Autore Topic: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.  (Letto 79171 volte)

LouLou

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 837
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #195 il: Novembre 12, 2009, 03:36:32 pm »
Citazione
dimenticavo: il sillogismo "donna scorbutica=zitella che non scopa" è evidentemente sessista: una donna senza un uomo è frustrata, non può aver scelto questa condizione(tranne che non sia una suora, ma anche lì il basso umorismo si spreca), solo non è stata mai scelta e questo la incattivisce.
questo, scusa, lo dici tu.
[/quote]

Ma vuoi vedere che solo io vivo nel medioevo  :sgratsgrat: ?
Da me sono ancora molto forti questo tipo di definizioni: la donna oltre i trenta senza uomo accanto (e senza figli) è automaticamente un' acidona rabbiosa , una a cui manca qualcosa, QUEL qualcosa (cosa che puntualmente viene fatta notare elegantemente tra mille risolini e ammiccamenti)...Dire a una donna senza un uomo che è scorbutica è nervosetta è sottintendere , nemmeno velatamente, che questa disperata sia così perché nessuno se la sbatte.
Credo (ma diciamo che soprattutto spero) che fra le persone della mia età o più giovani non sia così...perché tra gli over 40 che conosco è praticamente l'atteggiamento di rigore (e anche se magari non lo pensano realmente, non fanno nulla per smentire battute e ragionamenti di questo tipo)
Il tuo viso è un profilo divorato dall’ombra, una mancanza di numeri striscianti tra lettere, un teorema d’arance graffiate da infanti

Bubu

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #196 il: Novembre 12, 2009, 05:33:21 pm »

Su quello che si conclude...ehm...più o meno quello che si conclude in ogni discussione sul forum: crescita, nuovi punti di vista, nuove informazioni...o in qualche forum s'è mai messo un indicatore di risultati raggiunti?
Riguardo al sentirsi offese da insulti sessisti (non mi fate fare la citazione dell'altro intervento, non sono capace!!!) non cogli il punto: secondo me il problema era che il sessismo neanche lo riconosciamo quando c'è. Se sono io a definirmi "malafemmina" sto proprio volutamente ribaltando il clichè sessista perchè lo riconosco.

Ma un insulto è un insulto, che sia sessista o meno è fatto per offendere. Francamente fare una discussione sui luoghi comuni sessisti alla base degli insulti che si possono rivolgere alle donne a me pare solo un parlarsi addosso che non porta da nessuna parte.

CloseTheDoor

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 755
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #197 il: Novembre 12, 2009, 05:50:15 pm »
Riprendendo il topic

anche a me inquieta il metro maschile che le donne hanno assunto: il femminismo non dice che noi siamo come gli uomini, ma che noi siamo donne e abbiamo i nostri diritti. Vedo molte mie amiche avere anche un atteggiamento maschile nei rapporti e nelle relazioni.. ma secondo voi, una donna ci riesce davvero, ad essere così 'libera' senza diventare solo lo zimbello degli uomini (di nuovo)? Una donna ha quel qualcosa in più che la separa dal mondo e dal metro maschile, no?
Segnalo questo libro che mi sembra molto interessante
Cosa vuol dire "raunch"? Vuol dire, "arrogante, sopra le righe, maleducata e, soprattutto, convinta di saperla lunga". Presentatrici che strillano in Tv mostrando improbabili tette rifatte, donne politiche agghindate come alberi di natale, attrici sempre più gonfiate e altezzose: Ariel Levy, voce del femminismo, denuncia le contraddizioni, l'ambiguità e l'incongruenza di quello che viene spacciato per il "nuovo potere delle donne". E invece questa finta liberazione non fa altro che riproporre in maniera cretina il mito della "bambolona"
"The future is unwritten" Joe Strummer

Bubu

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #198 il: Novembre 12, 2009, 05:59:28 pm »
Mi spiegate maschile e femminile? Cioè al di là della biologia io tette+ovaie, lui calvizie+pisello,che vuol dire metro maschile e metro femminile?

CloseTheDoor

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 755
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #199 il: Novembre 12, 2009, 06:04:46 pm »
Mi spiegate maschile e femminile? Cioè al di là della biologia io tette+ovaie, lui calvizie+pisello,che vuol dire metro maschile e metro femminile?

Chi, noi te lo spieghiamo?  ;D

Penso che per "metro maschile" si intendesse la famosa espressione "pensare come un uomo"
"The future is unwritten" Joe Strummer

Bubu

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #200 il: Novembre 12, 2009, 06:10:03 pm »
Ah  ??? quella roba tipo il tocco femminile?

nonsonougo

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #201 il: Novembre 12, 2009, 06:12:18 pm »
Ah  ??? quella roba tipo il tocco femminile?

un metro maschile è Brunetta. Un metro femminile la Littizzetto.


ls

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #202 il: Novembre 12, 2009, 06:19:08 pm »
ah, come mandi in vacca le discussioni tu, ls.... ::)
:adorazione:

S e DDRD, visto che stiamo parlando del peso specifico delle parole, presentarsi come ingegnere è rilevante, altroché. Il solo fatto di farlo introduce nella comunicazione un elemento connotativo grande come una casa. Non vedo alcun andamento in vacca.

S, non vedo perché dovresti giustificarti quando ti definisci "malafemmina" con il triplo salto mortale dell'autoironia insita nella a-demolizione del cliché. Se hai voglia di definirti "malafemmina", chi te lo impedisce? Temi che qualcuno possa accusarti di adesione ai retrivi modelli patriarcali fallocratici fallocentrici fallofallici eccetera eccetera? Sentendoti in dovere di giustificare la tua scelta terminologica (al contrario ma uguale), dai comunque ragione a chi osteggi. Invece di "malafemmina", perché non usi un bel termine un po' desueto ma efficace? Ne esistono a iosa e non implicano alcun livello di puttanesimo-schiavitù-sottomissione-negatività. È un gioco divertente e non ti costringe a scegliere fra i luoghi comuni che ti stanno tanto sul cazzo.

pam

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #203 il: Novembre 12, 2009, 06:32:55 pm »
Devo confessare che questo aspetto ha colpito anche me... mica dico che sono il dottor XY quando chiamo un taxi o roba simile. Dico, giustamente, che sono duca di Brabante, donzello di Montargis, principe d'Olèron, di Carency, di Viareggio e des Dunes, ma questa è un'altra storia...  ;D

Dipende da dove lavori, se il servizio navetta e' una cosa interna ad un'azienda

Beh, a prescindere dal taxi non mi presento comunque come "Dottoressa ***", sono nome e cognome, o anche solo cognome, soprattutto al telefono. Non capisco tutta questa mania del titolo accademico, il fatto di aver studiato e di essermi laureata, uomo o donna che io sia, non mi rende diversa da quello che sono.
Forse dipende dal fatto che me ne frego delle differenze di sesso, vere o presunte che siano, e faccio solo quello che mi sento di fare, come persona. Penso a me come donna quando mi rapporto a un uomo, nell'amore, nel sesso, ma in tutti gli altri ambiti sono una persona che si rapporta a delle persone.

CloseTheDoor

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 755
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #204 il: Novembre 12, 2009, 06:52:51 pm »
Beh, a prescindere dal taxi non mi presento comunque come "Dottoressa ***", sono nome e cognome, o anche solo cognome, soprattutto al telefono. Non capisco tutta questa mania del titolo accademico, il fatto di aver studiato e di essermi laureata, uomo o donna che io sia, non mi rende diversa da quello che sono. Forse dipende dal fatto che me ne frego delle differenze di sesso, vere o presunte che siano, e faccio solo quello che mi sento di fare, come persona. Penso a me come donna quando mi rapporto a un uomo, nell'amore, nel sesso, ma in tutti gli altri ambiti sono una persona che si rapporta a delle persone.

Verissimo, ma, ripeto: dipende da dove uno lavora: se ci sono delle abitudini generalizzate e' facile che il singolo le adotti.
Comunque l'essenziale, dato che siamo in questo thread, mi sembrava l'asimmetria maschile/femminile. Trovo notevole che presentare la Gelmini come "Ministra" venga fatto sempre e solo per sottolineare la sua incapacita', mentre in contesti istituzionali, nelle interviste ecc., viene chiamata "Signor Ministro". Mi domando che faccia farebbe Elisabetta II Windsor se qualcuno si rivolgesse a lei chiamandola "Your Highness the King"
"The future is unwritten" Joe Strummer

crocodile

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 7937
  • smile!!
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #205 il: Novembre 12, 2009, 07:07:25 pm »
il punto è che ministra è il femminile di ministro, mentre queen non è il femminile di king.

io se non mi chiamano ingegnere me ne fotto, tanto prima o poi se devono accorgersene se ne accorgono lo stesso.
"la modestia è la qualità delle persone modeste"
(Crocodile)

CloseTheDoor

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 755
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #206 il: Novembre 12, 2009, 07:13:55 pm »
il punto è che ministra è il femminile di ministro, mentre queen non è il femminile di king.

SCUSA?
"The future is unwritten" Joe Strummer

crocodile

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 7937
  • smile!!
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #207 il: Novembre 12, 2009, 07:19:43 pm »
il punto è che ministra è il femminile di ministro, mentre queen non è il femminile di king.

SCUSA?

etimologicamente parlando: sono due parole completamente diverse.
"la modestia è la qualità delle persone modeste"
(Crocodile)

CloseTheDoor

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 755
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #208 il: Novembre 12, 2009, 07:29:05 pm »
il punto è che ministra è il femminile di ministro, mentre queen non è il femminile di king.
SCUSA?
etimologicamente parlando: sono due parole completamente diverse.

Ok, ma la regina Margherita era la regina Margherita, e se mi devo rivolgere a una suora badessa di convento, non la chiamo "Reverendo abate"
"The future is unwritten" Joe Strummer

crocodile

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 7937
  • smile!!
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #209 il: Novembre 12, 2009, 07:31:33 pm »
close, lascio perdere: con te è come menarlo a un morto, tanto per non essere sessisti.
"la modestia è la qualità delle persone modeste"
(Crocodile)