Autore Topic: Riforma della scuola... Perche' protestare??  (Letto 49222 volte)

NuovaCarne

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 51273
  • Io sugnu malacarne!
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #360 il: Novembre 25, 2010, 01:00:31 am »
rido :rotfl: resterà tutto come prima, con la sola differenza che chi non ha l'appoggio giusto e chissà perchè è serio e ci mette il tempo che deve metterci per pubblicare (della serie non le 500 pubblicazioni annue di alcuni ricercatori che pubblicano le loro ricerce a rate solo per far numero) se la prenderà ancora di più sui denti. Chi decide cosa vale o cosa no? Chi decide i titoli scientifici delle pubblicazioni. Il peer review richiede tempo (quindi non numero) e peraltro anche dove viene praticato può essere facilmente aggirato
giusto, quindi lasciamo tutto così, senza nessuna forma di valutazione e controllo sull'operato di gente che sta lì a scaldare la sedia e produce chilogrammi di cartacce inutili fingendo di fare ricerca.
All'estero funziona, non vedo il problema. Anzi il fatto che lo osteggino con tanta veemenza mi fa pensare che funzioni troppo bene :ihih:

Citazione
Citazione
Concorsi. Le selezioni saranno affidate a una commissione composta da quattro docenti ordinari estratti a sorte. <--- allucinante che prima non fosse così
idem resterà tutto uguale. L'estrazione a sorte è un palliativo, in ambienti tanto piccoli non muta le cose nella sostanza.
ambienti piccoli? ma che dici? per la formazione delle liste degli abilitati l'estrazione avviene tra docenti esterni, non interni alla facoltà, a quanto spiega lì. ::)
E ci mancherebbe, dove starebbe la differenza con lo stato di fatto sennò?  :-X

Citazione
ignora le differenze metodologiche di ricerca per i diversi ambiti. Tutte le attività scientifiche che sono per motivi non di vantaggio ma connaturate alla loro natura legate ad un territorio. Non esistono solo quelli che se ne stanno in laboratorio o che pensano astrattamente in uno studio, c'è chi si deve confrontare con un posto per portare avanti le sue ricerche.
e quindi? Nei concorsi uno dei 4 mmbri della commissione verrà nominato dall'Ateneo che bandisce il posto, mi sembra una garanzia sufficiente che anche le ricerche legate al territorio e bla bla bla trovino spazio. Se non verranno scelte sarà perchè evidentemente saranno meno interessanti o urgenti di altre (e ci mancherebbe che non fosse così).

Citazione
Le università solo perchè sono grandi non significa siano migliori, anzi i dati sulla qualità dimostrano il contrario.
e quindi? (a parte che dipende dalla facoltà) che c'entra?

Citazione
Sarebbe sufficiente razionalizzarle e soprattutto far finire i campanili nel volere la piccola sede propria solo per dire che "si ha l'università" quando invece grande o piccola di essa non si tratta, ma di una succursale mangiasoldi.
se è sufficiente o no non ho gli strumenti per dirlo (tu sì?), comunque tranquilla che manco questo gli faranno fare, sti studenti contestatori :asd:
« Ultima modifica: Novembre 25, 2010, 01:03:14 am da NuovaCarne »
|||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||

luca chin

  • Visitatore
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #361 il: Novembre 26, 2010, 09:39:38 am »
e la ministra Gelmini sbaglia e si vota contro.

ninfeaalba79

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1897
  • è dura vivere nel covo dei leghisti...
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #362 il: Novembre 26, 2010, 10:49:35 am »
e la ministra Gelmini sbaglia e si vota contro.
:facepalm: :facepalm: che cretina...
cani e gatti, anche col mal de panza, non possono renderti peggio di quanto possa fare una donna (uomo).
sapevatevelo
(cit. vipero)

ideologie precotte per cervelli bolliti su rieduchescional channel

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30304
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #363 il: Novembre 26, 2010, 10:58:30 am »
tre opzioni su questo OT:
- lo unisco al topic riforma della scuola
- lo unisco al topic universitari & co
- apro un nuovo topic sulla riforma universitaria
sono indecisa  :sgratsgrat:
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

PiantaGrassa

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 17392
  • Divyna Veggente
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #364 il: Novembre 26, 2010, 10:59:36 am »
Visto che si parla solo delle proposte relative alle università, lo metterei in universitari&co
"Quando io uso una parola, essa significa esattamente ciò che io voglio che significhi"

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30304
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #365 il: Novembre 26, 2010, 11:00:49 am »
però in universitari & co di solito si parla di ansie da esami e cose simili. mi sembrerebbe un po' OT anche lì.
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

Misia

  • Scalogno ciselée
  • *****
  • Post: 41267
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #366 il: Novembre 26, 2010, 11:02:02 am »
riforma della scuola credo sia più adatto

«Sono la pietà, la compassione, il perdono che mi mancano...non la razionalità»

I'm fucking zen

PiantaGrassa

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 17392
  • Divyna Veggente
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #367 il: Novembre 26, 2010, 11:09:11 am »
però in universitari & co di solito si parla di ansie da esami e cose simili. mi sembrerebbe un po' OT anche lì.

ah sì? l'ho aperto un paio di volte, lo ammetto, ma mi ricordavo ci fossero anche commenti sull'ordinamento in variazione. Magari ricordo male io eh (probabile)
"Quando io uso una parola, essa significa esattamente ciò che io voglio che significhi"

Misia

  • Scalogno ciselée
  • *****
  • Post: 41267
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #368 il: Novembre 26, 2010, 11:12:37 am »
in effetti è tutto un po' mescolato negli universitari, io lo leggo anche poco  :P

per non creare ancora più confusione forse è meglio un topic a sè sulla riforma dell'università, ma aspetta ancora un po' Betty, la Gelminchia minaccia di ritirare tutto  :asd:
«Sono la pietà, la compassione, il perdono che mi mancano...non la razionalità»

I'm fucking zen

PiantaGrassa

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 17392
  • Divyna Veggente
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #369 il: Novembre 26, 2010, 11:14:14 am »
in effetti è tutto un po' mescolato negli universitari, io lo leggo anche poco  :P

per non creare ancora più confusione forse è meglio un topic a sè sulla riforma dell'università, ma aspetta ancora un po' Betty, la Gelminchia minaccia di ritirare tutto  :asd:

Un topic a sè forse è troppo.
Voto l'opzione Dyo e dico che è cosa buona e giusta spostare in riforma della scuola
"Quando io uso una parola, essa significa esattamente ciò che io voglio che significhi"

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30304
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #370 il: Novembre 26, 2010, 11:32:30 am »
ok, per ora lo metto in riforma della scuola. poi se la notizia diventa più succosa faccio un topic a sé.
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

Misia

  • Scalogno ciselée
  • *****
  • Post: 41267
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #371 il: Novembre 26, 2010, 11:48:41 am »
ok, per ora lo metto in riforma della scuola. poi se la notizia diventa più succosa faccio un topic a sé.

bene così
 :up:
«Sono la pietà, la compassione, il perdono che mi mancano...non la razionalità»

I'm fucking zen

Artemis

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 177
  • Pastore errante dell'Asia
    • Giovani Menti Traviate
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #372 il: Novembre 26, 2010, 10:02:55 pm »
Le proteste si fanno in mille modi e tutti i modi singolarmente sono inutili, ma tutti assieme sono una forza. Quindi, sì alle occupazioni, se fuori ci sono cortei, sit-in, manifestazioni varie. Si alle occupazioni se in tanti lo fanno. Perché me ne sbatte poco di saltare una lezione, se fra un anno non potrò andare all'uni perché chiude/perché avrà prezzo così alto che una persona di estrazione proletaria come me non si potrà permettere di frequentarla.
A parte che a volte le occupazioni stesse sono accompagnate da sedute di studio (una volta abbiamo scioperato fuori dal mio liceo, la preside al telefono ci urlava che era solo per non studiare, ma in realtà stavamo tutti studiando greco o filosofia seduti sui gradini aiutandoci a vicenda... e noi non siamo certo una classe particolarmente strana) che possono essere anche più utili di una lezione, che comunque si può recuperare.
Non esiste uno sciopero efficace, perché un solo sciopero, comunque lo si faccia, di per sé non lo è. Occorre destabilizzare, bloccare. Se gli operai protestano, DEVONO bloccare le strade, altrimenti sono solo idioti con un cartello che non hanno voglia di lavorare. Devono bloccare, creare disturbo. In ambito scolastico, bloccare gli scrutinii. Marciare fino al senato e fare casino, ma tanto, anzi, venire lì con le ruspe che c'è della gente da mandare via e non siamo certo noi.
Basta poi con sta storia che il sessantotto non ha portato a nulla (non che qualcuno di voi l'abbia insinuato, almeno credo): ok, gente che protestava allora, oggi non si schioda dalla sedia, ma grazie a loro abbiamo avuto la costituzione delle studentesse e degli studenti, le assemblee, i rappresentanti, dei diritti. Poi però è stata la generazione dopo e quella dopo ancora a permettere che queste cose non valessero più un cazzo agli occhi di nessuno. Le proteste hanno portato alla legalizzazione dell'aborto. Anche l'eutanasia sarebbe legale, se protestassimo con lo stesso fervore. Queste cose si sono raggiunte così, per avere le assemblee ci siamo mobilitati noi, non è che sia arrivato Gesù Cristo in croce a farci il favore.
Vieni a trovarmi anche in www.giovanimentitraviate.blogspot.com

hallymay

  • Visitatore
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #373 il: Novembre 26, 2010, 10:17:43 pm »
sono d'accordo, una protesta funzione nel momento in cui si è costretti a dare una risposta, quindi nel momento in cui dà l'impressione di adottare una strategia efficace
Un po' come la non violenza. A tutti gli effetti è una lotta che non usa le armi, ma punta a mandare in tilt la vita civile comune partendo dal presupposto "non possono metterci tutti in prigione". Infatti si basa su boicottaggi, scioperi generali continui, marce... tutto pensato per fare impazzire la società civile e portare ad una risposta che non sia la repressione

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: Riforma della scuola... Perche' protestare??
« Risposta #374 il: Novembre 26, 2010, 11:07:51 pm »
Le proteste si fanno in mille modi e tutti i modi singolarmente sono inutili, ma tutti assieme sono una forza. Quindi, sì alle occupazioni, se fuori ci sono cortei, sit-in, manifestazioni varie. Si alle occupazioni se in tanti lo fanno. Perché me ne sbatte poco di saltare una lezione, se fra un anno non potrò andare all'uni perché chiude/perché avrà prezzo così alto che una persona di estrazione proletaria come me non si potrà permettere di frequentarla.
A parte che a volte le occupazioni stesse sono accompagnate da sedute di studio (una volta abbiamo scioperato fuori dal mio liceo, la preside al telefono ci urlava che era solo per non studiare, ma in realtà stavamo tutti studiando greco o filosofia seduti sui gradini aiutandoci a vicenda... e noi non siamo certo una classe particolarmente strana) che possono essere anche più utili di una lezione, che comunque si può recuperare.
Non esiste uno sciopero efficace, perché un solo sciopero, comunque lo si faccia, di per sé non lo è. Occorre destabilizzare, bloccare. Se gli operai protestano, DEVONO bloccare le strade, altrimenti sono solo idioti con un cartello che non hanno voglia di lavorare. Devono bloccare, creare disturbo. In ambito scolastico, bloccare gli scrutinii. Marciare fino al senato e fare casino, ma tanto, anzi, venire lì con le ruspe che c'è della gente da mandare via e non siamo certo noi.
Basta poi con sta storia che il sessantotto non ha portato a nulla (non che qualcuno di voi l'abbia insinuato, almeno credo): ok, gente che protestava allora, oggi non si schioda dalla sedia, ma grazie a loro abbiamo avuto la costituzione delle studentesse e degli studenti, le assemblee, i rappresentanti, dei diritti. Poi però è stata la generazione dopo e quella dopo ancora a permettere che queste cose non valessero più un cazzo agli occhi di nessuno. Le proteste hanno portato alla legalizzazione dell'aborto. Anche l'eutanasia sarebbe legale, se protestassimo con lo stesso fervore. Queste cose si sono raggiunte così, per avere le assemblee ci siamo mobilitati noi, non è che sia arrivato Gesù Cristo in croce a farci il favore.
applausi. tranne per il sessantotto, sul quale ho delle riserve.