Autore Topic: ah, l'economia  (Letto 31099 volte)

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25267
  • Time waits for no one
Re:ah, l'economia
« Risposta #585 il: Febbraio 13, 2019, 02:49:20 pm »
In morte della tecnica, oggettiva, e della sua infallibilità fin qui dichiarata, ecco la forza senza confini dell'economia (... dell'interesse...) e della politica... ;D

Come lo spieghiamo adesso, ai maniaci dei dati brutali e della libertà della scienza e delle sue regole e metodologie, che la committenza fa dire al tecnico ciò che essa vuole?
Se il tecnico è dunque entità funzionale al committente dello studio, perché mai devo credere a una relazione tecnica?
"La  m i a  TAV è differente".
E tanti auguri...

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/02/13/tav-ue-litalia-chiarisca-sullanalisi-costi-benefici_0027f99d-e00b-49d6-a098-1b08f1175266.html
 
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Chopper

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 6729
Re:ah, l'economia
« Risposta #586 il: Febbraio 13, 2019, 03:22:47 pm »
In morte della tecnica, oggettiva, e della sua infallibilità fin qui dichiarata, ecco la forza senza confini dell'economia (... dell'interesse...) e della politica... ;D

Come lo spieghiamo adesso, ai maniaci dei dati brutali e della libertà della scienza e delle sue regole e metodologie, che la committenza fa dire al tecnico ciò che essa vuole?
Se il tecnico è dunque entità funzionale al committente dello studio, perché mai devo credere a una relazione tecnica?
"La  m i a  TAV è differente".
E tanti auguri...

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/02/13/tav-ue-litalia-chiarisca-sullanalisi-costi-benefici_0027f99d-e00b-49d6-a098-1b08f1175266.html
 

Aspè però, non è (in generale, non in questo caso particolare) esattamente così. OGNI studio che sia vagamente più complesso di 2+2=4 porta una tesi confutabile discutibile e variabile a seconda dei contesti e delle scelte.

Parlando di infrastrutture e opere pubbliche, NON esiste una scelta tecnica che non sia politica, e sed essere pro o contro una tesi - semplificando - significa avere un'idea diversa dello stato attuale delle cose e di cosa significhi, banalmente "futuro migliore" e anche "per chi".

Credo che questo sia il primo passo per poter fare QUALUNQUE analisi tecnica in modo sereno trasparente e rispettabile. "Propongo A perché la mia idea è che... e quindi seguendo questa linea potremo avere..." etc.etc.
"Sono il Dottore, e sono peggio di qualunque zia. E non è così che di solito mi presento."

"Un annuncio pubblicitario che fa finta di essere arte è quando va bene – come quando qualcuno vi sorride cordialmente solo perché vuole qualcosa da voi."

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25267
  • Time waits for no one
Re:ah, l'economia
« Risposta #587 il: Febbraio 13, 2019, 03:42:53 pm »
In morte della tecnica, oggettiva, e della sua infallibilità fin qui dichiarata, ecco la forza senza confini dell'economia (... dell'interesse...) e della politica... ;D

Come lo spieghiamo adesso, ai maniaci dei dati brutali e della libertà della scienza e delle sue regole e metodologie, che la committenza fa dire al tecnico ciò che essa vuole?
Se il tecnico è dunque entità funzionale al committente dello studio, perché mai devo credere a una relazione tecnica?
"La  m i a  TAV è differente".
E tanti auguri...

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/02/13/tav-ue-litalia-chiarisca-sullanalisi-costi-benefici_0027f99d-e00b-49d6-a098-1b08f1175266.html
 

Aspè però, non è (in generale, non in questo caso particolare) esattamente così. OGNI studio che sia vagamente più complesso di 2+2=4 porta una tesi confutabile discutibile e variabile a seconda dei contesti e delle scelte.

Parlando di infrastrutture e opere pubbliche, NON esiste una scelta tecnica che non sia politica, e sed essere pro o contro una tesi - semplificando - significa avere un'idea diversa dello stato attuale delle cose e di cosa significhi, banalmente "futuro migliore" e anche "per chi".

Credo che questo sia il primo passo per poter fare QUALUNQUE analisi tecnica in modo sereno trasparente e rispettabile. "Propongo A perché la mia idea è che... e quindi seguendo questa linea potremo avere..." etc.etc.

Infatti è così, tuttavia l'opposizione scopre oggi che è così.
Siamo stati ammorbati anni con la narrazione della infallibilità oggettiva della scienza e della tecnica, espungendo dal discorso la scelta politica.
Torniamo all'esempio madre o padre, i vaccini... una volta che è chiaro che il vaccino funziona, il problema di come farlo arrivare alla maggior parte delle persone è politico... poi la politica potrà essere supportata da opzioni di azione tecnico/scientifiche. È politica scegliere tra una obbligatorietà brutale, una obbligatorietà persuasiva e incentivante, una pura incentivazione non obbligatoria, etc., etc.
Di queste opzioni, tuttavia, non era più dato discutere, in quanto si poneva una indebita relazione tra dato scientifico, misurabile, e politica di vaccinazione, la cui efficacia non è misurabile a priori. Tra obbligatorietà bruta, obbligatorietà persuasivo/incentivante, incentivazione massiccia non si può dire se non a cose fatte quale sia stata la più efficace e con il miglior rapporto tra costi e benefici (in senso ampio e non solo soldi spesi/vaccini somministrati).

Con questa relazione, a mio parere, torna finalmente in campo il discorso della politica e degli interessi come motori delle scelte, ossia la soggettività che guida le sorti anche della oggettività.


« Ultima modifica: Febbraio 13, 2019, 03:54:31 pm da Mixarchagevas »
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25267
  • Time waits for no one
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Chopper

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 6729
Re:ah, l'economia
« Risposta #589 il: Febbraio 14, 2019, 11:24:37 am »
non so mai come prendere queste notizie... cioè a caldo dico mi dispiace perché speravo in biglietti più economici, ma boh.
"Sono il Dottore, e sono peggio di qualunque zia. E non è così che di solito mi presento."

"Un annuncio pubblicitario che fa finta di essere arte è quando va bene – come quando qualcuno vi sorride cordialmente solo perché vuole qualcosa da voi."

Misia

  • Scalogno ciselée
  • *****
  • Post: 41267
Re:ah, l'economia
« Risposta #590 il: Aprile 10, 2019, 11:44:58 am »
Citazione
Def approvato, ma il Governo non va in sala stampa
Lungo pre-vertice e poi Cdm lampo:
Pil 2019 a +0,2%, nessuna manovra correttiva, nessuna nuova tassa.
Flat tax "sui ceti medi"

Sarà un anno bellissimo (cit.)

«Sono la pietà, la compassione, il perdono che mi mancano...non la razionalità»

I'm fucking zen

purple

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 12247
  • mother of cats
Re:ah, l'economia
« Risposta #591 il: Aprile 10, 2019, 07:52:30 pm »

Citazione
Sarà un anno bellissimo (cit.)

Tutto sta sempre nei punti di vista. :nanna:
"Tenía tan mala memoria que se olvidó de que tenía mala memoria y se acordó de todo" (R.G.d.l.S.)

Home is where the cats are

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 57233
  • Socialista in cravatta bianca
Re:ah, l'economia
« Risposta #592 il: Maggio 30, 2019, 02:43:43 pm »
Non si parla abbastanza, qui in Italia, di cosa sta accadendo nel mondo dell'industria automobilistica.

Questo titolo mi pare significativo: Fca-Renault = Fine della Fiat
Io sono un capibara e voi no.

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 25267
  • Time waits for no one
Re:ah, l'economia
« Risposta #593 il: Luglio 29, 2019, 08:08:38 pm »
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile