Autore Topic: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)  (Letto 128841 volte)

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
lara-v, ti rispondo qui prima che il robottone mi riprenda di nuovo... e poi dopo una ricerca in forum non ho trovato che ci fosse nessun post dedicato alla nobile arte fumettistica, quindi mi pare quantomeno doveroso crearne uno.

Angelo Stano era un grande. Ricorderò sempre la sua opinione su Ugolino Cossu, non so se ce l'hai presente, è uno che disegna su Dylan Dog (almeno all'epoca lo faceva, adesso non so, non compro più albi Bonelli).

Stano: "Ecco, io per esempio penso che Cossu sia un coglione. Gliene ho parlato, anche a Bonelli, ma come fai a tenerlo a lavorare? E lui mi dice "eh, ha famiglia, ha bisogno". Ho capito che ha bisogno, ma mica è una scusa per fare un disegno pessimo".
Uno dei miei colleghi allievi: "Ma dai, però non sta bene parlare alle spalle dei non presenti"
Stano: "Ah, guarda, io queste cose le dico tranquillamente anche con tutti in redazione, solo davanti a lui cerco di limitarmi, perché mi fa troppo pena."

 ;D
« Ultima modifica: Giugno 28, 2009, 05:37:34 pm da CrawlingChaos »
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

lara-v

  • Visitatore
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #1 il: Giugno 28, 2009, 06:52:40 pm »
Ti ho mandato un mp! :)

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #2 il: Giugno 28, 2009, 07:15:47 pm »
Ti ho mandato un mp! :)

Risposto!

E per chiunque voglia dare opinioni e preferenze sui propri fumetti più amati e più odiati, postate! Mi piace parlarne. Per non parlare poi delle guerre carampuniche tra i pro-manga e i contro-nipponici, all'epoca della scuola troppi ne ho fatti di discorsi in merito coi mangofili che incontravo  ;D
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

wowbagger

  • The Gravy
  • *
  • Post: 65
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #3 il: Giugno 28, 2009, 07:48:07 pm »
Ti ho mandato un mp! :)

Risposto!

E per chiunque voglia dare opinioni e preferenze sui propri fumetti più amati e più odiati, postate! Mi piace parlarne. Per non parlare poi delle guerre carampuniche tra i pro-manga e i contro-nipponici, all'epoca della scuola troppi ne ho fatti di discorsi in merito coi mangofili che incontravo  ;D
Fumetti amati:
Pazienza, un genio; watchmen di alan moore (anche v for vendetta mi è piaciuto, ma di meno); certi episodi di spiderman (l'unico supereroe marvel che mi piaccia, così come batman è l'unico supereroe dc che considero decente, peccato per l'esistenza di robin che rovina tutto); corto maltese (che ho scoperto da poco); dilbert e in generale le strisce pubblicate su "linus"; robert crumb; carl barks e altri grandi autori disney (come scarpa e don rosa)
Fumetti apprezzati:
dylan dog, ratman, alan ford
Fumetti odiati:
diabolik (i primi episodi sono molto belli. poi con il passare del tempo è diventato non solo ripetitivo e noioso, ma anche irritante, con diabolik completamente privo della malvagità iniziale e succube di eva, arrogante e anch'essa a mio parere del tutto priva di fascino, a parte la figaggine (ma fascino e figaggine non sono sinonimi), ginko che è un idiota (nei primi episodi era davvero in gamba, sempre perdente, ma comunque mostrava delle capacità)); tutti i manga non sportivi (i manga sportivi sono stupidissimi ma innocui e simpatici, mentre gli altri manga sono della cagate pazzesche, almeno quelli che ho letto io, l'unico che ha del valore è lady oscar); frank miller (il fumettista piu sopravvalutato di tutti i tempi, ma che piace tanto perché è "violento"); superman (il supereroe piu assurdo di tutti... cioè, come cavolo è possibile che nessuno capisca che clark kent è superman? come può un paio di occhiali ingannare non solo l'umanità in genere, ma anche chi conosce bene entrambi, come la giornalista nonmiricordocomesichiama? non ha senso); gli x-men (sono troppi!!)

Cartoni animati:
a parte quelli di quando ero bambino, gli unici cartoni animati che mi piacciono sono i simpson e daria (non so se avete presente, lo facevano su mtv anni fa... praticamente la protagonista è una ragazzina molto intelligente e sarcastica... mi faceva morire dal ridere)

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #4 il: Giugno 28, 2009, 09:45:11 pm »
Sì, vedendo Zanardi immaginavo che ti piacesse Pazienza, che anch'io reputo un genio del fumetto.  ;)
Di Spiderman apprezzo l'importanza nell'immaginario collettivo per definire la figura del supereroe tormentato, ma non mi sono mai sentita vicina al genere supereroistico, nel complesso.
Ma anch'io menziono, a favore, il personaggio di Batman, più che nella sua versione originale nelle sue riletture moderne, in chiave maggiormente cupa e gotica. E poi tutti i suoi nemici sono pazzi e squilibrati, invece che solo cattivi, e questo lo apprezzo  ;)
Carl Barks... ah, mio primo amore (insieme a Richard Scarry). Da piccola oltre che leggere avidamente Topolino mi ero fatta comprare anche quella serie di volumi con le raccolte di vecchie storie di Barks (Io Paperino e Io Paperone, si chiamavano, non so se li hai letti anche tu). E poi c'era il periodico "Zio Paperone" che usciva in edicola. Ne ho recuperati qualcuno poco tempo fa dalla cantina della casa dei miei nonni e mi è venuto un attimo di commozione... le espressioni che Barks metteva ai becchi dei paperi non le ha mai rese più nessuno!

Diabolik lo leggeva mio padre e quelli che ho li ho ereditati da lui, per un po' ne ho anche comprato qualcuno nuovo ma ha cominciato ad annoiarmi abbastanza presto perché era troppo ripetitivo. Sin City l'ho letto e comprato in tempi non sospetti (quando Miller non se lo cagava nessuno) e a me invece è piaciuto, come fumetto. Poi che adesso io l'abbia un po' in uggia per il fatto che sia diventato un fenomeno di massa e pure fin troppo montato è un altro conto. Mi sono rifiutata di vedere "300", ma mi dà l'idea di essere una cagata pazzesca.

Io di manga ho letto, e di qualcosa anche collezionato (Lupin III, Dr.Slump, Ranma 1/2, Cityhunter, qualcosa di Akira, Video Girl Ai, Berserk). E attualmente li considero la peste del panorama fumettistico... Per come siano diventati l'unico riferimento per molti in fatto di fumetti, per come esistano disegnatori italiani che li imitano con pessimi risultati, per il carampanismo degli appassionati che come glieli tocchi scattano come li avesse morsi una tarantola, e per altri motivi che magari spiegherò più avanti.

Ah, sì, daria me la ricordo. In vita mia due persone mi hanno pure detto che gliela ricordavo, per come parlavo  ;D
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

wowbagger

  • The Gravy
  • *
  • Post: 65
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #5 il: Giugno 28, 2009, 09:54:04 pm »
Citazione
quella serie di volumi con le raccolte di vecchie storie di Barks (Io Paperino e Io Paperone, si chiamavano, non so se li hai letti anche tu).
si, li ho visti di recente in una bancarella di fumetti usati, e me li sono comprati. barks era davvero un grande.

Citazione
Diabolik lo leggeva mio padre e quelli che ho li ho ereditati da lui, per un po' ne ho anche comprato qualcuno nuovo ma ha cominciato ad annoiarmi abbastanza presto perché era troppo ripetitivo.
Anche mio padre leggeva diabolik, ma soprattutto tex. Quando ero piccolo lo leggevo anch'io (tex, intendo), ma non mi è mai piaciuto granchè, anche se a volte capitavano certe storie molto belle.
Citazione
Io di manga ho letto, e di qualcosa anche collezionato (Lupin III, Dr.Slump, Ranma 1/2, Cityhunter, qualcosa di Akira, Video Girl Ai, Berserk). E attualmente li considero la peste del panorama fumettistico... Per come siano diventati l'unico riferimento per molti in fatto di fumetti, per come esistano disegnatori italiani che li imitano con pessimi risultati, per il carampanismo degli appassionati che come glieli tocchi scattano come li avesse morsi una tarantola, e per altri motivi che magari spiegherò più avanti.
Probabilmente esistono manga belli. Quello che ho scritto prima era volutamente una generalizzazione esagerata, perché secondo me la maggior parte è roba indegna, e spesso viene però incensata come capolavoro.

Edit: avevo scritto "quello che ho scritto bene" invece di "scritto prima". il mio processo di rincoglionimento è ormai quasi giunto alla fase finale.
« Ultima modifica: Giugno 28, 2009, 11:04:03 pm da wowbagger »

Mbee

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 7082
  • Team Jwoww
    • Tumblr
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #6 il: Giugno 28, 2009, 10:31:36 pm »
Non sono un'esperta di fumetti, diabolik lo leggo al mare e l'unico manga che ho letto l'ho completamente rimosso dalla memoria.

Però, devo dirlo: Richard Scarry :occhicuore: !!!

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #7 il: Giugno 28, 2009, 10:34:07 pm »
Citazione
quella serie di volumi con le raccolte di vecchie storie di Barks (Io Paperino e Io Paperone, si chiamavano, non so se li hai letti anche tu).
si, li ho visti di recente in una bancarella di fumetti usati, e me li sono comprati. barks era davvero un grande.

Lo LOVVO  :occhicuore:
Resta irripetibile anche il tipo di humour che metteva nelle storie, rileggendo a distanza di anni mi rendo conto di come sia godibile anche da adulti.


Citazione
Probabilmente esistono manga belli. Quello che ho scritto bene era volutamente una generalizzazione esagerata, perché secondo me la maggior parte è roba indegna, e spesso viene però incensata come capolavoro.

Condivido quel che dici. In effetti la cosa che più mi fa ridere/piangere/irritare dei manga è il fatto che vengano osannati ben oltre quel che meritano, per di più da gente che normalmente Andrea Pazienza non sa nemmeno chi sia (e se gli metti in mano Maus probabilmente ti risponderebbero pure "che è sta' merda?").
Finora l'unico manga che davvero mi ha colpito dal punto di vista del disegno è stato Lupin III. Ha un suo stile molto personale, molto dinamico, riesce ad uscire un po' dagli stereotipi del genere.
In effetti è lo sterotipo una delle cose che mi annoiano del manga. Si regge quando almeno c'è humour: ho trovato divertente anche Dr.Slump, per esempio, perché sul fatto che Toriyama disegni tutti i personaggi femminili uguali cambiando solo le pettinature ci ha basato uno degli equivoci che si verificano in una storia. Voglio dire, almeno è un fumetto spiritoso e non si prende sul serio. E poi dura una quantità ragionevole di numeri, invece di allungare il pappone all'infinito (mai sopportate le telenevole, mai!).
Trovo nocivo allungare eccessivamente una storia, quando non c'è più niente da dire. Si vede la differenza tra una storia che regge e una che è solo stiracchiamento infinito. Anche questo ha contribuito al fatto di non farmi comprare più Dylan Dog, nonostante lo segua dal '92.  Un peccato che la Bonelli non sia in grado attualmente di proporre qualcosa di nuovo ma di altrettando valido.
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #8 il: Giugno 28, 2009, 10:36:48 pm »
Non sono un'esperta di fumetti, diabolik lo leggo al mare e l'unico manga che ho letto l'ho completamente rimosso dalla memoria.

Però, devo dirlo: Richard Scarry :occhicuore: !!!

Sei la prima persona che incontro in tutta la mia vita che fa gli occhioni a cuore quando nomino il nome: Richard Scarry  ;D
Ah, ho mosso i miei primi passi, sul dizionario di Scarry, e su tutti gli altri suoi libri. Mia mamma mi aveva anche cucito lo Zigo-Zago di pezza usando i cartamodelli che fornivano su uno degli albi-gioco.
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

Mbee

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 7082
  • Team Jwoww
    • Tumblr
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #9 il: Giugno 28, 2009, 10:40:20 pm »
Sei la prima persona che incontro in tutta la mia vita che fa gli occhioni a cuore quando nomino il nome: Richard Scarry  ;D
Ah, ho mosso i miei primi passi, sul dizionario di Scarry, e su tutti gli altri suoi libri. Mia mamma mi aveva anche cucito lo Zigo-Zago di pezza usando i cartamodelli che fornivano su uno degli albi-gioco.

Mia mamma me li leggeva (o inventava le storie) prima di andare a letto quando ero piccolina, e anche grazie a lui a 4 anni sapevo leggere  ;D

Ora vado a cercare quei vecchi libri :)

CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #10 il: Giugno 28, 2009, 10:58:34 pm »
aah l'ho trovato, il libro gioco di cui parlavo: era questo!


C'era anche la città da costruire in cartone, con le sagome dei personaggi! ovviamente l'avevo fatto... Davvero, anch'io ho iniziato a leggere con Scarry. Che belli che erano... Peccato che io non li trovo più, i miei libri dell'epoca  :'(
I miei preferiti probabilmente erano la famiglia Miomao e il signor Babirussa.
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.

Tommaso

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 967
  • FATTI e non ginocchia!
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #11 il: Giugno 28, 2009, 11:10:28 pm »
Io li ho ancora i libri di Scarry!!!!! Mi commuovo!!!  :'(
Quando sono in meditazione non rispondo al telefono!

wowbagger

  • The Gravy
  • *
  • Post: 65
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #12 il: Giugno 28, 2009, 11:11:17 pm »
Citazione
e se gli metti in mano Maus probabilmente ti risponderebbero pure "che è sta' merda?")
che idiota, mi ero dimenticato di citare tra i fumetti amati, maus! un capolavoro, che mostra le grandi potenzialità del fumetto come "mezzo" (le persone rappresentate come animali, a seconda della nazionalità/etnia).
un'opera davvero toccante, perché sincera.

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #13 il: Giugno 28, 2009, 11:16:34 pm »
ce l'ho anche io quel libro!!! devo dire che  però è mia sorella che è cresciuta più con  i suoi libri, ricordo ancora quello galleggiante con la paperella!!
ah, a me piacciono sia pazienza che molti manga.. ;D
i miei preferiti:
astérix
skydoll
nana
monty (strisce  che escono su linus)
alex Koenig  (zuppa di muscoli su tutti)
tutto di daniel cloves
le witch, almeno prima che diventassero una brutta copia del cioè, e disegnata malissimo.
monster allergy
tutto di fuyumi soryo
rat-man

ciò che non mi attira sono le supereroistiche (marvel, dc, qualsiasi cosa), diabolik, perché è molto rigido nei suoi temi, trame e scelte compositive, e il fumetto bonelliano. proprio ho un avversione, nonostante mio padre sia un fedelissimo di tex.
sui manga: io non ne leggo tantissimi, perché mi annoio a seguire le serie coi loro tempi biblici. ho preso i primi tre numeri di un manga pazzesco, monster, dallo stesso autore di twentieth century boys, urasawa, ed è bellissimo. non ho capito molto bene se la qualità dei disegni a disturbarti o le storie.. perché in molti casi i disegni sono tirati lì e un po' troppo approssimativi, il manga in giappone non è pensato come prodotto elitario bensì popolare e a buon mercato.
mi spiego meglio: in europa c'è più la cultura del cartonato, e il fumetto, a patto che non sia una cosa proprio di basso livello viene considerato come di nicchia (il discorso cambia un po' nei paesi francofoni). il manga è come una rivista, infatti più minuscole puntate di storie diversissime mischciate nei tankobon sono la regola! quidi per molti aspetti non è curato, o almeno, in quelli che ho letto io ho notato molte forzature. :-\


CrawlingChaos

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1170
  • Dain bramaged
Re: Fumetti, fumettisti, graphic novels (non quelle che intende Moccia)
« Risposta #14 il: Giugno 28, 2009, 11:19:11 pm »
Non ci posso credere, ho trovato più ammiratori di Scarry qui in una sera di quanti ne abbia mai conosciuti in tutta la mia vita  :D



Citazione
e se gli metti in mano Maus probabilmente ti risponderebbero pure "che è sta' merda?")
che idiota, mi ero dimenticato di citare tra i fumetti amati, maus! un capolavoro, che mostra le grandi potenzialità del fumetto come "mezzo" (le persone rappresentate come animali, a seconda della nazionalità/etnia).
un'opera davvero toccante, perché sincera.
Sì, è bellissimo! E non scade nella retorica, cosa difficile visto l'argomento. Stupenda la raffigurazione del padre di Art Spiegelmann, con il figlio che gli dice "Sembri proprio la caricatura nazista del vecchio ebreo tirchio" (con il padre che ruba la carta igienica dai bagni pubblici per non doverla comprare, o cerca di farsi dare indietro i soldi dal supermercato per una scatola di cereali aperta, o che si incazza quando la ragazza di suo figlio fa salire un autostoppista nero in auto).
 L'ho fatto come regalo per il nono compleanno della sorella del mio ragazzo, spero contribuisca a farla crescere bene ::)
Don’t pray in my school and I won’t think in your church.