Autore Topic: Lessico Famigliare (l'angolo del vernacolo)  (Letto 209849 volte)

lara-v

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #45 il: Gennaio 22, 2009, 01:20:18 pm »

Nani?!
[Che cos'è?! / Che stai dicendo?!]

Sei veramente baka! / Guarda quanto sei baka!
[Sei veramente scemo/a! Guarda quanto sei scemo/a!]

Oh, guarda questa foto... kawaiiiii! (di solito utilizzata da ragazzine adolescenti o tardone vestite da adolescenti con voci stridule)
[Guarda questa foto, che cariiiina!]


Ecco, io queste è meglio se non le incontro.

Fammi indovinare: fumetterie giapponesi?

SaintJust

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #46 il: Gennaio 22, 2009, 01:22:41 pm »
Citazione
al passaggio di ragazza parecchio formosa :"AMMAZZA CHE CINGOLATO DE CARNE!!!.

Ah, che meraviglia   ;D

Sono combattutto tra il desiderio di emulazione (uscire immediatamente in cerca di un bar, appostarmici davanti e iniziare ad apostrofare le passanti con questa meraviglia linguistica) e quello di auto-repressione preventiva (far firmare a tutte le persone che conosco un documento in cui le autorizzo ad abbattermi e a far sparire il mio corpo nel momento in cui dovessi utilizzare, in qualunque contesto, la frase "cingolato di carne").

Tecnicamente non si tratta di vernacolo, ma nell'ambiente di disadattati che frequento per lavoro si tende ad usare uno strano linguaggio basato su traduzioni letterali di frasi idiomatiche anglosassoni, con uno strano atteggiamento tipo "io so che sto dicendo una cazzata, tu sai che sto dicendo una cazzata, ma voglio vedere se batti ciglio e cadi nel mio tranello".

Vi faccio degli esempi:

Non me ne serve soltanto uno, dammi tutto il lotto.
[traduzione letterale di: "I don't need just one, give me the whole lot"]

Quella ragazza è scema/pazza come la merda di pipistrello.
[traduzione letterale di: "She's batshit crazy"]

Non lo farei mai, neanche in un milione di anni.
[traduzione letterale di: "I wouldn't dare, not in a million years"]
(e questa, mentre ero sovrappensiero, mi è capitata di usarla anche in ambienti in cui era fuori posto)

Inoltre, da qualche tempo, in ambienti di nerd/geek nippofili all'ultimo stadio, tipo un certo di librerie, mi capita di sentire utilizzare frasi e modi di dire mutuati dalla lingua giapponese e inseriti a forza nella lingua italiana, come:

Nani?!
[Che cos'è?! / Che stai dicendo?!]

Sei veramente baka! / Guarda quanto sei baka!
[Sei veramente scemo/a! Guarda quanto sei scemo/a!]

Oh, guarda questa foto... kawaiiiii! (di solito utilizzata da ragazzine adolescenti o tardone vestite da adolescenti con voci stridule)
[Guarda questa foto, che cariiiina!]

;D

Io invece quando il mio ragazzo mi chiama al telefono non rispondo con "pronto" ma con "moshi moshi"  ;D

Mi piacerebbe sapere come italianizzi "a pain in the ass" (un problema, una spina nel fianco)  ;D




SaintJust

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #47 il: Gennaio 22, 2009, 01:25:56 pm »
ah, mi son venute in mente altre 2 espressioni calabro-sicule che utilizzo spesso e volentieri: "mancu li cani" e "nun gabbu e nun maravigghia", entrambe esclamazioni di stupore misto a disappunto (eh! non c'è più mondo signora mia!)

lara-v

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #48 il: Gennaio 22, 2009, 01:28:17 pm »
Io col ragazzo uso un mio neologismo: "accucciolarsi", che per me vuol dire: sdraiarsi di fianco e farsi fare le coccole. :D

SaintJust

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #49 il: Gennaio 22, 2009, 01:29:47 pm »
Io col ragazzo uso un mio neologismo: "accucciolarsi", che per me vuol dire: sdraiarsi di fianco e farsi fare le coccole. :D
omioddio!! Lo uso anch'io!!!  :o

Edit: non è un neologismo, esiste davvero questa parola http://old.demauroparavia.it/1350
« Ultima modifica: Gennaio 22, 2009, 01:31:20 pm da SaintJust »

Macsibon

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 679
  • E' piuttosto difficile.
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #50 il: Gennaio 22, 2009, 01:32:33 pm »
Io col ragazzo uso un mio neologismo: "accucciolarsi", che per me vuol dire: sdraiarsi di fianco e farsi fare le coccole. :D
omioddio!! Lo uso anch'io!!!  :o

Edit: non è un neologismo, esiste davvero questa parola http://old.demauroparavia.it/1350

Anche Homer e Marge.
Barbie-turici

SaintJust

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #51 il: Gennaio 22, 2009, 01:33:33 pm »
Io col ragazzo uso un mio neologismo: "accucciolarsi", che per me vuol dire: sdraiarsi di fianco e farsi fare le coccole. :D
omioddio!! Lo uso anch'io!!!  :o

Edit: non è un neologismo, esiste davvero questa parola http://old.demauroparavia.it/1350

Anche Homer e Marge.
oh nooooo, che rivelazione spoetizzante!!  :D  :desolazione: :nanna:

lara-v

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #52 il: Gennaio 22, 2009, 01:47:52 pm »
Nooo! Ma allora non l'ho inventato io! :'( :'(
Probabilmente l'ho sentito dai simpson e poi me ne sono dimenticata..

SaintJust: sarebbe stato bello aver inventato lo stesso neologismo senza saperlo! :'(

koji

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 264
  • Pregnant with pure evil
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #53 il: Gennaio 22, 2009, 01:48:45 pm »
Citazione
Mi piacerebbe sapere come italianizzi "a pain in the ass" (un problema, una spina nel fianco)  ;D

Un dito al/nel culo.

Se "a major pain in the ass", "un dito al/nel culo con la sabbia".
« Ultima modifica: Gennaio 22, 2009, 01:52:37 pm da koji »

SaintJust

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #54 il: Gennaio 22, 2009, 01:49:30 pm »
Citazione
Mi piacerebbe sapere come italianizzi "a pain in the ass" (un problema, una spina nel fianco)  ;D

Un dito al culo.

Se "a major pain in the ass", "un dito al culo con la sabbia".
quello sì che è un bel problema  ;D  :-X

SaintJust

  • Visitatore
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #55 il: Gennaio 22, 2009, 01:57:38 pm »
Ma che c'avete tutti, oggi? Che c'ho, i pupazzetti in faccia?
[Oggi, tutte le persone che incrocio mi guardano con strane espressioni di curiosità, come se ai loro occhi il mio volto risultasse particolarmente divertente o buffo] (questa la uso spesso)

Guarda che qui non stamo mica a pettina' le bambole!
[Non sottovalutarci, siamo dei seri professionisti e il lavoro che stiamo eseguendo è fatto secondo severi criteri di qualità e in tempi ragionevoli] (la uso, la uso)

Ao', ma che m'hai trovato all'angolo della strada che stavo a vende le fritelle?
[Mi stupisce che tu mi faccia queste domande, pensavo sapessi che sono un serio professionista]
(questa la uso almeno un paio di volte al giorno, il che dice molto sul tipo di vita che conduco)
queste qui son strepitose, mi riprometto di riciclarle al più presto  ;D

cristina

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 19539
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #56 il: Gennaio 22, 2009, 02:23:39 pm »
Io uso molto aggiungere il dispregiativo, tipo "abbesttiazza"( tipo: "hai studiato tanto oggi?" "abbestiazza"). Nove volte su dieci poi lo piemontesizzo, tipo "vecchiass, fredass,..."
Ogni tanto mi pinizzo e per commentare il clima: " a fa frei / a fa caud"

Dal siculo uso spesso "calaciunazza" da calaciuna, dicesi di ragazza goffa, inadeguata, meglio se anche molto alta o cmq grande nell'aspetto. Poi "bursicedda" per indicare qualsiasi borsetta, sacchettino o pochette.

Invece di mio uso personale: "japu". Lo uso per indicare qualsiasi orientale, cinese, giapponese o filppino che sia (senza nessun intento dispregiativo eh). Lo uso anche quando trovo qualche oggetto complicato, tipo un cellulare nuovo, una digitale, ecc:"Sto coso è proprio da japu".
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per l'Uomo ci sia ancora speranza » (H.G. Wells)

Crocs

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4253
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #57 il: Gennaio 22, 2009, 02:54:15 pm »

Invece di mio uso personale: "japu". Lo uso per indicare qualsiasi orientale, cinese, giapponese o filppino che sia (senza nessun intento dispregiativo eh). Lo uso anche quando trovo qualche oggetto complicato, tipo un cellulare nuovo, una digitale, ecc:"Sto coso è proprio da japu".

ahaha questo lo uso anche io! E lo dice anche mio papà!

E per indicare una persona di colore: "moru", l'espressione politically correct (al contrario di "negher" che comunque è meno dispregiativo che in italiano) per dire nero.

Blue Hawaii

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1049
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #58 il: Gennaio 22, 2009, 02:55:56 pm »
Nooo! Ma allora non l'ho inventato io! :'( :'(
Probabilmente l'ho sentito dai simpson e poi me ne sono dimenticata..

SaintJust: sarebbe stato bello aver inventato lo stesso neologismo senza saperlo! :'(

Io uso "cucciolare", ma penso che l'origine sia la stessa...  :-\

cristina

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 19539
Re: Lessico Famigliare (l' angolo del vernacolo)
« Risposta #59 il: Gennaio 22, 2009, 03:30:42 pm »

E per indicare una persona di colore: "moru", l'espressione politically correct (al contrario di "negher" che comunque è meno dispregiativo che in italiano) per dire nero.


Già! comunque moru si usa anche per indicare gli immigrati in genere, ormai. Cioè, molti lo usano (dei tizi si riferiferivano agli albanesi chiamandolì cosi!)
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per l'Uomo ci sia ancora speranza » (H.G. Wells)