Autore Topic: Bambini? No, grazie!  (Letto 33179 volte)

angelwiththe

  • Visitatore
Bambini? No, grazie!
« il: Luglio 07, 2008, 05:21:16 pm »
Ispirata da diversi commenti letti in giro, mi domando: è davvero tanto grave che a 26 anni non pensi nemmeno lontanamente a fare figli?
Tutti i colleghi o gli amici a cui dico che io odio i bambini e che, probabilmente (mai dire mai) non ne vorrò mai, mi danno del'insensibile egoista.
Non sono disposta a sacrificare la mia libertà per un bimbo, nè a farlo e per poi parcheggiarlo davanti la tv per non "averlo tra i piedi" come fanno molti (questo sì che è da egoisti).
Il mio ragazzo sostiene che la mia idiosincrasia per i nanetti sia imputabile al fatto che quelli che vedo intorno a me, compresi quelli delle mie amiche, sono maleducati e viziati a livelli incredibili e che il nostro ( :'( ) non crescerà così di sicuro!
Che poi io ai bambini piaccio pure...
Delle volte ho paura che se rimanessi incinta (ho pure dimenticato una pillola questo mese, cacchio) potrei arrivare anche odiare mio figlio e ad attribuirgli la colpa dei vari cambiamenti che sarei costretta ad apportare alla mia vita.
Forse non sono capace di amare incondizionatamente un essere vivente, nemmeno se l'ho portato in grembo per nove mesi. Voi che ne pensate?

Mattia

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1222
  • In The Evidence Of Its Brilliance
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #1 il: Luglio 07, 2008, 06:02:04 pm »
Ispirata da diversi commenti letti in giro, mi domando: è davvero tanto grave che a 26 anni non pensi nemmeno lontanamente a fare figli?
Tutti i colleghi o gli amici a cui dico che io odio i bambini e che, probabilmente (mai dire mai) non ne vorrò mai, mi danno del'insensibile egoista.
Non sono disposta a sacrificare la mia libertà per un bimbo, nè a farlo e per poi parcheggiarlo davanti la tv per non "averlo tra i piedi" come fanno molti (questo sì che è da egoisti).
Il mio ragazzo sostiene che la mia idiosincrasia per i nanetti sia imputabile al fatto che quelli che vedo intorno a me, compresi quelli delle mie amiche, sono maleducati e viziati a livelli incredibili e che il nostro ( :'( ) non crescerà così di sicuro!
Che poi io ai bambini piaccio pure...
Delle volte ho paura che se rimanessi incinta (ho pure dimenticato una pillola questo mese, cacchio) potrei arrivare anche odiare mio figlio e ad attribuirgli la colpa dei vari cambiamenti che sarei costretta ad apportare alla mia vita.
Forse non sono capace di amare incondizionatamente un essere vivente, nemmeno se l'ho portato in grembo per nove mesi. Voi che ne pensate?

quella frase mi ha fatto troppo ridere. come dice Carrie in una puntata:
"Charlotte e Trey si guardarono e pensarono la bugia che si dicono tutti i futuri genitori: i nostri saranno diversi"


comunque non mi esprimo in materia perché sono maschio (più o meno) e penso che ne sappiate più voi. dico solo che credo che amare faccia sempre rima con viziare  :D
« Ultima modifica: Luglio 07, 2008, 06:08:22 pm da Mattia »

Cettyola

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 10182
  • Streusoland
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #2 il: Luglio 07, 2008, 06:05:36 pm »
OT:Angel ma che firma hai messo?  ;D

Tenendo conto del fatto che i 26 anni di oggi non sono gli stessi di 30 anni fa, tenendo conto della speranza della vita che aumenta..ancora ce n'è di tempo! E' anche vero che andando più avanti con l'età si rischia in salute ad affrontare una gravidanza.
 
Sicuramente i bambini odiosi che conosci tu ti fan passare tutta la voglia(che hai già scarsa), ma dipende dagli educatori che si ritrovano.  Ci sono bambini fotocopia dei genitori sboroni che parlano di barche, mini moto, cellulari ipertecnologici e mutui( in un supermercato una volta ho sentito un bambino(alto 1 metro circa) che diceva al padre: " ma noooo, se prendi quello dobbiam fare un mutuo"  :o 
E poi ci sono quelli teneroni. Vale come per gli adulti, ci sono i belli e i brutti, i simpatici e gli antipatici.

Io ho un fratellinodi 7 anni (quando è nato, avevo compagne di classe che procreavano di già)che ovunque lo tocchi è morbido,sembra un peluche, mi fa morire da ridere. Divoratore di nutella, cartoni animati, e libri sugli animali.
Ecco: semmai avrò un figlio lo voglio come lui :D

Ama chi ti ama, frequenta chi cerca la tua compagnia, offri doni a chi ti offre doni e a chi niente ti dà non dare niente. (Esiodo)

Mirtillosa°

  • Visitatore
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #3 il: Luglio 07, 2008, 06:07:06 pm »
Non sei mica obbligata ad averne?
Odio però mi sembra una parola troppo grossa
Io ho la tua età e non mi ci vedo proprio con un figlio, anche se sono sicura che un giorno cambierò idea, non sono assolutamente pronta.  Sicuramente però lo/la educherò in modo molto diverso dalla media dei ragazzetti maleducati e viziati che si vedono in giro

A me fanno letteralmente schifo quei discorsi del tipo "l'istinto materno" "una donna si sente realizzata solo con un figlio" "il bambino all'inizio deve stare in simbiosi con la madre, il padre li deve lasciare soli"...che mentalità arretrata abbiamo in italia

A proposito, i ragazzini sono viziati dai genitori, non è che nascono così. Ho visto genitori che non si fanno assolutamente rispettare, una volta ho visto un ragazzetto sui 10 anni che starnutiva e si puliva sull maglietta del papà e lui non diceva nulla
« Ultima modifica: Luglio 07, 2008, 06:11:59 pm da Mirtillosa° »

Mattia

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1222
  • In The Evidence Of Its Brilliance
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #4 il: Luglio 07, 2008, 06:13:11 pm »
Non sei mica obbligata ad averne?
Odio però mi sembra una parola troppo grossa
Io ho la tua età e non mi ci vedo proprio con un figlio, anche se sono sicura che un giorno cambierò idea, non sono assolutamente pronta.  Sicuramente però lo/la educherò in modo molto diverso dalla media dei ragazzetti maleducati e viziati che si vedono in giro

A me fanno letteralmente schifo quei discorsi del tipo "l'istinto materno" "una donna si sente realizzata solo con un figlio" "il bambino all'inizio deve stare in simbiosi con la madre, il padre li deve lasciare soli"...che mentalità arretrata abbiamo in italia


se devo essere sincero una delle cose che più invidio alle donne è il rapporto che instaurano automaticamente con il figlio. il padre potrà essere il papà più buono e amato del mondo, ma verso di lui i bambini non proveranno mai quello che provano per la madre, che giustamente è tutto. non ho mai sentito un bambino in difficoltà chiamare "papà", ma sempre e solo "mamma". ecco, credo che questo voglia dire molto.

cristina

  • Gelato alla mandorla pizzuta d'avola
  • *****
  • Post: 19539
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #5 il: Luglio 07, 2008, 06:14:00 pm »
Mirtillosa, la simbiosi non è da sottovalutare. Senza di essa in fase neonatale infatti, si rischiano più o meno gravi patologie a livello psicologico. Il bambino, diversamente da altri cuccioli, deve avere un profondo legame (e quindi un forte e assiduo contatto) con la madre almeno fino all'età pre-adolescenziale. Se non hai voglia di avere un marmocchio sul groppone per tantissimi lunghissimi infiniti anni, è logico pensarla come angel (sacrosanto pensiero, quello di non parcheggiarli davanti alla tv!).
« Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per l'Uomo ci sia ancora speranza » (H.G. Wells)

I a liar

  • Frittata con la marmellata
  • **
  • Post: 287
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #6 il: Luglio 07, 2008, 06:14:57 pm »
Ispirata da diversi commenti letti in giro, mi domando: è davvero tanto grave che a 26 anni non pensi nemmeno lontanamente a fare figli?
Tutti i colleghi o gli amici a cui dico che io odio i bambini e che, probabilmente (mai dire mai) non ne vorrò mai, mi danno del'insensibile egoista.
Non sono disposta a sacrificare la mia libertà per un bimbo, nè a farlo e per poi parcheggiarlo davanti la tv per non "averlo tra i piedi" come fanno molti (questo sì che è da egoisti).
Il mio ragazzo sostiene che la mia idiosincrasia per i nanetti sia imputabile al fatto che quelli che vedo intorno a me, compresi quelli delle mie amiche, sono maleducati e viziati a livelli incredibili e che il nostro ( :'( ) non crescerà così di sicuro!
Che poi io ai bambini piaccio pure...
Delle volte ho paura che se rimanessi incinta (ho pure dimenticato una pillola questo mese, cacchio) potrei arrivare anche odiare mio figlio e ad attribuirgli la colpa dei vari cambiamenti che sarei costretta ad apportare alla mia vita.
Forse non sono capace di amare incondizionatamente un essere vivente, nemmeno se l'ho portato in grembo per nove mesi. Voi che ne pensate?

Io di anni ne ho quasi 32 ed ancora non ci penso a mettere al mondo un figlio.
Mi piacerebbe, come no, ma ancora non me la sento, non riesco nemmeno a ricordarmi di dare l'acqua alle piante, figuriamoci crescere un figlio!
In compenso intorno a me c'è una vera e propria epidemia di gravidanze.
Il Dipartimento dove lavoro è piccolissimo, ma quest'anno ci sono stati almeno 8 casi... le mie amiche sono tutte incinte o puerpere... dev'essere qualcosa nell'acqua...   ;D
Angelwiththe: scherzi a parte, nessuno ti corre appresso e nemmeno ti obbliga a fare un figlio.
Fortunatamente al giorno d'oggi una donna può sentirsi realizzata anche al di fuori della maternità ed in ogni caso, rispetto ad i tempi attuali, sei ancora abbondantemente in tempo per sviluppare un senso materno.
Pare che ad un certo punto l'istinto alla riproduzione prenda il sopravvento e che i cambiamenti connessi alla maternità, non siano poi così insopportabili... se e quando mi accadrà ti farò sapere...  ::)

Mirtillosa°

  • Visitatore
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #7 il: Luglio 07, 2008, 06:17:03 pm »
Ci sono padri che quando la moglie partorisce prendono 3 settimane di ferie per occuparsi anche loro del loro bambino. Ce ne sono altri che invece pensano che quello sia un lavoro da donne, che non sanno neanche fare il bagno e cambiare il loro figlio e quel che è peggio le loro mogli o compagne neanche vogliono che il padre si avvicini. così i padri continuano a fare la loro vita e le madri chiuse in case per mesi, sole e depresse. A questo io mi riferivo

lara-v

  • Visitatore
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #8 il: Luglio 07, 2008, 06:17:33 pm »
A 26 anni avevo ancora il terrore di rimanere incinta.
A 28 ho cominciato a desiderare un bambino, in modo altalenante.
Adesso ne ho 31 e continuo a desiderarlo, in modo altalenante.

Comunque anche io non sopporto quelle mamme e papà che non educano per nulla i loro figli, non esiste!
Non capisco se vogliono evitargli frustrazioni (ma tanto ce le avranno prima o poi nella vita), o semplicemente non hanno voglia di stare a contraddire il figlio e gliele danno tutte vinte.
Se sarò mai mamma, sarò dolce ma ferma.

Cettyola

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 10182
  • Streusoland
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #9 il: Luglio 07, 2008, 06:19:09 pm »

se devo essere sincero una delle cose che più invidio alle donne è il rapporto che instaurano automaticamente con il figlio. il padre potrà essere il papà più buono e amato del mondo, ma verso di lui i bambini non proveranno mai quello che provano per la madre, che giustamente è tutto. non ho mai sentito un bambino in difficoltà chiamare "papà", ma sempre e solo "mamma". ecco, credo che questo voglia dire molto.

é un pò come la storia che il maschietto è più legato alla mamma e la femminuccia al papà. Per me è stato ed è realmente così, anche se non c'è ovviamente una differenza tra i due genitori. 
Ama chi ti ama, frequenta chi cerca la tua compagnia, offri doni a chi ti offre doni e a chi niente ti dà non dare niente. (Esiodo)

Mattia

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1222
  • In The Evidence Of Its Brilliance
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #10 il: Luglio 07, 2008, 06:22:24 pm »
A 26 anni avevo ancora il terrore di rimanere incinta.
A 28 ho cominciato a desiderare un bambino, in modo altalenante.
Adesso ne ho 31 e continuo a desiderarlo, in modo altalenante.

Comunque anche io non sopporto quelle mamme e papà che non educano per nulla i loro figli, non esiste!
Non capisco se vogliono evitargli frustrazioni (ma tanto ce le avranno prima o poi nella vita), o semplicemente non hanno voglia di stare a contraddire il figlio e gliele danno tutte vinte.
Se sarò mai mamma, sarò dolce ma ferma.

credimi, è molto difficile. in famiglia siamo 7 nipoti: io (21anni), mio cugino (17), mia sorella (12), mia cugina (11), mio cugino (10), mia cugina (9) e mia cuginetta (2). ecco, io ci sono cresciuto con loro e ti posso assicurare che pur essendo bambini più o meno bravi e intelligenti, quando ci si mettono è veramente difficile star loro dietro.
credo che ognuno vorrebbe essere dolce e fermo, ma dopo che tuo figlio piange da 3 ore ininterrotte solo per fare i capricci, penso che non dargliela vinta sia difficilissimo!

Mattia

  • 666tan
  • ***
  • Post: 1222
  • In The Evidence Of Its Brilliance
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #11 il: Luglio 07, 2008, 06:24:02 pm »

se devo essere sincero una delle cose che più invidio alle donne è il rapporto che instaurano automaticamente con il figlio. il padre potrà essere il papà più buono e amato del mondo, ma verso di lui i bambini non proveranno mai quello che provano per la madre, che giustamente è tutto. non ho mai sentito un bambino in difficoltà chiamare "papà", ma sempre e solo "mamma". ecco, credo che questo voglia dire molto.

é un pò come la storia che il maschietto è più legato alla mamma e la femminuccia al papà. Per me è stato ed è realmente così, anche se non c'è ovviamente una differenza tra i due genitori. 

lo so, ma anche se sei femmina comunque cominci ad attaccarti alla figura paterna verso i 2 anni, secondo me. prima sei comunque indissolubilmente legata alla mamma.

Mirtillosa°

  • Visitatore
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #12 il: Luglio 07, 2008, 06:30:18 pm »
Io sono dell'opinione che un figlio si faccia in due e che entrambi i genitori se ne debbano occupare, fin da subito. Ci sono molte madri che si sentono sole e tristi perchè il padre si disinteressa ai figli, li considera solo quando è il momento di giocare, poi se iniziano a piangere chiamano la moglie perchè non sanno che fare. Ne ho viste tante di queste scene
poi rispetto le vostre opinioni
Lo sapete che in Scandinavia anche il padre può prendere un periodio  di "paternità" dal lavoro?

Cettyola

  • Carbonara stracciatella
  • *****
  • Post: 10182
  • Streusoland
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #13 il: Luglio 07, 2008, 06:30:26 pm »
é anche vero che la madre è fonte di nutrimento principale col latte materno( a chi viene).
Ama chi ti ama, frequenta chi cerca la tua compagnia, offri doni a chi ti offre doni e a chi niente ti dà non dare niente. (Esiodo)

lara-v

  • Visitatore
Re: Bambini? No, grazie!
« Risposta #14 il: Luglio 07, 2008, 06:51:53 pm »
A 26 anni avevo ancora il terrore di rimanere incinta.
A 28 ho cominciato a desiderare un bambino, in modo altalenante.
Adesso ne ho 31 e continuo a desiderarlo, in modo altalenante.

Comunque anche io non sopporto quelle mamme e papà che non educano per nulla i loro figli, non esiste!
Non capisco se vogliono evitargli frustrazioni (ma tanto ce le avranno prima o poi nella vita), o semplicemente non hanno voglia di stare a contraddire il figlio e gliele danno tutte vinte.
Se sarò mai mamma, sarò dolce ma ferma.

credimi, è molto difficile. in famiglia siamo 7 nipoti: io (21anni), mio cugino (17), mia sorella (12), mia cugina (11), mio cugino (10), mia cugina (9) e mia cuginetta (2). ecco, io ci sono cresciuto con loro e ti posso assicurare che pur essendo bambini più o meno bravi e intelligenti, quando ci si mettono è veramente difficile star loro dietro.
credo che ognuno vorrebbe essere dolce e fermo, ma dopo che tuo figlio piange da 3 ore ininterrotte solo per fare i capricci, penso che non dargliela vinta sia difficilissimo!

stando alla mia esperienza con bambini di varie età, se piange per tre ore di seguito per me vuol dire che c'è qualcosa che non va. dargliela vinta ok, ma non tutte le volte.
poi bisognerà vedere quando ci sarò veramente dentro, ma la mia idea è questa!