Autore Topic: La rubrica dei necrologi  (Letto 264021 volte)

Adriana

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 14020
  • C'è un Templare in ognuno di noi
    • La lettrice felice
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #780 il: Gennaio 29, 2010, 03:37:25 pm »

A me 'Il giovane Holden' era piaciuto molto. Poi oh, de gustibus..
Sono la Barbie
Vivo nella vostra casa di bambole
Ogni giorno mi cambiate i vestiti.
Se ce la faccio a uscire di qua

Vi ammazzo tutti.

(José Padua)

E' solo guardando il tg1 che crediamo di vivere in un sogno (cit. 'Inception Berlusconi')

Errare è umano, perseverare è cretino.

Melisande

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 3051
  • Omonima di Hallymay!
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #781 il: Gennaio 29, 2010, 03:46:31 pm »
Confesso: non l'ho mai letto. A quindici anni la mia ignorantissima prof di inglese disse "leggetelo per le vacanzeeeh!". E io non avevo voglia, le prime dieci pagine mi avevano annoiato. Così non l'ho mai ripreso.
La somma dell'intelligenza sulla Terra è costante; la popolazione è in aumento.

fedevì

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 7854
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #782 il: Gennaio 29, 2010, 04:41:38 pm »
Uhm, "temo" anch'io di averlo letto fuori target.
Io i bambini non li capisco. Mi ricordi di firmare la legge sull'aborto.

RoryLou

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 2762
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #783 il: Gennaio 29, 2010, 04:56:15 pm »
come ci sono rimasta male per Salinger  :(
Rory/Lou

L'importanza di essere bionda.

sprinkles

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1089
  • la solita baluba
    • crumbs of Sprinkles
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #784 il: Gennaio 31, 2010, 09:39:07 pm »
A me invece Il giovane Holden piacque molto,lo lessi per la prima volta intorno ai 17-18 anni quando me lo presto' il mio fidanzatino di allora  :D
Un anno fa ero ancora una bambina, un frutto acerbo, che tu hai colto da uomo...

kiokky

  • The Gravy
  • *
  • Post: 87
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #785 il: Febbraio 01, 2010, 02:30:57 pm »
NUUUUUUUU!!!!!!!!!!! sono il lutto stretto!
è morto DARIO DEL CORNO, che tutti i classicisti ricordano (probabilmente con amore celato dall'odio) per i mille manuali di letteratura greca da lui scritta, e io in particolare mi sento toccata da questa cosa perchè me lo vedevo fino a 2 anni fa passeggiare tra le aule-quando aveva voglia di venire in uni-e far finta di seguire i suoi assistenti che facevano lezione a noi, poveri sparuti pargoli assetati di sapere. la prof. con cui mi sono laureata ha rilevato la sua cattedra di "letteratura teatrale della Grecia Antica" l'anno scorso, per cui l'ho mancato per un pelo, ma... se la mia prof. del liceo era follemente innamorata di lui, ci sarà stato un motivo!
Dariuccio, ovunque tui trovi, traduci per me! anzi, fammi un favore, fammi trovare-da brava archeologa-la versione intera dei Banchettanti, invece di quegli inutili frammenti che Aristofane ha lasciato a noi posteri! ;D

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 57312
  • Socialista in cravatta bianca
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #786 il: Febbraio 01, 2010, 02:35:55 pm »
Oh cacchio. Lo conoscevo un pochino. Ricordo quando sono andato alla scala per Outis di Berio su libretto suo.
Io sono un capibara e voi no.

fedevì

  • Frittura totale globbale
  • *****
  • Post: 7854
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #787 il: Febbraio 01, 2010, 03:52:35 pm »
Uh, ho capito chi era. Mi sembra anche di averlo visto all'università...
Io i bambini non li capisco. Mi ricordi di firmare la legge sull'aborto.

kiokky

  • The Gravy
  • *
  • Post: 87
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #788 il: Febbraio 01, 2010, 03:58:32 pm »
oh, si, probabile...si infiltrava alle lezioni di zanetto, della cavalli (ah, grande donna...) e di capra quando ancora era il suo schiavetto diligente e non aveva una cattedra tutta sua... ;)

Adriana

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 14020
  • C'è un Templare in ognuno di noi
    • La lettrice felice
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #789 il: Febbraio 01, 2010, 09:46:36 pm »

Mi sa che al liceo avevo un manuale di Dario Del Corno. Mi dispiace  :(
Sono la Barbie
Vivo nella vostra casa di bambole
Ogni giorno mi cambiate i vestiti.
Se ce la faccio a uscire di qua

Vi ammazzo tutti.

(José Padua)

E' solo guardando il tg1 che crediamo di vivere in un sogno (cit. 'Inception Berlusconi')

Errare è umano, perseverare è cretino.

DDRD(evotchka)

  • Visitatore
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #790 il: Febbraio 01, 2010, 09:48:08 pm »

Mi sa che al liceo avevo un manuale di Dario Del Corno. Mi dispiace  :(
anche io. peccato. :(

AnLi

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4063
  • Malvestita Q.B.
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #791 il: Febbraio 02, 2010, 12:08:53 am »
uh pure io c'avevo il Del Corno!!! :'(
Vivete e siate vivi!

Cycling holiday

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 583
  • res ipsa loquitur
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #792 il: Febbraio 06, 2010, 10:27:37 pm »
Nooooooo
Mi dispiace tropo per Salinger. Non che avrebbe comunque pubblicato qualcosa. Però. Ha aggiunto un plus valore alla mia vita.
L'ho letto nell'andazzo di quel filone tardoadolescenziale(14/15anni) che poi mi ha portata a "Jack Frusciante è uscito dal gruppo" di Brizzi  e de "Il grande Gastby" di Fitszgerald e mi ha aperto le porte della Beat Generation da Kerouac, Gibran, Bukowski, Pivano, per poi poassare al filone Hemingway, Whitman ed gli autoridelcalibrodiquellicitatiinIntohew ildel'attimofuggente.

Grazie a Salinger ho conosciuto Holderlin, mi ricordo che c'era una sua poesia che imparai, faceva pressappoco così.
"Carica di pere gialle e di rose selvatiche coperta, la terra si specchia nel lago. Voi dolci cigno ubriachi di baci, tuffate il capo
nell'acqua sacra e sobria. Dove potrò trovare i fiori in inverno? Dove, la luce del sole e l'ombra della terra?
Pareti di gelo si ergono mute e fredde. Nel lago bandierine di ghiaccio tintinnano."

 
Erano i tempi in cui sapere a memoria l'ultima pagina di "Sulla strada" era d'obbligo.
     
"Così in America quando il sole va giù e io siedo sul vecchio diroccato molo sul fiume a guardare i lunghi, lunghissimi cieli sopra il New Jersey e avverto tutta quella terra nuda che si svolge in un' unica incredibile enorme massa fino alla costa occidentale, e tutta quella strada che va, tutta la gente che sogna nell'immensita di essa, e so che nello Jowa a quell'ora i bambini stanno certo piangendo nella terra in cui lasciano piangere i bambini, e che stanotte usciranno le stelle e non sapete che Dio è l'Orsa Maggiore?, e la Stella della sera deve stare tramontando e spargendo il suo fioco scintillio sulla prateria, il che avviene proprio prima dell'arrivo della notte completa che benedice la terra, oscura tutti i fiumi, avvolge i picchi e rimbocca le ultime spiagge, e nessuno, nessuno sa quel che succederà di nessun altro se non il desolato stillicidio del diventar vecchi, allora penso a Dean Moriarty, penso persino al vecchio Dean Moriarty, il padre che mai trovammo, penso a Dean Moriarty".

Era poesia.

 :'(
A me piacciono troppe cose e io mi ritrovo sempre confuso e impegolato a correre da una stella cadente all'altra finché non precipito. Questa è la notte e quel che ti combina. Non avevo niente da offrire a nessuno eccetto la mia stessa confusione.

LouLou

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 837
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #793 il: Febbraio 07, 2010, 03:56:34 am »
OT: anche io lessi Sulla Strada da ragazzina (e il brutto è che nessuno che mi obbligava, dato che non era affatto di moda) e più leggevo e più non riuscivo a capire cosa ci fosse di bello o di interessante.In più non amavo nemmeno quello stile di scrittura.
Arrivata alla fine mi ricordo ancora (a distanza di taaaanti anni) che pensai che le ultime pagine però "valevano la pena"  :)
Il tuo viso è un profilo divorato dall’ombra, una mancanza di numeri striscianti tra lettere, un teorema d’arance graffiate da infanti

Cycling holiday

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 583
  • res ipsa loquitur
Re: La rubrica dei necrologi
« Risposta #794 il: Febbraio 07, 2010, 04:05:51 am »
OT: anche io lessi Sulla Strada da ragazzina (e il brutto è che nessuno che mi obbligava, dato che non era affatto di moda) e più leggevo e più non riuscivo a capire cosa ci fosse di bello o di interessante.In più non amavo nemmeno quello stile di scrittura.
Arrivata alla fine mi ricordo ancora (a distanza di taaaanti anni) che pensai che le ultime pagine però "valevano la pena"  :)


Figurarsi che 13 anni fa piuttosto che andare di moda e invitarti a leggere Salinger, queste letture erano del tutto malviste. Almeno nel mio liceo.

Atmosfere che rammentano il ventennio prima in cui un 24enne di nome James Dean moriva in un incidente con la sua Little Bastard (Porsche 550 Spyder. :'( ).
In cui Morrison leggeva Kerouac e ne restava ammaliato e i suoi testi ne recano impronte.

Mentre in quegli stessi anni un altro poeta 27enne si fucilava in bocca (Kobain).

Che gusti precoci.


(sono già bimbominkia!!! UhUhUh)
A me piacciono troppe cose e io mi ritrovo sempre confuso e impegolato a correre da una stella cadente all'altra finché non precipito. Questa è la notte e quel che ti combina. Non avevo niente da offrire a nessuno eccetto la mia stessa confusione.