Autore Topic: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili  (Letto 24396 volte)

Bubu

  • Visitatore
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #105 il: Novembre 04, 2009, 11:46:50 pm »
Rita Firenze? Vivibile? Allora: Lucca è vivibile, Pisa -per quanto sporca- è vivibile Firenze è un incubo.
Ha tutti i lati negativi della città d'arte iperinflazionata -turisti ovunque=bancarelle e negozi solo per turisti e prezzi assurdi- poi  ospita manifestazioni tipo Pitti Uomo che creano caos che una città come Milano può reggere perché è grande, ma mettere il caos da grande città su una che ha una pianta medievale = il delirio.

CloseTheDoor

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 755
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #106 il: Novembre 04, 2009, 11:57:03 pm »
Io sono veneziana di entroterra  ;)  e in effetti trovo difficile definire Mestre "una città", qualche mestrino si offendera', ma non riesco a darle questa qualifica. Ho capito che i mestrini guardano Marghera dall'alto in basso, in effetti è stata considerata per molti anni il peggio del peggio della zona di Venezia, ma ultimamente hanno lavorato moltissimo per riqualificare la zona, e il risultato è che è molto piu' verde e con musei e spazi espositivi immersi in contesto industriale che oggi fa tanto chic e che ricordano vagamente Liverpool  ;D

Ho studiato a Venezia e in effetti credo che o la ami o la odi, è una città che ti risucchia.
Sui veneziani non saprei che dire, in generale li trovo sempre accoglienti ma hanno un loro modo di essere "ispidi", perche' troppo troppo troppo sollecitati da tutto e tutti. Dico sempre che Venezia è unica al mondo non solo per l'architettura, ma perche' è l'unica città che conosco dove la gente
a. mantiene dei rapporti da paesino di montagna (perche' i veneziani "veri" sono pochi)
b. allo stesso tempo è scafata come chi vive in una metropoli: puo' passare Barack Obama o Madonna, i veneziani sono capaci di girarsi un momento a guardarli e poi tirare dritto come se nulla fosse, e non per snobismo, ma proprio perche' le celebrità sono così tante che ti ci abitui.
"The future is unwritten" Joe Strummer

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 58444
  • Socialista in cravatta bianca
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #107 il: Novembre 05, 2009, 12:04:41 am »
trovo difficile definire Mestre "una città", qualche mestrino si offendera', ma non riesco a darle questa qualifica.

Poco fa è stata definita una città Cesena! A questo punto anche Mestre, via.
« Ultima modifica: Novembre 05, 2009, 12:09:36 am da Allevi3MSC »
Io sono un capibara e voi no.

Rita

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 2815
  • Stento a crederci
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #108 il: Novembre 05, 2009, 12:11:37 am »
Rita Firenze? Vivibile? Allora: Lucca è vivibile, Pisa -per quanto sporca- è vivibile Firenze è un incubo.
Ha tutti i lati negativi della città d'arte iperinflazionata -turisti ovunque=bancarelle e negozi solo per turisti e prezzi assurdi- poi  ospita manifestazioni tipo Pitti Uomo che creano caos che una città come Milano può reggere perché è grande, ma mettere il caos da grande città su una che ha una pianta medievale = il delirio.
è che Roma è come una abbondante dozzina di Firenze giustapposte: per questo non la sopporto più!
Date a Dio quel che è di Dio e a San Giuseppe la tredicesima.

Chopper

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 6758
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #109 il: Novembre 05, 2009, 07:48:29 am »
Rita Firenze? Vivibile? Allora: Lucca è vivibile, Pisa -per quanto sporca- è vivibile Firenze è un incubo.
Ha tutti i lati negativi della città d'arte iperinflazionata -turisti ovunque=bancarelle e negozi solo per turisti e prezzi assurdi- poi  ospita manifestazioni tipo Pitti Uomo che creano caos che una città come Milano può reggere perché è grande, ma mettere il caos da grande città su una che ha una pianta medievale = il delirio.
è che Roma è come una abbondante dozzina di Firenze giustapposte: per questo non la sopporto più!

sì, ma per esempio, come diceva bubu, a Roma quel traffico allucinante è "giustificato" dalle dimensioni, dal'essere la capitale, etc.etc. A Firenze la mattina per fare 6-7- km ci  puoi mettere un'ora. Ovvero ritmo passeggiata. Poi, più che per i turisti, ai quali ormai abbiamo fatto il callo e che per molti versi ci fanno anche comodo, è il fatto che a Firenze, non c'è NIENTE per cui si vive beene una città. Lo so, sembra un'affermazione un po' buffa, abbiamo monumenti e musei,ma la nostra città è come un guscio bellissimo, totalmente vuoto al suo interno. La sera in centro non c'è nessuno, non c'è mai una manifestazione importante, a meno che non si voglia considerare roba come Pitti, e quello che abbiamo non lo sappiamo valorizzare.  >:(
"Sono il Dottore, e sono peggio di qualunque zia. E non è così che di solito mi presento."

"Un annuncio pubblicitario che fa finta di essere arte è quando va bene – come quando qualcuno vi sorride cordialmente solo perché vuole qualcosa da voi."

lucia

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 634
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #110 il: Novembre 05, 2009, 08:13:47 am »
trovo difficile definire Mestre "una città", qualche mestrino si offendera', ma non riesco a darle questa qualifica.

Poco fa è stata definita una città Cesena! A questo punto anche Mestre, via.

 :sgratsgrat: non saprei proprio come definirla altrimenti, fa più di 100000 abitanti se non ricordo male e non la chiamerei "paese"...
Benvenuti nella mia firma

CloseTheDoor

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 755
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #111 il: Novembre 05, 2009, 09:05:09 am »
trovo difficile definire Mestre "una città", qualche mestrino si offendera', ma non riesco a darle questa qualifica.
Poco fa è stata definita una città Cesena! A questo punto anche Mestre, via.
:sgratsgrat: non saprei proprio come definirla altrimenti, fa più di 100000 abitanti se non ricordo male e non la chiamerei "paese"...

Sei sicuro che sia Mestre da sola? Mi pare tantino. Comunque recentemente hanno definito "città" anche Mirano (VE), sempre in zona, che fa 30.000 abitanti, credo che ci siano dei criteri diversi per la qualifica, ma non vorrei dire stupidaggini. Comunque quello che fa la peculiarità di Mestre, come gli altri centri Asseggiano, Marghera ecc., e' che sono tutte dépendances del comune di Venezia centro (o come si dice in zona, "Venezia-Venezia"), e quello ti porta via alcune specificità della città autonoma per cui per determinate cose come andare in tribunale ecc. fai sempre riferimento a "fuori", e questo si vede nelle decisioni che vengono prese, le priorità da dare ecc..
"The future is unwritten" Joe Strummer

Ghismunda

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 8034
  • Spingitrice di OT
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #112 il: Novembre 05, 2009, 09:46:12 am »
Credo che Firenze sembri vivibile solo per chi ha a che fare con Roma ;)
Una mia amica romana la definiva quasi un paesino e ammise candidamente che sarebbe venuta volentieri qui a vivere!
Per noi "di campagna" è la metropoli tentacolare!
Ti faccio un esempio, una mia conoscente per un compleanno andò a mangiare una fiorentina in centro; fu trattata benissimo e le fecero uno sconto perchè era autoctona!
Non si vedevano fiorentini in quel locale da mesi e il padrone volle festeggiare con lei :D
Ghismundon...Ghismundon...Sapevatelo! Che spinge una donna con un passato intenso ad esprimersi come il più complesso Italo Calvino ?
Spingitori di Ermetici, su rieducational channel! (Macsibon)

Kay Scarpetta

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1602
  • Me lo sgrulli?
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #113 il: Novembre 05, 2009, 09:49:16 am »
Mi sa che Lucia intendeva dire che Cesena, non Mestre, fa oltre 100.000 abitanti.  :)
(io ADOVO Cesena!!!)
Our hopes and expectations, black holes and revelations.

Club delle Vomitevoli Infedeli e Membro Ufficiale della PCCGS (Parma Che Conta Gli Spiccioli, copyright by Crocodile).

Rita

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 2815
  • Stento a crederci
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #114 il: Novembre 05, 2009, 01:51:31 pm »
Ecco, Ghismunda ha presente cosa intendo io!
Un'ora 6-7 chilometri? Magari.
Date a Dio quel che è di Dio e a San Giuseppe la tredicesima.

Ghismunda

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 8034
  • Spingitrice di OT
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #115 il: Novembre 05, 2009, 04:15:58 pm »
Non ho mai visitato Torino ::)
Mi piacerebbe molto, dovrò insistere con l'omo ;)
Ghismundon...Ghismundon...Sapevatelo! Che spinge una donna con un passato intenso ad esprimersi come il più complesso Italo Calvino ?
Spingitori di Ermetici, su rieducational channel! (Macsibon)

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #116 il: Novembre 05, 2009, 04:20:20 pm »
Non ho mai visitato Torino ::)
Mi piacerebbe molto, dovrò insistere con l'omo ;)
vieni vieni!! :D ti faccio provare i gianduiotti e  il salame della Duja.. :-*

Fitz

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1577
  • Più Mammifero di quel che sembri
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #117 il: Novembre 05, 2009, 04:22:28 pm »
Zelbio.
Indove trovansi le Selvagge Cose

ls

  • Visitatore
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #118 il: Novembre 05, 2009, 04:24:46 pm »
No, il lago di Como è troppo triste.

Fitz

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1577
  • Più Mammifero di quel che sembri
Re: Le città visibili, vivibili, invisibili e invivibili
« Risposta #119 il: Novembre 05, 2009, 04:26:10 pm »
Allora Imbersago.
Indove trovansi le Selvagge Cose