Autore Topic: La buona carnazza (hit & shit)  (Letto 3422 volte)

Theodorus

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 14708
  • Quarteroti e Madonnisi.
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #15 il: Marzo 31, 2015, 07:41:56 pm »
La mia carne preferita invece è SENZA DUBBIO il cavallo.
Nor is there singing school but studying
Monuments of its own magnificence

Chopper

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 6764
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #16 il: Marzo 31, 2015, 07:50:13 pm »
La mia carne preferita invece è SENZA DUBBIO il cavallo.

Per me, bistecca a parte, il maiale surclassa tutti di un bel po'.
"Sono il Dottore, e sono peggio di qualunque zia. E non è così che di solito mi presento."

"Un annuncio pubblicitario che fa finta di essere arte è quando va bene – come quando qualcuno vi sorride cordialmente solo perché vuole qualcosa da voi."

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30979
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #17 il: Aprile 01, 2015, 02:17:47 pm »
il cavallo non mi piace, sa di ferro.
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

Theodorus

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 14708
  • Quarteroti e Madonnisi.
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #18 il: Aprile 01, 2015, 03:08:25 pm »
A me piace proprio per quello.
E per vedere le facce della gente che ANCORA si scandalizza perché uno si mangia i tenery e sympatycy cavallyny.
Nor is there singing school but studying
Monuments of its own magnificence

Misia

  • Scalogno ciselée
  • *****
  • Post: 41453
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #19 il: Aprile 01, 2015, 04:56:49 pm »
Dolciastro ma buono e succoso!
«Sono la pietà, la compassione, il perdono che mi mancano...non la razionalità»

I'm fucking zen

sir_perceval

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1347
  • Hi there squirrel friends.
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #20 il: Aprile 01, 2015, 11:26:13 pm »
Io concordo con Theo. La mia top 3:

Cavallo
Cinghiale
Cervo

Però mi mancano la balena e l'alligatore e anche altri, per cui è una classifica provvisoria.
Squirrel friends are friends who hide their nuts.

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 26013
  • Time waits for no one
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #21 il: Aprile 01, 2015, 11:31:44 pm »
Capriolo e cinghiale supercarneok.
Cavallo mai voluto provare, salvo surrettizie polpette Ikea...
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30979
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #22 il: Aprile 02, 2015, 12:32:26 am »
cinghiale  :sbav:
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

Theodorus

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 14708
  • Quarteroti e Madonnisi.
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #23 il: Aprile 02, 2015, 01:30:03 am »
Visto che si parla di balena (che non mangerei mai per ragioni seriamente ecologiche, è un animale in pericolo)... da alcune discussioni sui social e da letture estemporanee sulla moda vegan che impazza (perché sì, allo stato attuale è una moda) mi sono reso conto che la distorsione storico-concettuale che sussiste attorno al problema è ancora più grave di quello che pensassi.

Beninteso: mettiamo da parte le torture per lo più gratuite a cui alcuni animali vengono sottoposti allo scopo di soddisfare esigenze ridicole, come quelle delle pellicce di visone o dei piumini di vera oca (vedi caso Monclér).
Tuttavia mi pare che, quando si discute di animali addomesticati da cui ricaviamo i prodotti (latte uova etc), manchi totalmente la capacità di

1 - distinguere tra la produzione di massa genere Monsanto e le realtà locali: quando Mater va a prendere la lana dall'azienda familiare controllata, le pecore sono trattate con tutti i riguardi e non vengono scorticate come nelle "fabbriche" australiane. Se tengo due galline in campagna per le uova, non le costringo certo in gabbia con i tubi nel culo e le lampade puntate. Ora, sarà da parte mia estremamente crudele nei confronti della "volontà della gallina, che magari vuole essere libera anche di essere mangiata dalla volpe" (giuro che mi è stato detto così), ma se quella della mia campagna che razzola allegramente in cortile mi produce un uovo al giorno con lo stesso sentimento con cui fa la cacca, immagino che non se la prenderà poi troppo se il brutto e cattivo essere umano se lo mangia.

2 - rendersi conto che se anche tutto il pianeta si convertisse in massa al veganesimo, non è che si tornerebbe in una situazione da giardino dell'eden, con tutti gli animaly esattamente come erano stati concepiti dalla Natura a saltellare allegramente in giro come se nulla fosse successo e l'essere umano non fosse mai esistito. Questo perché la presenza dell'uomo ha profondamente mutato le specie animali addomesticate, che oggi sono molto diverse dalle loro versioni "di default" prima dell'addomesticazione. Certe razze di pecore, se non le tosi, crepano soffocate o per i parassiti. Ora, possiamo fare della morale sul fatto che forse non avremmo dovuto selezionare e incrociare le specie in questa maniera (cattivi neolitici, cattivi! adesso vengo a fare tò-tò sulle ossa dei vostri culi al museo!), ma pretendere che il mondo faccia all'improvviso il dietro-front temporale denota solo ignoranza.


Insomma, mi pare l'ennesima coglionata tipica di chi è cresciuto con tutte le proteine, le comodità, le medicine e soprattutto le vaccinazioni di una bella vita civilizzata all'occidentale, e si rivolga alla "natura" con occhio paternalistico e compiacente, antropizzandone idealmente i comportamenti esattamente secondo gli stessi meccanismi melliflui e fintamente egalitari con cui nell'Ottocento gli studiosi occidentali si rivolgevano alle popolazioni orientali.
Nor is there singing school but studying
Monuments of its own magnificence

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 26013
  • Time waits for no one
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #24 il: Aprile 02, 2015, 01:55:02 am »
Mangiate Orca, ce n'è un sacco :sisisi:
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

PiantaGrassa

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 17448
  • Divyna Veggente
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #25 il: Aprile 02, 2015, 11:12:24 am »
Anche a me piace molto la carne di cavallo, la preferisco. Nonostante mi piaccia pure l'animale
"Quando io uso una parola, essa significa esattamente ciò che io voglio che significhi"

Chopper

  • Casio in pastelletto
  • *****
  • Post: 6764
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #26 il: Aprile 04, 2015, 02:52:16 pm »
super theo ook.  :up:


Anche a me piace molto la carne di cavallo, la preferisco. Nonostante mi piaccia pure l'animale

quindi preferisci mangiarlo piuttosto che farci una passeggiata ;D

a me piace ma non è la.mia preferita. ah,e visto che ci siamo, non mi piace l'agnello. di sapore eh . non mi dispiace per i poverypyccolyagnellini
« Ultima modifica: Aprile 04, 2015, 02:55:20 pm da Chopper »
"Sono il Dottore, e sono peggio di qualunque zia. E non è così che di solito mi presento."

"Un annuncio pubblicitario che fa finta di essere arte è quando va bene – come quando qualcuno vi sorride cordialmente solo perché vuole qualcosa da voi."

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 58629
  • Socialista in cravatta bianca
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #27 il: Aprile 04, 2015, 03:06:04 pm »
Beh...

nella top 10 dei migliori piatti di carne che abbia mai mangiato ce ne sono due di agnello, e si restringe a top 5 se consideriamo solo i mammiferi (quindi esclusi volatili, e piccione, alzavola, anatra, oca e compagnia  occupavano almeno 4 posizioni).
« Ultima modifica: Aprile 04, 2015, 03:09:45 pm da Allevi3MSC »
Io sono un capibara e voi no.

Mixarchagevas

  • Semino oleoso
  • *****
  • Post: 26013
  • Time waits for no one
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #28 il: Aprile 04, 2015, 03:21:41 pm »
Agnello buono, specialmente costole... :sisisi:

In ogni caso, siccome posso farne a meno ai fini della mia sopravvivenza, e di fatto il piacere voluttuario che mi dà non mi è, pensandoci, essenziale, sono anni che non lo mangio.
Quindi se mi si proponesse di far fuori l'animale per godermi le piacevoli costine, lo lascerei in vita senza grossi rimpianti.
Come molti predatori sazi fanno in "natura", per quanto la "natura" resti meccanica nei suoi processi.
In questo l'attività alimentare umana avanzata è peculiare, contemplando lo spreco e l'inutilità, sia fuori dalle esigenze del nutrimento che da quelle dell'educazione (vedi predatori che si esercitano con la preda, fino a ucciderla, anche se non se ne nutriranno - almeno loro... mentre altri si occuperanno della carcassa).
La vita incandescente

"Some living, some standing alone..."

À ton étoile

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 58629
  • Socialista in cravatta bianca
La buona carnazza (hit & shit)
« Risposta #29 il: Aprile 04, 2015, 03:25:47 pm »
Però in effetti le cose cambiano a seconda di cosa prendiamo in oggetto: piatti nel senso di ricette nelle loro varianti e differenti esecuzioni, o piatti nel senso di singole creazioni di cuochi mangiati in un'occasione precisa?
Perché l'agnello mi ha dato sensazioni paradisiache nella seconda accezione e invece non rientra tra le mie carni preferite nella prima; per il maiale è sostanzialmente il contrario.
Io sono un capibara e voi no.