Autore Topic: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)  (Letto 124903 volte)

Lo

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 864
  • "Bird is the Word!"
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #30 il: Giugno 29, 2009, 11:55:58 am »

PK ne avevo qualche numero anche io e mi piaceva. e da piccina il mercoledì era un rito :adorazione:, perché? usciva Topolino.


Topolino il mercoledì!!  :occhicuore:  Che bei ricordi!

Io ho ancora le banconote di Topolinia e Paperinopoli in edizione speciale. Che, vista la crisi, magari sono pure valide ora!  :D

A me piace un sacco Dylan Dog, che ce posso fà, ho iniziato a leggerlo a 8 anni (mio zio me li passava sottobanco perchè mia madre non voleva che li leggessi!  ;D ) e ancora oggi mi piace leggerlo (e lo maledico che la mia passione per il british fumoso nacque proprio da questo fumetto).

A questa notizia di Dylan Dog merigano mi sono messa le mani nei capelli...è british! è britiiiiiiiiiiiiiish!  >:(
Miss Eleganza della Favella 2009

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #31 il: Giugno 29, 2009, 12:51:59 pm »
Un giorno alla nostra scuola erano venuti gli autori di Skydoll, non ho presenziato perché non volevo farmi scappare qualche parolaccia... Quel fumetto non l'ho mai sopportato. Tecnicamente fatto benissimo, specie le colorazioni, ma una povertà di storia tremenda e stilisticamente troppo, veramente troppo debitore alla Disney.
davvero? e che ti hanno raccontato quelli che c'erano? Madonnamiiiia, mi sanno di gente con la puzza sotto il naso, che hanno lavorato da matti finchè non si sono presi un sacco di soldi con i diritti d' autore, e poi il nulla.
Mi ha fatto veramente ribrezzo anche la loro auto interivsta all' interno dell' albo di matite di SkyDoll (ebbene sì, li ho comprati tutti) cioè, un' auto intervista??? domande imbarazzanti del tipo "il colore preferito, cosa fai adesso"... ma chi se ne frega? raccontassero piuttosto del loro processo creativo, invece di sprecare inchiosto per ste michiate e per farmi vedere le loro foti del c@zzo!
poi erano lì che disprezzavano tantissimo la Disney perchè la consideravano un'azienda ipocrita.. oh poverini, ma non siete usciti da lì? Parlano bene di ipocrisia loro, intanto il n 4 di sky doll non esce da due anni almeno.... darsi una mossa no eh?  >:(
T dò la mia parola di Giovane Marmotta che quello che dirò non nasce dal mio scarso apprezzamento per il loro lavoro, sono le testimonianze dei miei colleghi dell'epoca:
Lui (Barbucci)- Un tipo sottomesso, non parla quasi mai, quando viene interrotto da lei si zittisce. Praticamente inesistente.
Lei (Canepa) - Una tizia che se la tira tanto, guarda i disegni altrui dall'alto in basso, parla di continuo ma spesso non si capisce dove vuole andare a parare.

Questo è quello che mi hanno detto anche compagni di corso che Skydoll lo apprezzavano e lo avevano comprato: a livello umano sono stati sulle palle a tutti.

La loro opinione sulla Disney non la conoscevo  :D Certo però che ce ne vuole da parte loro di coraggio per dirne così visto quel che disegnano...
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #32 il: Giugno 29, 2009, 01:22:21 pm »
io li ho ancora i libri di scarry!!! Ho messo via tutti i giocattoli che usavo da piccola (apparte due action figures di capitan Harlock & fidanzata) ma i libri mai!!!  :D
Ancora non mi capacito di tutti voi che rispondete per dire che apprezzate Scarry.... Ma davvero, vi dico, tutta una vita con le persone che ho conosciuto in vita reale MAI uno che mi dicesse quanto piacessero i suoi libri anche a lui. Grazie  ;D

Citazione
purtroppo però questo tipo di fumetti sembra concentrarsi più sull' estetica e sul merchandising che ne verrà fuori invece che sulla storia in sè, percui diciamo che se compro un volume del genere lo compro perchè "ha dei bei disegni" (come i bambini, già!   :D )

Lo faccio anch'io, quando vedo qualcosa di notevole a livello grafico  ;D
Per esempio con Le Cites Obscures, di Schuiten e Peeters, la parte scritta in sé non mi interessava particolarmente (e me l'ho fatta tradurre dal mio ragazzo), ma i disegni son veramentre troppo belli:



Citazione
come storie  mi piacciono invece più i volumetti indipendenti che a volte sono davvero carini! Mi è piaciuto molto mom's cancer di brian Fies, disegni orrendi, ma storytelling pazzesco... questo fumetto veniva pubblicato in internet man mano che la malattia della madre avanzava, e il passaparola è stato talmente grande che l' hanno pubblicato immediatamente.
Questo non lo conosco ma da quel che dici mi interesserebbe molto dargli un'occhiata.

Citazione
Anche Miller ha fatto un lavorone con "il ritorno del cavaliere oscuro" , per il resto non mi piace granchè.
Sono d'accordo! Anche se a me piace pure Sin City. Sarei curiosa di vedere com'è 300, mi dà l'idea che anche come fumetto sia una di quelle americanate pacchianissime che non hanno la minima idea della storia con cui stanno avendo a che fare.
A me di Batman piace tantissimo anche "Arkham Asylum" disegnato da Dave McKean. Gli ha dato quell'atmosfera che ho sempre apprezzato nelle storie dell'uomo pipistrello più incentrate attorno alla pazzia (sia quella dei "cattivi" che quella latente del protagonista).


Citazione
Poi ci sono loro, i giapponesi  :D li ho sempre letti, come tantissimi ragazzini sono stati il mio primo stimolo verso il mondo dei fumetti in generale, e devo dire che a distanza di tempo, secondo me hanno ancora le storie migliori. Fumetti come Slam dunk o Rough io non li ho più ritrovati  ::) ora mi piaciucchia Naruto, che però leggo per inerzia, visto che come tutti i lavori commerciali lo stanno tirando per le lunghe...
altro ottimo lavoro Death Note, peccato per la parte finale un pò bruciata e meno trascinante dei primi numeri.
I manga in verità hanno delle storie banalissime ma i giapponesi sono così bravi a creare e caratterizzare i personaggi che non possono fare a meno di piacermi... ecco, quelli sì che li "leggo" davvero!  ;D come rat-man, del resto  ;D geniale!
Io ai manga sono arrivata dopo Topolino e Dylan Dog, certe storie sono oggettivamente divertenti e molto carine, ma preferisco decisamente altro. Tipo Sandman. A Naruto vorrei dar fuoco  :D
Di Death Note ho visto solo qualche puntata dell'anime, giusto per farmi un'idea. C'è qualcosa di interessante nello spunto della storia, anche se i disegni come spesso accade per il manga mi raccapricciano. Il problema della trama che si sfilaccia strada facendo poi è un problema annoso.


Citazione
Di italiano poi adoravo gli sturmtruppen di Bonvi, credo di aver letto tutti quelli pubblicati, divertentissimi!! Non mi piacciono invece i vari Bonelli, una tristezza, mi veniva sonno solo a girare la prima pagina. Mi piaceva Diabolik, anche se era scontatissimo  ;D lui era un figo!
ahahhah le Sturmtruppen, grandi:D quanto tempo che non me le rileggo, come ho fatto a non citarle prima... Io invece dei Bonelli ho apprezzato molto il classico Dylan Dog, e anche i primi numeri di Nathan Never (all'inizio le storie sembravano voler richiamare anche vagamente Asimov)... Poi Castellini non mi piace, lo trovo confusionario. Ma questa è un'altra storia.

Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #33 il: Giugno 29, 2009, 01:23:23 pm »
dopo tutto sto papiro, avevo una domanda ai più esperti: volevo comprare delle "bibbie" della disney (quei libroni enormi dove ci sono tutti gli schizzi preparatori, storyboard e quant' altro di ogni film disney) su Amazon, solo che non mi ci raccapezzo molto  :-\ ci sono diversi art book a diversi prezzi, ma non so  quale sia quello "vero"! I prezzi sono così variabili... fin' ora sono sicura solo di quella di Mulan che avevamo anche a scuola, bellissima!!

fin' ora non me ne vengono in mente altri, altrimenti aggiorno...


Io su questo purtroppo non ti posso aiutare perché lo stile Disney non è tra i miei referenti... ma ricordo che c'era un libro molto bello di questi che cerchi tu, fatto da Cavazzano (non sarà Disney d'oltreoceano, ma era fatto veramente bene) che aveva comprato un mio compagno di corso, fossi in te proverei a dargli un'occhiata, se lo pubblicano ancora.
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #34 il: Giugno 29, 2009, 01:35:56 pm »
io trovo che i prodotti disney fatti in italia siano stupendi! adoro il tratto di cavazzano, e anche quello di donald soffritti. :D
adesso che ci penso non mi risulta che ci siano altri disegnatori disney all' estero (esclusi gli USA), sbaglio?
comunque, la scuola italiana ha prodotto molti personaggi: brigitta, paperoga,l'indimeticabile amalia, poi paperetta yè yè ( e vabbé lei, non è più comparsa) paperino paerotto e tutti i suoi amici.. e se non sbaglio anche paperino nelle vesti di paperinik.
mica male, eh? ;D

adesso che mi ricordo, io da piccola ho raccolto tutti i cartonati della disney sulla rivisitazione di opere letterarie!

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #35 il: Giugno 29, 2009, 01:47:41 pm »
Sir_Perceval
Dampyr all'inizio lo compravo anch'io, poi dopo un po' mi ha annoiato. Un peccato, perché dalle storie iniziali mi pareva potesse essere il nuovo personaggio Bonelli in grado di avere l'eredità di altre serie storiche. Forse dovrei dargli una seconda possibilità.
Solo per il fatto che leggi Sandman e citi Milton parlandone, vorrei leggere questo Midnight Nation.
E su Sandman, siiiiiiii  :occhicuore:

Anch'io non sopporto Manara, è sopravvalutato come e più di Miller e le donne che disegna hanno sempre la stessa faccetta e gli occhi da gatta. E i riccioli (rossi). Pure sulla storia che gli hanno dato da disegnare per Endless Nights la protagonista l'ha disegnata così. Du' palle.
E sempre viva Scarry.


Babbabia come si è evoluto il mondo!

Io sono rimasto ancorato alle mie vecchie e ormai patetiche collezioni di Tex Willer e Asterix!

Il mio primo Tex costava ben 200 Lire!

Azz, la tua collezione deve valere davvero... Non mi ha mai interessato Tex, ma complimenti!
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #36 il: Giugno 29, 2009, 01:49:07 pm »
ah, ma lui l'ha detto: le sue donnine si rifanno tutte a Nancy Brilli. ::)

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #37 il: Giugno 29, 2009, 01:51:17 pm »
DDR-Д(евушка)
In Italia abbiamo fior di disegnatori, non c'è niente da dire  :) Amelia la strega che ammalia, che personaggio! Penso il mio preferito tra quelli che hai citato.

Davvero l'ha detto? Questa non la sapevo :D
Però sapevo che ha dichiarato anche che nei suoi ultimi lavori ormai si fa molto aiutare da moglie e figlia, lui rifinisce le tavole coi dettagil ma la parte più noiosa la lascia a loro. Almeno così m'aveva detto un mio insegnante, e visto quanto detesto Manara sono pronta a credergli  ;D
« Ultima modifica: Giugno 29, 2009, 01:53:16 pm da CrawlingChaos »
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #38 il: Giugno 29, 2009, 01:54:08 pm »
io ho un debole per brigitta. ;D

ah una cosa: siete il primo sparuto gruppo che incontro di persone che non osannano miller come se fosse il dio in terra!
nel mio corso di fumetto era un tormentone....  :-\


edit: beh, pare proprio di sì!! quando il mio odiatissimo insegnante ci portò in classe un po' di roba di manara, notai che tutte le ragazze in genere avevano la boccuccia a cuore e gli occhi verdazzurri; lui mi rispose che  gli aveva detto che la sua musa era lei. ;D oh, ci va ancora bene, pensa se sceglieva la Argento... (poi a me la brilli sta molto simpatica:P)
« Ultima modifica: Giugno 29, 2009, 01:58:25 pm da DDR-Д(евушка) »

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #39 il: Giugno 29, 2009, 02:01:45 pm »

PK ne avevo qualche numero anche io e mi piaceva. e da piccina il mercoledì era un rito :adorazione:, perché? usciva Topolino.

Topolino il mercoledì!!  :occhicuore:  Che bei ricordi!

Mercoledì Sacro!  >:(
Guai se ritardavo di un giorno con l'appuntamento.

Citazione
A questa notizia di Dylan Dog merigano mi sono messa le mani nei capelli...è british! è britiiiiiiiiiiiiiish!  >:(
Mio dio, l'ho letto, che cosa triste. Hanno snaturato il personaggio e l'ambientazione  :P

Per chi ha nominato Il Giornalino, lo leggevo anch'io, ricordo che era edito dalla SanPaolo e quindi di chiara matrice religiosa, ma mi piaceva davvero. Pinky lo adoravo, ma mi piacevano anche quasi tutti gli altri fumetti che ci mettevano dentro. Poi una volta fecero pure una collezione di pagine staccabili (da mettere nell'apposito raccoglitore) con tutti i più grandi film della storia del cinema, c'erano compresi anche cose come Qualcuno volò sul nido del cuculo... penso che sia stato il primo stimolo a dirigermi verso della cinematografia "impegnata". Solo per quello non posso che ringraziarli.
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #40 il: Giugno 29, 2009, 02:15:17 pm »
io ho un debole per brigitta. ;D

ah una cosa: siete il primo sparuto gruppo che incontro di persone che non osannano miller come se fosse il dio in terra!
nel mio corso di fumetto era un tormentone....  :-\

Perlomeno dalla mia esperienza, tutti i carampani di Miller (o almeno la stragrande maggioranza) sono nati dopo la traduzione filmica di Sin City, e dopo il suo essere consacrato come "alternativo figo" dall'altrettanto alternativo regista Tarantino (beninteso, mi piacciono e molto alcuni suoi film, ma pure lui mi pare avviato verso il delirio di onnipotenza).
Io la prima cosa che ho letto è stata "Si può uccidere per lei", miniserie comprata appena uscita nel '94, e all'epoca non se la filava nessuno. E anche fino all'uscita di quel film, quando si parlava di Miller era sempre come discutere di qualcosa per pochi intimi (mai comunque come il dio della china in terra).
Poi c'è stato un exploit improvviso e tutti si sono accorti che Miller era fighissimo, era il migliore, e hanno cominciato a tesserne le lodi. Da quel momento mi sta un po' sulle palle  :)

Citazione
edit: beh, pare proprio di sì!! quando il mio odiatissimo insegnante ci portò in classe un po' di roba di manara, notai che tutte le ragazze in genere avevano la boccuccia a cuore e gli occhi verdazzurri; lui mi rispose che  gli aveva detto che la sua musa era lei. ;D oh, ci va ancora bene, pensa se sceglieva la Argento... (poi a me la brilli sta molto simpatica:P)
Adesso so qualcosa in più... Peccato che Manara (che per essere bravo, è bravo) sia così banale.
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #41 il: Giugno 29, 2009, 02:19:11 pm »
beh, cavoli! hai azzeccato in pieno l'analisi, tutti post-sin city. :sisisi:

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #42 il: Giugno 29, 2009, 02:28:49 pm »
Allora un'altra voce a conferma dell'idea che mi son fatta.
Mi dà sempre un senso urticante quando qualcosa che prima era relegata ad una cerchia ristretta diventa popolare (pure troppo) solo quando ne fanno il film. In particolare trovo irritante il fatto che spesso i neo-illuminati siano dei fanatici.
Anche col Signore degli Anelli è stato lo stesso. In Italia penso che quasi nessuno sapesse di Tolkien, quando ne parlavo coi coetanei delle medie; mi portavano per culo e mi guardavano strano. Poi TAC -esce il film- e ti vedi gente in tram che si porta a spasso questo mattone per passare il tempo. Mah.  ::)
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

Trent

  • 666tan
  • ***
  • Post: 2325
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #43 il: Giugno 29, 2009, 02:39:37 pm »
ah una cosa: siete il primo sparuto gruppo che incontro di persone che non osannano miller come se fosse il dio in terra!
ah sì? strano, visto che è un fascista e disegna di merda  :D
scherzi a parte, anch' io vedevo (non nella mia classe, ma spessissimo in altre) che il suo stile veniva malamente scopiazzato da parecchia gente, specie quelle ombre in negativo e l' uso delle silohuette, tanto per copirire il fatto che non sapessero disegnare  :D
il cavaliere oscuro era bellissimo, anche perchè la mentalità di batman si avvicina molto alla rigida disciplina militare e giustizialista tanto cara a Miller, percui ha centrato in pieno il personaggio  ;)
Poi non ho letto 300, ma se è come il film, dev' essere -per dirla alla fantozzi- una cagata pazzesca.


non vorrei rompere le palle: ma non è sbagliata la prospettiva dell' autobus?  ;D a me sinceramente non piace lo stile iperrealistico, anche se i colori sono davvero belli!
T dò la mia parola di Giovane Marmotta che quello che dirò non nasce dal mio scarso apprezzamento per il loro lavoro, sono le testimonianze dei miei colleghi dell'epoca:
Lui (Barbucci)- Un tipo sottomesso, non parla quasi mai, quando viene interrotto da lei si zittisce. Praticamente inesistente.
Lei (Canepa) - Una tizia che se la tira tanto, guarda i disegni altrui dall'alto in basso, parla di continuo ma spesso non si capisce dove vuole andare a parare.
Questo è quello che mi hanno detto anche compagni di corso che Skydoll lo apprezzavano e lo avevano comprato: a livello umano sono stati sulle palle a tutti.
La loro opinione sulla Disney non la conoscevo  :D Certo però che ce ne vuole da parte loro di coraggio per dirne così visto quel che disegnano...

davvero??  :o :o :o :o o mio Dyo, ma allora non era solo una mia sensazione!! dicevo mah, magari sonosoliinvidiosa io... invece son proprio stronzi  :o lui dal suo blog sembra un saccente della peggior specie, mi stupisce che nella realtà sia invece timido!!! che tristezza  ::) Da lei me lo aspettavo un comportamento del genere.
Sono bravissimi eh, Barbucci poi disegna quasi esattamente come vorrei disegnare io: le sue matite sono impeccabili, le tavole sono perfette sotto tutti i punti di vista tecnici. Però che pippe ragazzi  ::)

Io su questo purtroppo non ti posso aiutare perché lo stile Disney non è tra i miei referenti... ma ricordo che c'era un libro molto bello di questi che cerchi tu, fatto da Cavazzano (non sarà Disney d'oltreoceano, ma era fatto veramente bene) che aveva comprato un mio compagno di corso, fossi in te proverei a dargli un'occhiata, se lo pubblicano ancora.
grazie mille  ;) della disney italiana ho un sacco di cose, compreso un volumone con tutte le chine dei primi albi di PK, fatti da fior fiore di illustratori(roba da malati, lo so!)
io volevo proprio i lungometraggi disney fatti in America, con tutti gli studi (qui figurati se li pubblicano, come no!)
una cosa così, anche se si vede pochissimo... una cosa pazzesca, tutto quello che può interessare a chi cerca degli spunti, da avere e sfogliare sempre!
apro una parentesi, mi è capitato di comprare qualche libro di illustrazioni da amazon francese, e devo dire che hanno un servizio fantastico, velocissimo, puntualissimo e le spese di spedizione sono attorno ai 6 euro, una cavolata! Sono rimasta positivamente colpita!
Per chi fosse interessato a qualche albo e in Italia non lo trovasse, è una scelta validissima!

come illustratori/fumettisti a me piace tantissimo Claire Wendling, è un mostro, sa fare di tutto ma stranamente non è molto famosa. Mi piace da morire anche il suo stile e il suo (un pò più grottesco), sono due artiste che ho conosciuto comprando un libro di illustrazioni per la moda...
ma misà che se mi metto ad elencare tutti gli illustratori che conosco vado un pò OT  ;D
sto argomento mi prende un sacco!!  :D

Scarry è miticissimo, chi non ha imparato a leggere con i suoi libri è stato un bambino triste.  :D ;D

Crazy Simo

  • 666tan
  • ***
  • Post: 2173
  • Quisque faber fortunae suae
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #44 il: Giugno 29, 2009, 03:09:48 pm »
Avrò speso un capitale per acquistare albi che mi attiravano con i disegni. Poco tempo fa stavo per esser accalappiata da un librone incentrato sul make of della Sposa Cadavere e questo solo perchè c'era un due pagine di scene abbozzate con stile fumettistico (erano bellissime!). Mi bloccai giusto in tempo.
Però Dodson (1, 2) è riuscito a prendermi al cappio.
Di Topolino mi occupai nella tarda infanzia, accumulando quanlcosa come un migliaio di Topolini e centinaia di altri fumetti della Disney; ricordo con piacere il tratto di Giovan Battista Carpi, Romano Scarpa (il fumettista italiano più prolifico di personaggi: Paperetta ye ye, Brigitta, persino Trudy, la fidanzata di Gambadilegno, sono opera sua) e Silvia Ziche. Proprio non mi piacevano invece i disegni di Sergio Asteriti, troppo "deformati"; e poi disegnava esclusivamente storie sui topi, mentre io prediligevo i paperi.
Le parodie su film e libri le adoravo spasmodicamente. Probabilmente è nata da lì la mia passione per la parodia in generale, e comunque è proprio da quelle parodie che ho iniziato a conoscere opere letterarie o cinematografiche altrimenti sconosciute.

Miller non mi dà di niente: i suoi fumetti non mi dicono nulla e il film fa schifo. Tarantino  :occhicuore: è tutt'altra cosa.
« Ultima modifica: Giugno 29, 2009, 03:13:32 pm da Crazy Simo »