Autore Topic: Muffosità musicali  (Letto 26957 volte)

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 56401
  • Socialista in cravatta bianca
Re: Muffosità musicali
« Risposta #30 il: Maggio 02, 2012, 05:02:16 pm »
Dio mio!


Che poi l'aria di Figaro del primo atto del Barbiere è grande musica.
Io sono un capibara e voi no.

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 56401
  • Socialista in cravatta bianca
Re: Muffosità musicali
« Risposta #31 il: Maggio 02, 2012, 05:02:42 pm »
Notato che sono così sconvolto che ho scritto dio con la maiuscola...
Io sono un capibara e voi no.

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30079
Re: Muffosità musicali
« Risposta #32 il: Maggio 02, 2012, 05:04:29 pm »
comunque in questo momento non ho tempo perché devo uscire, ma dopo se vuoi ti linko qualcosa, ho già mezzo in mente un paio di cose strumentali e un paio vocali.
anche se sospetto che, comunque, non ti piacerà, perché mi sa che è proprio quello stile musicale che non ti sconfinfera  :P
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

NuovaCarne

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 51273
  • Io sugnu malacarne!
Re: Muffosità musicali
« Risposta #33 il: Maggio 02, 2012, 05:07:23 pm »
Che poi l'aria di Figaro del primo atto del Barbiere è grande musica.
grazie ma mi tengo stretto Falco  :rompicazzi:
|||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30079
Re: Muffosità musicali
« Risposta #34 il: Maggio 02, 2012, 05:07:50 pm »
è semplice, perché la sua musica è la massima espressione nonché punto di morte di un periodo della storia della musica in cui si mirava alla massima semplificazione e schematizzazione sotto tutti i punti di vista (formale, melodico, armonico). l'immensità di Mozart sta proprio nell'aver preso queste forme semplici e schematiche, averle rielaborate e rivoltate e averne esplorato tutte le possiblità, sfondando tutti i confini a destra, a sinistra, sopra, sotto e aprendo la strada alla rivoluzione di Beethoven (che pur essendo un grandissimo rimane comunque e indiscutibilmente un gradino sotto Mozart in quanto a genialità, creatività, portata storica).
tutte cose che non posso cogliere data la mia totale niubbità su quello che è venuto prima, dopo, durante, sopra e sotto, al massimo posso aprezzare "di pancia" :asd:

be', però il suo "sfondare i confini" sono cose che si sentono, eccome!
cioè, si sente e si capisce che è musica solo apparentemente semplice ma in realtà ricchissima e intelligentissima.
il sapere cosa c'è stato prima e cosa c'è stato dopo è solo un "di più" che ti ho scritto per contestualizzare un minimo quello che stavo scrivendo. così come si sente il suo talento melodico che, profanamente, è forse la prima cosa che salta all'occhio (all'orecchio).

(e ripeto che, comunque, è un discorso riduttivo e semplicistico, il mio)
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 56401
  • Socialista in cravatta bianca
Re: Muffosità musicali
« Risposta #35 il: Maggio 02, 2012, 05:19:44 pm »
Beethoven (che pur essendo un grandissimo rimane comunque e indiscutibilmente un gradino sotto Mozart in quanto a genialità, creatività, portata storica).

Non diciamo minchiate, Betty, in particolare per quanto riguarda portata storica che è più misurabile: LvB ha contato più di chiunque altro per la rivalutazione della figura del musicista (e in buona misura dell'artista in generale), e anche dal punto di vista formale esiste una storia della musica prima di LvB e una dopo, molto più che prima o dopo il divino Amadé.

Poi si può preferire lui o Mozart a seconda delle inclinazioni (io mi limito a non entrare in questo gioco, visto che mica devo scegliere), ma è demenziale parlare di gradini per queste due figure, tranne appunto che dal mero punto di vista della portata storica, dove la spunta LvB per motivi in parte anche extramusicali.

Certo LvB componeva molto meno, ma non per minore creatività, bensì proprio per la diversa concezione della musica che aveva e che è riuscito a imporre alla società con la sua ostinazione (aiutato, certo, da tutta una corrente filosofica e culturale generale).



(Su chi fosse più "geniale" non mi pronuncio proprio, visto che è una categoria che, pur non rifiutando completamente, non utilizzo per la vaghezza della sua definizione)
Io sono un capibara e voi no.

anne boleyn

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 16755
  • one true queen of the narrow sea
Re: Muffosità musicali
« Risposta #36 il: Maggio 02, 2012, 09:25:52 pm »
io sono una sostenitrice delle voci femminili nelle parti ex-castrati, invece.
ci sono contraltisti bravi (tipo Hansen o Scholl), con un timbro incredibilmente brillante e pulito, che hanno fatto delle bellissime interpretazioni che mi ascolto sempre volentieri. però sono davvero pochi, accidenti. nella maggior parte dei casi (anche gente acclamata) trovo ci sia sempre un qualcosa di sgradevole nel timbro maschile in falsetto, è una mia fissa che non riesco a togliermi: preferisco un bel contralto o mezzosoprano.

io invece trovo che appiattiscano l'esecuzione, i timbri sono tutti femminili, se l'ascolti senza vederla e non conosci l'opera a un certo punto non sai nemmeno chi sta cantando e che parte fa (soprattutto quando certi genialoidi eliminano i recitativi...capirai un'opera di vivaldi senza recitativi...quando le arie nella maggiorparte dei casi non c'entrano una beneamata sega con la storia). poi è ovvio che il controtenore deve essere bravo e non un'oca strozzata.  proposito di oche strozzate:

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=WUnohSWwIh0&feature=related[/youtube]

a proposito di gente acclamata ma non so perchè c'è jarousky, molto meglio dumaux per restare in francia. in assoluto il mio controtenore preferito è pero max emanuel cencic.
figlia del sacro triangolo multicolore del cristallo magico delle sette porte dell'eterna saggezza

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30079
Re: Muffosità musicali
« Risposta #37 il: Maggio 02, 2012, 10:56:17 pm »
Beethoven (che pur essendo un grandissimo rimane comunque e indiscutibilmente un gradino sotto Mozart in quanto a genialità, creatività, portata storica).

Non diciamo minchiate, Betty, in particolare per quanto riguarda portata storica che è più misurabile: LvB ha contato più di chiunque altro per la rivalutazione della figura del musicista (e in buona misura dell'artista in generale), e anche dal punto di vista formale esiste una storia della musica prima di LvB e una dopo, molto più che prima o dopo il divino Amadé.

non sono d'accordo su nessuno dei tre punti. secondo me la rivoluzione di Beethoven è semplicemente più evidente di quella di Mozart (tra l'altro qui entra anche in gioco il mio gusto personale, lo ammetto, perché la rivoluzione di Beethoven porta - sempre a proposito di discorsi riduttivi ::) - alla musica romantica che come ho già detto - mea culpa - non mi piace).

Citazione
Poi si può preferire lui o Mozart a seconda delle inclinazioni (io mi limito a non entrare in questo gioco, visto che mica devo scegliere), ma è demenziale parlare di gradini per queste due figure, tranne appunto che dal mero punto di vista della portata storica, dove la spunta LvB per motivi in parte anche extramusicali.

Che sia sciocco fare gradini a questo livello potrei anche essere d'accordo, soprattutto nel caso di Mozart e Beethoven che sono quasi alla pari.

Citazione
Certo LvB componeva molto meno, ma non per minore creatività, bensì proprio per la diversa concezione della musica che aveva e che è riuscito a imporre alla società con la sua ostinazione (aiutato, certo, da tutta una corrente filosofica e culturale generale).

ecco, su questo concordo, Beethoven è stato l'uomo giusto al momento giusto.
invece Mozart era un uomo sbagliato, per molti versi, rispetto al suo tempo. molte delle scelte che ha fatto erano troppo avanti (yeah  8) ), a cominciare dalla scelta di essere un libero professionista, per finire con tutte le scelte formali e musicali. anche per questo ho scritto la cosa del gradino più in alto, che devi un po' prendere, però, anche come una "buttata" eccessiva  ;) (del resto l'ho scritto che stavo facendo un discorso semplicistico e un po' riduttivo)
ricordo benissimo che tu stesso, da qualche parte, avevi fatto una micro classifica perentoria dei più grandi compositori di musica classica, ed erano 1- Bach; 2- Mozart; 3- Beethoven; 4- Schubert; 5- Wagner. è un gioco che si può fare, quello di mettere in classifica i grandi  :)

EDIT: ah, e chiedo scusa comunque per avere usato il termine "genialità", abusatissimo e quasi insignificante, ma m'è uscito nell'impeto entusiasta del momento :P
« Ultima modifica: Maggio 02, 2012, 11:00:34 pm da Betty Moore »
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

NuovaCarne

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 51273
  • Io sugnu malacarne!
Re: Muffosità musicali
« Risposta #38 il: Maggio 02, 2012, 11:03:58 pm »
Betty che ne pensi della storia di Bach precursore del metal?  :asd: :metallaro:
Vorrei la opi di una esperta  :pfui:
|||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30079
Re: Muffosità musicali
« Risposta #39 il: Maggio 02, 2012, 11:12:34 pm »
Betty che ne pensi della storia di Bach precursore del metal?  :asd: :metallaro:
Vorrei la opi di una esperta  :pfui:

uddìo... in che senso?  ;D
ti giuro, non riesco a capire da che punto di vista, se magari mi dai un link in cui ne parlano ti do il mio illustre parere  8)
(così su due piedi mi sta simpatica, come teoria bislacca ;D )

(mi ricordo che il mitico Morgan nel suo libro aveva scritto "Bach è il più elettronico dei musicisti", sarà una cosa simile?  :asd: )

(comunque, tornando alle classifiche su musicisti, Bach È il SOMMO  :pfui:  :adorazione: )
« Ultima modifica: Maggio 03, 2012, 04:57:47 pm da Betty Moore »
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

NuovaCarne

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 51273
  • Io sugnu malacarne!
Re: Muffosità musicali
« Risposta #40 il: Maggio 02, 2012, 11:15:02 pm »
uddìo... in che senso?  ;D
ti giuro, non riesco a capire da che punto di vista, se magari mi dai un link in cui ne parlano ti do il mio illustre parere  8)

(mi ricordo che il mitico Morgan nel suo libro aveva scritto "Bach è il più elettronico dei musicisti", sarà una cosa simile?  :asd: )

(comunque, tornando alle classifiche su musicisti, Bach È il SOMMO  :pfui:  :adorazione: )
non so darti un link perchè è una storia vecchia come il crucco, una specie di "luogo comune del metal"  :sisisi:
« Ultima modifica: Maggio 03, 2012, 04:58:00 pm da Betty Moore »
|||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30079
Re: Muffosità musicali
« Risposta #41 il: Maggio 02, 2012, 11:16:43 pm »
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

NuovaCarne

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 51273
  • Io sugnu malacarne!
Re: Muffosità musicali
« Risposta #42 il: Maggio 02, 2012, 11:20:22 pm »
 :metallaro:

ok mi ricompongo: immagino che il "mito" di bach metallaro origini dalla "epicità" di certa musica di Bach  ;D
|||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||||||||| |||

Theodorus

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 14301
  • Quarteroti e Madonnisi.
Re: Muffosità musicali
« Risposta #43 il: Maggio 02, 2012, 11:24:11 pm »
Ne possiamo parlare accuratamente, ma non so se questo sia il topic giusto.
Nor is there singing school but studying
Monuments of its own magnificence

Teresa

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4173
  • Il grande sogno dei Maya
Re: Muffosità musicali
« Risposta #44 il: Maggio 02, 2012, 11:30:46 pm »
trovo ci sia sempre un qualcosa di sgradevole nel timbro maschile in falsetto, è una mia fissa che non riesco a togliermi

Ma comeeee :sciuretta: :D

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=nREV8bQJ1MA&feature=related[/youtube]
Gatta morta sotto falso nome