Autore Topic: Malvestitismi fra i banchi  (Letto 119452 volte)

nonsonougo

  • Visitatore
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #30 il: Settembre 13, 2009, 04:24:33 pm »

Io avevo due diarii...

 ::)

M.

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1138
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #31 il: Settembre 13, 2009, 04:28:47 pm »
Purtroppo l'Invicta non c'è più, spero di averlo portato a mio nonno in modo da recuperarlo quando torno a trovarlo  ;D
Bubu adoro le Moleskine! Io uso la sedici mesi settimanale di misura grande (non è un quaderno ma neanche una rubrichetta) ed è troppo comoda, è la seconda che compro e non la tradirei mai! Per gli appunti invece non mi trovo bene con i fogli bianchi, perciò uso i quaderni a spirale (uno per corso però); al liceo usavo un miniquadernino (pimpatissimo con frasi di canzoni, naturalmente) ad anelli invece, se quest'anno ne trovo uno grande di Spongebob a due lire mi butto su quello, almeno non devo pinzare fogli e fogli di lezioni recuperate e non rischio di lasciare a acs ail quaderno sbagliato  ;D

Ah, per la cronaca...per andare all'università, quando ho molta roba da portare, uso questa. Non so nemmeno io perché, era Natale 2007 e mia zia aveva sentito che avrei voluto comprare una borsa carina e capiente per l'uni, in modo da poterci anche andare in giro dopo i corsi. Se nhe è uscita con questa. Non. Chiedetemi. Perché.
Se ho solo un paio di quaderni e l'agenda, invece, uso una semplicissima shopping bag nera con questo logo  :occhicuore:
But the key to the city is in the sun that pins the branches to the sky.

Bubu

  • Visitatore
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #32 il: Settembre 13, 2009, 05:22:50 pm »
M. cosa mi hai ricordato! Anche il mio monoquadernone era pimpatissimo, e in V liceo ero in piena fase Tabula Rasa Elettrificata, i miei riassunti e appunti erano pieni di citazioni di canzoni: si andava da Battiato a Goran Bregovic. Una volta la prof. di filosofia prese il mio quaderno (sul quale campeggiava la dotta citazione" "  scritta con il bianchetto, e contornata con il tratto pen rosso, nel caso non si vedesse) per capire dove eravamo rimasti..ricordo che guardando i miei appunti sbottò : "Bubu mi spieghi che c'entra Battiato con Kant?"  :D .

lara-v

  • Visitatore
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #33 il: Settembre 13, 2009, 06:02:27 pm »
L'astuccio al liceo me lo ero fatto io:



Sembra un cencio per lavare i pavimenti, ma mi piaceva tantissimo!! ;D


Rita

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 2815
  • Stento a crederci
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #34 il: Settembre 13, 2009, 06:32:52 pm »
Alle elementari avevo i diari di Jacovitti  ;D
Date a Dio quel che è di Dio e a San Giuseppe la tredicesima.

crocodile

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 7937
  • smile!!
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #35 il: Settembre 13, 2009, 06:41:06 pm »
Alle elementari avevo i diari di Jacovitti  ;D

anch'io! e poi quelli di mafalda, e smemoranda (la prima) al liceo... sigh.
"la modestia è la qualità delle persone modeste"
(Crocodile)

cri golden brown

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1585
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #36 il: Settembre 13, 2009, 07:20:27 pm »


Ah, per la cronaca...per andare all'università, quando ho molta roba da portare, uso questa. Non so nemmeno io perché, era Natale 2007 e mia zia aveva sentito che avrei voluto comprare una borsa carina e capiente per l'uni, in modo da poterci anche andare in giro dopo i corsi. Se nhe è uscita con questa. Non. Chiedetemi. Perché.
perchè è quella borsa è bellissima, che domande! :D

perezita

  • Visitatore
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #37 il: Settembre 15, 2009, 11:26:29 am »
ho avuto tre cartelle nella mia vita scolastica: una old stile (i quaderni si mettono impilati con il lato lungo sul fondo) scozzese rossa,
una blu con motivi di nay oleari (e aveva il cappuccio anti pioggia nella tasca superiore: orpello usato 1 volta), e l'ultima, che ancora presta i suoi servigi, una invicta nera praticamente nuova.
 per i diari prendevo quelli più anonimi possibile, pagine completamente bianche o quadri invisibili, ci facevo la copertina con un pachwork di foto ricoperte da plastica adesiva trasparente. non vi dico quanti disegni e scritte ci mettevo!
Il problema è che a fine anno diventavano grossi il doppio.

ora devo sempre aver dietro il portatile, ma non trovo nessuna borsa da pc abbastanza carina.e allora ha solo una guaina (massacrata) e lo infilo in borsa o in zaino.

nonsonougo

  • Visitatore
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #38 il: Settembre 15, 2009, 12:54:09 pm »
Ieri sono passato davanti al liceo di mio figlio minore: dovevo dargli la tessera dell'abbonamento. Che impressione l'uscita del primo giorno delle superiori  :'( vabbè no l'argomento è un altro: è solo una mia impressione che i maschietti siano ormai più malvestitamente omologati delle femminucce (anche come pettinature)?

Intendo questo: ho visto solo due esempi di malvestitume scolastico femminile: un'immancabile Hello Kitty e una con i capelli tricolori,  collant strappati, calzettoni a righe di colori diversi, il resto tutto nero. Tra i maschi si notavano bermuda di tutte le fogge e di tutte le fantasie (mancavano solo quelli a fiori). Classici calzoni alla "melasonofattaaddosso" con mutande griffate che spuntano per dire: "Hello World!" e capelli... i capelli dritti al top con franfia davanti, cresta ingellata, furetti da marines...

Gli altri... "'Nu jeans e 'na maglietta" per dirla alla Nino d'Angelo.

 ;)

Trent

  • 666tan
  • ***
  • Post: 2325
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #39 il: Settembre 15, 2009, 02:52:53 pm »
oh mi commuovete con tutti i vostri ricordi  :D
quando ero troppo piccola per amministrare denaro mia mamma mi comprava quasi sempre la cosa che costava meno, ma devo dire che ci ha sempre azzeccato. Alle elementari era convinta che tutti avessero ancora la cartella (alla fine invece ero l' unica...), così me ne comprò una rosa e verde con un disegno di un gruppo di animaletti davanti e la scritta "Chips".. me la ricordo benissimo, chissà dov' è finita!! Era proprio bella! E mi ricordo anche l' emozione di sciegliere cartella e grembiuli per il rpimo giorno di scuola.
Poi fu la volta, in 4 elementarem dello zaino "Winner", marca sconosciuta ma che è durato fino alla fine delle superiori, alternandosi con un reebok vinto con i punti delle merendine  ;D
Come quaderni cercavo di usare sempre le cartelline ad anelli, mi piacevano troppo, erano sempre ordinatissime :occhicuore:
uan in particolare è storica, quella dele tartarughe ninja che usò anche mio fratello 7 anni più grande di me.
Alla scuola di fumetto post-diploma invece ci dotarono tutti della tracolla formato a3 che mi procurò un simpatico blocco della schiena, visto che era carica di tutte le cose che mi servivano per la giornata e per il viaggio in treno, un incubo.
Ah, come mi sento vecchia adesso  :D
« Ultima modifica: Settembre 15, 2009, 02:58:47 pm da Trent »

Melisande

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 3051
  • Omonima di Hallymay!
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #40 il: Settembre 15, 2009, 02:56:29 pm »
Ma sono l'unica che non è mai riuscita ad andare d'accordo coi quaderni ad anelli? Sarà che sono caotica, ma mi si rompevano sistematicamente i buchi dei fogli e li perdevo in giro... alle elementari -dov'ero costretta a usare suddetti raccoglitori- mi arrangiavo coi fantastici salvabuchi (chi se li ricorda?), che a fine anno erano zozzi, non più adesivi ed inutili.

(edito e aggiungo: Lara, il tuo astuccio è bellissimo! Molto country!^^)
« Ultima modifica: Settembre 15, 2009, 03:34:51 pm da Melisande »
La somma dell'intelligenza sulla Terra è costante; la popolazione è in aumento.

Trent

  • 666tan
  • ***
  • Post: 2325
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #41 il: Settembre 15, 2009, 02:58:05 pm »
fantastici salvabuchi (chi se li ricorda?)
io me li ricordo!!!   :D

perezita

  • Visitatore
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #42 il: Settembre 17, 2009, 11:47:46 am »
io odio i raccoglitori ad anelli. Li uso solo come schedari.

io scrivo su quaderni, e quando riordino gli appunti li scrivo su fogli bianchi da fotocopia e li fascicolo con delle graffette.

Blue Hawaii

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1049
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #43 il: Settembre 17, 2009, 12:51:57 pm »
alle elementari mi piacevano un sacco i raccoglitori ad anelli, perchè poi li giravi e li usavi come base per scrivere. I miei sono tutti "incisi" perchè ho sempre calcato moltissimo.
Adoravo l'inizio della scuola, perchè ho sempre adorato le cartolerie, penne, quaderni, bloc notes, colori. Ogni anno mi arrivava una scatola di pastelli e pennarelli nuova, mia mamma da brava artista mi prendeva sempre "quelli buoni" (da battaglia ma non proprio i più marci): i supermina che duravano tantissimo e non si rompevano alla prima caduta. A casa ho ancora tutti gli avanzi, i marroni, i blu e i verdi scuri che non si consumavano mai!
Ho avuto 1 cartella (fantasia a fiorellini color pastello anni 80 - durata il tempo della prima elementare) e poi 3 zaini: un'invicta blu con tasca allargabile che si è fatto le elementari e le medie e poi un'invicta bianco, regalo della cresima ma dopo pochi anni soppiantato dall'eastpack. Mia cugina più piccola invece aveva le cartelle dei cartoni animati che erano da cambiare ogni anno (esempio di malvestitismo scolastico!)

crocodile

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 7937
  • smile!!
Re: Malvestitismi fra i banchi
« Risposta #44 il: Settembre 17, 2009, 01:29:50 pm »
anch'io ho sempre detestato i raccoglitori ad anelli. invece amo i quaderni e taccuini con la spirale, che uso da anni anche come supporto lavorativo: ho messo su un bell'archivio!
"la modestia è la qualità delle persone modeste"
(Crocodile)