa questo grande "sforzo di volontà" forse bisogna cominciare a farsi qualche domanda.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 01:08:14 pm
Mi sembrava di aver poi spiegato cosa intendessi dire, il concetto di scherzo, di esagerazione ecc ecc...  ma va bene, continuate pure a interpretarlo come volete voi...
Del resto, al di là del tono equivocabile, bastava anche vedere il contesto. Avevo portato un esempio di reale fedeltà (che fino a prova contraria è una cosa bella) a chi mi aveva detto che erano tutte chiacchiere di gente che parla così e poi tradisce. Insomma, qualcosa di concreto. Infatti quella persona non la disapprovo, per essere stata fedele, né ne sono particolarmente sorpresa. Ripeto, per l'ultima volta, che il tono era di scherzosa esasperazione.
Queste sono le ultime parole che spenderò in merito di fedeltà e cose del genere.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Novembre 29, 2012, 01:16:20 pm
Artemis, se ce l'hai col tono burbero di Luca non te la prendere, lui fa così con tutti  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: fedevì - Novembre 29, 2012, 01:19:13 pm
Certo che esistono le persone fedeli e che non soffrono in una relazione  :D

Non so Artemis, di sfarfallatori ce ne sono parecchi, ma vedo più ragazzi che stanno insieme per un periodo abbastanza breve, poi cambiano partner e via così.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 01:21:27 pm
No no, non ce l'ho con LucaLuca, so che è fatto così (ho lurkato a lungo), solo che mi sono un po' indispettita: NuovaCarne aveva già commentato in merito a quel famoso post, e io ho cercato di spiegare cosa intendessi dire (dato che in effetti avevo un tono equivocabile, come se fossi sorpresa e indignata di vedere gente fedele), poi però sembra quasi che non mi abbia letto...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Novembre 29, 2012, 01:27:32 pm
Citazione
solo che mi sono un po' indispettita:

Attenta questo lo stimola :D :D :D :D :D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 29, 2012, 01:29:15 pm
Artemis, tieni conto che dal vivo lucaluca è così:

(http://rubberslug.s3.amazonaws.com/user/1/e020275330b421a9b18db9e20b70a9e/tmrkulcybx_o.jpg)

Indi non ti fare impressionare.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 01:31:07 pm
Allora corro ai ripari!
:P lucaluca, quanto alle provocazioni su Rovigo, ciò non mi tocca. Continuo a passarci i week end e parte delle estati. Uno dei miei migliori amici è ferrarese e ce ne diciamo di ogni. Ci ho gli anticorpi, io.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 01:32:17 pm
uff però,
dove sia sto tono burbero poi!
la cosa sulla fedeltà l'avevo messa come considerazione personale (tipo si sta parlando di qualcosa e mi viene in mente questo o quello). Non era mica una risposta contro qualcuno o qualcosa.
Non era "do i pugni a chi non crede alla fedeltà" era "la mia idea sulla fedeltà è..."
Poi non capisco nc dice pressapoco la stessa cosa e va bene, la dico e sono burbero?
Che sono? il vecchietto alcolizzato del far west che odia le ferrovie?

Bon tornando al discorso: tu parli di internette colà ma dove sono io cosà, beh dal vero io tutti sti gggiovini in preda a fedeltà e coppie "cielline" non li vedo.
Vedo gggente che ogni mese mi si presenta col moroso nuovo, oppure gggente col moroso/a (almeno credo) che fa con altri/e, oppure gggente che, giustamente, si dedica a far felice l'altro sesso.
Che ti devo dire? cambia posti/compagnie ecc ecc.


Se volevo fare il burbero ti dicevo "scusa ma con tanta gggente libera proprio con uno impegnato ti ci vai a provare, con la scusa ridicoletta ma lui non è felice con lei?"  
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 01:33:30 pm
quelle su rovigo non sono provocazioni, dubito della sanità mentale di una che passa orgogliosamente estate e week end a rovigo!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 01:36:44 pm
 ;D
Allora grazie LucaLuca che non sei stato burbero. Ma guarda che non ho niente contro di te, niente di personale. Mi ero indispettita nei confronti tuoi e anche di quelli di NuovaCarne (visto che tu non sei costretto a leggere le risposte che do agli altri utenti, con te me l'ero presa anche meno... scusa se sono sembrata aggressiva nei tuoi confronti in particolare).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 01:38:35 pm
Mi sono evoluta in trottolino amoroso!!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 01:39:48 pm
ma no ma no ma mica dicevo a te, e non scusarti troppo in quanto sarda/rovigotta sei già fin troppo colpita dalla natura!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 01:42:12 pm
;D e ancora non sai che mi sto imparentando coi FRANCESI.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 01:42:25 pm
LucaLuca, sulla fedeltà altro non ho da dire se non di leggere quello che ho risposto a NuovaCarne. Sicuramente il tono sembrava sorpreso, ma era per ridere: sono la prima a essere fedele quando sono in una relazione (in effetti è difficile essere fedeli da single). Del resto, mi sono definita sexyuniversitaria: quanto potevo essere seria?

Indubbiamente poi di tipi che venderebbero l'anima per una trombata ci sono e a frotte, solo leggo di loro su internet, non fanno parte della mia esperienza e in pratica non ne conosco. Ma forse sono sfigata io xD
Poi non so se avete notato, ma ultimamente su internet va anche di moda lamentarsi di come le donne preferiscano gli stronzi mentre loro che sono così sensibbbili e fedeli sono single. Questo caso però non lo porto come argomentazione a favore della mia tesi: sono tutte robe che dicono di loro stessi, per giunta su internet. Nella realtà saranno ben diversi.

Mah, mah... Mi sa che è andato sempre di moda, un po'come la letteratura da secoli esalta il bello&dannato/stronzo che però se mi ci appiccico abbastanza a lungo vedrai come gli tiro fuori il buono che ha dentro, tipo Orgoglio e Pregiudizio (e Cime Tempestose, se non erro).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 01:43:16 pm
io mi sono sempre lamentato perchè preferivano gli altri, gli altri sono stronzi per definizione
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 01:43:47 pm
tu eri già rinomata come spaccaletti all'epoca mae?

Eh no, non avevo ancora scatenato la mia forza elementale.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 29, 2012, 01:44:58 pm
Che sono? il vecchietto alcolizzato del far west che odia le ferrovie?
:sisisi:
e porta la salopette con la toppa sul culo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 01:45:09 pm
contrariamente alle tendenze generali del forum io apprezzo i francesi, solo che non credo che la cosa ti migliori troppo.

ah la prossima estate va nuda a portocaleri vedrai che trovi!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 29, 2012, 01:47:18 pm
;D
Allora grazie LucaLuca che non sei stato burbero. Ma guarda che non ho niente contro di te, niente di personale. Mi ero indispettita nei confronti tuoi e anche di quelli di NuovaCarne (visto che tu non sei costretto a leggere le risposte che do agli altri utenti, con te me l'ero presa anche meno... scusa se sono sembrata aggressiva nei tuoi confronti in particolare).
veramente rispondevo a lulù, non si capisce di che ti sei indispettita.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 01:52:49 pm
se ci sono io si indispettiscono di riflesso pure!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 02:09:40 pm
comunque ora che ho scoperto che a rovigo è pieno di ragazze gggiovani insoddisfatte devo farci qualche giro!
Artemis io non ti dico di no (basta che non mi parli di quanto bella è la sardegna e di quanto traffico c'era stamattina a rovigo)
(mi devo meritare questa finora immeritata fama di molestatore)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 02:13:05 pm
comunque ora che ho scoperto che a rovigo è pieno di ragazze gggiovani insoddisfatte devo farci qualche giro!

 :sisisi:
Tutti nel Polesine.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 02:15:55 pm
e poi quest'estate altro che miami tutti a rosolina mar beach!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 02:36:17 pm
Ma io voglio cuccare ora, una bella giovine ragazza morbida per l'inverno... dove si va per cuccare d'inverno nel rovigotto?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 02:38:17 pm
ovviamente nel posto in cui si concentra tutta la popolazione del rovigotto: il centro commerciale la fattoria con annesso cinema cinergia
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 02:39:20 pm
http://www.cinergia.it/
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 02:40:08 pm
Apposto, vado a vedere Amour.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 02:40:43 pm
Che certo è una pellicola che attrae le sgarzoline con le fregole...  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 02:41:01 pm
guarda che seratona allevi
"VENERDI' PIZZA & CINEMA    

10,00 €
Tutti i venerdì non festivi/prefestivi mangi una pizza margherita, bevi una bibita piccola e vedi un film con soli € 10,00.
"
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 02:41:57 pm
WoW!  :D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 29, 2012, 03:27:01 pm
Ma è specificato che i fylm siano in bianco e nero?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 03:31:09 pm
probabilmente i filmi a rovigo sono in biancoenero perchè al colore ci devono ancora arrivare
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 29, 2012, 03:45:39 pm
insomma, alla fine di tutto questo si può concludere con: chi ha denti non ha pane e chi ha pane non ha denti...mi chiedo dove siano i miei denti e il mio paneXD
tanto tu non ci hai nemmeno lo stomaco

sono loro che non ci hanno il fegato! ;D

perchè? (non perchè morirai zitella ma perchè meno male?)
meno male perché la zitellaggine consolidata mi toglie/toglierà il fastidio e l'inutile fatica di stare a rimuginare sugli argomenti di queste 45 pp.
 :pigro:

che ne dici di aprirci insieme un gattile e indire gare internazionali di "buca il pallone ai ragazzini stronzi?" :gattopacifico:


comunque ora che ho scoperto che a rovigo è pieno di ragazze gggiovani insoddisfatte devo farci qualche giro!
Artemis io non ti dico di no (basta che non mi parli di quanto bella è la sardegna e di quanto traffico c'era stamattina a rovigo)
(mi devo meritare questa finora immeritata fama di molestatore)

dolcemeeeeetàààààààààààà!!!!!! :rompicazzi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 03:47:35 pm
fai poco la gradassa anne boleyn, perchè nel mio nuovo compito di meritarmi la fama di molestatore ci devo provare con tutte le tizie del forum.
E siccome vado in ordine alfabetico, e salto quelle non attive per ovvie ragioni, per prima ho adriana ma subito dopo ci devo provare con te!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 29, 2012, 03:50:01 pm
 :brrr: :brrr: :brrr:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 04:00:55 pm
Come locale vi consiglio di Moby, a Rovigo U_U pieno di adorabili ubriaconi ambosessi :P
NC, mi ero indispettita perché essendo il commento di Lucaluca da te quotato riferito a me (vabbè, più che a me, a quello che ho detto) sembrava che si parlasse di quello che avevo detto.
Evidentemente ho equivocato, quindi pace. Volemose bbene.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 04:01:56 pm
A quando il malvaraduno a Rovigo? <3
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 04:04:02 pm
solo se è alla fattoria/cinergia
dopo che hanno chiuso il mascò non ci sono altri posti degni di me a rovigo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 29, 2012, 04:06:14 pm
Come locale vi consiglio di Moby, a Rovigo U_U pieno di adorabili ubriaconi ambosessi :P
NC, mi ero indispettita perché essendo il commento di Lucaluca da te quotato riferito a me (vabbè, più che a me, a quello che ho detto) sembrava che si parlasse di quello che avevo detto.
Evidentemente ho equivocato, quindi pace. Volemose bbene.
è tutta colpa di lucaluca comunque. Su questo siamo tutti d'accordo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 04:07:06 pm
perchè siete tutti d'accordo con quei maledetti delle ferrovie che vi hanno mangiato il cervello
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Novembre 29, 2012, 04:08:12 pm
Il discorso di Artemis mi ha fatto ricordare una cosa inquietante: una mia ex conquilina di Bologna, assistente universitaria, che segue un sacco di studenti in tesi fra i 23 e i 25, più altri anche più giovani per ripetizioni, mi raccontava dell'abitudine diffusa tra i suoi giovanissimi studenti di scambiarsi con i propri fidanzati le password di Facebook :o.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 04:10:05 pm
Il discorso di Artemis mi ha fatto ricordare una cosa inquietante: una mia ex conquilina di Bologna, assistente universitaria, che segue un sacco di studenti in tesi fra i 23 e i 25, più altri anche più giovani per ripetizioni, mi raccontava dell'abitudine diffusa tra i suoi giovanissimi studenti di scambiarsi con i propri fidanzati le password di Facebook :o.

Eh. Qua si sconfina di molto dal discorso principale, ma è una cosa allucinante. C'è addirittura chi chiede la password della casella email.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 29, 2012, 04:11:20 pm
Il discorso di Artemis mi ha fatto ricordare una cosa inquietante: una mia ex conquilina di Bologna, assistente universitaria, che segue un sacco di studenti in tesi fra i 23 e i 25, più altri anche più giovani per ripetizioni, mi raccontava dell'abitudine diffusa tra i suoi giovanissimi studenti di scambiarsi con i propri fidanzati le password di Facebook :o.
troppo innamorati per avere una privacy http://www.nbc.com/saturday-night-live/video/the-love-toilet/1056587/
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 04:12:10 pm
per me diventa inquietante solo quando chiedono la firma congiunta in banca
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 29, 2012, 04:19:10 pm
:asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 04:23:30 pm
Sì, avevo sentito anche io delle password di facebook :o
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 04:25:08 pm
Io conosco un ragazzo facile (non nel senso del topic) che ha dovuto blindarsi il profilo dopo essere stato beccato (non aveva capito come funzionasse la privacy e chi potesse leggere cosa).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 04:46:59 pm
Ritorniamo alle origini del topic: er Depresseraro era caduto in depressione dopo che la tizia l'aveva lasciato avendo prima avuto accesso al suo profilo fb con tanto di cronologia dei messaggi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 04:49:07 pm
eh no allevi deciditi: o si deve o non si deve parlare dei tuoi amici insulsi!
e scusa tanto tra ragazze allupate in quel di rovigo e il tuo depresso la scelta per me pare ovvia!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 04:50:32 pm
Ritorniamo alle origini del topic: er Depresseraro era caduto in depressione dopo che la tizia l'aveva lasciato avendo prima avuto accesso al suo profilo fb con tanto di cronologia dei messaggi.

Relazione di mesi o anni?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Novembre 29, 2012, 04:51:40 pm
Che poi immagino avrà cambiato la password.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 04:52:24 pm
Che poi immagino avrà cambiato la password.

Be', in effetti...  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 04:56:14 pm
Mesi Mae, mesi.

Er Dep va benissimo, perché difficilmente potrete arrivare alla sua identità (anche se...).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 05:01:29 pm
Mesi Mae, mesi.

Mah. Diciamo che è un paradosso: se stiamo insieme da poco non ti allargare, se stiamo insieme da tantissimo fidati e basta. Se avanzi pretese e poi la relazione dura pure poco sei paranoica (a meno che non finisca proprio perché hai scoperto le scappatelle).

Er Dep va benissimo, perché difficilmente potrete arrivare alla sua identità (anche se...).

 :radar:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 05:02:36 pm
ma poi uno da la password dopo avere cancellato tutto il compromettente, mi sembra lapalissiano!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 05:05:37 pm
No ma lì la password era stata scoperta con la frode (o meglio era stato tordo lui: non si era disconnesso subito appena finito di guardare il profilo dal pc di lei).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 29, 2012, 05:11:12 pm
Ma allora se l'è voluta e cercata, no? I traditori poi mica possono mettersi a piangere!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 05:13:48 pm
La situazione era più ingarbugliata...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 29, 2012, 05:15:08 pm
La storia della relazione difficile mi pare sempre solo UNA SCUSA,
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Novembre 29, 2012, 05:17:20 pm
La storia della relazione difficile mi pare sempre solo UNA SCUSA,

eh ma sono tutti complicati signora mia!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Novembre 29, 2012, 05:31:41 pm
Ma allora se l'è voluta e cercata, no? I traditori poi mica possono mettersi a piangere!
Non dovrebbero, a rigor di logica. Ma lo fanno spessissimo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 05:40:11 pm
Tecnicamente non aveva tradito. Ma va beh.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 29, 2012, 05:53:39 pm
Ancora peggio con quel "tecnicamente". Non è che si tradisce solo se si è veramente scopato.
Ma non dico altro, non conosco la storia. Amen.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 29, 2012, 05:54:33 pm
aveva broccolato?  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Novembre 29, 2012, 05:55:28 pm
Tecnicamente non aveva tradito. Ma va beh.
Il concetto di tradimento è molto molto elastico: per qualcuno basta davvero poco per considerarsi cornuto/a
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 06:01:28 pm
Lei lo aveva lasciato, in quel periodo lui ha scritto cose broccolose ad altre ragazze (una almeno), poi sono tornati assieme ed è stato allora che i messaggi sono stati letti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 29, 2012, 06:02:54 pm
ah
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Novembre 29, 2012, 06:05:49 pm
Lei lo aveva lasciato, in quel periodo lui ha scritto cose broccolose ad altre ragazze (una almeno), poi sono tornati assieme ed è stato allora che i messaggi sono stati letti.
Appunto. Qualcuna ci passerebbe sopra (la cosa più razionale), qualcuna no.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 29, 2012, 06:06:06 pm
Lei lo aveva lasciato, in quel periodo lui ha scritto cose broccolose ad altre ragazze (una almeno), poi sono tornati assieme ed è stato allora che i messaggi sono stati letti.
uh, Ross e Rachel!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 29, 2012, 06:06:39 pm
La stessa cosa che ho pensato io  :o. Lei è Rachel!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 29, 2012, 06:10:04 pm
La stessa cosa che ho pensato io  :o. Lei è Rachel!
intossicati da friends  :asd: :malaticcio:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 29, 2012, 06:17:50 pm
come si scrivono le "cose broccolose"? cosa si deve scrivere?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 06:25:36 pm
E lei gli ha fatto la scenata ammettendo l'invasione? O è stata beccata per uguale tordaggine?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 06:26:37 pm
Mi pare la prima.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Novembre 29, 2012, 06:27:27 pm
Che gente, signoramia.  :sciuretta:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 07:47:37 pm
eh no allevi deciditi: o si deve o non si deve parlare dei tuoi amici insulsi!
e scusa tanto tra ragazze allupate in quel di rovigo e il tuo depresso la scelta per me pare ovvia!

LucaLuca, così mi fai battere il cuore <3
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 07:48:28 pm
Se è per quello anche io preferirei avere a che fare con le rovigotte allupate...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 29, 2012, 08:13:36 pm
ah beh!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mirtillosa° - Novembre 29, 2012, 08:34:12 pm
Artemis, io mi concentrerei sui fuori sede come te e meno sugli autoctoni, se credi che siano tutti così
Ma lascia stare quelli fidanzati però :ihih:
 Comunque ti comprendo abbastanza, anche a me alla tua etá le storie durature mi facevano orrore, il pensare subito alla vita insieme, ad eventuali matrimoni, per non parlare delle storie che cominciavano nell'adolescenza e che duravano anni, anch'io facevo fatica acredere che fossero vere,  capisco benissimo che per ora tutto questo non ti interesi, continua a cercare che sono sicura che non sono proprio tutti come dici tu, prova a cambiare giro di amici
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 08:40:11 pm
Grazie per il suggerimento :* tra l'altro, sono restia a legarmi in patria perché dopo la laurea ho in mente di partire per il Giappone, che è un po' la mia terra promessa.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 29, 2012, 08:47:45 pm
poi l'esistenza va spesso per le sue ed in parte ci si adegua ai condizionamenti indipendenti dalla nostra volontà e dalle nostre attese... ;D

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mirtillosa° - Novembre 29, 2012, 08:49:00 pm
Ma i giapponesi in genere mi sa che sono un bel po' all'antica :ohcielo: 
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 29, 2012, 08:52:19 pm
o sono perversissimi, e pure minipimer!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 08:53:06 pm
Ci penserò quando sarò lì e toccherò con mano (spero letteralmente ;D) in caso, poi, se vedete una ragazza che scappa dal Giappone in gommone e vaga per il Pacifico, sono io.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mirtillosa° - Novembre 29, 2012, 08:54:05 pm
Mah, in genere si dice che siano un bel po' maschilisti e all'antica, poi è ovvio che non sono tutti così
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 29, 2012, 08:54:45 pm
e hanno gli occhi enormi e i capelli blu in fibra di carbonio!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mirtillosa° - Novembre 29, 2012, 08:55:00 pm
Ci penserò quando sarò lì e toccherò con mano (spero letteralmente ;D) in caso, poi, se vedete una ragazza che scappa dal Giappone in gommone e vaga per il Pacifico, sono io.
:rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 29, 2012, 08:56:31 pm
e i loro criceti ti parlano!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 08:57:41 pm
Arty-chan monogatari: la struggente storia di una bella fanciulla che fugge da tutti i suoi amanti rifiutando strenuamente tutte le proposte di matrimonio, finché non si scopre essere la Principessa della Luna e allora dovrà tornare nel suo paese, bagnando di lagrime le maniche del kimono...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 09:00:02 pm
Una ragazza bianca in Giappone in cerca di amore... auguri.

Ma almeno quelli che cercano il matrimonio non dovresti proprio vederli.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 29, 2012, 09:02:22 pm
non apprezzano?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mirtillosa° - Novembre 29, 2012, 09:06:08 pm
Ora che ci penso tempo fa c'era un'utente che viveva in giappone e sposata a un giapponese! Aveva anche aperto una discussione, se siete bravi magari riuscite a ripescarla, si chiamava Ilaria?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 09:06:27 pm
Gli unici giapponesi disposti a sposare un diavolo bianco sono quelli che vanno all'estero, non il contrario.

Ovvio che sto estremizzando, però in buona misura è così.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 09:12:21 pm
Ci penserò a tempo debito. Con la fortuna che mi ritrovo, avrò tre proposte di matrimonio al giorno, poi finalmente deciderò di sposarmi e allora tutti a dire "io sposare un diavolo bianco? Giammai!". Del resto, se sono riuscita a trovare una rarissima sacca di ventenni superseri e col matrimonio per la testa... magari ho la faccia della brava ragazza e attiro solo quelli così ;D chiaro esempio di quando le apparenze ingannano!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 29, 2012, 09:20:59 pm
Arty-chan monogatari: la struggente storia di una bella fanciulla che fugge da tutti i suoi amanti rifiutando strenuamente tutte le proposte di matrimonio, finché non si scopre essere la Principessa della Luna e allora dovrà tornare nel suo paese, bagnando di lagrime le maniche del kimono...

Basta che non mi diventi così:

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6_O_W7BYD-E[/youtube]

(imperdibile l'intervista di Mana-Sama alla fine XD)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: purple - Novembre 29, 2012, 10:54:12 pm

meno male perché la zitellaggine consolidata mi toglie/toglierà il fastidio e l'inutile fatica di stare a rimuginare sugli argomenti di queste 45 pp.
 :pigro:

che ne dici di aprirci insieme un gattile e indire gare internazionali di "buca il pallone ai ragazzini stronzi?" :gattopacifico:

[/quote]
ottima prospettiva. Approvo!  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 29, 2012, 11:04:27 pm
Gli unici giapponesi disposti a sposare un diavolo bianco sono quelli che vanno all'estero, non il contrario.

Ovvio che sto estremizzando, però in buona misura è così.

I molti giappi che ho conosciuto in occidente ci hanno messo molto poco a de-nipponarsi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 11:16:33 pm
In Axis Power Hetalia (per chi non lo sapesse, un anime ambientato nella WWII dove i personaggi sono le nazioni personificate, c'è uno sketch dove Italia porta Giappone a fare un giro nel suo paese, e quando Giappone torna è uguale a Italia, parla come lui, si comporta come lui e gli viene pure il ciuffo arricciolato tipico. E poi c'è il commento: gli italiani sanno come trascinare la gente... o forse sono i giapponesi a essere molto influenzabili. Di contro, i tedeschi rimangono tedeschi ovunque. E qui si vede Germania tipico turista tedesco in una localita stile Hawaii, con la corona di fiori ma visibilmente fuori posto xD
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 11:21:01 pm
I molti giappi che ho conosciuto in occidente ci hanno messo molto poco a de-nipponarsi.

Ma appunto, perché sono i giappi anomali che vanno all'estero e spesso mal sopportano la pressione nipponese.
E poi alle volte sono de-nipponati meno in profondità di quanto noi (ed essi stessi) crediamo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 29, 2012, 11:23:50 pm
Una cosa curiosissima: è la terza ragazza giapponese che si iscrive e viene ammessa al nostro corso di dottorato con una tesi sul secondo 400 in Italia centrale.
E sapete perché? Per il manga "Cesare".

A proposito di fumetti diseducativi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 29, 2012, 11:24:56 pm

meno male perché la zitellaggine consolidata mi toglie/toglierà il fastidio e l'inutile fatica di stare a rimuginare sugli argomenti di queste 45 pp.
 :pigro:

che ne dici di aprirci insieme un gattile e indire gare internazionali di "buca il pallone ai ragazzini stronzi?" :gattopacifico:

ottima prospettiva. Approvo!  :sisisi:
[/quote]

(http://simpsonovci.com/img/postavy/patty-selma.gif)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 11:27:12 pm
Quello sui Borgia?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 29, 2012, 11:29:11 pm
Sì. Peraltro sono tutte tre degli ossi durissimi con cui confrontarsi.
Hanno candidamente ammesso di essere state incoraggiate dal loro professore (che è quello che aiuta la Soryou) a tentare lo studio in loco.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 29, 2012, 11:30:15 pm
(http://www.ibiblio.org/phil/fnordchan/sum09/23-hetalia-axis-powers-s2.jpg)

No, cioè... non ho parole.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 29, 2012, 11:33:04 pm
Sono meno moe, nell'anime. A parte i momenti GermaniaxItalia, ovvio.
Riporto una scena simpatica: Italia e Giappone alle terme. Giappone che parla dei suoi modellini robot. Italia che gli indica le parti basse:- ma anche quello è un modellino?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 29, 2012, 11:35:57 pm
Era stato parecchio perculato in queste pagine... forse era stato aperto un topic apposito.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 29, 2012, 11:45:26 pm
Che cosa mi sono perso, cazzo.
Ora posso dare sfogo a tutti i miei interessi militareschi in modo del tutto superficiale e cazzaro.


Comunque, per tornare IT, una di queste ragazze si è fidanzata con un italiano.
Chissà cosa uscirà fuori.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 30, 2012, 09:33:09 am
Anche il mio docente di filologia giappa sta con una giapponese. Odio tutti ;_; e a me niente!  :furioso: :'(
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 30, 2012, 10:14:24 am
e io che mi limitavo a desiderare le ninfe della mitologia greca...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 30, 2012, 10:15:02 am
(http://www.ibiblio.org/phil/fnordchan/sum09/23-hetalia-axis-powers-s2.jpg)

No, cioè... non ho parole.

Quale è l'Italia?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 30, 2012, 10:31:14 am
Il secondo in basso, con la bandiera bianca ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 11:51:41 am
eh no allevi deciditi: o si deve o non si deve parlare dei tuoi amici insulsi!
e scusa tanto tra ragazze allupate in quel di rovigo e il tuo depresso la scelta per me pare ovvia!

LucaLuca, così mi fai battere il cuore <3

mi spiace moretta devi aspettare il tuo turno (il 4 in ordine alfabetico).

A me sti incroci tra giapponesi e italiani non mi paiono così rari, visto che conosco un ibrido che mi ha detto che a sua volta ne conosce almeno 6 di altri ibridi. Sarà mica un caso statistico!

Resta che preferisco persino berlino a sta moda del giappone, voglio dire negli anni 70/80 il giappone era considerato come la cina ora, cioè sì fanno di tutto ma che schifo di roba, quindi se volessi essere trendy oggi sarei filocinese, perchè ci scommetterei non so cosa che tra 10 anni sarà tutto wow la cina  wow sai sono stata a pechino ecc ecc ah i club di shangai e roba del genere.
E il giappone sarà la londra di adesso che non se la caga più nessuno.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 30, 2012, 11:58:35 am
Sì, ma dove vivono questi ibridi? Fuori dal Giappone, allora sì.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 12:00:49 pm
beh se vivono in italia evidentemente sì
mi sfugge perchè uno dovrebbe andarsene da qui allo scopo di sposare una giapponese
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 30, 2012, 12:01:08 pm
beh, nel grande mondo della pesca sportiva il Giappone era già figo a fine anni '70... precursori :pfui:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 30, 2012, 12:02:48 pm
LucaLuca, in un certo senso è già così. C'è ovviamente questo clima di schifo per la Cina (ma non credere che manchi, in una certa misura, schifo per il Giappone. Ovviamente molto meno rispetto alla Cina, ma esiste) ma al giorno d'oggi quando si parla di studiare una lingua orientale, per convenienza e non per passione, non si sceglie più tanto l'arabo quanto il cinese (il giapponese rimane prerogativa di noi appassionati, dato che è in crisi e non in via di sviluppo) perché la Cina è vista come il futuro. Per quanto mi riguarda, il Giappone è una fenice che aspetta solo di risorgere dalle sue ceneri (come sono romantica).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 30, 2012, 12:03:36 pm

mi sfugge perchè uno dovrebbe andarsene da qui allo scopo di sposare una giapponese

perchè gli piace la patata orizzontale?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 12:05:59 pm
Mi sa che è un mito mixar a cui si associa una realtà di sfrantumamento circolare dei maroni.
Se dovessi studiare una lingua orientale studierei il ciosoto (chioggia mi sembra più interessante del giappone)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 12:06:43 pm
forse dovrei chiedere alla ibrido che conosco se lei la patata ce l'ha diagonale allora
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 30, 2012, 12:07:20 pm
chiedi
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Novembre 30, 2012, 12:07:33 pm
 :rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 12:08:00 pm
diagonale è di una scomodità assurda ora che ci penso
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 30, 2012, 12:10:23 pm
A Chioggia avevo qualche parente. Ci sono le zucche buone.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 12:16:49 pm
sì poi qualcuna gli riesce male e la spediscono a roma
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 30, 2012, 12:17:49 pm
diagonale è di una scomodità assurda ora che ci penso

Invece orizzontale...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 12:18:53 pm
allora sei proprio ingenuo Bizansemolino
se è orizzontale quando spalanca le cosce le si stringe no
pensaci mona!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Novembre 30, 2012, 12:19:29 pm
Sì, ma dove vivono questi ibridi? Fuori dal Giappone, allora sì.

io conosco una ragazza che è andata in Giappone e ha rimorchiato un giapponese là sul posto.
è tornata in Italia e per ora ci sta ancora insieme a distanza (per ora).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 12:21:19 pm
e poi dicono che ce l'hanno corto!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 30, 2012, 12:23:26 pm
allora sei proprio ingenuo Bizansemolino
se è orizzontale quando spalanca le cosce le si stringe no
pensaci mona!

:facepalm:
Allora logica vuole che tu debba riuscire a infilarlo prima che le cosce si spalanchino...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 30, 2012, 12:27:32 pm
infatti non è corto, è retrattile
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Novembre 30, 2012, 12:30:02 pm
Per evitare che lo cionchi quando lei apre le cosce?
Per cui il sesso in giappone è una specie di reciproco cucusettete?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 12:41:56 pm
allora sei proprio ingenuo Bizansemolino
se è orizzontale quando spalanca le cosce le si stringe no
pensaci mona!

:facepalm:
Allora logica vuole che tu debba riuscire a infilarlo prima che le cosce si spalanchino...

mi sembra di essere all'asilo!
mica è difficile infilarlo a cosce socchiuse eh pensaci
e quando si spalancano mica è la ghigliottina: diventa solo più stretta
come del resto succede con la mona normale se chiude le cosce mica te lo taglia.


(mi entusiasmano queste discussioni su temi concreti tipo la mona orizzontale)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 30, 2012, 12:49:28 pm
ToVneVò quando saVete meno volgaVi  :pfui:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 01:01:25 pm
volgari? si sta parlando di meccanica
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 30, 2012, 01:02:07 pm
Di anatomia anche ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 30, 2012, 01:02:43 pm
ToVneVò quando saVete meno volgaVi  :pfui:
auguVi alloVa  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 01:04:00 pm
lo pensi solo perchè tu sei maliziosa
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 30, 2012, 01:05:41 pm
ToVneVò quando saVete meno volgaVi  :pfui:
auguVi alloVa  :sisisi:

In effetti rischierei di non poter tornare più ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Novembre 30, 2012, 01:25:54 pm
libeVtè, volgaVitè, fVateVnitè
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 30, 2012, 01:39:26 pm
gnègnègnè
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 30, 2012, 02:24:07 pm
Mixar è Hope Forrester!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Novembre 30, 2012, 02:57:49 pm
mona è mona
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Novembre 30, 2012, 02:58:47 pm
Mixar è simpatico
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 02:59:25 pm
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=D79ujliNh4Q[/youtube]x
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Novembre 30, 2012, 06:48:22 pm
Artemis ma che fai? monti la guardia a sto topic? Aspetti che ci passino dei ragazzi facili?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Novembre 30, 2012, 07:56:13 pm
In genere lascio aperte le finestre delle conversazioni che seguo ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Novembre 30, 2012, 09:20:12 pm
nel caso tra poco sarà il tuo turno XD
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Dicembre 01, 2012, 03:13:58 am
no mi sono già stufato, non fa per me e non porta ad alcun frutto, molto meglio il metal detector
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: sopia - Dicembre 01, 2012, 02:07:53 pm
Citazione
Ci penserò quando sarò lì e toccherò con mano (spero letteralmente)
(http://img237.imageshack.us/img237/2040/noseev5.gif)
cos'è che ti attira in un giapponese (un giapponese medio, non uno tipo Toshiro mifune) di grazia?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Dicembre 01, 2012, 02:12:46 pm
No beh, non cominciamo con questi discorsi...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Dicembre 01, 2012, 02:32:14 pm
le nippomodelle d'intimo sono morbidose
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: sopia - Dicembre 01, 2012, 02:36:09 pm
che palle zio allevy (http://i54.tinypic.com/ymonb.gif)
e poi quali discorsi? sono sinceramente curiosa (http://i905.photobucket.com/albums/ac254/Krigerinne/Sgarzullino/ueuerc3.gif)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Dicembre 01, 2012, 02:54:04 pm
Non credo si possa spiegare, del resto mi chiedo invece cosa ci sia di attraente nei ragazzi che piacciono alle mie amiche xD credo sia questione di gusti ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Dicembre 01, 2012, 03:17:18 pm
le nippomodelle d'intimo sono morbidose

mixar ha questa capacità di trovare molto spesso le parole giuste per i miei pensieri
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: sopia - Dicembre 01, 2012, 03:21:54 pm
Io chiedevo al maschile. I giappi Non corrispondono esattamente all'idea comune di mascolinità e charme. Ma vabè, probabilmente ti piacciono anche gli uomini giapponesi perché provi grande grande amore per il giappone tutto. MEH.
Comunque avrei voluto dare un contributo alla discussione (che altrimenti allevy si inalbera), il problema è che non sono ferrata, tutti i miei amici si dividono in due categorie: quelli fidanzati seriamente (e che hanno solo storie millenarie) e quelli single senza speranza. Questi ultimi sogliono uscire in gruppo, un gruppo di ingegneri masculi che passano il tempo a fare discorsi tristi e stracciamaroni, dei nerd di dimensioni preoccupanti insomma (vi lascio immaginare la natura delle loro disquisizioni).
Ma sotto quella scorza di battutine secsuali e pallosissime discussioni su cagate fantasi si nascondono delle piccole anime fragili e insicure.
e.g. Uno di questi ragazzi (tra l'altro di discreto aspetto) mi ha confessato che non è mai riuscito a chiedere ad una ragazza di uscire. Semplicemente aspetta che sia la ragazza a dimostrarsi disponibile, a volte neanche questo basta. Comunque so che è uscito con una ragazza che lui stesso ha definito una cessa insopportabile e ne ignoro le ragioni.

esco con della gente terribile, però in fondo son dei bravi ragazzi. (http://img341.imageshack.us/img341/8452/seloxi7.gif)

poi boh sarò scema io, però non ho mica capito bene 'sta cosa del "ragazzo facile". Cioè se si intende ragazzi che non disdegnano una botta e via ne esistono a iosa, però non li conosco direttamente.
 La mia migliore amica tende ad attirare e ad essere attirata da esponenti di questa categoria, poi ci rimane male quando il giorno dopo non la chiamano pure se sono stati tutto il tempo a dirle quanto è speciale e simpatica e intelligente.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Dicembre 01, 2012, 03:24:57 pm
eh no eh, io la definizione non te la do, che poi allevi mi cazzia anche se riporto le sue parole...  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Dicembre 01, 2012, 03:30:22 pm
Io sì, non temo nulla.

Il ragazzo facile qui inteso è quello che viene considerato "facile", cioè uno a cui capitano prevalentemente/solo/molte storielle o botte-e-via, ma vorrebbe (o almeno così sostiene) qualcosa di più. Quindi si lamenta, soffre della sua condizione ma non riesce a uscirne.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Dicembre 01, 2012, 03:34:55 pm
I giappi Non corrispondono esattamente all'idea comune di mascolinità e charme.
ma meno male che non tutti aderiscono alle idee comuni di mascolinità/femminilità... Altrimenti potrei appendere la patata al chiodo  :asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Dicembre 01, 2012, 03:35:29 pm
Io chiedevo al maschile. I giappi Non corrispondono esattamente all'idea comune di mascolinità e charme. Ma vabè, probabilmente ti piacciono anche gli uomini giapponesi perché provi grande grande amore per il giappone tutto. MEH.


Se è per questo non sempre agli uomini piacciono le donne di grande femminilità. Anzi, ultimamente vedo preferenza verso donne altissime, dalle spalle larghe, prive di punto vita (o quasi) e dai lineamenti duri. Per carità, possono piacere, ma come a me (e ad altre ragazze) piacciono invece maschi non molto virili...  tra l'altro, sarebbe un po' azzardato dire che mi piacciono i giappi perché mi piace la loro cultura. Molte mie amiche con la stessa passione si ritrovano ad adorare certi attori o modelli giapponesi, peccato che fossero comunque alti, palestrati ecc ecc e che di non occidentale avessero solo alcuni lineamenti del viso ;D anche prima di "consacrarmi" agli asiatici avevo preferenza per i ragazzi mingherlini, sono le storie che ricordo con più affetto e ardore <3
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Dicembre 01, 2012, 03:38:07 pm
Comunque avrei voluto dare un contributo alla discussione (che altrimenti allevy si inalbera), il problema è che non sono ferrata, tutti i miei amici si dividono in due categorie: quelli fidanzati seriamente (e che hanno solo storie millenarie) e quelli single senza speranza. Questi ultimi sogliono uscire in gruppo, un gruppo di ingegneri masculi che passano il tempo a fare discorsi tristi e stracciamaroni, dei nerd di dimensioni preoccupanti insomma (vi lascio immaginare la natura delle loro disquisizioni).
almeno i tuoi amicy possono fare discorsi fantasi... pensa ai bambini meno fortunati che sanno parlare solo di calcio e figa (quest'ultima rigorosamente per sentito dire)  :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Dicembre 01, 2012, 03:40:30 pm
E sbronze.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: purple - Dicembre 01, 2012, 04:19:27 pm
Io sì, non temo nulla.

Il ragazzo facile qui inteso è quello che viene considerato "facile", cioè uno a cui capitano prevalentemente/solo/molte storielle o botte-e-via, ma vorrebbe (o almeno così sostiene) qualcosa di più. Quindi si lamenta, soffre della sua condizione ma non riesce a uscirne.


Alleviana definizione di ragazzo facile: colui che pur aspirando all'amore stabile e di essere visto come partner serio  finisce ahilui con l'essere considerato dalle donne solo un maschio usa e getta.



Siamo state brave?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Dicembre 01, 2012, 05:27:22 pm
I discorsi fantasy non sono mai cagate.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Dicembre 01, 2012, 06:01:08 pm
che palle zio allevy (http://i54.tinypic.com/ymonb.gif)
e poi quali discorsi? sono sinceramente curiosa (http://i905.photobucket.com/albums/ac254/Krigerinne/Sgarzullino/ueuerc3.gif)


I discorsi in vago odore di razzismo: i giapponesi sono brutti, i negri hanno il ritmo nel sangue...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Dicembre 01, 2012, 06:08:14 pm
Veramente non conta molto a cosa aspiri il ragazzo facile, conta - lo ripeto per l'ennesima volta - come viene percepito e usato dalle donne, cioè come uno che ci sta facile quando si ha giusto voglia di farsi un giro di lingua o di cazzo e che si può mollare subito dopo senza problemi; poi al ragazzo in questione può andare bene ed essere soddisfatto o può lamentarsene. Quello che di solito accade è che gli va bene per un certo periodo della vita ma a un certo punto non più, però allora trova che è molto difficile uscire dal ruolo e farsi considerare diversamente.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Dicembre 01, 2012, 06:14:04 pm
che palle zio allevy (http://i54.tinypic.com/ymonb.gif)
e poi quali discorsi? sono sinceramente curiosa (http://i905.photobucket.com/albums/ac254/Krigerinne/Sgarzullino/ueuerc3.gif)


I discorsi in vago odore di razzismo: i giapponesi sono brutti, i negri hanno il ritmo nel sangue...
magari voleva solo dire che in genere sono glabri e minuti... che è come constatare che hanno gli occhi a mandorla  :P Mica è razzismo quello eh
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Dicembre 01, 2012, 06:16:36 pm
Sì, ma sono sempre sul confine.
Poi mica ce l'ho con Sopia, che mi è molto simpatica...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Dicembre 01, 2012, 06:17:18 pm
Adoro questa faccina (http://i54.tinypic.com/ymonb.gif)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Dicembre 01, 2012, 06:18:46 pm
Sì, poi è bello che Sopia me la dedichi e mi chiami zio Allevi.  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Dicembre 01, 2012, 06:27:34 pm
Sì, ma sono sempre sul confine.
se dico che il tipico inglese biondiccio, occhi azzurri e colorito rosa maialino non mi piace FISICAMENTE sono razzista? perchè allora ho paura che lo sono
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mae - Dicembre 01, 2012, 07:16:41 pm
Sì, poi è bello che Sopia me la dedichi e mi chiami zio Allevi.  ;D

Vedi che succede a dare dei pischelli agli altri...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: sopia - Dicembre 02, 2012, 12:37:22 am
per fortuna che c'è enneccì che mi capisce, anche se ha quella cosa inquietantissima degli scoiattoli. (http://img113.imageshack.us/img113/2307/omgkk6.png)
Veramente non conta molto a cosa aspiri il ragazzo facile, conta - lo ripeto per l'ennesima volta - come viene percepito e usato dalle donne, cioè come uno che ci sta facile quando si ha giusto voglia di farsi un giro di lingua o di cazzo e che si può mollare subito dopo senza problemi; poi al ragazzo in questione può andare bene ed essere soddisfatto o può lamentarsene. Quello che di solito accade è che gli va bene per un certo periodo della vita ma a un certo punto non più, però allora trova che è molto difficile uscire dal ruolo e farsi considerare diversamente.
ah ok, allora non ho contatti con queste genti,  probabilmente per via dell'età
(direi che questi sono esemplari che si aggirano intorno ai 30, al massimo ho contatti con la loro giovine e spensierata versione trombarola)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Dicembre 02, 2012, 02:31:52 am
Tienili sotto osservazione, sopia, magari tra qualche anno cominciano a lamentarsi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Dicembre 02, 2012, 03:16:13 pm
tanta pena per il razzismo antigiapponese? è uno dei popoli più razzisti del mondo.
Fanno solo finta di esserlo meno in quanto sprangate sui denti e perchè succubi degli americanzi.
Ecco una delle cose buone degli americanzi è che prendono quotidianamente a calci in culo i giapponesi, poi ci penseranno i cinesi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Dicembre 02, 2012, 03:19:34 pm
Adoro questa faccina (http://i54.tinypic.com/ymonb.gif)

Noto ora che questa faccina esegue anche una sincope nel sollevare alternativamente i due diti medi. Mirabile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Dicembre 02, 2012, 04:32:20 pm
Veramente non conta molto a cosa aspiri il ragazzo facile, conta - lo ripeto per l'ennesima volta - come viene percepito e usato dalle donne, cioè come uno che ci sta facile quando si ha giusto voglia di farsi un giro di lingua o di cazzo e che si può mollare subito dopo senza problemi; poi al ragazzo in questione può andare bene ed essere soddisfatto o può lamentarsene. Quello che di solito accade è che gli va bene per un certo periodo della vita ma a un certo punto non più, però allora trova che è molto difficile uscire dal ruolo e farsi considerare diversamente.

alevi ha detto pisello! :ohcielo: :ohcielo: :ohcielo: :ohcielo:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Dicembre 02, 2012, 04:49:12 pm
Veramente non conta molto a cosa aspiri il ragazzo facile, conta - lo ripeto per l'ennesima volta - come viene percepito e usato dalle donne, cioè come uno che ci sta facile quando si ha giusto voglia di farsi un giro di lingua o di cazzo e che si può mollare subito dopo senza problemi; poi al ragazzo in questione può andare bene ed essere soddisfatto o può lamentarsene. Quello che di solito accade è che gli va bene per un certo periodo della vita ma a un certo punto non più, però allora trova che è molto difficile uscire dal ruolo e farsi considerare diversamente.

alevi ha detto pisello! :ohcielo: :ohcielo: :ohcielo: :ohcielo:

 :rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Dicembre 02, 2012, 05:26:52 pm
Vero, in Giappone c'è molto razzismo: un razzismo che in condizioni normali non è particolarmente eclatante nelle sue manifestazioni, ma radicato.
E proprio per questo non voglio essere come quelli di loro che lo sono.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: lucaluca - Dicembre 04, 2012, 02:19:57 pm
comunicazione di servizio per artemis
vai qua e plachi di sicuro i tuoi ormoni
https://www.facebook.com/events/532518596776017/
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Dicembre 04, 2012, 07:38:03 pm
Nuoooo giovedì non posso andareeee T_T
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Dicembre 06, 2012, 10:05:39 am
Cose giappe di un'emigrante italica, tipo Artemis prossima ventura:

http://bakabeans.wordpress.com/ (http://bakabeans.wordpress.com/)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Dicembre 06, 2012, 10:45:29 am
Sto weekend c'è il mercato giapponese al Blackout a Roma, per chi è interessato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Dicembre 06, 2012, 10:53:36 am
sarò impegnato a resistere a dei nutrimenti forzati qui in patria
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Dicembre 06, 2012, 11:01:28 am
Ieri io e un altro amico e sodale, a casa di una nostra amica che conosce bene le bestioline, le quali in cambio le sistemano la casa, dipingono, le montano i divani, traslocano, etc., alla bisogna, ci siamo prodotti nell'assunzione di 2 piatti di zuppa di farro a testa, seguito da un kg in due di polpettine Ikea con salsa di mirtilli Ikea, con patatine al forno Ikea e patate dolci Coop (minchia che buone le patate dolci) e poi dolce di pane e canditi con succo di arancia... il tutto con l'ausilio di una bottiglia di barbera suddivisa.

sono facile al cibo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: sopia - Dicembre 06, 2012, 11:25:41 am
Sto weekend c'è il mercato giapponese al Blackout a Roma, per chi è interessato.
ho sentito spesso che al black out ci sta 'sto mercatino (non questo in particolare), scusa l'ignoranza ma è letteralmente un mercatino? Cioè da una parte c'è la musica e dall'altra vendono robbba?
Grazie mille, c'ho sempre avuto il dubbio
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Artemis - Dicembre 06, 2012, 02:23:18 pm
Cose giappe di un'emigrante italica, tipo Artemis prossima ventura:

http://bakabeans.wordpress.com/ (http://bakabeans.wordpress.com/)

Ti ringrazio infinitamente per avermi linkato questo blog, è molto interessante! è difficile al giorno d'oggi trovare persone che scrivono in modo così trasparente, in genere trovo solo cronache che esagerano gli aspetti positivi o altre che parlano con la tipica aria di superiorità dell'occidentale che va a vedere i popoli "strani", o che volge come difetti cose normalissime ("ah il sistema telefonico è fatto a misura di giapponese, tzè" e di chi doveva essere a misura? Dell'austriaco?).
La limpidezza di quella blogger è invece quasi commovente...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Dicembre 06, 2012, 02:25:32 pm
Sto weekend c'è il mercato giapponese al Blackout a Roma, per chi è interessato.
ho sentito spesso che al black out ci sta 'sto mercatino (non questo in particolare), scusa l'ignoranza ma è letteralmente un mercatino? Cioè da una parte c'è la musica e dall'altra vendono robbba?
Grazie mille, c'ho sempre avuto il dubbio

Vendono robba, il blackout serve solo come 'spazio'.
Un'esperienza simile è Esoterika, che a mio parere è moooooooolto più malvo e divertente (specie il momento delle conferenze di magggia)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Dicembre 06, 2012, 05:14:15 pm
Citazione
(specie il momento delle conferenze di magggia)

SOMMA INVIDIAAAAAA :vojo: :vojo: :vojo:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Gennaio 10, 2013, 06:32:55 pm
Durante le vacanze, cercando di evitare feste "gggiovani" per non fare la zia :P
 ho saputo che il  53enne sposato alla mia conoscente (la quale ha partorito una bimba bellissima)
 ha aperto attività di vario tipo con 25enne allegra.

pedofilo seriale :sciuretta:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Gennaio 10, 2013, 06:35:07 pm

 ha aperto attività di vario tipo con 25enne allegra.

in che senso?  ???
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Gennaio 10, 2013, 06:42:32 pm
Se la tromba.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Gennaio 13, 2013, 10:02:56 am
Citazione
ha aperto attività di vario tipo con 25enne allegra.

in che senso? 

Se la tromba. :sisisi: :sisisi: :sisisi:

E la fa lavorare quando "Lui è Stanco" :jedi: :jedi: :jedi:

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Gennaio 13, 2013, 12:49:29 pm
Ah, non vi ho detto che er Depresseraro l'abbiamo a mala pena visto perché lavorava tutto il tempo.
Alle donne, che non lo conoscevano, ha fatto l'impressione di "un cucciolone".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Gennaio 13, 2013, 03:06:57 pm
Ah, non vi ho detto che er Depresseraro l'abbiamo a mala pena visto perché lavorava tutto il tempo.
Alle donne, che non lo conoscevano, ha fatto l'impressione di "un cucciolone".
Un cucciolone? O signur
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Aprile 30, 2013, 06:01:50 pm
quanto sono difficile...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Aprile 30, 2013, 09:12:26 pm
Eh, fratello, è difficile per tutti, anche per i facili: figuriamoci per i difficili!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Maggio 01, 2013, 12:38:45 pm
Eh, fratello, è difficile per tutti, anche per i facili: figuriamoci per i difficili!

:sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Maggio 03, 2013, 10:23:20 am
Ah sì: ho avuto gli aggiornamenti su come è poi proseguita tra Ste e l'attrice di ci si parlava a novembre, ma è roba già tutta conclusa...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Maggio 03, 2013, 01:04:43 pm
Io voglio sapere di Ema. E' ancora fidanzato, no?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Maggio 03, 2013, 07:22:09 pm
Lo è. Ma ora è in Irlanda senza fidanzata.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Maggio 03, 2013, 07:24:03 pm
vai Desdy approfitta!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Maggio 03, 2013, 08:12:45 pm
...una amica ultraquarantenne sostiene che se mi recassi, per dire, in discoteca, convinto di ottenere un rimorchio one shot e deciso a perseguire il risultato, la disponibilità di materiale umano rimorchiabile mi stupirebbe...

Mantengo una serena perplessità al riguardo...

Ovviamente, poi, lei sostiene che sarebbe un poco appagante accontentarsi, non perseguendo le donne più valide e dalle più impegnative soddisfazioni...

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Maggio 03, 2013, 08:16:15 pm
Ha ragione.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Maggio 03, 2013, 08:16:41 pm
Ema e Desdatrix non ce li vedo assieme.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Maggio 03, 2013, 08:21:21 pm
...una amica ultraquarantenne sostiene che se mi recassi, per dire, in discoteca, convinto di ottenere un rimorchio one shot e deciso a perseguire il risultato, la disponibilità di materiale umano rimorchiabile mi stupirebbe...

Mantengo una serena perplessità al riguardo...

Ovviamente, poi, lei sostiene che sarebbe un poco appagante accontentarsi, non perseguendo le donne più valide e dalle più impegnative soddisfazioni...



lo sostiene anche una mia amica, parlando di me.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Maggio 04, 2013, 10:28:16 am
...una amica ultraquarantenne sostiene che se mi recassi, per dire, in discoteca, convinto di ottenere un rimorchio one shot e deciso a perseguire il risultato, la disponibilità di materiale umano rimorchiabile mi stupirebbe...

Mantengo una serena perplessità al riguardo...

Ovviamente, poi, lei sostiene che sarebbe un poco appagante accontentarsi, non perseguendo le donne più valide e dalle più impegnative soddisfazioni...



lo sostiene anche una mia amica, parlando di me.
Va be', ma questo lo si è sempre saputo. Se si decide di fare serata davvero armati di intenzione, qualcuno si trova sempre.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Maggio 04, 2013, 11:57:52 pm
Si, le intenzioni sono importanti. Io noto che non mi caga piu' nessuno manco in discoteca, evidentemente ho SENZA VOLERLO eh eh la sigla impegnata scritta in fronte.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Maggio 04, 2013, 11:59:47 pm
Ema e Desdatrix non ce li vedo assieme.
Io poi, dovendo scegliere tra gli amici di Allevi, mi prendo il Paolo. Che purtroppo non frequenti assiduamente come vorrebbe il mio cuoricino....
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Maggio 05, 2013, 01:46:26 am
Però veramente, quello non lo posso definire un mio amico, a mala pena un conoscente.

E il mio amico Paolo non è certo il Paolo che intendi tu.

Che poi cosa ci vedi in quel Paolo?

In ogni caso si è messo a fare paracadutismo, il tuo Paolo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Maggio 05, 2013, 08:27:22 pm
Che poi cosa ci vedi in quel Paolo?
In ogni caso si è messo a fare paracadutismo, il tuo Paolo.

Il mio Paolo salta nel mio cuore i migliori sentimenti di soavità e allegria.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Maggio 05, 2013, 08:28:48 pm
Però veramente, quello non lo posso definire un mio amico, a mala pena un conoscente.

E il mio amico Paolo non è certo il Paolo che intendi tu.


Per quello mi rammaricavo del fatto che non ne parli abbastanza, perché non è un tuo amico stretto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Dark Star - Giugno 01, 2013, 11:34:08 pm
Io però spero che nei prossimi giorni si faccia avanti qualcuna che pratichi, almeno a periodi, il sesso per divertimento e che dopo aver fatto un po' d'introspezione ci dica con quale criterio sceglie i propri partner estemporanei e se per caso a pensarci si è accorta di cercarli in una certa tipologia.
Di solito, rientrano nella tipologia 'gente che dopo diventa mio amico' :asd: Ma questo forse adesso, perché prima era semplicemente la categoria 'ragazzo di cui mi piace il corpo e sufficientemente sveglio*'. L' attrazione 'fisica' (vabbè, diciamo così...ci sarebbe da approfondire, in questo caso) fatale, non per il proprio ragazzo (be', io se non ce l' ho non ci sto), la metto in un' altra categoria, perché ha un senso enormemente superiore che surclassa quello del 'divertimento calmo e lobotomizzato' in discussione. (Il divertimento, 'lobotomizzato', non il ragazzo, a scanso...). Talvolta, come pura esperienza, surclassa anche l' intimità più piena. E' una sperimentazione di lati oscuri di sé, nel senso di sconosciuti, un' interfaccia spietata e ricolma di fascino. Inoltre, per tornare al punto, si cerca una persona che ti percepisca, anche se solo in quel momento, allo stesso modo: io, in particolare, voglio lasciare me altrove, o meglio, far emergere me scevra da sovrastrutture, di ogni tipo, come quando, da piccoli, il corpo dell' altro, e su di noi, era l' esperienza completa, di conoscenza di sé mediata, in cui si compendiava tutto, non c' era altro significato che l' esperienza stessa. Il che è grande, secondo me. Si può raggiungere, in sublimazione, però, anche in un rapporto consolidato, quando avvengono certi 'passaggi di fase', sull' onda di cambiamenti anche inavvertiti, subliminali, che portano a ritrovarsi un po' estranei e, dato il vissuto condiviso precedente, stimolano una sorta di semplificante desiderio di possesso, che si trova, tuttavia, a dover fare i conti con il bisogno di una nuova conoscenza. O meglio, di un nuovo tipo di conoscenza.
Può essere, a volte, una specie di derealizzazione o di trance. Ognuno sa cosa fare, e se cerca questo in alcuni momenti o periodi interi è anche perché vuole prendersi delle pause dal confronto con sé a quel livello di verità che fuoriesce necessariamente dal presente, rendendo tutto un preludio. Io ne soffro. Anzi, al termine della mia ultima storia, di quattro anni, avevo una sensazione di mancanza profonda di verità- nel senso più ampio, quasi esistenziale- che non voglio provare mai più. Ed il ragazzo rispondeva a tutti i requisiti di tutti i tipi, difatti mi fa ridere ridurre la meravigliosa compatibilità all' eguaglianza: io ne muoio di questa eguaglianza. Di interessi, in primo luogo. E non voglio convivere con una persona cui voglio bene, voglio tensione, filo da torcere, altrimenti impazzisco.
Be', Premio Harmony...

*non 'intelligente'. Vedi anche descrizione dell' 'alienazione da sé per purezza dell' esperienza' dopo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Giugno 02, 2013, 10:57:49 am
Io però spero che nei prossimi giorni si faccia avanti qualcuna che pratichi, almeno a periodi, il sesso per divertimento e che dopo aver fatto un po' d'introspezione ci dica con quale criterio sceglie i propri partner estemporanei e se per caso a pensarci si è accorta di cercarli in una certa tipologia.
Di solito, rientrano nella tipologia 'gente che dopo diventa mio amico' :asd: Ma questo forse adesso, perché prima era semplicemente la categoria 'ragazzo di cui mi piace il corpo e sufficientemente sveglio*'. L' attrazione 'fisica' (vabbè, diciamo così...ci sarebbe da approfondire, in questo caso) fatale, non per il proprio ragazzo (be', io se non ce l' ho non ci sto), la metto in un' altra categoria, perché ha un senso enormemente superiore che surclassa quello del 'divertimento calmo e lobotomizzato' in discussione. (Il divertimento, 'lobotomizzato', non il ragazzo, a scanso...). Talvolta, come pura esperienza, surclassa anche l' intimità più piena. E' una sperimentazione di lati oscuri di sé, nel senso di sconosciuti, un' interfaccia spietata e ricolma di fascino. Inoltre, per tornare al punto, si cerca una persona che ti percepisca, anche se solo in quel momento, allo stesso modo: io, in particolare, voglio lasciare me altrove, o meglio, far emergere me scevra da sovrastrutture, di ogni tipo, come quando, da piccoli, il corpo dell' altro, e su di noi, era l' esperienza completa, di conoscenza di sé mediata, in cui si compendiava tutto, non c' era altro significato che l' esperienza stessa. Il che è grande, secondo me. Si può raggiungere, in sublimazione, però, anche in un rapporto consolidato, quando avvengono certi 'passaggi di fase', sull' onda di cambiamenti anche inavvertiti, subliminali, che portano a ritrovarsi un po' estranei e, dato il vissuto condiviso precedente, stimolano una sorta di semplificante desiderio di possesso, che si trova, tuttavia, a dover fare i conti con il bisogno di una nuova conoscenza. O meglio, di un nuovo tipo di conoscenza.
Può essere, a volte, una specie di derealizzazione o di trance. Ognuno sa cosa fare, e se cerca questo in alcuni momenti o periodi interi è anche perché vuole prendersi delle pause dal confronto con sé a quel livello di verità che fuoriesce necessariamente dal presente, rendendo tutto un preludio. Io ne soffro. Anzi, al termine della mia ultima storia, di quattro anni, avevo una sensazione di mancanza profonda di verità- nel senso più ampio, quasi esistenziale- che non voglio provare mai più. Ed il ragazzo rispondeva a tutti i requisiti di tutti i tipi, difatti mi fa ridere ridurre la meravigliosa compatibilità all' eguaglianza: io ne muoio di questa eguaglianza. Di interessi, in primo luogo. E non voglio convivere con una persona cui voglio bene, voglio tensione, filo da torcere, altrimenti impazzisco.
Be', Premio Harmony...

*non 'intelligente'. Vedi anche descrizione dell' 'alienazione da sé per purezza dell' esperienza' dopo.
Sicura di essere nel topic giusto? Qui si parla di carnazza maschile sempre pronta all'uso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Dark Star - Giugno 02, 2013, 01:24:02 pm
NO. Ma importa?  :)
Be', qualche indicazione rispetto alla richiesta di Allevi c' è, senza cognizione mi sono distanziata facendone spunto.
Anzi, ritengo un progresso aver espresso qualcosa di più personale, mi è piaciuto, così leggermente, fissare e ammettermi certe cose.
Se a te non garba leggerlo, Archie, puoi fare tutte le obiezioni che desideri.
Se ad Allevi interesserà qualche descrizione, ne ricaverà degli elementi.
Ho scritto come stessi raccontando a qualcuno, situazione in cui è difficile (e un po' sospetto) porsi dei confini e mondare di certi contenuti naturalmente collegati o parte integrante.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Giugno 02, 2013, 06:25:20 pm
Se a te non garba leggerlo, Archie, puoi fare tutte le obiezioni che desideri.
No, tutt'altro, mi garba leggere; essendo però un brutta persona prosaica e materialista, non mi trattengo dal cercare di riportare tutto al mio livello.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 09, 2013, 10:49:45 pm
Andando in montagna rivedrò Er Depresseraro, che però la prossima settimana probabilmente lavora, quindi lo vedrò solo le sere.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 09, 2013, 10:53:20 pm
Dicci delle prossime bionde sue conquistatrici
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 09, 2013, 11:04:30 pm
Mah, adesso, se non è cambiato nulla, sta ancora con la caraibica di una certa età.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 11, 2013, 11:28:06 pm
Intendi una tardona che se lo mangia a letto?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 11, 2013, 11:48:48 pm
Tipo. Ma oggi non l'ho visto perché lavora sino a tardi; rischio di incontrarlo a mala pena.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 11:50:38 am
Ero così fiero di essere riuscito a scrivere un messaggio questa notte e invece no.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 03:31:20 pm
Er Depresseraro non è più depresso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 03:33:35 pm
Er Depresseraro non è più depresso, tornerà definitivamente a Firenze in ottobre.

Non sta più con la tizia quarantenne da febbraio, da allora si è divertito ma niente di serio.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 03:34:50 pm
Per altro ieri sera eravamo nello stesso luogo e nella stessa situazione a un anno di distanza dall'incontro con la ragazza che, col suo comportamento, ha fatto nascere questo topic.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 13, 2013, 03:39:45 pm
Ma porc... :facepalm:

Ehm... no, sono contento per lui  ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 03:41:19 pm
Ma mica smette di essere un ragazzo facile perché non è più depresso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 03:43:41 pm
è diventato una leggenda del karaoke in tutta la valle (pare sia la moda del momento) e col karaoke si cucca di brutto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 13, 2013, 03:56:09 pm
La moda del momento quando? Nel 1992?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 13, 2013, 04:07:21 pm
dyo che tristezza il karaoke. cuccare al karaoke poi è pure più triste
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 13, 2013, 04:08:34 pm
Questo spiega molte cose... ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 13, 2013, 04:10:20 pm
Non ci siamo mai posti la domanda "in quali condizioni si é generato il fenomeno fin qui discusso?"   :o
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Kro - Agosto 13, 2013, 04:19:45 pm
boh

manco sapevo dell' esistenza di questo topic

:asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 13, 2013, 04:20:59 pm
Minnen ratta...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 13, 2013, 04:27:44 pm
Secondo me dipende dal fatto che

http://www.youtube.com/watch?v=3UKLAmPwI4s
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 06:35:34 pm
Mah, io non ho mai fatto karaoke - nel vero senso della parola, suppongo che nessuno che non abbia mai canticchiato una canzone facendo suonare un disco - in vita mia, ma penso comunque che ci siano modi peggiori di passare una serata.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 11:50:37 pm
Oh, 'sta sera che sono tornato presto e non sbronzo posso raccontarvi un po'.

Anche perché ci sono stati dei veri e propri classici del ragazzo facile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 11:55:54 pm
Per cominciare un fugace incontro con Jessica, la ragazza dell'anno scorso alla quale dobbiamo il topic, e poi ha trovato anche un altra tipa appariscente che l'ha subito salutato con grande familiarità, mentre lui le ha rivolto dei rimbrotti.
Mi ha poi fatto sapere che si tratta di una che si è trombata nella toilette di un locale in bassa valle, questo inverno o primavera. Come da copione, dopo avergli detto di chiamarla, poi lei gli ha dato bidone ben due volte.
Non ha sofferto come a causa di Jessica, per questa, ma insomma è un altra che l'ha trattato da uomo oggetto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2013, 11:57:47 pm
Per altro questa sera avrebbe gradito farselo di nuovo, ma è scomparsa ben presto nella folla, e er Dep, che ha accusato non poco la serata di ieri (vi ricordo che oggi lui ha lavorato tutto il giorno) era stanco e non ha voluto aspettarla o cercarla troppo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2013, 12:02:20 am
Per fare anche un po' di fenomenologia delle ragazze che usano i ragazzi facili, questa era non molto bella, ma che si sa porre abbastanza bene, molto truccata, in modo volgarotto ma non privo di efficacia, decisamente diretta negli approcci.
Mi ha dato poi l'idea di essere una che si accompagna sempre a donne piuttosto brutte o insignificanti, in modo da risaltare il più possibile. Questa sera era con una collega bassa, grassa, dai lineamenti pesanti e più vecchia di lei.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2013, 12:08:08 am
Beh, ce ne fossero di più di donne dall'approccio diretto
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2013, 12:08:28 am
Univoche, affidabili
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2013, 12:14:12 am
Tu NON sei un ragazzo facile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2013, 12:16:10 am
Pare che la mamma der Dep abbia un modo di dire perfetto sul su' figliolo: tu sei un classico ragazzo dalle belle ciglia, tutte lo vogliono e nessuna se lo piglia.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2013, 12:17:13 am
Beh, ce ne fossero di più di donne dall'approccio diretto

E poi non ti divertiresti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2013, 12:18:04 am
Hai ragione anche tu...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 14, 2013, 03:31:37 am
Per altro questa sera avrebbe gradito farselo di nuovo, ma è scomparsa ben presto nella folla, e er Dep, che ha accusato non poco la serata di ieri (vi ricordo che oggi lui ha lavorato tutto il giorno) era stanco e non ha voluto aspettarla o cercarla troppo.

Potevi cogliere la palla al balzo :monociglio:

Vabbè, ma che parlo a fare... :facepalm:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Kro - Agosto 14, 2013, 04:00:20 am
Per altro questa sera avrebbe gradito farselo di nuovo, ma è scomparsa ben presto nella folla, e er Dep, che ha accusato non poco la serata di ieri (vi ricordo che oggi lui ha lavorato tutto il giorno) era stanco e non ha voluto aspettarla o cercarla troppo.

Potevi cogliere la palla al balzo :monociglio:

Vabbè, ma che parlo a fare... :facepalm:

mi ricorda vagamente quelle tristi barzellette da seminari

Citazione
"Come è successo??"
chiede il dottore al contadino di mezza età che gli si è presentato con una gamba rotta.
"Dottore, 25 anni fa ... ".
"Non importa partire da così lontano, mi dica semplicemente come si è rotto la gamba stamani".
"Come stavo dicendo ... 25 anni fa quando avevo appena iniziato a lavorare alla fattoria, la prima notte, appena sono andato a letto, la figlia del fattore (ragazza stupenda, mi creda..) è entrata nella mia stanza e mi ha chiesto se volessi qualcosa. Io le risposi che no, andava tutto bene.
"Sei sicuro è"- mi chiese di nuovo.
"Sono sicuro"- le dissi.
"Non c'è proprio *niente* che io possa fare per te ?"
- continuò a chiedermi.
"Credo proprio di no ... "- conclusi.
"Mi scusi," - chiede il dottore al contadino -"ma cosa ha a che fare questa storia con la sua gamba?".
"Beh, stamattina, quando mi sono finalmente reso conto di che cosa volesse dire quella ragazza, sono caduto dal tetto ... ".
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2013, 07:22:43 am
Posto che io non prendo palle al balzo nemmeno quando ci sono davvero, questa non mi guardava neppure.
E meno male perché non mi piaceva per niente.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Dark Star - Agosto 14, 2013, 09:44:09 am
Mah, io non ho mai fatto karaoke - nel vero senso della parola, suppongo che nessuno che non abbia mai canticchiato una canzone facendo suonare un disco - in vita mia, ma penso comunque che ci siano modi peggiori di passare una serata.
Certo. Karaoke al bowling.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2013, 12:12:53 am
Io mi sono fatto portare a casa presto, perché er Dep accompagnava la tipa al discopub per un po' di speed-fucking.

E ovviamente accompagnando me si lamentava per cosa gli toccava fare.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2013, 12:19:19 am
Che gli prenda fuoco la punta e lo consumi in modo omogeneo e inesorabile
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2013, 12:20:43 am
Non invidiarlo. Non è davvero il caso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 15, 2013, 12:28:27 am
Non augurare a nessuno che prenda fuoco la punta.
Fidati.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2013, 12:32:58 am
No, non é per invidia; é un auspicio perché si liberi definitivamente da questo (apparente) circolo vizioso nel suo cervello... sta male, davvero
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2013, 12:37:44 am
Non augurare a nessuno che prenda fuoco la punta.
Fidati.

Nel campo ho dato abbondantemente, quest'anno; si sopravvive.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 15, 2013, 12:41:59 am
Pare che la mamma der Dep abbia un modo di dire perfetto sul su' figliolo: tu sei un classico ragazzo dalle belle ciglia, tutte lo vogliono e nessuna se lo piglia.

era la frase che usava sempre mia madre per me
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 15, 2013, 12:45:17 am
Stai pensando a qualcuno con lunghiiiiiiiiiiiissime ciglia...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2013, 12:47:16 am
La bela Maria...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2013, 10:00:52 am
La frase preferita dalle mamme toscane.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Kro - Agosto 15, 2013, 10:04:07 am
Non augurare a nessuno che prenda fuoco la punta.
Fidati.

Manco una leggera botta d'orchite?
:(
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2013, 10:20:50 am
Ieri sera è stato un mezzo disastro per Dep: mi voleva portare nel locale dove si fa il karaoke ma era chiuso, siamo andati in un altro paese nel bar malfamato frequentato dalle puttane (in senso professionale) con le quali in inverno ha fatto amicizia ma non ce n'era neanche una, allora siamo tornati nel primo paese per andare nel "pubettino" (classico termine der Dep) con la barista dalle tette favolose (con la quale c'ha provato per mesi ma "non c'è trippa per gatti", del resto è una signora di mezza età), e almeno costei c'era, ma il pub era per il resto desolatamente vuoto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2013, 10:48:00 am
Se é una donna di mezza età ha dunque circa l'età tua... :sgratsgrat: ...é così giovane er Dep?!  ::)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 18, 2013, 10:52:58 am
Ma er Dep ha tipo una malattia per cui soffre della necessità di eiaculare ogni sera in un posto diverso pena l'esplosione delle palle?


Se é una donna di mezza età ha dunque circa l'età tua... :sgratsgrat: ...é così giovane er Dep?!  ::)

mi pareva che avesse detto che era ccciofane.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2013, 11:10:45 am
No, la barista ha una dozzina di anni più di me. 4 a Theo che non ripassa, er Dep non è tanto giovane, ha due anni meno di me.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Gennaio 10, 2014, 12:32:50 pm
Non ci sono più ragazzi facili...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Dark Star - Aprile 12, 2014, 07:46:25 pm
Non c' entra nulla.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Aprile 12, 2014, 08:33:16 pm
Nulla mi sta in ogni caso sui coglioni
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Dark Star - Aprile 13, 2014, 12:18:36 pm
Nulla mi sta in ogni caso sui coglioni
Lo prendo per uno status.


Comunque, non esiste la categoria di cui volevo parlare...
certo, la categoria...non sto capendo più nulla dovrei solo tagliare tutti i contatti.
Sta di fatto che forse ci rientrava. Devo andare in eremitaggio, punto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2014, 02:43:44 am
uh se ne avrei di cose da raccontare, uh, se ne avrei di cose da raccontare.
 Ma sono troppo ubriaco-.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 12, 2014, 03:50:33 am
Umpf...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2014, 09:57:34 am
Ma c'è tutto oggi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 12, 2014, 02:14:17 pm
ma come??? i racconti da ubriaco sono i migliori!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Dark Star - Agosto 12, 2014, 03:39:08 pm
certo, se ho inteso il significato, credo di averne conosciuti un bel po'...come mai ti sembra una tipologia così poco diffusa, Allevi? forse a me non è chiara la differenza con uno al limite della sex addiction o con uno che semplicemente ha voglia di andare a letto con molte persone diverse. (non mi va molto di rileggere il thread)
oppure è semplicemente "uno che ci sta con tutte"?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 12, 2014, 04:37:56 pm
Non é il tipo d'uomo concupibile con tranquillizzante levità, e quieta supposizione di disimpegno, da parte delle donne?!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2014, 06:58:27 pm
Sì, giusto come dice arch.

Ma non ho mai detto che sia una tipologia poco diffusa, ho solo detto, all'inizio, che un tempo non esisteva questo modo di considerare i maschi.
E poi che il mio amico è un esemplare molto emblematico.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2014, 07:14:18 pm
Comunque, cominciamo con un po' di pettegolezzi, iniziando dalle cose meno importanti:
ieri sera mi ha detto che in questo periodo ha fatto un po' di bilancio, e le donne con le quali ha avuto rapporti sessuali sono circa 200.
Che non non sono nemmeno tante se si considera che è sessualmente attivo da 20 anni (21 per la precisione), il che fa una media di 10 all'anno. Un bagnino romagnolo di buona volontà alla sua età ne ha avute almeno il doppio, e quelli che fanno i fenomeni hanno raggiunto i tre zeri.

Continua...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 12, 2014, 08:07:48 pm
Ah
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2014, 12:17:55 am
Altre spigolature, una fresca fresca: gli ho chiesto se - alla fin fine - dal punto di vista della sola trombata le migliori le abbia avute con ragazze di cui fosse  innamorato o quando era solo questione di sesso. Mi ha risposto che senza dubbio appartenevano al secondo caso, e in particolare con ragazze bruttine o addirittura brutte.

Aneddoto più spicciolo, riguardo una delle ultime che s'è fatto, tipo una decina di giorni fa: psicologa ventisettenne appena conosciuta e portata a casa, la quale - al momento decisivo - gli ha fatto "tu sei bellino e mi piaci, ma quando mi trombano ho bisogno di un cazzo duro come la pietra".
"Allora è meglio se aspettiamo domattina che ora sono ubriaco".
Per loro fortuna potevano aspettare.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 13, 2014, 12:26:07 am
Non doveva strizzare solo cervelli?!

Ma brutta che attizza? Io se una non mi piace non ci trombo proprio...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2014, 12:29:04 am
Ma tu non sei un ragazzo facile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 13, 2014, 02:07:17 pm
sinceramente è un ritratto squalliduccio...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 13, 2014, 04:12:23 pm
sinceramente è un ritratto squalliduccio...

eh infatti, a me mette pure un po' tristezza. poi ognuno fa quello che gli pare, ovviamente
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2014, 11:48:38 pm
Questa sera che Dep è andato a letto presto ho tempo per affrontare il tema più scottante.

Non ricordo quanto gli anni scorsi vi avessi parlato di V., in ogni caso si tratta della farmacista locale : è una piemontese che va per i 30, bionda e piuttosto carina (per quanto un po' cavallona), molto amica der Dep; era quella con la quale cantavo Guccini e De André in macchina.

Orbene, sino ad alcuni mesi fa V. aveva un fidanzato (da me mai conosciuto) straniero, per il quale er Dep aveva stima... non ricordo quanto gli stesse simpatico, ma non ne parlava male.
Solo che questa primavera si sono lasciati, e dopo alcune settimane da single V. si è trovata un nuovo ragazzo, autoctono della Valle.

Continua...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2014, 12:46:57 am
Non é er Dep, no, dicci subito di no!

V. si é consolata una tantum rosa cor Dep pur mantenendo l'amicyzia, dicci di si!

Er Dep é protettyvo con V., smentisci!

Il nuovo modello primavera/estate/autunno/inverno e ancora non si sa di V. é un ragazzo facile, lo vogliamo!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2014, 01:01:29 am
Ma certo che non è er Dep, mica è valligiano lui, è fiorentino.

Il punto, anticipo, è che il nuovo fidanzato ar Dep non piace per niente: lo considera un buzzurro; il commento continuo è "perle ai porci".

Continua...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2014, 01:10:58 am
pensavo fosse romano...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2014, 01:13:25 am
Vabbé, é verità vera che le perle mangino i porci...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 14, 2014, 02:24:24 pm
er dep:

(http://www.funsted.com/pdata/t/l-2112.jpg)

finchè il ragazzo era straniero era più sopportabile, ma questo è li assiduamente e se la bomba assiduamente, il povero er dep non può non odiarlo. insomma:

(https://38.media.tumblr.com/70973ac29b54017f3487fc1b1dda20a6/tumblr_n5su2cVtVC1qidrsso2_r2_500.png)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2014, 06:19:21 pm
Andiamo un po' avanti: er Dep non ci ha mai provato con V., sono amici e poi era fidanzata.
Ma è sempre stato evidente, a me almeno, che i due si piacciono; la tensione erotica, tuttavia, non era abbastanza forte per rompere l'equilibrio della loro amicizia.

Ora però, dalla veemenza con cui si scaglia contro il nuovo fidanzato, appare chiaro che questo equilibrio non esiste più: anche quando una semplice amica si mette con una persona che non ci sembra alla sua altezza capita di esprimere contrarietà, ma non così tanto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2014, 06:28:56 pm
Il nuovo fidanzato in questione io l'ho intravisto, ma non l'ho sentito parlare: è un grosso valdostano del tipo solido, dall'apparenza, lo ammetto, abbastanza grossolana... tuttavia so per esperienza che può essere ingannevole; Dep sostiene che invece sia proprio come appare, e lo designa quale "vaccaro rozzo e ignorante". Può essere che abbia effettivamente ragione.

Un altro punto è che, da quando c'è lui, er Dep non può più nemmeno abbracciare V. o posarle una mano su una spalla se no la gente mormora (il precedente fidanzato non viveva qui, quindi le chiacchiere locali non gli arrivavano.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2014, 06:34:14 pm
Insomma, dopo un po' che ascoltavo le sue rimostranze e lamentale io ho detto chiaramente ar Dep che secondo me è innamorato di V., e che ci voleva questo passaggio, prima alla singletudine che non ha fatto in tempo a cogliere, poi al nuovo fidanzato inviso affinché se ne rendesse conto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2014, 09:00:56 pm
Tutti inconsapevoli

Io son sempre il tristo consapevole

Umpf
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 14, 2014, 09:03:29 pm
Sei innamorato di una farmacista mix?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2014, 09:06:24 pm
Ne avevo apprezzata una ma anni fa
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2014, 09:13:22 pm
Comunque dopo anni e anni non si puo non accorgersi se si é innamorati, anche se in stato quiescente; non occorre l'intervento di un fattore esterno
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 15, 2014, 09:43:46 pm
quindi il mio ritratto, allevi, è quanto mai calzante.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 15, 2014, 09:50:27 pm
Aneddoto più spicciolo, riguardo una delle ultime che s'è fatto, tipo una decina di giorni fa: psicologa ventisettenne appena conosciuta e portata a casa, la quale - al momento decisivo - gli ha fatto "tu sei bellino e mi piaci, ma quando mi trombano ho bisogno di un cazzo duro come la pietra".
"Allora è meglio se aspettiamo domattina che ora sono ubriaco".
Per loro fortuna potevano aspettare.
quanta poesia
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2014, 10:04:53 pm
La poesia tromba
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 15, 2014, 11:21:44 pm
Per concludere: Dep da sobrio nega di essere innamorato di V., lo ammette invece da sbronzo; vale in vino veritas oppure il fatto che ubriaco gli piace sparar cazzate?
Non lo so, non lo so.

Però l'11 sera, bello alticcio, continuava a dirle "io e te dobbiam parlare", e lei rispondeva "dai,parla" "no, non qui ora, da soli, al momento giusto". A un certo punto ho cominciato a dirle anch'io "io e te dobbiam parlare, ti devo parlare di un mio amico..."
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2014, 11:27:14 pm
Lei ovviamente non sospetta nulla...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2014, 07:26:01 pm
A quanto pare questa sera vedrò er Dep in u no dei suoi habitat più significativi: le serate karaoke in bassa valle.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2014, 07:39:01 pm
Urca
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2014, 12:06:43 pm
Oggi ho del materiale significativo; non sull'aspetto V. ma proprio per la fenomenologia del ragazzo facile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 17, 2014, 12:22:30 pm
Uh
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2014, 01:52:31 pm
E non vi parlerò del locale col karaoke, dove pure siamo andati a inizio serata, poiché era ricettacolo di una tale miseria umana che non mi sentirei a mio agio nel parlarne e nel ridere, solo pietà.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 17, 2014, 02:02:07 pm
Ok
Ma la "miseria umana" che caratteristiche ha? Il tipo di riferimento, dico...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Impenitente - Agosto 17, 2014, 02:40:22 pm
E non vi parlerò del locale col karaoke, dove pure siamo andati a inizio serata, poiché era ricettacolo di una tale miseria umana che non mi sentirei a mio agio nel parlarne e nel ridere, solo pietà.
:asd: :asd:


Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2014, 04:09:40 pm
Il karaoke era frequentato solo da uomini di desolante bruttezza, di intelligenza palesemente sotto la media, che cantavano in modo atroce tanto per intonazione, quanto per ritmo e interpretazione. Qualcuno più sarcastico e cinico avrebbe potuto divertirsi, ma non erano dei semplici sfigati, e pena e disagio cancellavano ogni altro sentimento.
Siamo fuggiti in fretta da quel luogo, e abbiamo cambiato paese per andare in un altro locale, che io avevo già visto una volta, ma che nel frattempo aveva cambiato gestione.
Qui era in corso un "red party", cioè una festa cui ci si sarebbe dovuti presentare vestiti di rosso, anche se il dress code era osservato solo da una minoranza.
Pubblico molto più normale, più che altro ventenni e trentenni, sia turisti, sia locali, musica brutta discotecara nel retro, birra alla spina industriale ma tedesca e di livello accettabile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 17, 2014, 04:21:28 pm
Beh, dai, eravate voi quelli fuori luogo ;D ...considera la possibilità che nel loro contesto essi vivano (...) in una tollerabile omogeneità...


Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 12:02:57 am
Ordunque, in un tavolino vicino al nostro avevano fatto campo base (dal quale si spostavano per andare a ballare e simili) quattro amiche: due di queste erano normopeso, le altre due decisamente sovrappeso.
La prima era il bersaglio più ovvio di quasi tutti i ragazzi del locale: abbastanza carina di viso, indossava pantaloncini inguinali (che poteva a mio giudizio permettersi), una magliettina scollata rossa, cappellino di lustrini e parrucca del medesimo colore; dimenava con convinzione il culo e insomma si metteva assai in mostra.
La seconda l'ho trovata molto graziosa: di zigomi alti - quasi da circassa - con i capelli scuri raccolti in una coda di cavallo; indossava dei pantaloni lunghi e una camicetta vagamente premaman.
La terza era grossa, di bei lineamenti e capelli lunghi ondulati, muoveva il suo corpo massiccio con disinvoltura.
La quarta invece era l'unica che definirei brutta: obesità non riscattata da nessuna forma di grazia, brutti capelli, bassa, impacciata.

Indovinate con chi si è appartato er Dep?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2014, 12:31:39 am
Col barista
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 12:44:54 am
Le due bariste non erano male, sia la più giovane sia la titolare, per chi ama il genere cougar.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2014, 12:46:58 am
Il processo prima dell'appattarsi come si é svolto? Come ha comunicato con la tipa?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 12:57:31 am
Questo domani.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2014, 01:05:27 am
Va bene

Anche perché ho solo cinque ore di sonno prima della levataccia
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Agosto 18, 2014, 08:34:07 am
Ordunque, in un tavolino vicino al nostro avevano fatto campo base (dal quale si spostavano per andare a ballare e simili) quattro amiche: due di queste erano normopeso, le altre due decisamente sovrappeso.
La prima era il bersaglio più ovvio di quasi tutti i ragazzi del locale: abbastanza carina di viso, indossava pantaloncini inguinali (che poteva a mio giudizio permettersi), una magliettina scollata rossa, cappellino di lustrini e parrucca del medesimo colore; dimenava con convinzione il culo e insomma si metteva assai in mostra.
La seconda l'ho trovata molto graziosa: di zigomi alti - quasi da circassa - con i capelli scuri raccolti in una coda di cavallo; indossava dei pantaloni lunghi e una camicetta vagamente premaman.
La terza era grossa, di bei lineamenti e capelli lunghi ondulati, muoveva il suo corpo massiccio con disinvoltura.
La quarta invece era l'unica che definirei brutta: obesità non riscattata da nessuna forma di grazia, brutti capelli, bassa, impacciata.

Indovinate con chi si è appartato er Dep?

ma è tipo la scena famosa di beautiful mind?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 09:50:07 am
Non l'ho visto...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 11:09:31 am
In ogni caso ricordatevi che più che un conquistatore è un ragazzo facile.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 11:12:37 am
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=9tkpT8Ieo1w[/youtube]

Sarebbe questa?
No, non c'entrava molto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 18, 2014, 01:17:05 pm
sì ma io nn ho capito chi si sarebbe pigliato
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Agosto 18, 2014, 01:36:24 pm
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=9tkpT8Ieo1w[/youtube]

Sarebbe questa?
No, non c'entrava molto.

esatto.
comunque io voto per la grassotta brutta.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 02:38:10 pm
Esatto.
E non era grassotta, era proprio obesa.

E ovviamente lui ha avuto un ruolo abbastanza passivo.
Non ero presente quando è avvenuta questa discussione, davanti alle porte dei bagni: pare insomma che lei abbia cominciato a lamentarsi perché "non scopo da un mese", aggiungendo che "è proprio la materia prima che mi manca", al che, fedele al suo ruolo di ragazzo facile, er Dep - con un po' di rassegnazione (almeno stando a quanto mi ha riferito) - ha ribattuto "io se vuoi la materia prima ce l'ho", lei ha affermato che tra le viuzze strette del paesino c'erano un sacco di buoni posti e infatti alcuni minuti più tardi, dopo che lui era passato al tavolo ad avvisarmi, sono usciti insieme dal locale, tornando dopo un ragionevole lasso di tempo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 04:52:09 pm
Alla fine la ragazza gongolava sopratutto per un motivo: er Dep era piaciuto anche alla sua amica con gli zigomi alti, solo che questa non si sarebbe fatta avanti, in quanto provvista di moroso e soggetta ai sensi di colpa.
L'averla avuta vinta sull'amica le dava più piacere dell'atto in sé (che poi per lei non doveva essere stato granché, visto che alla fine, per scelta di lei, tutto si era limitato a un pompino).

Er Dep stesso non è che fosse poi particolarmente raggiante: intercorsi del genere a lui non procurano brividi e tecnicamente il livello era stato scarso; ancora una volta il tutto è stato determinato stancamente dal suo essere un ragazzo facile.
La differenza con il caso della biondina di due anni fa, che ha dato origine a questo topic, è che in questo caso non c'è rimasto male.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 18, 2014, 05:31:21 pm
E nel frattempo Allevy si beccava la parte migliore del lotto :monociglio:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2014, 09:30:36 pm
... il vodka lemon?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2014, 10:49:37 pm
In effetti non ho mai risposto come ha fatto er Dep alle medesime considerazioni che mi erano state sottoposte...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2014, 01:13:16 am
A me non ricordo sia mai capitato...
non con delle estranee, almeno.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2014, 01:26:26 am
Mi immagino la frase "Io se vuoi la materia prima ce l'ho" pronunciata da Er Dep con lo sguardo di Daario prima versione.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2014, 11:34:36 pm
Oggi siamo stati da V. per comprare un collirio.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 19, 2014, 11:47:42 pm
Bruschette negli occhi...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 20, 2014, 09:53:44 am
Ah, una cosa che ho dimenticato di riferirvi, e che è emersa durante una conversazione ieri: er Dep, che attualmente desidera restare single, sostiene che ci sarebbero almeno quattro donne pronte e desiderose di vivere e anche avere un figlio con lui.

Questo mi colpisce come notevole assai più della sua facilità nel cuccare.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 24, 2014, 02:47:51 pm
senti a me sto er dep non mi sembra facile, ma sessodipendente.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 24, 2014, 09:30:48 pm
L'una cosa non esclude l'altra.
Avrei avuto da raccontare cose dall'altra sera, ma poi l'epilogo della nottata le ha fatte passare in second'ordine.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 10, 2015, 06:22:04 pm
Preso contatto cor Dep.
Titolo: Re:
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 10, 2015, 08:23:47 pm
Evvai!
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 10, 2015, 09:19:55 pm
Sta facendo vita da monaco.
Ora vado da lui e prima di andare a dormire vi aggiorno.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 10, 2015, 09:26:06 pm
è ancora in giro?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 10, 2015, 09:54:20 pm
Sta facendo vita da monaco.
Ora vado da lui e prima di andare a dormire vi aggiorno.

Ciò significa che c'è più carne femminile per Allevy, là sulla montagna.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 10, 2015, 10:20:29 pm
O che non c'è proprio più fauna...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 10, 2015, 11:13:14 pm
Allora, lavora nella stessa struttura dell'anno scorso, 7 giorni su 7 tutte le mattine, quindi va a dormire prestissimo; in più, dopo la faccenda dell'anno scorso gli hanno dato 24 mesi di sospensione patente, quindi tutto un intero anno ancora da scontare.

Sono quasi due mesi che è qui in montagna ed è sceso in paese solo una volta, perché la farmacista del suo cuore, V., (che sta ancora con il tipo dell'anno scorso, e ormai er Dep sembra quasi accettarlo) si è impietosita ed è venuta a prenderlo.

Sono quindi due mesi che non pone le sue mani su delle forme femminili, e credo sia un suo record personale.

Avrò ben poco da raccontarvi, quest'anno.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 10, 2015, 11:14:15 pm
Sta facendo vita da monaco.
Ora vado da lui e prima di andare a dormire vi aggiorno.

Ciò significa che c'è più carne femminile per Allevy, là sulla montagna.

Non esiste carne femminile commestibile a distanza raggiungibile a piedi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 10, 2015, 11:31:19 pm
Questo brutto mondo nega pure la speranza in radice...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 11, 2015, 12:46:09 am
Sono andato a rileggere buona parte del topic perché questa sera io e er Dep ci siamo resi conto che abbiamo pochi ricordi dell'estate 2013, ogni episodio che ci ricordavamo risalivano al 2012 o all'anno scorso.
In effetti ho anche scritto poco quell'estate.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 11, 2015, 09:57:00 pm
potrebbe darsi agli uomini.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2015, 02:12:41 am
Verrrrrrrrrrrrrrrrrran(d)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 12, 2015, 02:42:45 am
E'ffemm'?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Kro - Agosto 12, 2015, 02:55:18 am
Sperratc..!
Friend Zone Level in agguato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Kro - Agosto 12, 2015, 02:58:29 am
(http://assets.diylol.com/hfs/f52/018/bbe/resized/friend-zone-girl-meme-generator-you-are-so-amazing-i-wish-i-could-find-a-guy-like-you-3d9dec.png)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2015, 09:09:28 am
Siamo stati alla festa patronale, la stessa da cui ebbe origine il topic.

Il Verrand è la frazione vicino a Courmayeur (sebbene il comune sia Pre-Saint Didier) dove stanno i ricchi, ieri sera c'era un'amica di amici der Dep che è di lì, e allora gli hanno dato lezioni su come si pronuncia (enfatizzando enormemente la erre e non facendo sentire la d), quindi dopo un po' di grappe ci dicevamo verrrrrrrrran ogni piè sospinto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2015, 09:12:55 am
Al culmine della sbronza er Dep è andato a fare dei complimenti spinti a una tipa (una delle pochissime belle ragazze sopra la maggiore età); su mia istigazione, anche se non ricordo troppo i particolari.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 12, 2015, 10:13:48 am
Sperratc..!
Friend Zone Level in agguato.
Uot isss?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2015, 10:17:48 am
Ma la notizia che oggi o domani dovrebbe venir su anche Ema!

Mi aveva scritto annunciandomi di essere a Torino e che sarebbe volentieri venuto a trovarmi a Milano, al che io gli ho detto che ero in montagna, suggerendogli a questo punto di salire anche lui (casa sua è vuota); dopo i primi tentennamenti (pochi soldi e furgone rotto) si è deciso e lo stiamo aspettando con giubilo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 12, 2015, 10:18:25 am
Verrrrrrrrrrrrrrrrrran(d)
Io vado nella popolare Brrussssssso'n' :pfui:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 12, 2015, 10:19:40 am
Ma Ema non è quello double face (furgone e capitale)?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2015, 10:21:10 am
Sì, è lui, ma spiegami meglio cosa intendi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2015, 03:52:42 pm
Ema sta arrivando, la pioggia lo seguirà a ruota.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 13, 2015, 08:27:10 pm
Mi toccherà seguire la pioggia...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 13, 2015, 08:31:20 pm
E tornerò solo nella pioggia...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2015, 01:04:30 am
Eran 19 anni che non ci ritrovavamo qui d'estate noi tre.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 14, 2015, 01:14:06 am
E adesso scatta il momento anime, con voi che ricordate l'amica d'infanzia kawai morta nel ruscello, il cui spirito vi guida tra le lucciole della montagna.
E da questa esperienza di memoria di vite stroncate uscirete tutti carichi di speranze per il domani del Giappone.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2015, 01:17:51 am
Scoprendo subito dopo, con viscerale disappunto, di essere in Italia.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Agosto 14, 2015, 08:44:45 am
 :rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 14, 2015, 09:51:40 am
Veramente i ricordi delle amiche kawaii ci sono stati... però erano ricordi di quando e in circostanze se l'erano fatte (non io, ovviamente).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 14, 2015, 10:27:10 am
Non va assolutamente bene. :bambambam:

Il vostro amore per la defunta amica kawai deve essere puro e incontaminato, lei deve essere TOTALMENTE priva di qualsiasi afflato erotico che non sia un vago lolitismo indirizzato al maschio giappo di mezza età, invece voi dovevate amarla di un amore idilliaco contro il quale vi ribellavate anche un po', perché rischiava di mettere in pericolo la vostra amicizia, e dunque al massimo dovete ricordare la festa del paese quando siete andati a pescare i pescetti rossi con la carta velina e il fatto che uno di voi le stava costruendo qualcosa da regalarle (tipo una barchetta di bambù o un aquilone), che poi 19 anni dopo lascerà andare libera nell'acqua/cielo con la musica struggente sul finale.
Titolo: Re: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 14, 2015, 12:27:55 pm
E adesso scatta il momento anime, con voi che ricordate l'amica d'infanzia kawai morta nel ruscello, il cui spirito vi guida tra le lucciole della montagna.
E da questa esperienza di memoria di vite stroncate uscirete tutti carichi di speranze per il domani del Giappone.
:rotfl:
Titolo: Re: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 14, 2015, 12:29:10 pm
Non va assolutamente bene. :bambambam:

Il vostro amore per la defunta amica kawai deve essere puro e incontaminato, lei deve essere TOTALMENTE priva di qualsiasi afflato erotico che non sia un vago lolitismo indirizzato al maschio giappo di mezza età, invece voi dovevate amarla di un amore idilliaco contro il quale vi ribellavate anche un po', perché rischiava di mettere in pericolo la vostra amicizia, e dunque al massimo dovete ricordare la festa del paese quando siete andati a pescare i pescetti rossi con la carta velina e il fatto che uno di voi le stava costruendo qualcosa da regalarle (tipo una barchetta di bambù o un aquilone), che poi 19 anni dopo lascerà andare libera nell'acqua/cielo con la musica struggente sul finale.
:rotfl: :rotfl: :rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 15, 2015, 12:44:43 pm
Non va assolutamente bene. :bambambam:

Il vostro amore per la defunta amica kawai deve essere puro e incontaminato, lei deve essere TOTALMENTE priva di qualsiasi afflato erotico che non sia un vago lolitismo indirizzato al maschio giappo di mezza età, invece voi dovevate amarla di un amore idilliaco contro il quale vi ribellavate anche un po', perché rischiava di mettere in pericolo la vostra amicizia, e dunque al massimo dovete ricordare la festa del paese quando siete andati a pescare i pescetti rossi con la carta velina e il fatto che uno di voi le stava costruendo qualcosa da regalarle (tipo una barchetta di bambù o un aquilone), che poi 19 anni dopo lascerà andare libera nell'acqua/cielo con la musica struggente sul finale.

se fosse così, ci dovrebbe essere anche qualcuno che muore cadendo da cavallo
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2015, 01:11:23 pm
Naaa, il riferimento è Ano Hana ;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 15, 2015, 09:52:49 pm
Naaa, il riferimento è Ano Hana ;D

Ma a 457836975 serie giappe sulla gioventù tutte uguali, con la festa del paesello e i pescetti. Tipo "Clover" di Adachi, ma pure certe cose di Taniguchi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2015, 10:14:00 pm
Lì c'è tutto riunito...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 15, 2015, 10:42:30 pm
A dire il vero preferivo le serie anni 70, almeno lì le vite spezzate erano quelle di giovani efebi omosessuali senza pisello che indossavano camicie di pizzo e anacronistici pantaloni a zampa nei collegi ottocenteschi pieni di gente pervertita.

Invece robe tipo Ano Hana o le vacanze di Allevy sono troppo contemporanee.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2015, 10:44:04 pm
Ano Hana fa abbastanza rabbrividire...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 15, 2015, 10:45:40 pm
Le vacanze di Allevy non sviluppano una trama...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 15, 2015, 10:49:44 pm
Le vacanze di Allevy non sviluppano una trama...

Infatti.
Ma quello dipende dalla mancanza di personaggi forti. A parte l'ombra di personalità di Er Dep, tutte le altre preposizioni sono esauste figurine di sfondo, tipo i finti liceali nei serial americani.

Contribuisce anche il fatto che Allevy non partecipa mai a rimescolare un po' i giochi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2015, 01:42:45 am
Questa sera io ed Ema siamo passati dar Dep, con l'intenzione di andare magari sino ad Aosta, alle 9:20. Era già a letto.

Va beh.

Allora, noi siamo andati a fare una passeggiata nel bosco (al buio, mentre piovigginava) e poi abbiamo continuato a chiacchierare a casa sua (di Ema), all'inizio abbiamo parlato proprio der Dep, e di questo suo strano, ma ormai usuale, comportamento. Poi siamo passati ad altri argomenti, ma il resto esula del topic.
Titolo: Re: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 16, 2015, 07:40:25 am
Le vacanze di Allevy non sviluppano una trama...

Infatti.
Ma quello dipende dalla mancanza di personaggi forti. A parte l'ombra di personalità di Er Dep, tutte le altre preposizioni sono esauste figurine di sfondo, tipo i finti liceali nei serial americani.

Contribuisce anche il fatto che Allevy non partecipa mai a rimescolare un po' i giochi.
:rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2015, 07:30:25 pm
Oggi abbiamo fatto una passeggiata che avrebbe davvero potuto sfociare in un ricordo alla Ano hana...
Ma vi racconterò 'stanotte o domani.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 16, 2015, 09:45:25 pm
Oggi abbiamo fatto una passeggiata che avrebbe davvero potuto sfociare in un ricordo alla Ano hana...
Ma vi racconterò 'stanotte o domani.

"Avrebbe potuto" :bambambam:

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2015, 09:13:45 pm
Ragazzi, ho tantissimo da raccontarvi... ma oggi 9 ore di gita in montagna.

Comunque continuano arrivare amici che non venivano qui da anni... tutti insieme qui erano tipo 20 anni che non ci vedevamo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 17, 2015, 09:43:40 pm
E allora è ancora più un peccato che apparentemente vent'anni fa non sia stata stroncata nessuna giovane vita kawaii nei ruscelli delle lucciole.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 17, 2015, 11:15:41 pm
Vero.

Non sono ciucco ma...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Archibald - Agosto 17, 2015, 11:22:48 pm
Mi stavo già fregando le mani all'idea di leggere qualche sua avventura, e invece il ragazzo facile mi è in sciopero
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 12:47:04 am
Sono stanchissimo, ma nei prossimi giorni prometto che vi aggiorno.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Kro - Agosto 18, 2015, 01:27:25 am
Si..

Certo..

Come la firma mia.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 09:41:24 am
Dunque, cominciamo con l'altroieri.

L'altroieri pomeriggio io ed Ema facciamo una passeggiata un po' alla disperata, inizialmente sotto la pioggia, tagliando per i boschi e i campi dove non c'è sentiero, perché lui è convinto che ne troveremo uno di cui ha un vago ricordo...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 10:14:59 am
A un certo punto riusciamo ad arrivare a una baita disabitata che Ema effettivamente ricordava e a tutti e due viene in mente che, continuando da quel lato, si potrebbe forse giungere alla Strada Perduta; il nostro proponimento viene rafforzato dall'incontro con un gruppo di gitanti, che procedono in direzione opposto, anche loro alla ricerca della Strada Perduta.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 10:18:58 am
Ma mentre la ricerca di quel gruppo tutto attrezzato con scarponi tecnici, zaini e bastoni telescopici da montagna è destinata al fallimento, noi due, procedendo nella direzione da cui il gruppo proveniva, riusciamo a trovare veramente l'imbocco seminascosto della Strada Perduta.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 10:21:47 am
La Strada Perduta ERA una strada, un tempo addirittura carrozzabile, poi declassata a sentiero, che - snodandosi sinuosa sul fianco della montagna, sempre a picco sullo strapiombo - portava al Villaggio Incantato dei Ciliegi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 10:23:37 am
Poi, tanti anni fa, una terribile frana di fatto cancellò la Strada Perduta isolando per sempre il Villaggio Incantato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 10:27:46 am
Sia io sia Ema abbiamo ricordi al contempo vaghi e profondi risalenti all'infanzia su come la Strada Perduta con il suo terrore fosse un vero percorso iniziatico che - proprio come i sentieri allegorici buddisti sulle montagne giapponesi - portava attraverso i vari inferni per arrivare infine al paradiso del Villaggio Incantato dei Ciliegi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Agosto 18, 2015, 10:42:53 am
è chiaramente l'incipit di un horror.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 10:43:09 am
Ci accingiamo dunque a percorrere la Strada Perduta consci dei rischi ma sicuri che, se dovessimo riuscire ad arrivare al Villaggio Incantato, tutti i nostri dubbi sulla vita troverebbero risposta, le tutte le nostre scelte passate, che negli anni abbiamo considerato giuste e sbagliate, ci si rivelerebbero nel loro intreccio dominato dal destino che doveva condurci inevitabilmente qui e ora, per renderci delle persone risolte e pronte a contribuire con forza e fiducia al futuro di un Giappone migliore*.


*di nuovo dotato di un esercito e liberato dall'imbelle costituzione del dopoguerra, tanto per restare all'attualità
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 10:50:29 am
All'inizio la Strada Perduta è quasi facile da percorrere: certo, la natura ha ripreso il sopravvento sulle effimere opere dell'uomo, e le piante invadono la carreggiata e solo il guard rail contorto e arrugginito ricorda che un tempo questa via era percorsa persino da veicoli a motore, ma tuttavia i detriti per terra si limitano a piccoli sassi scheggiati, quindi procediamo rapidamente e con facilità.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 11:06:03 am
(Dovete capire che tutti questi discorsi sul fatto che riuscire ad arrivare al Villaggio Incantato avrebbe risolto le nostre vite smarrite non li sto inventando ora per voi, bensì li enunciavamo a voce alta io ed Ema man mano che procedevamo. Riferimenti al Giappone esclusi.)


Palindromo! Mi fermo per un po'.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2015, 12:03:17 pm
Ficcina:
(click to show/hide)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 18, 2015, 12:45:03 pm
:asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 04:45:33 pm
Andando avanti la Strada Perduta sembrava sempre più uno di quei posti che si vedono nelle foto che piacciono a Theo, luoghi abbandonati in Ucraina o in una palude americana.
Più si procedeva e più i massi in mezzo alla strada diventavano grossi, e ben presto abbiamo dovuto cominciare a scalarli per proseguire: due volte Ema è caduto sui più scivolosi, ma continuavamo, tesi alla meta, alla rivelazione che ci attendava al Villaggio Incantato dei Ciliegi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 04:49:54 pm
Incuranti dei punti in cui il guard rail era stato completamente divelto dalla frana continuavamo a procedere, e avevamo ormai svoltato sull'altro versante della montagna, tanto che si vedeva l'ultima curva al di là della quale, sapevamo, si apriva il pianoro coi ciliegi: avevamo percorso più di due terzi della Strada Perduta.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 04:58:16 pm
Ma, ahimè, proprio alla fine ci aspettava il sapore amaro della sconfitta: in parecchi punti dell'ultimo tratto la strada non era stata semplicemente ricoperta dalla frana: semplicemente il piano della strada non esisteva più, completamente crollato a valle e sostituito da una pietraia in pendenza quasi verticale.
Persino l'intrepido, per non dire avventato, Ema ha dovuto dichiararsi battuto: l'unica possibilità era tornare sui nostri passi e rinunciare alla consapevolezza che il Villaggio Incantato dei Ciliegi ci avrebbe donato, per tornare alle nostre vite di disorientati, più o meno falliti uomini irrisolti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 05:00:04 pm
(E non possiamo quindi apportare il nostro contributo alla costruzione del Grande Giappone)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 05:01:32 pm
Dal prossimo post si torna a parlare di sesso, o - quanto meno - di sentimenti amorosi.

Anche perché la gita di ieri, per quanto assolutamente meravigliosa, non contribuisce al topic.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 07:00:04 pm
Dunque, ieri è arrivata E., domani arriva Ce.

E. e Ce. erano le due ragazze carine del gruppo, entrambe non appartengono alla mia infanzia, perché le ho conosciute solo nel '93, quando si formò il gruppo grande che mischiò le compagnie di ragazzini di frazioni diverse (lo stesso anno in cui conobbi anche er Dep, Ema invece lo conoscevo dagli anni '80).

Sia E. sia Ce. sono diventate madri di recente: il figlio di E. ha pochi mesi e la figlia di Ce. ha poco più di un anno, il compagno di Ce. non l'ho mai visto mentre il compagno di E. lo conosco già da alcuni anni: è uno storico amico di Ema e sono anche stato in vacanza con lui.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 07:12:10 pm
Come sono convinto di avervi già raccontato, non c'è mai stato niente di erotico o sentimentale tra me e Ce. o E.: nell'estate del 1993 io avevo appena compiuto 19 anni, mentre Ce. ed E. ne avevano 14 o forse addirittura ancora 13, consideravo quella differenza come invalicabile.
Poi già nel 1995 arrivò la mia ex, e l'estate del 1996 fu l'ultima volta che le vidi*, sino a una reunion (che avvenne proprio nei giorni del fattaccio con le ex-mod).

Però non fu così per Ema, per er Dep, per Cocco (altro componente del gruppo di cui non vi ho mai parlato perché non lo vedo più) e per altri ragazzi: tutti costoro ebbero storie più o meno importanti e più o meno concrete con E. o Ce. e magari entrambe.



*in effetti E. la incontrai a Milano... ma sempre di sfuggita
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 18, 2015, 07:47:05 pm
Le premesse sono tipiche ma lo sviluppo potrebbe essere interessante... :sgratsgrat:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 18, 2015, 09:16:18 pm
Prenderemo in considerazione principalmente la complessa vicenda tra Ema ed E.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2015, 12:20:51 am
Serata a casa di E. a rincorrere i ricordi.

Il bambino è passabilmente sopportabile, per essere un bambino.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2015, 12:22:16 am
Per ora anticipo questo: E. è stato il primo, vero amore della vita di Ema, quello che ha poi improntato tutta la sua vita sentimentale.

E forse solo di recente ne è uscito davvero.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 19, 2015, 12:28:49 am
Non dovrebbe mai accadere.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2015, 12:30:37 am
Cosa, uscirne o innamorarsi?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 19, 2015, 12:40:00 am
No.
L'impronta.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Kro - Agosto 19, 2015, 12:47:19 am
A me, me pare più imprinting

(http://www.cerebromente.org.br/n14/experimento/lorenz/lorenz3_p.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 19, 2015, 12:49:46 am
Non posso più usare "imprinting" da quando ho visto Twilight...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 19, 2015, 12:54:51 am
Comunque non dovrebbe mai accadere, mai; è violento e contro natura e carico di esternalità negative.

Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Agosto 19, 2015, 10:48:23 am
Non posso più usare "imprinting" da quando ho visto Twilight...

idem :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2015, 09:20:38 pm
Oggi io, E. e Ce. ci siamo lanciati i cardi.
Ce. dice ancora un sacco di parolacce, fuma grandi cannoni (non ora perché le manca la materia) e sgrana gli occhioni da cerbiatta: è rimasta lei.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 19, 2015, 10:52:39 pm
Oggi io, E. e Ce. ci siamo lanciati i cardi.
Ce. dice ancora un sacco di parolacce, fuma grandi cannoni (non ora perché le manca la materia) e sgrana gli occhioni da cerbiatta: è rimasta lei.


(http://i.ytimg.com/vi/pZJ5e4X3MBA/maxresdefault.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2015, 11:39:34 pm
No va beh, non ho sentimenti paterni per Ce.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 19, 2015, 11:47:03 pm
Questa sera er Dep teorizzava sull'eccezionalità e sostanziale omogeneità del nostro gruppo, all'epoca.
Se la racconta, ma non ha proprio tutti i torti; per esempio la nostra fama si era sparsa, qui in valle (sopratutto all'epoca in cui mi ero già defilato, in verità).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 20, 2015, 10:47:05 am
(http://www.bloggang.com/data/i/iamzeon/picture/1387800170.jpg)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 20, 2015, 11:45:32 pm
Oggi siamo stati a Riccione.

Del resto nel gruppo c'erano due infanti e una donna incinta, quindi fare la passeggiata che fanno TUTTI era una scelta quasi obbligata; il fatto che fosse il primo giorno di indiscutibile bel tempo dopo molti ha aumentato però l'odioso affollamento.

Nel pomeriggio ho scoperto che degli odiosi lavori in corso bloccano, probabilmente per sempre, l'accesso a Mirtillonia.
In compenso abbiamo trovato alcuni porcini spettacolari, nonostante l'ora.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 21, 2015, 10:43:19 am
Ieri, nel messaggio con cui mi diceva che andava a dormire presto e non usciva nella serata, er Dep mi ha detto che oggi pomeriggio forse ha un "incontro galante"; siccome mi ha confermato che attualmente sta vivendo il periodo più lungo di astinenza della sua vita da quando è sessualmente attivo deve essere pieno di aspettative.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 21, 2015, 10:48:18 am
Io comunque questa mattina resto a casa perché E. e Ce. con relativi pargoli e compagni vanno a fare passeggiate restando fuori a pranzo, e io già l'ho fatto ieri, già oggi ceno con loro con i funghi, già domani a pranzo probabilmente andiamo a fare una grigliata, e forse dopodomani parto... insomma, non volevo scomparire del tutto per la mia ospite (che per fortuna da un paio di giorni ha anche un'amica, poco più giovane di lei, a tenerle compagnia).
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 21, 2015, 10:55:01 am
Per la verità potendo scegliere in assoluto io non tornerei a Milano già dopodomani, ma è il giorno in cui scende Ce. che è in camper e quindi ha posto... E. e compagno - che anche vanno a Milano* - pur avendo una macchina omologata per cinque posti mi hanno fatto capire che secondo loro io con la mia valigia non ci stiamo; sapete come sono questi genitori di oggi che si portano dietro il mondo intero quando viaggiano col pargolo.
Di mio tonerei volentieri martedì o mercoledì, ma risparmiare il prezzo di un biglietto di pullman e relativo, noiosissimo, viaggio è una priorità.




*anzi, loro abitano propriamente in città e non tanto lontano da casa mia, Ce. mi lascerà probabilmente in qualche stazioncina suburbana
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 21, 2015, 04:00:13 pm
In attesa che E. mi chiamivi comincerò a raccontare un po' di lei e di Ema.

Ordunque, nel fatidico 1993 in cui si è formata la banda Ema aveva 14 anni ed E. 13. Quell'estate tra i due non successe nulla di che, a quanto ricordo, ma durante l'anno si frequentarono... fatto sta che l'estate dopo (se ricordo bene) E. si era messa con G. G., uno dei migliori amici di Ema - amico che originariamente non faceva parte della banda perché non veniva qui in valle - e che aveva conosciuto tramite lui.
Ora, questa sarà una costante della vita di E.: da allora ha avuto relazioni con tre degli amici più intimi di Ema, lo stesso suo compagno attuale, il padre del suo bambino, è un suo storico amico del suo stesso paese della collina torinese e suo compagno di scuola.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 21, 2015, 04:11:43 pm
Io non so cosa esattamente sia successo durante l'anno scolastico 1993-4, personalmente vidi Ema ed E. forse solo un paio di volte a Milano, e credo fu invece a Torino che E. conobbe G.G.; Ema immagino che a quel punto fosse già innamorato di E., solo che non si era mai fatto avanti, cosa che invece fece l'amico, con successo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 21, 2015, 04:21:34 pm
Forse già alla fine dell'estate del 1994 G. G. si era messo a trascurare E., se non addirittura a trattarla male... la ragazza ne soffriva, e se ne lamentava con Ema, arrivando al classico "se lui fosse come te".
Ma Ema non ne approfittò: in quel momento era la ragazza del suo amico e lui non tradiva gli amici.
Anche se la conseguenza fu che l'amicizia si ruppe; a quanto ne so non in maniera irreparabile, ma comunque sostanziale per gli anni successivi.
Ema ci perse quindi un amico senza aver goduto del frutto proibito.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 21, 2015, 04:38:57 pm
Vado per funghi.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 21, 2015, 04:53:26 pm
Io l'avrei mandata a estrudere.
Titolo: Re:
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 21, 2015, 09:02:22 pm
Questi microcosmi dove ci si fidanza a turno tra le solite 10 persone sono teVVibili.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 12:20:51 am
Più che raccontarvi di questa sera o andare avanti con Ema ed E. ho da aggiornarvi su un tema pienamente IT, cioè il ragazzo facile per eccellenza, er Dep. Ma domani.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 22, 2015, 12:50:20 am
Questi microcosmi dove ci si fidanza a turno tra le solite 10 persone sono teVVibili.

Anche perché dopo un po' escono figli con tre occhi, se non si sta attenti.

Ma poi soprattutto: ma che supremo imbarazzo a sapere che tutti hanno interagito con i genitali di tutti?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 22, 2015, 01:12:09 am
E via con l'orgione liberatorio...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 22, 2015, 01:14:11 am
(Un tempo, comunque, sentivo definire questo scambio intracomunitario: "sistema usato sicuro" :ohoh:)
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 22, 2015, 01:28:31 am
Io parto sempre dalla gloriosa battuta di Clerks: "Ogni volta che ti bacio sentirò il sapore di tutti quei trentasei"

;D
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 22, 2015, 01:51:03 am
:asd:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Impenitente - Agosto 22, 2015, 07:26:28 am
la questione flora batterica condivisa credo sia reale però.
può rendere la comitiva vulnerabile ad attacchi microbiologici
Titolo: Re: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: NuovaCarne - Agosto 22, 2015, 07:32:09 am
Questi microcosmi dove ci si fidanza a turno tra le solite 10 persone sono teVVibili.

Anche perché dopo un po' escono figli con tre occhi, se non si sta attenti.

Ma poi soprattutto: ma che supremo imbarazzo a sapere che tutti hanno interagito con i genitali di tutti?
Eh...
Titolo: Re:
Inserito da: Betty Moore - Agosto 22, 2015, 10:46:27 am
Questi microcosmi dove ci si fidanza a turno tra le solite 10 persone sono teVVibili.

è la norma. anch'io li trovo allucinanti.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 10:47:24 am
In realtà vi siete fatti l'immagine sbagliata, la banda di per sé era molto meno endogamica di quanto crediate: tralasciando la non necessaria precisazione che io comunque non partecipavo agli scambi, ricordando che molti dei coinvolti erano piuttosto ragazzini e quindi non di sesso si trattava, resta inoltre il fatto che moltissime combinazioni non si sono mai date. A parte le figure minori di cui non vi ho mai parlato perché mai più ricomparse nella mia vita, già solo tra gli attori maggiori non è che ci fosse poi tutto questo interscambio; per esempio non c'è mai stato assolutamente nulla tra er Dep ed E., e anche tra er Dep e Ce. le cose non si sono spinte molto in là.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 10:56:24 am
Il caso notevole è proprio questo pescare di E. sempre tra gli amici di Ema, persone che originariamente non c'entravano niente con la banda qui in valle.
Come se in realtà continuasse a girare intorno a lui.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 11:02:59 am
Sapete invece chi era un membro della prima ora della banda?
Quel tizio di cui ogni tanto vi parlo che inonda fb con i suoi deliri complottisti tutti però trasfigurati nella gioia della LUCE e della nuova consapevolezza.

Ha saputo dei nostri ritrovi e vorrebbe venire anche lui.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 11:17:06 am
In attesa che mi vengano a prendere per la grigliata vi racconto l'ultima der Dep.

Torniamo alla prima sera in cui siamo scesi in paese io e lui, l'11 di agosto, quella in cui ci siamo dati alla grappa e alla ripetizione di verrrrrrrran.
A un certo punto abbiamo incontrato il nostro amico J.-C. che si accompagnava con una ragazza dal nome decisamente poco valligiano, facciamo finta che sia Addolorata; quella sera non ci fu altro che una breve presentazione e un saluto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 11:18:28 am
Però già il giorno dopo con solo il nome (senza il cognome) e la località er Dep l'aveva trovata su fb.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 11:20:43 am
E, del tutto all'insaputa mia e degli altri, in questi giorni aveva intessuto la sua rete di chat, su fb prima, su whatsapp poi.

continua...
Titolo: Re:
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 22, 2015, 12:01:34 pm
Lo fa un po' stalker e un po' drogato in astinenza
Titolo: Re:
Inserito da: Betty Moore - Agosto 22, 2015, 12:03:39 pm
Lo fa un po' stalker e un po' drogato in astinenza

sì, soprattutto il fatto che lo faccia di nascosto  :norma:

("il fatto che lo faccia" è orrendo, lo so)
Titolo: Re:
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 22, 2015, 12:05:10 pm
Facciamo che si fa tutto ben fatto :asd:
Mia nonna mi diceva sempre di cosare il coso.
Chiudo ot
Titolo: Re:
Inserito da: Betty Moore - Agosto 22, 2015, 12:07:20 pm
Mia nonna mi diceva sempre di cosare il coso.

grande classico di mia madre.
"bettimùr! portami il coso che sta nella cosa"
"il cosa?"
"il coso... lì... in casa..."
chiarissimo.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 22, 2015, 01:16:28 pm
Mia nonna mi diceva sempre di cosare il coso.

grande classico di mia madre.
"bettimùr! portami il coso che sta nella cosa"
"il cosa?"
"il coso... lì... in casa..."
chiarissimo.

Betty ha una madre :detective:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 22, 2015, 01:20:18 pm
Che parla come un primigenio simulatore vocale...
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 06:59:10 pm
è finita.

Abbiamo ancora un dopocena, ma dopo la grigliata nei luoghi delle orge e degli acidi di una ventina di anni fa è sostanzialmente finita.
Non potete immaginare quanto io stia soffrendo... vaghe promesse di ritrovarsi, ma la verità è che questa reunion 22 anni dopo la formazione, 20 anni dopo il massimo splendore e comunque molti anni dopo le ultime propaggini sarà probabilmente un caso isolato.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2015, 11:47:59 pm
Domani, da Milano.
Ora stanchezza e commozione mi stremano.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 09, 2016, 11:37:32 pm
Pare confermato che questa estate non ci sarà er Dep in montagna.
Ma non è sicuro al 100%.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: anne boleyn - Agosto 10, 2016, 09:28:45 pm
e come mai?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 10, 2016, 10:26:51 pm
Non c'ha voglia, pare.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 11, 2016, 12:05:18 pm
Sì, ha appena postato uno status su fb da Firenze.
Ora gli scrivo per salutarlo, visto che questa estate non ci si vede.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 12, 2016, 04:50:22 pm
oh no e noi come facciamo senza le sue avventure? :ohcielo: Convincilo a raggiungervi :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: PiantaGrassa - Agosto 12, 2016, 06:54:28 pm
oh no e noi come facciamo senza le sue avventure? :ohcielo: Convincilo a raggiungervi :sisisi:

meglio ancora.
fai le sue veci :benebene:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Agosto 12, 2016, 07:00:02 pm
oh no e noi come facciamo senza le sue avventure? :ohcielo: Convincilo a raggiungervi :sisisi:

meglio ancora.
fai le sue veci :benebene:

 :sisisi:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2016, 11:04:25 pm
Mica ci si improvvisa, ragazzi facili.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 12, 2016, 11:05:48 pm
Giusto.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Agosto 13, 2016, 11:11:39 am
Mia nonna mi diceva sempre di cosare il coso.

grande classico di mia madre.
"bettimùr! portami il coso che sta nella cosa"
"il cosa?"
"il coso... lì... in casa..."
chiarissimo.

Betty ha una madre :detective:

OT: idem come betty, solo cn mio padre. E andavo ad aiutarlo in negozio d'estate. Provate a lavorar con una persona che parla così... "chopper vai di là, che finiti questi ci sono da fare i cosi, li prendi sul coso e se ne fanno trecento" . "Non ho capito" . Padre (si incazza): " i cosi! di là sul coso, dalla Laura (nome fittizio)!!!" (allora avevo il primo indizio sulla stanza in cui recarmi, e ripartivo "sì ma dove?" "SUL COSO TI HO DETTO, sul coso grigio di ferro" e via così per minuti.

Lavorare con mio padre era la versione live di un'avventura grafica.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Betty Moore - Agosto 13, 2016, 12:06:25 pm
Mia nonna mi diceva sempre di cosare il coso.

grande classico di mia madre.
"bettimùr! portami il coso che sta nella cosa"
"il cosa?"
"il coso... lì... in casa..."
chiarissimo.

Betty ha una madre :detective:

OT: idem come betty, solo cn mio padre. E andavo ad aiutarlo in negozio d'estate. Provate a lavorar con una persona che parla così... "chopper vai di là, che finiti questi ci sono da fare i cosi, li prendi sul coso e se ne fanno trecento" . "Non ho capito" . Padre (si incazza): " i cosi! di là sul coso, dalla Laura (nome fittizio)!!!" (allora avevo il primo indizio sulla stanza in cui recarmi, e ripartivo "sì ma dove?" "SUL COSO TI HO DETTO, sul coso grigio di ferro" e via così per minuti.

Lavorare con mio padre era la versione live di un'avventura grafica.

 :rotfl:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2016, 12:01:24 am
Non potete immaginare quanto io stia soffrendo... vaghe promesse di ritrovarsi, ma la verità è che questa reunion 22 anni dopo la formazione, 20 anni dopo il massimo splendore e comunque molti anni dopo le ultime propaggini sarà probabilmente un caso isolato.

Su questo punto l'anno scorso ero eccessivamente pessimista e mi sbagliavo: con l'arrivo dei bambini tutti questi miei amici hanno riscoperto quanto sia bella la Val d'Aosta d'estate, con tanto di esternazioni alle quali mi viene da rispondere "grazie al cazzo", non avendo io mai smesso di venirci, magari sono per pochi giorni tra fine novanta e anni '0.
Quindi presumibilmente i prossimi anni rivedrò E. e Ce. e probabilmente Nic (il padre della bambina più piccola, che davvero non vedevo da 20 anni), er Dep ha comunque i genitori che passano l'estate fissi qui, ed Ema (che vedo comunque altrove) capiterà di nuovo qui in periodo agostano, prima o poi.
A questo punto sono io quello dal futuro più incerto, visto che la mia presenza è pur sempre legata all'ospitalità di una persona che ha superato i 75 anni.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 22, 2016, 12:46:01 am
Non potete immaginare quanto io stia soffrendo... vaghe promesse di ritrovarsi, ma la verità è che questa reunion 22 anni dopo la formazione, 20 anni dopo il massimo splendore e comunque molti anni dopo le ultime propaggini sarà probabilmente un caso isolato.

Su questo punto l'anno scorso ero eccessivamente pessimista e mi sbagliavo: con l'arrivo dei bambini tutti questi miei amici hanno riscoperto quanto sia bella la Val d'Aosta d'estate, con tanto di esternazioni alle quali mi viene da rispondere "grazie al cazzo", non avendo io mai smesso di venirci, magari sono per pochi giorni tra fine novanta e anni '0.
Quindi presumibilmente i prossimi anni rivedrò E. e Ce. e probabilmente Nic (il padre della bambina più piccola, che davvero non vedevo da 20 anni), er Dep ha comunque i genitori che passano l'estate fissi qui, ed Ema (che vedo comunque altrove) capiterà di nuovo qui in periodo agostano, prima o poi.
A questo punto sono io quello dal futuro più incerto, visto che la mia presenza è pur sempre legata all'ospitalità di una persona che ha superato i 75 anni.


Questo non va bene :bambambam:

Adesso come faccio ad accompagnare le vicende delle preposizioni con questa sigla?

https://www.youtube.com/watch?v=wmLEz0ubgFc

L'unica soluzione è vendere i bambini al mercato nero :benebene:
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 22, 2016, 09:39:11 am
Theo, hai visto pure l'anime?
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 22, 2016, 10:31:30 am
Non confondiamo, le preposizioni sono a Bruxelles.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Theodorus - Agosto 22, 2016, 02:14:20 pm
Theo, hai visto pure l'anime?

No, ma dalle retrovie dicono sia grazioso.
Titolo: Re: Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 22, 2016, 02:56:48 pm
Theo, hai visto pure l'anime?

No, ma dalle retrovie dicono sia grazioso.
:up:
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 13, 2018, 10:20:28 pm
Oggi è arrivato Er Dep; avendo però viaggiato tutta la notte ha poi dormito più o meno tutto il giorno, sicché l'ho visto giusto mezz'ora prima di cena.
Per la seconda sera di fila mi ritiro presto nelle mie stanze; oggi era l'ultima sera della festa padronale dove accadde l'incontro che generò poi questo stesso topic, quest'anno l'ho completamente disertata... a parte la difficoltà di trovare qualcuno che ci accompagni, piove.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 14, 2018, 12:28:45 am
Io ormai alzo le mani di fronte al mondo femminile.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 16, 2018, 09:20:46 am
Non sono aggiornata. Come procede la vita del ragazzo facile?
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 16, 2018, 11:17:47 am
Attualmente è fidanzato, lei arriverà qui su la prossima settimana.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Mixarchagevas - Agosto 16, 2018, 11:55:52 am
Il personaggio è in stand-by.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 17, 2018, 10:14:33 am
Attualmente è fidanzato, lei arriverà qui su la prossima settimana.
Oh, bene. Da quanto fidanzati?
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2018, 12:39:29 pm
5-6 mesi.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Agosto 17, 2018, 07:26:47 pm
Poco. Non conta.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 17, 2018, 08:10:46 pm
Per lui non è poco.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Settembre 05, 2018, 05:13:54 pm
Per lui non è poco.

ma è colui che ho conosciuto anche io?
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 05, 2018, 05:42:29 pm
Yes.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 05, 2018, 05:42:51 pm
(ovviamente quello fiorentino)
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 06, 2018, 12:28:00 pm
Io ho conosciuto gli amici strani di Allevi.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Settembre 06, 2018, 02:07:04 pm
Io ho conosciuto gli amici strani di Allevi.

un paio anche io.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2018, 02:51:17 pm
Io ho conosciuto gli amici strani di Allevi.

No, tu hai conosciuto i personaggi della birra; è diverso.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 06, 2018, 04:38:37 pm
Io ho conosciuto gli amici strani di Allevi.

No, tu hai conosciuto i personaggi della birra; è diverso.
Ah ok. Comunque si prendono mille punti perché pensavano fossi tipo moltooooo più giovane. E queste sono le cose che contano  :sisisi:
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Settembre 06, 2018, 04:49:34 pm
Quello che dice Vlad può ancora valere qualcosa, ma il Ciaba ubriaco non conta.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 06, 2018, 05:19:37 pm
Ok. Grazie. Ora mi sento davvero meglio. Uff...
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Chopper - Settembre 07, 2018, 08:50:41 am
Ok. Grazie. Ora mi sento davvero meglio. Uff...

 :rotfl:
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Bellatrix - Settembre 11, 2018, 08:11:17 am
Devo dire che in quel posto ero davvero strana. Rispetto alla media. Una ragazza aveva un mega tatuaggio super figo su tutta la gamba. E credo ne fosse pieno in tutto il corpo
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Allevi3MSC - Agosto 12, 2019, 01:08:02 am
Anniversario: l'evento che fece nascere questo topic risale a 7 anni fa (vedi chat).

Per vostra informazione er Dep e sempre fidanzato e con la stessa dell'anno scorso.
Titolo: Re:Fenomenologia del ragazzo facile
Inserito da: Ghismunda - Agosto 16, 2019, 06:48:32 pm
Posso ?
Citazione
grande classico di mia madre.
"bettimùr! portami il coso che sta nella cosa"
"il cosa?"
"il coso... lì... in casa..."
chiarissimo.

L'importante è non arrivare al cos- INO

 :ihih: :ihih: :ihih: