Autore Topic: Chiesa e religione  (Letto 335766 volte)

Flysch

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 523
  • Non mi vesto, mi copro!
Chiesa e religione
« il: Giugno 20, 2008, 10:22:16 am »
Dopo aver letto diversi interventi qui sul forum, vorrei avere l’opinione delle frequentatrici e dei (pochissimi) frequentatori in merito a questo spinoso argomento.
Nonostante sia stata cresciuta dalle suore (asilo e elementari) e da una nonna molto bigotta, io nel tempo ho sviluppato una totale avversione alla chiesa cattolica, ma non alla religione: non mi professo atea (agnostica semmai), ma un credente non mi da fastidio, un prete che mi fa la predica si.  >:(

Purtroppo l’ipocrisia regna sovrana e l’anno scorso, quando è venuto il momento di sposarci, il fidanzato ed io non abbiamo avuto dubbi: in civile. Non vi dico il polverone che abbiamo sollevato, in primis tra una zia molto tradizionalista, che ci ha fatto il discorsone che in chiesa è bello, è più caratteristico, che entrambi siamo stati cresciuti cattolicamente, con tutti i sacramenti etc etc. Peccato che questa zia sia divorziata. ::)
Non oso immaginare quando arriveranno gli eredi, che NON battezzeremo in fasce, cosa potrà capitare.  :o

Voi che rapporto avete con la chiesa cattolica e con la religione? Per voi coincidono o no?

Crocs

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4253
Re: Chiesa e religione
« Risposta #1 il: Giugno 20, 2008, 10:31:19 am »
Ciao,
io provengo da una famiglia poco credente, ma ho passato tutte le elementari e gran parte delle medie in una scuola gestita da suore (scelta non per religiosità ma perchè nella zona la scuola statale era tipo il Bronx).
Credo che l'istruzione cattolica sia il modo migliore per crescere dei mangiapreti, soprattutto dopo aver vissuto in prima persona tutta l'ipocrisia e la cattiveria di queste suore (perchè le suore hanno davvero un fondo di amarezza e cattiveria dentro, immagino causato dalla frustrazione).

Personalmente, come te, non posso veramente dichiararmi atea, ma solo agnostica perchè non pretendo di sapere o meno se esiste un qualche tipo di divinità... ma certamente trovo molto difficile accettare razionalmente tutte le contraddizioni del cattolicesimo.
Anch'io trovo davvero fastidiosi i moralismi ipocriti e tutto lo spirito del volemmosebene, ma non solo da parte della chiesa.

lara-v

  • Visitatore
Re: Chiesa e religione
« Risposta #2 il: Giugno 20, 2008, 10:45:43 am »
Sono cresciuta in una famiglia molto credente, di quelle all'antica, dove era obbligatorio dire la preghiera prima di mangiare, vietato perlare di sesso e affini, ben accetto il porgere l'altra guancia.
La mia avversione (verso tutto ciò che riguarda la religione) che ne è derivata è molto radicata dentro di me, tanto che faccio fatica a sostenere un discorso civile con il mio fidanzato che è credente (ma non in modo fondamentalista, diciamo molto aperto).
Non credo in nulla, tranne che nel fatto che l'essere umano ha e ha sempre avuto il bisogno di credere in qualcosa di divino, forse per compensare la paura della morte.

angelwiththe

  • Visitatore
Re: Chiesa e religione
« Risposta #3 il: Giugno 20, 2008, 11:18:10 am »
Chiedo scusa in anticipo se sarò prolissa, ma questo è un tema che mi sta particolarmente a cuore.
Anche io cresciuta a pane e religione (asilo ed elementari dalle suore, medie dai preti)!!! Nonostante ciò, se si esclude mia nonna, la mia famiglia non era praticante. Mai andata a Messa da ragazzina con i miei.
Credo molto in Dio e negli insegnamenti di Gesù Cristo e proprio per questo non tollero la chiesa cattolica. Forse sembra una contraddizione, ma non lo è. Penso infatti che la chiesa tutto faccia meno che rispettare i valori cristiani. Ne è un esempio lampante l'avversione per i gay, le donne e chissà quante altre categorie.
Mi chiedo: se Cristo era il primo a raccattare tutti gli emarginati. Se ha accolto una prostituta (considerando ciò che significava allora) si scandalizzerà per due uomini o due donne che si amano? A me non risulta che abbia mai condannato l'omosessualità, a voi? Se ci aggiungiamo che per commettere "peccato" è essenziale la volontà di farlo, ossia se faccio qualcosa cosciente che è sbagliata è peccato altrimenti no. Chi sono loro per giudicare se nel mio cuore c'era o no questo tipo di convinzione?
In conclusione (perchè ho scritto un tema) se Cristo rinascesse adesso andrebbe contro la chiesa proprio come fece allora con i dottori della legge.

Macsibon

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 679
  • E' piuttosto difficile.
Re: Chiesa e religione
« Risposta #4 il: Giugno 20, 2008, 12:21:34 pm »
Partecipo anch'io spero con poche parole. Sono un credente convinto, credo nell'uomo, credo in un Dio universale, forse solo mio personale, che raccoglie in sè Jehovah, Allah, Manitù, Buddah, Allah etc. in fondo a ben leggere dicono tutti la stessa identica cosa. Credo in Gesù in quanto personaggio storico ed apprezzo il suo socialismo ante-litteram. Non credo alla chiesa cattolica, benchè da piccolo, nato in una famiglia di mangiapreti, volessi farmi prete e per rendersi conto delle contraddizioni abnormi della chiesa e dei suoi agenti di commercio in terra basterebbe citargli quel passo del Vangelo che viene indicato come "Gesù ed i Mercanti nel Tempio". Parabola che da un giorno all'altro potrebbe sparire dai Vangeli vista la mercificazione di santi santini e scemenze varie che proprio dalla chiesa viene fatta.
Barbie-turici

piperita patty

  • Visitatore
Re: Chiesa e religione
« Risposta #5 il: Giugno 20, 2008, 12:56:27 pm »
Io non credo in Dio,in nessun Dio,rispetto il concetto di fede ma non lo comprendo fino in fondo,affidare la propria esistenza ad un'entità superiore che si prende cura di noi mi sembra un atteggiamento un po' primitivo,ma è solo un'opinione personale. La chiesa cattolica a mio parere non è mai stata un' istituzione religiosa e ora è arrivata a essere una S.p.a. Sono cresciuta in una famiglia non cattolica ma quando ero bambina ho scelto di frequentare il catechismo e mi sono resa conto di quanto poco la chiesa rispettasse la figura di Gesù che era un tipo in gamba secondo me. Concludo dicendo che alla luce della crisi delle vocazioni la religione cristiana sparirà come sono sparite le religioni degli antichi greci,degli egiziani e tutte le altre,l'umanità ha sempre bisogno di nuovi idoli da ammirare altrimenti è costretta a guardare alla propria miseria.


ninfeaalba79

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1897
  • è dura vivere nel covo dei leghisti...
Re: Chiesa e religione
« Risposta #6 il: Giugno 20, 2008, 04:06:12 pm »
la rovina della chiesa sono i preti... non tutti ma una buona fetta soprattutto nelle alte sfere.... credo nei principi della religione cattolica anche se molto spesso gli stessi vengono ripetutamente disattesi da coloro che dovrebbero rappresentare Gesù sulla terra... predicano la poverta' e girano in mercedes ... predicano l'astinenza e condannano la fornicazione ma poi vanno a prostitute, si trovano la morosa o, peggio ancora, molestano i bambini  :ghignomalefico: in più il clero con le sue idee antiche allontana la gioventù che ora, molto più di una volta, ha a disposizione tv, internet,giornali e che si interroga sul perche' colui che predica così bene razzola così male.... sembra ci trovi gusto, ogni giorno che passa, ha scavare la fossa sempre più profonda.... il mondo e' cambiato ma per la chiesa siamo sempre all'epoca di Costantino... in nome della tradizione e' la chiesa ad essere diventata preistorica...
cani e gatti, anche col mal de panza, non possono renderti peggio di quanto possa fare una donna (uomo).
sapevatevelo
(cit. vipero)

ideologie precotte per cervelli bolliti su rieduchescional channel

SaintJust

  • Visitatore
Re: Chiesa e religione
« Risposta #7 il: Giugno 20, 2008, 04:07:55 pm »
A me non piace la Chiesa, odio i preti, ma non i piace neanche la religione, nè questa nè altre.

ninfeaalba79

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1897
  • è dura vivere nel covo dei leghisti...
Re: Chiesa e religione
« Risposta #8 il: Giugno 20, 2008, 04:13:44 pm »
A me non piace la Chiesa, odio i preti, ma non i piace neanche la religione, nè questa nè altre.
però all'epoca Gesù era troppo avanti... predicava la non violenza in un mondo dove su uno pestava un callo all'altro poteva essere ucciso... infatti l'hanno eliminato come persona non gradita all'impero romano...
cani e gatti, anche col mal de panza, non possono renderti peggio di quanto possa fare una donna (uomo).
sapevatevelo
(cit. vipero)

ideologie precotte per cervelli bolliti su rieduchescional channel

wooden chick

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 345
Re: Chiesa e religione
« Risposta #9 il: Giugno 20, 2008, 04:37:01 pm »
Il mio rapporto con la Chiesa? Le raderei al suolo una ad una, per fare spazio ad edifici ben più utili, compreso il riciclaggio di preti e suore come missionari laici, o a seconda delle malefatte perpetrate, ai lavori forzati.

A parte gli estremismi, sono cresciuta in una famiglia non praticante, dalla fede molto tiepida. Scuole medie dalle suore. Fortunatamente i miei genitori non mi hanno mai imposto la frequentazione degli ambienti legati alla chiesa, hanno sempre detto che è una scelta che ciascuno deve fare consapevolmente. Tant'è che al ritrovo della domenica mattina nei campi gioco del paese, ero l'unica che non stava marinando la messa.

Non ho mai avuto la fede, non ho mai rivolto preghiere ad un dio con la certezza di essere ascoltata. Magari è un mio limite ma io vedo tutta la faccenda come un enorme rito scaramantico. Capisco il valore educativo che la religione possa aver avuto in tempi antichi, quando era forse più semplice dire agli abitanti dei paesi caldi e senza metodi di conservazione che il maiale non si mangiava perchè impuro per dio piuttosto che per leggi chimiche.
Ecco, detto che la fede non ce l'ho, allora agli occhi di chi la pensa come me è immediato il vedere tutto il baraccone con scetticismo.
Ma immagino che avvertirei gli stessi fastidi anche se fossi stata credente. La chiesa ha sempre predicato bene e razzolato male, ha imposto dogmi assurdi e lasciato nell'arretratezza mentale le persone meno propense al dubbio.
Pessimismo e fastidio su tutta la linea... basti solo l'esempio dei miliardi spesi per la santificazione di padre pio... ma si rendono conto di quanto bene avrebbero potuto fare con quei soldi? E questa è solo una goccia nell'oceano.

L'unico motivo per cui apprezzo la favoletta cattolica è che grazie a quella hanno scritto il Jesus Christ Superstar  8)
So if you are the Christ, Yes the great Jesus Christ
Prove to me that you're no fool, Walk across my swimming pool

SaintJust

  • Visitatore
Re: Chiesa e religione
« Risposta #10 il: Giugno 20, 2008, 04:38:44 pm »
A me non piace la Chiesa, odio i preti, ma non i piace neanche la religione, nè questa nè altre.
però all'epoca Gesù era troppo avanti... predicava la non violenza in un mondo dove su uno pestava un callo all'altro poteva essere ucciso... infatti l'hanno eliminato come persona non gradita all'impero romano...
L'esistenza storica di Gesù è tutta da provare.

Crocs

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4253
Re: Chiesa e religione
« Risposta #11 il: Giugno 20, 2008, 04:45:19 pm »
Bè l'esistenza storica di un personaggio chiamato Gesù è abbastanza documentata.
Cosa abbia effettivamente predicato e quale fosse il suo ruolo sociopolitico è ancora tutto da vedere...

SaintJust

  • Visitatore
Re: Chiesa e religione
« Risposta #12 il: Giugno 20, 2008, 04:46:25 pm »
Bè l'esistenza storica di un personaggio chiamato Gesù è abbastanza documentata.
Cosa abbia effettivamente predicato e quale fosse il suo ruolo sociopolitico è ancora tutto da vedere...
Ho idea che "Gesù" da quelle parti sia più o meno come "Mario Rossi" dalle nostre.

Crocs

  • Tortellyno
  • ****
  • Post: 4253
Re: Chiesa e religione
« Risposta #13 il: Giugno 20, 2008, 04:53:03 pm »
 ;D

Qualche tempo fa ho letto un libro chiamato "The Holy Blood and The Holy Grail" (credo che sia stato tradotto con Il Sacro sangue e il sacro graal"). Il Codice da Vinci si è largamente ispirato alle sue teorie.
Tutta la parte di un'ipotetica discendenza di Gesù è un po' noiosa, ma gli autori (sorprendentemente ben documentati) sostengono che Gesù fosse in effetti un membro dell'aristrocrazia giudaica che mirava, sostenuto dal favore popolare, a fare un colpo di stato per avere la corona.
Tutta la sua predicazione era quindi, in soldoni, una specie di promessa elettorale e il "regno" di cui si parla non è tanto metaforico quanto un progetto molto più concreto.
L'ho trovata un'ipotesi intrigante, che fa quagliare molti elementi dei vangeli apparentemente illogici... ti consiglio caldamente il libro!

Per il resto, è un fatto documentato che tutta la canonizzazione successiva abbia preso larghi spunti dai culti mediorientali dell'epoca (per esempio il culto di Mitra)...

angelwiththe

  • Visitatore
Re: Chiesa e religione
« Risposta #14 il: Giugno 20, 2008, 05:25:30 pm »
Il mio rapporto con la Chiesa? Le raderei al suolo una ad una, per fare spazio ad edifici ben più utili, compreso il riciclaggio di preti e suore come missionari laici, o a seconda delle malefatte perpetrate, ai lavori forzati.

A parte gli estremismi, sono cresciuta in una famiglia non praticante, dalla fede molto tiepida. Scuole medie dalle suore. Fortunatamente i miei genitori non mi hanno mai imposto la frequentazione degli ambienti legati alla chiesa, hanno sempre detto che è una scelta che ciascuno deve fare consapevolmente. Tant'è che al ritrovo della domenica mattina nei campi gioco del paese, ero l'unica che non stava marinando la messa.

Non ho mai avuto la fede, non ho mai rivolto preghiere ad un dio con la certezza di essere ascoltata. Magari è un mio limite ma io vedo tutta la faccenda come un enorme rito scaramantico. Capisco il valore educativo che la religione possa aver avuto in tempi antichi, quando era forse più semplice dire agli abitanti dei paesi caldi e senza metodi di conservazione che il maiale non si mangiava perchè impuro per dio piuttosto che per leggi chimiche.
Ecco, detto che la fede non ce l'ho, allora agli occhi di chi la pensa come me è immediato il vedere tutto il baraccone con scetticismo.
Ma immagino che avvertirei gli stessi fastidi anche se fossi stata credente. La chiesa ha sempre predicato bene e razzolato male, ha imposto dogmi assurdi e lasciato nell'arretratezza mentale le persone meno propense al dubbio.
Pessimismo e fastidio su tutta la linea... basti solo l'esempio dei miliardi spesi per la santificazione di padre pio... ma si rendono conto di quanto bene avrebbero potuto fare con quei soldi? E questa è solo una goccia nell'oceano.

L'unico motivo per cui apprezzo la favoletta cattolica è che grazie a quella hanno scritto il Jesus Christ Superstar  8)
Se fossi stata credente di avrebbe dato, se possibile, anche più fastidio.

La chiesa non ha capito ancora che al giorno d'oggi la gente studia, legge, e non guarda più a loro come grandi uomini solo perché conscono, per dire, il latino. La gente d'oggi è abituata a pensare con la propria testa (almeno in teoria) e non è più disposta a farsi dire da un altro essere umano cos'è moralmente giusto. Ognuno ha il suo senso di morale e a quello vuole fare riferimento.
IO non sono disposta a farmi dire da una persona qualunque cosa fare del mio utero, come trombare, quando e con chi. Eccheccavolo!