Autore Topic: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.  (Letto 74705 volte)

lucaluca

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #615 il: Novembre 27, 2013, 06:07:35 pm »
gli omicidi di tabaccai vengono sempre compiuti da malavitosi che non accettano di guadagnarsi da vivere lavorando, e sono pericolosi perchè alla base c'è una mentalità che concepisce il tabaccaio un semplice ostacolo da eliminare per ottenere i soldi in cassa.

Ergo "tabacchicidio"

E resta che il fatto che tu "aggredisca le persone su facebook" e "porti a vedere bambini film come iron maiden" ad un uomo potrebbero essere addebitati come comportamenti pericolosi, mentre ad una donna no.

lucaluca

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #616 il: Novembre 27, 2013, 06:09:10 pm »
allora anche per migranti, tabacchini, benzinai, gioiellieri, raccoglitori di pomodori, abitanti in zone ad alta densità mafiosa, abitanti di quartieri difficili e millanta altre categorie.

se da un giorno all'altro abbiamo migliaia di ammazzamenti o stupri o altro ai danni, la questione verrebbe posta da qualcuno anche per loro
e torniamo al fatto che la tecnica dice in un modo e i fatti concreti suggeriscono di colmare la lacuna usando gli strumenti e adattandoli, a volte anche oltre ciò che oggi si può ritenere possibile o opportuno
sono aggiustamenti in un sistema che non è statico ma si muove nel tempo e cambia con i tempi

beh fammi i numeri pesati per categoria e vediamo se il numero di donne uccise dal compagno spicca rispetto a quelli di tabaccai uccisi in rapine.

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25231
  • Time waits for no one
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #617 il: Novembre 27, 2013, 06:19:14 pm »
allora anche per migranti, tabacchini, benzinai, gioiellieri, raccoglitori di pomodori, abitanti in zone ad alta densità mafiosa, abitanti di quartieri difficili e millanta altre categorie.

se da un giorno all'altro abbiamo migliaia di ammazzamenti o stupri o altro ai danni, la questione verrebbe posta da qualcuno anche per loro
e torniamo al fatto che la tecnica dice in un modo e i fatti concreti suggeriscono di colmare la lacuna usando gli strumenti e adattandoli, a volte anche oltre ciò che oggi si può ritenere possibile o opportuno
sono aggiustamenti in un sistema che non è statico ma si muove nel tempo e cambia con i tempi

beh fammi i numeri pesati per categoria e vediamo se il numero di donne uccise dal compagno spicca rispetto a quelli di tabaccai uccisi in rapine.

solito manipolatore

dunque via ogni tutela in tema razzismo









La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25231
  • Time waits for no one
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #618 il: Novembre 27, 2013, 06:21:50 pm »
gli omicidi di tabaccai vengono sempre compiuti da malavitosi che non accettano di guadagnarsi da vivere lavorando, e sono pericolosi perchè alla base c'è una mentalità che concepisce il tabaccaio un semplice ostacolo da eliminare per ottenere i soldi in cassa.

Ergo "tabacchicidio"


Se i tabaccai fossero d'ora in poi uccisi in quanto tali, metodicamente, e non come risultato di un complesso di altri reati... forse
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 57141
  • Socialista in cravatta bianca
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #619 il: Novembre 27, 2013, 06:23:11 pm »
Siete davvero OT, però.
Io sono un capibara e voi no.

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25231
  • Time waits for no one
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #620 il: Novembre 27, 2013, 06:26:09 pm »
si lo so
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

lucaluca

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #621 il: Novembre 27, 2013, 06:27:15 pm »
Cosa c'entri la manipolazione quando si parla di omicidio poi, l'aggravante per le motivazioni futuli od odiose mi sembra esista già.
Mi riferisco al fatto molto concreto che la vita umana ha pari valore a prescindere dal sesso, e al fatto concreto che se va un uomo a dire una donna mi ha minacciato gli ridono dietro, se ci va una donna no.
E i risultati di questa benemerita tendenza si vedono già nell'affido dei figli in casi di separazione, qual'è la percentuale di affidati agli uomini e quale alle donne?
Forse che le donne sono tutte madri perfette o al 90 e rotti per cento come sembrerebbe dai risultati della legislazione italiana?

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25231
  • Time waits for no one
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #622 il: Novembre 27, 2013, 07:01:00 pm »
Cosa c'entri la manipolazione quando si parla di omicidio poi, l'aggravante per le motivazioni futuli od odiose mi sembra esista già.
Mi riferisco al fatto molto concreto che la vita umana ha pari valore a prescindere dal sesso, e al fatto concreto che se va un uomo a dire una donna mi ha minacciato gli ridono dietro, se ci va una donna no.
E i risultati di questa benemerita tendenza si vedono già nell'affido dei figli in casi di separazione, qual'è la percentuale di affidati agli uomini e quale alle donne?
Forse che le donne sono tutte madri perfette o al 90 e rotti per cento come sembrerebbe dai risultati della legislazione italiana?


E certo che esistono, mi chiedevo se dobbiamo toglierle...

Quello che ripeto ad libitum è che per quanto la vita umana abbia - oggi - dichiarata e protetta la parità di valore, la pratica dell'esistenza umana pone delle problematiche concrete.
Il sistema del diritto in generale, così come quello penale, non è mai stato né resta un mondo stabile e immutabile. Inoltre si nutre di molti input, che vanno a comporsi al momento di affrontare un problema che riguarda un dato aspetto di quel mondo, per esempio, appunto, quello penale. Costituzione e suoi contenuti, fonti esterne fatte proprie, leggi, concetti emersi nella pratica giurisprudenziale e nella dottrina che segnalano fatti degni di essere valutati dal legislatore, etc.
Quando talune situazioni emergono vengono discusse nel qui e ora e si cerca una soluzione a quella emersione (non emergenza).
E' più uguale il soggetto oppure è semplicemente un monito all'uguale a non trattare l'altro uguale come inferiore?
E' il posto giusto dove trovare una soluzione? Forse no, forse si.






La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Archibald

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 5030
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #623 il: Novembre 27, 2013, 07:13:24 pm »

Ti rispondo come ho risposto a lui:

" Scusa, ma questo articolo è una stronzata. [...] Questo articolo è una cavolata perché commette un errore logico alla base, cioè accomunare TUTTI gli omicidi di donna con TUTTI gli omicidi di uomini. I cosiddetti "femminicidi" non sono  importanti tanto per la mole totale sugli omicidi, quanto per le motivazioni alla base. Statisticamente per gli omicidi di uomini i moventi sono vari (droga, furto, aggressione, criminalità etc), invece i femminicidi presi in esame dai media e dalle richieste di legge ad hoc sono sempre delitti compiuti da compagni o ex compagni della vittima che non accettano di essere lasciati (spesso legati allo stalking) o che la compagna faccia delle scelte che non approva, e sono pericolosi perchè alla base c'è una mentalità che concepisce la moglie o fidanzata come "proprietà".
Se una donna viene uccisa, che so, perché coinvolta in un qualche traffico criminale, mica conta nel fenomeno.
La cosa è preoccupante non solo per la quantità di omicidi (che saranno anche di meno rispetto al totale di tutti gli omicidi), ma soprattutto perché legati al fenomeno della violenza domestica, che ha tantissimi casi che non emergono finché non è troppo tardi."
E' vero quello che dice Crocs. Il problema secondo me è come viene inquadrato questo tipo di fenomeno. E' fondamentalmente un fatto culturale, e come tale andrebbe contrastato: invece in Italia il dibattito è tutto sul piano delle leggi, che secondo me c'entrano davvero poco. Sento usare da alcuni politici, che che su queste cose hanno un atteggiamento da avvoltoi, espressioni agghiaccianti come messa in sicurezza delle donne. Ma non è un problema di ordine pubblico: non è che le donne vadano protette, perché in questo modo si ratifica la non cultura che è alla radice del fenomeno, cioè la donna come essere debole, incapace di autodeterminarsi, che va salvaguardata, che non deve uscire la sera perché è pericoloso etc. Come fosse appunto un'eterna minorenne. Si dovrebbero invece contrastare i fattori di diseguaglianza, incoraggiare ed educare al senso di indipendenza e responsabilità le bambine, e in questo senso le principessine rosa che aspettano l'eroe che va salvarle sono dannose (riallacciandomi all'altro topic). Se manca una parità sostanziale e quello che si dà, anche a chi non lo vuole, è una sorta di monopolio preventivo sulle relazioni familiari, la cura e gli affetti, si fornisce solo l'alibi per dire "ma che vogliono le donne, hanno dei privilegi, pure l'aggravante specifica etc etc"
Insomma è un'istanza giusta, ma portata avanti in modo del tutto sbagliato.
Dire cose infondate in modo perentorio

Crocs

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4253
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #624 il: Novembre 28, 2013, 08:32:40 am »
Archibald, in generale sono d'accordo con te.
D'altra parte per un cambiamento culturale ci vanno anni ed anni, e nel frattempo non è che possiamo prendere la generazione dei 40-50 enni e fargli il lavaggio del cervello stile Arancia Meccanica, anche perché nel frattempo la violenza domestica e, in casi estremi, le uccisioni di ex-mogli e fidanzate continuano in modo preoccupante.
Da qui la necessità di leggi che "ci mettano una pezza" e arginino, per quanto possibile, il fenomeno.
La cosa allarmante è che, come dici tu, si faccia soltanto questo, e non si cerchi di attuare il cambiamento di mentalità che sarebbe necessario.

lucaluca

  • Visitatore
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #625 il: Novembre 28, 2013, 12:44:44 pm »
Guarda crocs ti faccio delle domande molto concrete:
ipotizziamo per assurdo che invece di 200 donne ci siano 200 uomini uccisi da compagne e similia all'anno, per cui la legislazione o la tendenza di legislazione è rovesciata di genere.
Nel tuo caso quello "aggredito su fb" avrebbe potuto denunciarti per stalking e magari sapendo che porti bambini a vedere iron man avrebbe potuto aggiungere un aggravante, e tu avresti avuto più o meno dei problemi. Non avresti nemmeno potuto dire che il suo articolo era provocatorio perchè per la parte "debole" sono previste mille attenuanti.
Si ha provocato ma era stressato
Sì ha provocato ma era semplicemente lo sfogo di un momento
e via di questo passo.
Bene lo troveresti giusto?
E soprattutto penseresti che una potenziale assassina, che sfida la pena già ampiamente prevista per un omicidio, venga bloccata dal fatto che tu rischi una denuncia per aver portato i bambini a vedere iron man, o hai reagito veementemente ad un articolo su fb?


Poi tornando alla realtà reale, tutto il blablabla sulla mentalità che gli uomini considerino la donna una proprietà, certo è giusto è un problema, ma si trascura sempre un altro problema.
Se io voglio lasciare una persona giustamente voglio sentirmi libero di farlo e non voglio essere considerato una proprietà, però se voglio lasciare una persona non pretendo "in automatico" cose da minorato tipo "il mantenimento del tenore di vita precedente" " la casa" e avanti di sto passo.
Perchè bisogna mettersi d'accordo: se si vuole essere indipendenti e liberi e tutte ste belle cose, tutto molto giusto tutto condivisibile però   bisogna prendere tutto il pacchetto, non la libertà più la protezione da minorato.

Anzi no non tutto il pacchetto tutto il blocco: compreso birillo

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25231
  • Time waits for no one
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #626 il: Novembre 29, 2013, 09:35:58 am »
E' un investimento, il testo citato, però incuriosisce

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/28/il-declino-della-violenza/792335/
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Archibald

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 5030
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #627 il: Novembre 29, 2013, 10:00:43 am »
E' un investimento, il testo citato, però incuriosisce

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/28/il-declino-della-violenza/792335/
L'ho letto anch'io, mi sembra molto interessante
Dire cose infondate in modo perentorio

Misia

  • Scalogno ciselée
  • *****
  • Post: 41243
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #628 il: Novembre 29, 2013, 10:10:12 am »
Siete davvero OT, però.
Betty dovresti splittare.
«Sono la pietà, la compassione, il perdono che mi mancano...non la razionalità»

I'm fucking zen

Mae

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 8343
Re: Peripatetismi - questioni spicciole di maschile, femminile, neutro.
« Risposta #629 il: Novembre 29, 2013, 10:41:03 am »
Guarda crocs ti faccio delle domande molto concrete:
ipotizziamo per assurdo che invece di 200 donne ci siano 200 uomini uccisi da compagne e similia all'anno, per cui la legislazione o la tendenza di legislazione è rovesciata di genere.
Nel tuo caso quello "aggredito su fb" avrebbe potuto denunciarti per stalking e magari sapendo che porti bambini a vedere iron man avrebbe potuto aggiungere un aggravante, e tu avresti avuto più o meno dei problemi. Non avresti nemmeno potuto dire che il suo articolo era provocatorio perchè per la parte "debole" sono previste mille attenuanti.
Si ha provocato ma era stressato
Sì ha provocato ma era semplicemente lo sfogo di un momento
e via di questo passo.
Bene lo troveresti giusto?
E soprattutto penseresti che una potenziale assassina, che sfida la pena già ampiamente prevista per un omicidio, venga bloccata dal fatto che tu rischi una denuncia per aver portato i bambini a vedere iron man, o hai reagito veementemente ad un articolo su fb?


Poi tornando alla realtà reale, tutto il blablabla sulla mentalità che gli uomini considerino la donna una proprietà, certo è giusto è un problema, ma si trascura sempre un altro problema.
Se io voglio lasciare una persona giustamente voglio sentirmi libero di farlo e non voglio essere considerato una proprietà, però se voglio lasciare una persona non pretendo "in automatico" cose da minorato tipo "il mantenimento del tenore di vita precedente" " la casa" e avanti di sto passo.
Perchè bisogna mettersi d'accordo: se si vuole essere indipendenti e liberi e tutte ste belle cose, tutto molto giusto tutto condivisibile però   bisogna prendere tutto il pacchetto, non la libertà più la protezione da minorato.

Anzi no non tutto il pacchetto tutto il blocco: compreso birillo

Ma quelle "cose da minorato" vengono garantite anche perché in molti matrimoni le donne accettano (o chiedono, o pretendono, o capita e a loro sta bene) di non avere indipendenza economica. Poi il legame si spezza e i patti si rompono. È un'altra legge che va a mettere una pezza su una situazione molto più ampia e complessa. Al massimo, per equilibrare, si dovrebbe prevedere che a fronte del mantenimento l'ex moglie vada a casa dell'ex marito per continuare a lavargli i calzini.
"Il Darfur, è dentro di noi"