Autore Topic: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)  (Letto 34559 volte)

Ransie

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 3647
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #180 il: Febbraio 10, 2011, 11:57:01 am »
ricordate quando vi raccontai di quell'amico che s'era fidanzato con una ragazza poco raccomandabile?beh è finita nel peggiore dei modi,per di più le voci erano vere  :-[,na tragedia insomma
-L'essenziale è invisibile agli occhi(Saint Exupery)
-Abbiamo sempre un gran bel rapporto d'amore, fatto di poche parole e grandi silenzi, di quelli che parlano però, che ti fanno capire che ti hanno capito insomma(Federico Moccia)

angie

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4294
  • May the Force be with you
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #181 il: Marzo 08, 2011, 07:31:16 pm »
oggi mio fratello mi ha raccontato una cosa.
prima però devo fare qualche premessa. i suoi due migliori amici hanno entrambi i genitori separati. i papà di questi due ragazzini vivono a siena con le loro nuove fidanzate/famiglie, le mamme vivono nel mio paesello.
capita spesso quindi che i due amici di mio fratello siano a siena dai papà.
oggi mio fratello mi ha raccontato che uno dei suoi amici, chiamiamolo giuseppino, era andato dal papà a cena e che poi, concorde coi genitori, sarebbe tornato a casa col treno di mezzanotte e qualcosa (a 15 anni, vabbè). giuseppino arriva alla stazione, aspetta il treno, il treno non arriva. non riesce a contattare suo padre, probabilmente già a letto. prova a telefonare alla madre per circa un'ora, niente. lui sapeva che lei era andata a ballare (la tipa ha 43 anni, se ne va in giro a scopare ventenni e non è nuova a questi fenomeni di "abbandono" dei figli). ormai sono circa le 2 e giuseppino decide di andare a casa del padre dell'altro amico, chiamiamolo tancredi. tancredi era a casa del padre, i due provano di nuovo a telefonare alla madre di giuseppino, ma alla fine tancredi e il papà si vestono ed accompagnano giuseppino a casa. la mamma non era ancora rientrata dalla sua libera uscita.
adesso guarda caso questa pseudo mamma ha comprato al figlio il costosissimo fucile da soft air che implorava da anni.
mio fratello è sconvolto e vorrebbe fare qualcosa per aiutare giuseppino. inoltre giuseppino e la sorella (di 12 anni) sono quasi ogni sera a cena soli, prendono spesso qualcosa alla rosticceria del paese perché in casa non c'è mai niente da mangiare, se la mamma deve uscire se ne va e basta, loro possono pure morire di fame. spesso giuseppino invita mio fratello a casa sua per cena, per avere un po' di compagnia. mio fratello ha visto la sorellina di giuseppino cucinare, lavare i piatti, spazzare, rifare i letti (sì, anche quello della mamma), pulire i vetri delle finestre, fare la lavatrice, pulire il bagno. non perché siano obbligati dalla mamma, semplicemente perché non possono vivere in una porcilaia, e tale diverrebbe casa loro se dovessero contare sulla madre, che pensa solo, come ho detto, a scopare gente di vent'anni più giovane di lei, tatuarsi le sopracciglia, andare a ballare con le amiche.
vorremmo fare qualcosa, ma non sappiamo proprio cosa.
situazione di merda  :-\
If a bear and a shark had a fight, who would win?

he's dead, jim

cristina

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 19539
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #182 il: Marzo 08, 2011, 07:36:28 pm »
E il padre? No, perchè mica solo la mamma è stronza. Dovreste parlare con lui. Visto che si tratta di minori avete il dovere di impicciarvi e partire dal padre mi sembra la cosa migliore.
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per l'Uomo ci sia ancora speranza » (H.G. Wells)

angie

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4294
  • May the Force be with you
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #183 il: Marzo 08, 2011, 07:50:42 pm »
anche il padre è un po' latitante (è cardiochirurgo, quindi praticamente è sempre in ospedale, dove si è trovato pure l'amante, motivo del divorzio) e io non so nemmeno che faccia abbia, qui in paese non lo conosce quasi nessuno, anche perché ci ha abitato per poco tempo.
tra l'altro i ragazzi non si lamentano molto di questa situazione, la accettano e basta. e non so quanto sarebbe positivo ribaltare le loro vite e creare inevitabilmente uno scandalo di paese, cosa che accadrebbe con un'azione "pubblica". in casa ne abbiamo parlato poche volte tutti insieme (intendo anche coi miei genitori), sempre senza giungere ad una soluzione.
c'è anche da dire che mio fratello quando me l'ha raccontato era sconvolto perché per il suo modo di intendere una mamma e un papà queste sono cose assurde, però posso affermare con una certa sicurezza che giuseppino non fosse altrettanto stranito dalla cosa, un po' perché per carattere tende a farsi scivolare le cose addosso, un po' perché penso che ormai si sia abituato a cavarsela da solo.
certo che far prendere il treno a mezzanotte ad un quindicenne è davvero da idioti, soprattutto mollarlo alla stazione senza aspettare che sia salito sul mezzo :facepalm:

If a bear and a shark had a fight, who would win?

he's dead, jim

cristina

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 19539
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #184 il: Marzo 08, 2011, 08:04:03 pm »
Potreste parlare ancora con giuseppino e sorella, il disagio e la solitudine verranno fuori prima o poi. Capire se hanno nonni e zii, magari vedere come la pensa la famiglia di tancredi, tanto per avere un altro punto di vista.
Insomma, fatevi un'idea il più chiara e particolareggiata possibile della situazione.
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per l'Uomo ci sia ancora speranza » (H.G. Wells)

Mbee

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 7082
  • Team Jwoww
    • Tumblr
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #185 il: Marzo 08, 2011, 08:05:35 pm »
Magari potreste iniziare a farli aprire un po' invitandoli a cena da voi.

yao_chan

  • Visitatore
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #186 il: Marzo 08, 2011, 08:06:02 pm »
Dato che è amico di tuo fratello magari è il caso che i tuoi genitori parlino con suo padre, no? In modo discreto, magari...
:sgratsgrat: è una cosa complicata

angie

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4294
  • May the Force be with you
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #187 il: Marzo 08, 2011, 08:11:03 pm »
sì, giusto. ne parlerò con mio fratello. comunque per il momento ci siamo accordati su una linea del tipo cerchiamo di ospitarli qui, vai tu da loro, cerchiamo di non lasciarli soli e di offrire loro un punto di riferimento, seppur minimo.

yao, l'ho scritto anche prima, suo padre è praticamente un mistero per tutti ed anche lui latita parecchio a causa del suo lavoro.

in ogni caso penso che il papà di tancredi e la mamma di giuseppino si siano sentiti dopo l'accaduto, ma non ne sono certa e non ho idea di cosa potrebbero essersi detti. tuttavia se conosco il papà di tancredi penso che gliene abbia dette quattro. ma ripeto, sono supposizioni mie.
If a bear and a shark had a fight, who would win?

he's dead, jim

momo

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1669
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #188 il: Marzo 08, 2011, 08:11:25 pm »
E' una brutta situazione, Angie. Sono d'accordo con Cristina, cerca di andare più a fondo con discrezione.

Vedi spesso Giuseppino? Si nota che vive una situazione pesante per i suoi quindici anni? Potrebbe essere un indicatore della gravità della cosa.
I know it looks like I'm insane, take a closer look I'm not to blame.

yao_chan

  • Visitatore
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #189 il: Marzo 08, 2011, 08:16:08 pm »
angie, intendevo che anche se questo qui è un fantasma magari se avete modo di contattarlo e di spiegargli la situazione (una volta appurato che è seria) potrebbe avere un rigurgito di amore paterno, chissà.
Intanto la cosa migliore, appunto, è di offrire loro un po' di supporto psicologico.

angie

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4294
  • May the Force be with you
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #190 il: Marzo 08, 2011, 08:20:38 pm »
E' una brutta situazione, Angie. Sono d'accordo con Cristina, cerca di andare più a fondo con discrezione.

Vedi spesso Giuseppino? Si nota che vive una situazione pesante per i suoi quindici anni? Potrebbe essere un indicatore della gravità della cosa.
sì, giuseppino viene spesso a casa mia, ed anche tancredi. sono tutti e tre nella stessa classe, spesso quindi si ritrovano per fare i compiti e poi giocare alla play.
in realtà non sembra che lui risenta molto della situazione, o almeno non lo mostra. sembra sempre allegro, è sempre ben vestito, curato ed anche abbastanza viziato (è un po' un modaiolo e si vede che ha molti vestiti e scarpe di marca).
la cosa sembra funzionare non come un problema continuo, ma come una cosa che ogni tanto "esplode" in situazioni esemplari. nel senso che comunque durante la settimana la madre lavora ed anche se magari a cena va non si sa dove, poi torna a casa e in qualche modo si cura dei figli. però nel fine settimana i ragazzi sono più abbandonati a se stessi e se di solito se la cavano senza problemi a volte si creano questi casi limite davvero spiacevoli.
angie, intendevo che anche se questo qui è un fantasma magari se avete modo di contattarlo e di spiegargli la situazione (una volta appurato che è seria) potrebbe avere un rigurgito di amore paterno, chissà.
Intanto la cosa migliore, appunto, è di offrire loro un po' di supporto psicologico.
non saprei, francamente ne dubito. però magari vediamo come si mette la situazione, eventualmente considereremo senz'altro questa possibilità. per il momento sì, cerchiamo di aiutarli il più possibile.
If a bear and a shark had a fight, who would win?

he's dead, jim

Impenitente

  • 666tan
  • ***
  • Post: 2012
  • Top.
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #191 il: Marzo 08, 2011, 08:23:15 pm »
per il ragazzino di 15 anni è una cosa, per quella di 12 un altra, qualcosa bisogna fare. Più che occuparvene voi "adulti" io proverei prima di tutto a far sì che giuseppino si lamenti con la madre, magari su suggerimento di tuo fratello, sempre che siano abbastanza amici. Se le cose non dovessero migliorare la cosa si fa complicata e forse se ne potrebbe parlare molto velatamente col padre.
i bambini per strada ascolteranno col cellulare luigi nono

Cettyola

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 10182
  • Streusoland
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #192 il: Marzo 08, 2011, 08:25:19 pm »
Appoggio l'idea di Mbee, potete rallegrargli le giornate dall'esterno solo in questo modo. Immischiarsi con altro tipo di interventi nella loro famiglia sarebbe inopportuno e diciamocelo, non sono strettamente affari vostri.  
Poi per quale motivo questa signora si comporta così? Reazione al matrimonio andato male?  Se voi doveste denunciare questa situazione potrebbero affidarli a dei parenti o ad una casa famiglia, e secondo me non starebbero meglio.
Ama chi ti ama, frequenta chi cerca la tua compagnia, offri doni a chi ti offre doni e a chi niente ti dà non dare niente. (Esiodo)

angie

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4294
  • May the Force be with you
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #193 il: Marzo 08, 2011, 08:33:44 pm »
sì, magari potrebbero essere loro a farle presente la cosa. anche se il fatto che non se ne renda conto da sola fa capire diverse cose...
la sorella a dire il vero sembra molto autonoma. da quel che mi ha detto mio fratello quando giuseppino non c'è lei invita le amiche a casa oppure va da loro. insomma, lei sembra aver già trovato un punto di riferimento alternativo.
ma ecco, più che necessitare di una "famiglia" loro sembrano soffrire soltanto un po' per la solitudine, per il fatto di essere sempre e solo loro due. per il resto se la cavano, tant'è che se giuseppino invita mio fratello a cena da lui è solo per avere compagnia.
tuttavia indagheremo meglio la cosa, come ha suggerito cristina, aiutandoli nel frattempo con discrezione, cercando di monitorare l'andazzo.
Appoggio l'idea di Mbee, potete rallegrargli le giornate dall'esterno solo in questo modo. Immischiarsi con altro tipo di interventi nella loro famiglia sarebbe inopportuno e diciamocelo, non sono strettamente affari vostri. 
Poi per quale motivo questa signora si comporta così? Reazione al matrimonio andato male?  Se voi doveste denunciare questa situazione potrebbero affidarli a dei parenti o ad una casa famiglia, e secondo me non starebbero meglio.
eh, appunto. lei sì, fa così per reazione al divorzio. il marito si trombava una più giovane, lei reagisce trombandosi gente più giovane. e vivendo l'adolescenza che avrebbe voluto ma che non ha vissuto perché quando lei era giovane le cose erano diverse, soprattutto in un paesino piccolo e contadino come questo. è una tendenza che ho riscontrato in molte quarantenni neodivorziate del paese.
If a bear and a shark had a fight, who would win?

he's dead, jim

Cheeza

  • Visitatore
Re: e ora che faccio/dico? (prontuario comportamentale :P)
« Risposta #194 il: Marzo 08, 2011, 10:14:38 pm »
brutta storia angie :-(, assomiglia a quella di una amica di mia madre (stessa tipologia di donna della mamma di giuseppino), che adesso però si ritrova con una figlia di 26 anni che a 20 anni si è messa a lavorare e ne è andata di casa a vivere con il fidanzato di turno. e un figlio maschio di 22 anni indolente e fancazzista, che lavoricchia con il padre nel week end (il padre gestisce un grosso bar, di quelli che fanno pure cornetti e caffè il sabato notte) e il resto della settimana dorme e se ne va a mangiare al bar perchè la madre lavora e sta fuori tutto il giorno.
cioè, per farti capire...lei è stata operata di cisti ovariche qualche mese e fa e nessuno dei due figli è andato a trovarla perchè "abbiamo da fare, tanto stai bene, quando torni a casa ci vediamo".