Autore Topic: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]  (Letto 128197 volte)

SaintJust

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #30 il: Novembre 05, 2008, 03:24:45 pm »
Il problema esiste, è evidente.
sì ma la questione è che dal particolare si passa con disinvoltura al generale. Io ho avuto compagni di classe rom che abitavano in normalissimi condomini e i cui genitori facevano un normalissimo lavoro.
Che ci siano interi quartieri e interi campi che sono notoriamente luoghi di ricettazione di merce rubata non può in alcun modo portarci a dire che "i rom" sono delinquenti, ma solo che "quei rom" sono delinquenti.

Citazione
L'assurdità sta nel pensare che sia più accettabile un violentatore italiano di uno rumeno.
e infatti è così. Uno stupratore italiano è solo uno "sporco stupratore", uno stupratore rom sarebbe uno "sporco rom stupratore, c'era da aspettarselo!".

AnLi

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4063
  • Malvestita Q.B.
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #31 il: Novembre 05, 2008, 03:49:23 pm »
Crocs ha scritto in pieno quello che pensavo!
Non mi sento razzista e non mi sento inumana solo perchè gradirei un pò di legalità! Non ho accumunato rom, evasori fiscali e mafiosi di proposito, perchè mi sembrava superfluo!
Proprio perchè penso che siamo tutti uguali gradirei che le leggi venissero applicate a tutti nello stesso modo!
Penso che sia capito che io sto facendo un discorso di stile di vita. Non capisco perchè le mie parole siano fraintese fino a questo punto. Avevamo già parlato di questo argomento e molti avevano detto più o meno le cose che sto dicendo io, ma non c'era stata nessuna accusa personale!

Is sicuramente, appena mi sarà possibile, leggerò quello che mi hai consigliato!

DDRD mi dispiace tantissimo per quello che è successo alla madre del tuo ragazzo e spero che adesso stia bene!
Anche questo è superfluo, ma io non sono quel tipo di persona, non voglio castigare nessuno e non voglio cacciare nessuno! Vorrei solo che si trovasse una soluzione per un problema che esiste  ed è reale! Lasciare la situazione così come è ora, sto parlando dei rom, non fa altro che aumentare l'antipatia per questo popolo (va bene la parola popolo?! Non vorrei sbagliare di nuovo i termini!)


Il problema esiste, è evidente. Come è evidente che le "soluzioni" adottate fino ad oggi sono inutili e incapaci di risolvere alcunchè, più efficaci nel fomentare la caccia alle streghe e far pensare alla gente che i reali problemi non siano la tragica crisi economica di cui sentiremo presto gli effetti reali, ma il disgraziato che violenta le signore per strada e le ammazza, che sale in macchina ubriaco e investa poveri pedoni. Vorrei ricordare che la percentuale di stranieri che delinquono in Italia è assolutamente in linea a quella degli italiani (sto cercando la registrazione di un video di Rainews24 che approfondiva la cosa, appena lo trovo lo linko). L'assurdità sta nel pensare che sia più accettabile un violentatore italiano di uno rumeno.
AnLi, il tuo pensiero è molto diffuso (in alcuni, sempre più numerosi, arriva a picchi che degenerano in pura violenza), ma questo non vuol dire che non ci si debba interrogare su quanto sia lecito lasciarsi prendere da emozioni "di pancia", assumendo una clemenza verso se stessi che si dimentica di utilizzare anche verso altri...tutto qui, il mio era solo un consiglio e un appunto.

Baci a tutti
Grazie del consiglio!
Ma suppongo che non stiate parlando di me quando dite che è assurdo "pensare che sia più accettabile un violentatore italiano di uno rumeno", perchè io non ho mai detto niente di tutto ciò!
Distinguete bene le cose, non mettetemi in boca cose che non nè detto nè pensato!  :)
Vivete e siate vivi!

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #32 il: Novembre 05, 2008, 04:03:13 pm »


AnLi ti posso assicurare che io ho capito cosa intendessi tu, e grazie del supporto :-*. è giusto chiedere che le leggi siano rispettate da tutti, dall' americana al rumeno fino a noi italiani, è chiedere troppo? far finta di non vedere quello che accade, sia esso italianissima camorra/mafia fino alla ricettazione citata da saintJust è quasi pericoloso come gli atteggiamenti schifosi del controllore .
sul concetto di "razza" sono d' accordissimo con makabe: trovo che sia un termine usato con leggerezza, in alcuni casi, o che molti intendono come insieme di caratteristiche fisiche peculiari.

oh, beh per quanto questa mia postilla possa servire ;)

Donatella

  • Caramella Rossana
  • *
  • Post: 46
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #33 il: Novembre 05, 2008, 04:30:06 pm »

Grazie del consiglio!
Ma suppongo che non stiate parlando di me quando dite che è assurdo "pensare che sia più accettabile un violentatore italiano di uno rumeno", perchè io non ho mai detto niente di tutto ciò!
Distinguete bene le cose, non mettetemi in boca cose che non nè detto nè pensato!  :)


AnLi, assolutamente non mi permetteri mai di metter in bocca cose simili a chi non le abbia dette, non mi riferivo alle tue posizioni, credimi.

AnLi

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4063
  • Malvestita Q.B.
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #34 il: Novembre 05, 2008, 04:37:44 pm »
Ah ok, mi fa piacere!  ;D
Vivete e siate vivi!

Valentinavale

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 456
  • WAITING FOR NORMA
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #35 il: Novembre 05, 2008, 09:15:23 pm »
Io non accetto episodi del tipo: Rom tenta di rapire bambino/tutto il campo nomadi bruciato; rom investe persona/tutto il campo rom bruciato. Queste punizioni collettive non le reggo, però, anche alcuni comportamenti mi fanno rabbia, anche se non ritengo che appartengano a tutti i rom, ne che siano per forza compiuti solo dai rom.Tuttavia il ricordo di queste cose mi impedisce di sentirmi vicino ai rom quando subiscono ingiustizie. Ne cito alcuni: sulla linea Milano-Torino, ma credo un pò su ogni linea, trovo sempre bambini di 4 5 anni da soli a chiedere soldi con le madri che li aspettano nell'interscambio dei vagoni, un giorno c'era un bambin che avrà avuto massimo un mesein braccio alla madre, una ragazzina, con la maglia ancora bagnata di latte,sballonzolato su e giù dal treno. Stessa scena all'entrata della metro, un bambino appena nato per terra tra i passanti al freddo.
poco tempo fa mia zia era in ospedale, accanto a lei c'era una ragazza rom, età 20 anni, era in attesa del quarto figlio,l'unica cosa a cui pensava era andare a casa perchè la suocera capoclan la faceva lavorare, tradotto la sfruttava!.  dei tre figli precedenti non ne cresceva nessuno perchè eran stati dati a altre donne del campo.
Scusate ma questa non è vita.  Io ritengo questo una mancanza di rispetto e di amore quindi a volte mi chiedo se queste donne amano i loro bambini?
ovvio questo non giustifica la mancanza di rispetto dei controllori, ma gli ingoranti restano tali in tutte le situazioni
« Ultima modifica: Novembre 05, 2008, 09:17:16 pm da Valentinavale »
LA FERRAGNA HA LA 500! RIPETO: LA FERRAGNA HA LA 500

Siminsen

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #36 il: Novembre 05, 2008, 09:27:08 pm »
non è vita.  Io ritengo questo una mancanza di rispetto e di amore quindi a volte mi chiedo se queste donne amano i loro bambini?

In alcune società è perfettamente normale considerare i figli come forza lavoro.
Non è il caso di attribuire sentimenti negativi a certe donne solo perché il nostro concetto di madre è diverso.

pam

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #37 il: Novembre 05, 2008, 09:34:46 pm »
In alcune società è anche normale affidare i figli ad altre donne della comunità, non è poi così diverso dal mollare i bambini alla materna o dai nonni.

Siminsen

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #38 il: Novembre 05, 2008, 09:39:16 pm »
In alcune società è anche normale affidare i figli ad altre donne della comunità, non è poi così diverso dal mollare i bambini alla materna o dai nonni.

Vero. E dove il controllo sociale è stretto non esistono baby sitter a pagamento.

Valentinavale

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 456
  • WAITING FOR NORMA
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #39 il: Novembre 05, 2008, 09:53:21 pm »
Non è lo stesso lasciare i bambini alla scuola materna o dalla nonna e metterli per terra al freddo in metropolitana!
[
In alcune società è perfettamente normale considerare i figli come forza lavoro.
Non è il caso di attribuire sentimenti negativi a certe donne solo perché il nostro concetto di madre è diverso.

Sì ma i bambini di quattro anni non devono essere forza lavoro! Devono giocare in un posto pulito e poi andare a scuola non sui treni a raccogliere soldi.
prima che mi rispondiate che è è facile parlare e meno inserirsi perchè non trovano lavoro e simili rispondo subito che sicuramente io parlo da privilegiata perchè ho avuto tutto e ho potuto godermi la mia infanzia e non tutti i bambini hanno la stessa fortuna, ma quando vedo una ragazza della mia età con quattro figli che non può mantenere e che deve mandare ai semafori mi fa rabbia perchè sono dell'idea che a un bambino devi offrire tutto il possibilie non farne quattro se devi mandarli ai semafori.
A Brescia, prima che vincesse Paroli, l'ex sindaco ha costruito delle piccole case, che comunque non possono considerarsi vere e proprie case, e subito si sono riempite di antenne satellitari...ma ancora i bambini sono ai semafori! Non ditemi che è lo stesso che mandarli all'asilo e dai nonni!
LA FERRAGNA HA LA 500! RIPETO: LA FERRAGNA HA LA 500

pam

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #40 il: Novembre 05, 2008, 09:56:06 pm »
Fino a un meno di un secolo fa anche i bambini italiani di alcuni ceti sociali erano considerati forza lavoro, nei campi o nelle fabbriche.

SaintJust

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #41 il: Novembre 05, 2008, 10:01:02 pm »
Io non accetto episodi del tipo: Rom tenta di rapire bambino/tutto il campo nomadi bruciato; rom investe persona/tutto il campo rom bruciato. Queste punizioni collettive non le reggo, però, anche alcuni comportamenti mi fanno rabbia, anche se non ritengo che appartengano a tutti i rom, ne che siano per forza compiuti solo dai rom.Tuttavia il ricordo di queste cose mi impedisce di sentirmi vicino ai rom quando subiscono ingiustizie. Ne cito alcuni: sulla linea Milano-Torino, ma credo un pò su ogni linea, trovo sempre bambini di 4 5 anni da soli a chiedere soldi con le madri che li aspettano nell'interscambio dei vagoni, un giorno c'era un bambin che avrà avuto massimo un mesein braccio alla madre, una ragazzina, con la maglia ancora bagnata di latte,sballonzolato su e giù dal treno. Stessa scena all'entrata della metro, un bambino appena nato per terra tra i passanti al freddo.
poco tempo fa mia zia era in ospedale, accanto a lei c'era una ragazza rom, età 20 anni, era in attesa del quarto figlio,l'unica cosa a cui pensava era andare a casa perchè la suocera capoclan la faceva lavorare, tradotto la sfruttava!.  dei tre figli precedenti non ne cresceva nessuno perchè eran stati dati a altre donne del campo.
Scusate ma questa non è vita.  Io ritengo questo una mancanza di rispetto e di amore quindi a volte mi chiedo se queste donne amano i loro bambini?
ovvio questo non giustifica la mancanza di rispetto dei controllori, ma gli ingoranti restano tali in tutte le situazioni
La questione è che lo stato sarebbe tenuto a far sì che anche i rom rispettassero l'obbligo scolastico. Come sai invece lo stato se ne fotte, e se non c'è scolarizzazione non c'è speranza che si esca da questa situazione. Il problema di andare ad arrestare il ladro di macchine o lo scippatore è ridicolo in confonto al problema che bisognerebbe prendere i figli di queste persone e portarli a scuola a costo di tirarceli per le orecchie. Che alternative vuoi che abbia una persona di fatto analfabeta e priva di qualsiasi competenza se non quella di vivere di espedienti?
Se amano i loro bambini? Boh, come tutti i gentori alcuni li amano e altri no, di sicuro però le cose che a te sembrano allucinanti a loro sembrano normali perchè anche loro sono cresciuti così. Purtroppo a un certo punto se non sono in grado di emanciparsi da soli da certe forme di arretratezza è lo stato che deve intervenire ed educarli, visto che ci son di mezzo dei minori. Guarda che secondo me se si costringessero davvero tutti i bambini rom ad andare a scuola fino a 18 anni nel giro di una generazione li toglieresti tutti dalla strada. Non c'entra un cavolo nè l'etnia nè la loro cultura (che non consiste nello sfruttamento del lavoro minorile, nè nel furto, nè negli scippi), ma solo di scolarizzazione.

Leggetevi qua
http://www.gfbv.it/3dossier/sinti-rom/it/rom-it.html#r18
http://www.gfbv.it/3dossier/sinti-rom/it/rom-it.html#r19

posso confermare tutto quanto vedete scritto nei link perchè in ungheria, dove i rom sono circa 500.000, fino a una quindicina di anni fa i rom vivevano praticamente TUTTI di musica o artigianato, oppure ci stava la signora che bussava alla tua porta per leggerti la mano. Ecco come vivevano gli zingari, altro che furti. Solo che i tempi son cambiati e le loro attività non rendono più.
Chiunque, anche voi che vi sentite al sicuro da questo degrado, se aveste alle vostre spalle questo tipo di background vi ridurreste nelle medesime condizioni di emarginazione sociale. Nel giro di un paio di generazioni forse mandereste pure i vostri figli a mendicare. Del resto lo sfruttamento dl lavoro minorile tra "noi occidentali" non c'è solo perchè è intervenuta la legge a vietarlo, non certo perchè noi siamo più puri di cuore e amiamo di più i nostri figli. Ricordatevi che fino al secondo dopoguerra da noi c'è stato pure di peggio, la gente mandava i ragazzini di dieci anni in fabbrica a stampare bulloni (o a lustrare scarpe), altro che a zonzo a chiedere l'elemosina. Magari vostra nonna ci ha mandato vostro padre, eh... Quindi poche puzze sotto il naso, belli miei, i rom sono ESATTAMENTE come noi.

http://www.volint.it/scuolevis/percorsi/lavminori/secondo.htm

Citazione
La legislazione italiana sul lavoro minorile è del 1967, essa stabilisce che l’età per l’avvio al lavoro è di 15 anni in coincidenza con il termine dell’istruzione obbligatoria. La legge dopo aver proposto una distinzione terminologica tra fanciulli (minori che non hanno compiuto 15 anni) e adolescenti (minori tra i 15 e i 18 anni) regola l’orario di lavoro e definisce i periodi di riposo, inoltre stabilisce l’età minima per l’esecuzione di lavori faticosi, pericolosi e insalubri, il divieto di far lavorare di notte i fanciulli e gli adolescenti.
« Ultima modifica: Novembre 05, 2008, 10:07:39 pm da SaintJust »

SaintJust

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #42 il: Novembre 05, 2008, 10:04:05 pm »
Fino a un meno di un secolo fa anche i bambini italiani di alcuni ceti sociali erano considerati forza lavoro, nei campi o nelle fabbriche.
esatto, Pam. Ma è passato molto meno di un secolo...solo 50 anni. Roba fresca insomma.

Lan Awn Shee

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 112
  • I have to return some videotapes
    • Mikros Kosmos
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #43 il: Novembre 05, 2008, 10:06:15 pm »
Citazione
Fino a un meno di un secolo fa anche i bambini italiani di alcuni ceti sociali erano considerati forza lavoro, nei campi o nelle fabbriche.
E' vero, ma in Italia nel frattempo sono anche entrate in vigore delle leggi che vietano il lavoro minorile e che assicurano ai bambini (tutti, italiani e non) il diritto all'istruzione e a un sacco di altre belle cose. Per cui, cultura o non cultura, non possono far andare i bambini in giro per le stazioni a elemosinare. Tantomeno lasciare un neonato al freddo per terra...
Probabilmente, come si era detto, c'è una sorta di incomprensione reciproca: da un lato la stragrandissima maggioranza degli Italiani rifiuta i rom e per una questione di propaganda (non me la ricordo, io, mia nonna che mi insegnava a stare lontana dagli zingari perché poi mi rapivano e mi rivendevano gli organi? Con tutto che mia nonna era una bravissima persona, semplicemente era stata a suo tempo indottrinata attraverso lo strumento della paura) e per una questione di xenofobia, dall'altra molti rom non accettano di adattare alcuni aspetti della loro cultura alle leggi di uno stato che, diciamo la verità, non li accetta. E allora è un cane che si morde la coda: la società li respinge, loro fanno di testa loro, scoppia il casino e così la società si dice "Vedi che avevamo ragione a volerli fuori dai piedi?" e così aumenta la diffidenza ecc. ecc. ecc.
"Io il paradiso l'ho sempre immaginato pieno di quei palloncini colorati che i bambini perdono alle fiere."
Daniele Luttazzi

lara-v

  • Visitatore
Re: Gente razzista, gente di merda [topic cumulativo]
« Risposta #44 il: Novembre 05, 2008, 10:08:01 pm »
Citazione
Fino a un meno di un secolo fa anche i bambini italiani di alcuni ceti sociali erano considerati forza lavoro, nei campi o nelle fabbriche.
E' vero, ma in Italia nel frattempo sono anche entrate in vigore delle leggi che vietano il lavoro minorile e che assicurano ai bambini (tutti, italiani e non) il diritto all'istruzione e a un sacco di altre belle cose. Per cui, cultura o non cultura, non possono far andare i bambini in giro per le stazioni a elemosinare. Tantomeno lasciare un neonato al freddo per terra...
Probabilmente, come si era detto, c'è una sorta di incomprensione reciproca: da un lato la stragrandissima maggioranza degli Italiani rifiuta i rom e per una questione di propaganda (non me la ricordo, io, mia nonna che mi insegnava a stare lontana dagli zingari perché poi mi rapivano e mi rivendevano gli organi? Con tutto che mia nonna era una bravissima persona, semplicemente era stata a suo tempo indottrinata attraverso lo strumento della paura) e per una questione di xenofobia, dall'altra molti rom non accettano di adattare alcuni aspetti della loro cultura alle leggi di uno stato che, diciamo la verità, non li accetta. E allora è un cane che si morde la coda: la società li respinge, loro fanno di testa loro, scoppia il casino e così la società si dice "Vedi che avevamo ragione a volerli fuori dai piedi?" e così aumenta la diffidenza ecc. ecc. ecc.

La penso anch'io così.