Autore Topic: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna  (Letto 29875 volte)

SaintJust

  • Visitatore
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #15 il: Febbraio 01, 2008, 07:13:24 pm »
il mondo è comunicazione, il "potere" è di chi sa comunicare.
questa affermazione è sicuramente di grande effetto, ma più che una giustificazione o spiegazione all'esistenza di questa facoltà sembra uno spot o uno slogan pubblicitario.  :-\
Manca la scritta "iscriviti anche tu"


Cettyola

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 10182
  • Streusoland
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #16 il: Febbraio 01, 2008, 07:17:54 pm »
Per non parlare poi del 3+2..
le lauree triennali son state inventate per attirare anche i più inetti, per dare la percezione della laurea "facile". E a giudicare dal QI medio degli iscritti ci son riusciti benissimo
Mi sa che ci sarà uno scontro tra le diverse facoltà ;D
Saint qualsiasi cosa si dica del metodo 3+2 una cosa è certa, non è leggera come si voleva far credere agli inizi, nè più facile. Il 95% dei programmi delle materie della triennale non hanno subito modifiche o riduzioni del carico di studio, i professori sono rimasti gli stessi ed ugualmente esigenti, sia che si tratti di vecchio ordinamento che di nuovo ordinamento.
E' vero il primo anno c'è un sacco di gente che s'iscrive all'università tanto per sapere cosa rispondere quando ti chiedono cosa fai. ma poi abbandonano. C'è una scrematura naturale. E gli inetti che non abbandonano  si laureano prima degli altri perchè raccomandati.

Ps: chi come è nato nell'83 che doveva fare quando ha scelto d'iscriversi all'univerisità? Il 3+2 non lasciava scampo. Non c'era la possibilità di scegliere la quadriennale. Che sia io che i miei amici riteniamo meglio. Fare la tesi per la triennale e ricominciare è avvilente. Inoltre è più facile andare fuori corso.
« Ultima modifica: Febbraio 01, 2008, 07:20:03 pm da Cetty »
Ama chi ti ama, frequenta chi cerca la tua compagnia, offri doni a chi ti offre doni e a chi niente ti dà non dare niente. (Esiodo)

SaintJust

  • Visitatore
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #17 il: Febbraio 01, 2008, 07:24:20 pm »
Per non parlare poi del 3+2..
le lauree triennali son state inventate per attirare anche i più inetti, per dare la percezione della laurea "facile". E a giudicare dal QI medio degli iscritti ci son riusciti benissimo
Mi sa che ci sarà uno scontro tra le diverse facoltà ;D
Saint qualsiasi cosa si dica del metodo 3+2 una cosa è certa, non è leggera come si voleva far credere agli inizi, nè più facile. Il 95% dei programmi delle materie della triennale non hanno subito modifiche o riduzioni del carico di studio, i professori sono rimasti gli stessi ed ugualmente esigenti, sia che si tratti di vecchio ordinamento che di nuovo ordinamento.
E' vero il primo anno c'è un sacco di gente che s'iscrive all'università tanto per sapere cosa rispondere quando ti chiedono cosa fai. ma poi abbandonano. C'è una scrematura naturale. E gli inetti che non abbandonano  si laureano prima degli altri perchè raccomandati.
sì certo, ma non dico  che sia diventata più facile, ma solo che è la percezione che se ne voleva dare. Comunque ormai alla laurea triennale ci arrivano pure i mentecatti. Quelli che prima al secondo anno mollavano ora si dicono "mah, manca un solo anno, resisti" così tornano a casa col pezzo di carta felici e contenti.

cristina

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 19539
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #18 il: Febbraio 01, 2008, 07:33:20 pm »
dei tanto presuntuosi ingegneri.
ma almeno dell'ingegnere si sa che cosa "sa fare" (o cosa "dovrebbe saper fare" per quelli laureati a calci in culo, ma questa è un'altra storia). Voi cosa sapete fare?  ???
Ah, non sono ingegnere, nè avvocato, nè psicologo.
molte più cose di quante tu creda, a seconda del piano di studio che si sceglie (nell'ultimo anno della triennale e nella specialistica, secondo me indispensabile nel nostro corso):
-il banalissimo giornalista
-esperto nelle tecnologie informatiche applicate alla comuncazione
-web designer
-esperto di marketing e comunicazione in svariati ambiti (dalla promozione dei beni culturali e del territorio fino alla comunicazione aziendale e di massa)
-pubblicità
-esperto per ciò che riguarda la multimedialità in genere.
ma ciò non ti faccia pensare che si facciano troppe cose e fatte male. semplicemente si può scegliere un percorso. ma uno solo!
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per l'Uomo ci sia ancora speranza » (H.G. Wells)

Cettyola

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 10182
  • Streusoland
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #19 il: Febbraio 01, 2008, 07:36:10 pm »
Per non parlare poi del 3+2..
le lauree triennali son state inventate per attirare anche i più inetti, per dare la percezione della laurea "facile". E a giudicare dal QI medio degli iscritti ci son riusciti benissimo
Mi sa che ci sarà uno scontro tra le diverse facoltà ;D
Saint qualsiasi cosa si dica del metodo 3+2 una cosa è certa, non è leggera come si voleva far credere agli inizi, nè più facile. Il 95% dei programmi delle materie della triennale non hanno subito modifiche o riduzioni del carico di studio, i professori sono rimasti gli stessi ed ugualmente esigenti, sia che si tratti di vecchio ordinamento che di nuovo ordinamento.
E' vero il primo anno c'è un sacco di gente che s'iscrive all'università tanto per sapere cosa rispondere quando ti chiedono cosa fai. ma poi abbandonano. C'è una scrematura naturale. E gli inetti che non abbandonano  si laureano prima degli altri perchè raccomandati.
sì certo, ma non dico  che sia diventata più facile, ma solo che è la percezione che se ne voleva dare. Comunque ormai alla laurea triennale ci arrivano pure i mentecatti. Quelli che prima al secondo anno mollavano ora si dicono "mah, manca un solo anno, resisti" così tornano a casa col pezzo di carta felici e contenti.
Mi sembra una cosa inutile se fanno così, la specialistica è quasi obbligatoria,perchè la triennale le imprese non la calcolano. Quindi diventa, resisti altri 3 anni.
Ama chi ti ama, frequenta chi cerca la tua compagnia, offri doni a chi ti offre doni e a chi niente ti dà non dare niente. (Esiodo)

AnLi

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4063
  • Malvestita Q.B.
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #20 il: Febbraio 01, 2008, 07:36:41 pm »
Scienze della comunicazione ha una dignità come corso di laurea che state a dir poco massacrando. intanto non è un ramo di scienze politiche, e tantomeno potrebbe esservi accorpato. in italia questo corso esiste da 15 anni circa, e da molti meno è stato riconosciuto tale, mentre in altre nazioni, europee e non, esisteva già da parecchio tempo. di sicuro non fa parte di una "strategia di marketing" per convincere ragazzi fancazzisti che anche andare all'università è facile, che a Scidecom tanto ce la fanno tutti. a torino è un corso di laurea molto serio, uno dei migliori d'italia, con docenti più che competenti, e come altre facoltà, a volte è dura. forse non ci occupiamo di formulette, di numeri e di sicuro non abbiamo l'aspetto dell'ingegnere nerd, ma quello che studiamo ci serve davvero: il mondo è comunicazione, il "potere" è di chi sa comunicare.
è vero che moltissimi hanno creduto che questo fosse un corso per imbecilli, e c'è stato un sovraffollamento pazzesco, e pertanto a torino hanno messo il numero chiuso. siamo meno degli pseudopsicologi,pseudoavvocati, pseudoeconomisti...e si, anche dei tanto presuntuosi ingegneri.
A parte che mi sembra che abbiamo detto la stessa cosa! ;D
Comunque non ho parlato in generale..ho detto che nella mia Università prima della riforma era un indirizzo di Scienze Politiche..ho anche precisato che parlavo della mia università perchè era una realtà che conoscevo.
E poi si, ha molta dignità (la faccio anche io..se avessi pensato  il contrario non l'avrei scelta) però è vero che è nata dalla scorporazione di altre facoltà (per esempio a La Sapienza è nata come  scorporo dalla facoltà di Sociologia)..ma io sto parlando del corso di laurea..non della materia di cui si occupa!
E ho anche detto che la qualità di scienze della comunicazione (come facoltà) dipende molto dall'università in cui si fa! Sicuramente a Torino sarà ottima, anche dove la faccio io..ma a La Sapienza no!
Vivete e siate vivi!

SaintJust

  • Visitatore
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #21 il: Febbraio 01, 2008, 07:39:18 pm »
Mi sembra una cosa inutile se fanno così, la specialistica è quasi obbligatoria,perchè la triennale le imprese non la calcolano. Quindi diventa, resisti altri 3 anni.
lo è infatti, ma il fascino del pezzo di carta serve agli inetti che ai 5 anni non ci arriverebbero mai, non a quelli che si iscrivono sapendo dall'inizio di puntare alla laurea magistrale (5 anni).

Ka

  • Caramella Rossana
  • *
  • Post: 30
    • cina-dipendente
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #22 il: Febbraio 01, 2008, 07:42:12 pm »
Per non parlare poi del 3+2..
le lauree triennali son state inventate per attirare anche i più inetti, per dare la percezione della laurea "facile". E a giudicare dal QI medio degli iscritti ci son riusciti benissimo
Mi sa che ci sarà uno scontro tra le diverse facoltà ;D
Saint qualsiasi cosa si dica del metodo 3+2 una cosa è certa, non è leggera come si voleva far credere agli inizi, nè più facile. Il 95% dei programmi delle materie della triennale non hanno subito modifiche o riduzioni del carico di studio, i professori sono rimasti gli stessi ed ugualmente esigenti, sia che si tratti di vecchio ordinamento che di nuovo ordinamento.
E' vero il primo anno c'è un sacco di gente che s'iscrive all'università tanto per sapere cosa rispondere quando ti chiedono cosa fai. ma poi abbandonano. C'è una scrematura naturale. E gli inetti che non abbandonano  si laureano prima degli altri perchè raccomandati.

Quoto Cetty! Non è così facile come sembra... Tanto per farvi un esempio (e per rispondere alla domanda su cosa so fare), nella mia classe del primo anno di cinese c'erano una cinquantina di persone (non andava ancora di moda nel 2001 ed era il primo anno della riforma), siamo arrivati alla laurea in 20 più o meno, ma con tempistiche decisamente diverse (dai 3 per alcuni ai 7 anni e più per altri)! Gli esami erano massacranti perché i professori pretendevano le cose da "vecchio ordinamento" ma con i ritmi del nuovo (media di 5-6 esami a sessione, almeno da me, per laurearsi in tempo). Ora, il problema è anche la superficialità di alcune materie,lo ammetto, ma sta anche nella testa delle persone: io, dopo 3 anni (leggi 5!) di triennale e due di specialistica sento ancora gente che mi chiede se conosco professori con cui fare "esami facili"... Alla specialistica???Auguri...
La riforma ha praticamente fatto incontrare due mondi: quello dell'ignorantone (a cui non frega niente dell'uni ma siccome un pezzo di carta ci vuole sempre lo vuole prendere) e quello dei businessman (leggi: rettori e o neo-presidi di facoltà) che hanno visto in questo la possibilità di fare soldi offrendo un prodotto se non scadente quanto meno discutibile.
E, volendo cogliere lo spunto di AnLi, in molti non hanno neanche una categoria professionale di appartenenza!

ps: io sono la voce fuori dal coro perché sono riuscita a trovare una specialistica che mi piace e mi entustiasma, ma per chi non ha interessi in filosofia, religioni o arte (cioé per chi non è pazzo completamente come me) le specialistiche della mia facoltà fanno semplicemente pena. O meglio, non preparano nella maniera più assoluta al lavoro. Ma per quello ci sarebbero i Master.. e .. oddio, no, raga, mi viene un cerchio alla testa solo a pensare all'universo dei Master... Che poi è il discorso di prima, moltiplicato per 1000...
*Cosa c'è di più malvestito di Sailor Moon?*

cristina

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 19539
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #23 il: Febbraio 01, 2008, 07:45:01 pm »
A parte che mi sembra che abbiamo detto la stessa cosa! ;D
Comunque non ho parlato in generale..ho detto che nella mia Università prima della riforma era un indirizzo di Scienze Politiche..ho anche precisato che parlavo della mia università perchè era una realtà che conoscevo.
E poi si, ha molta dignità (la faccio anche io..se avessi pensato  il contrario non l'avrei scelta) però è vero che è nata dalla scorporazione di altre facoltà (per esempio a La Sapienza è nata come  scorporo dalla facoltà di Sociologia)..ma io sto parlando del corso di laurea..non della materia di cui si occupa!
E ho anche detto che la qualità di scienze della comunicazione (come facoltà) dipende molto dall'università in cui si fa! Sicuramente a Torino sarà ottima, anche dove la faccio io..ma a La Sapienza no!

si si, naturalmente mi riferivo più a chi la definiva una facoltà fighetta, per idioti, ecc... anche noi ci facciamo il mazzo! e se mi inalbero è perchè ne ho le palle strapiene di sentirmi dire che faccio una "facoltà culo" !
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per l'Uomo ci sia ancora speranza » (H.G. Wells)

Cettyola

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 10182
  • Streusoland
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #24 il: Febbraio 01, 2008, 07:47:28 pm »
Mi sembra una cosa inutile se fanno così, la specialistica è quasi obbligatoria,perchè la triennale le imprese non la calcolano. Quindi diventa, resisti altri 3 anni.
lo è infatti, ma il fascino del pezzo di carta serve agli inetti che ai 5 anni non ci arriverebbero mai, non a quelli che si iscrivono sapendo dall'inizio di puntare alla laurea magistrale (5 anni).

aaaaaaaaaaaaaaaaaa!! ti riferisci a quelli che appena finiscono fanno gli striscioni e affittano le frecce tricolori per scrivere in cielo:MI SONO LAUREATO!!
Ama chi ti ama, frequenta chi cerca la tua compagnia, offri doni a chi ti offre doni e a chi niente ti dà non dare niente. (Esiodo)

AnLi

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4063
  • Malvestita Q.B.
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #25 il: Febbraio 01, 2008, 07:50:19 pm »
si si, naturalmente mi riferivo più a chi la definiva una facoltà fighetta, per idioti, ecc... anche noi ci facciamo il mazzo! e se mi inalbero è perchè ne ho le palle strapiene di sentirmi dire che faccio una "facoltà culo" !
A chi lo dici!  ;) però in certe università purtroppo è veramente così! A La Sapienza fanno gli esami con le crocette! A me non è mai capitato..neanche nelle esercitazioni stupide per attestare la presenza! Ah, poi per esempio io ho l'obbligo della frequenza, conosco gente che a La Sapienza non ha mai seguito mezza lezione!  >:(
Vivete e siate vivi!

Ka

  • Caramella Rossana
  • *
  • Post: 30
    • cina-dipendente
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #26 il: Febbraio 01, 2008, 08:01:40 pm »
si si, naturalmente mi riferivo più a chi la definiva una facoltà fighetta, per idioti, ecc... anche noi ci facciamo il mazzo! e se mi inalbero è perchè ne ho le palle strapiene di sentirmi dire che faccio una "facoltà culo" !
A chi lo dici!  ;) però in certe università purtroppo è veramente così! A La Sapienza fanno gli esami con le crocette! A me non è mai capitato..neanche nelle esercitazioni stupide per attestare la presenza! Ah, poi per esempio io ho l'obbligo della frequenza, conosco gente che a La Sapienza non ha mai seguito mezza lezione!  >:(

sul treno, due sudentesse di Scienze della Comunicazione de La Sapienza, stanno "correggendo" le parole crociate:

A: Qui ci va Carmen!
B: Carmen chi?
A: Carmen Lasorella
B: e chi è?
A: Bho, che ne so? C'è scritto sulle soluzioni

E' vera. GIURO!

Cmq, non sono tutti così!!! Però il mio ex quando s'è dovuto trasferire da Macerata a La Sapienza con SdC si era fatto prendere dalla depressione perché sapeva che da noi non era insegnata bene.
Ovvio, questo non significa che sia una facoltà facile, altro luogo comune, ma vero, è che "nessuna facoltà è facile", c'è solo un sacco di gente che si accontenta del pezzo di carta e fa gli esami a culo...
*Cosa c'è di più malvestito di Sailor Moon?*

cristina

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 19539
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #27 il: Febbraio 01, 2008, 08:02:12 pm »
oh, bè, da noi l'obbligo di frequenza lo impone o meno il singolo docente  :-\. però una cosa che trovo giusta(anzi necessaria)è che qui a torino il piano di studi per il biennio è fisso, per il terzo anno esistono dei piani pre-approvati. non so se funzioni così anche da te, ma qui non è cosi scontato: ad esempio esiste Comunicazione Interculturale, che poi è la gemella brutta di scidecom, dove ognuno si fa il carico didattico come gli pare e piace...un po' di storia qui, un po' di sociologià là, massì, magari anche qualche lingua straniera. lì si che non si sa in che c***o si laureino!
cmq a proposito di prese in giro..il mio prof di storia ha detto "...che poi fate un corso che nessuno sa a cosa serva!". PURE LUI! ::)
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per l'Uomo ci sia ancora speranza » (H.G. Wells)

SaintJust

  • Visitatore
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #28 il: Febbraio 01, 2008, 08:07:18 pm »
Mi sembra una cosa inutile se fanno così, la specialistica è quasi obbligatoria,perchè la triennale le imprese non la calcolano. Quindi diventa, resisti altri 3 anni.
lo è infatti, ma il fascino del pezzo di carta serve agli inetti che ai 5 anni non ci arriverebbero mai, non a quelli che si iscrivono sapendo dall'inizio di puntare alla laurea magistrale (5 anni).

aaaaaaaaaaaaaaaaaa!! ti riferisci a quelli che appena finiscono fanno gli striscioni e affittano le frecce tricolori per scrivere in cielo:MI SONO LAUREATO!!
si quelli, quelli che organizzano i banchetti di sette giorni e sette notti con tutti i parenti fino alla settima generazione e pubblicano l'annuncio sui due maggiori quotidiani nazionali e i due maggiori quotidiani locali, proprio quelli  ;)

TuttaFuffa

  • Visitatore
Re: Facoltà malvauniversitarie e relativa fauna
« Risposta #29 il: Febbraio 01, 2008, 08:28:27 pm »
sì ma uno che cosa diventa? "scienziato della comunicazione"? o aspirante venditore di pentole televisivo? A me fa ridere[...]

ummm, vai a dirlo a Goebbels! ;)