Autore Topic: La nuova censura travestita da progressismo  (Letto 1851 volte)

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 58576
  • Socialista in cravatta bianca
Re:La nuova censura travestita da progressismo
« Risposta #15 il: Febbraio 13, 2021, 11:59:26 am »
#bettyripigliati
Io sono un capibara e voi no.

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30946
Re:La nuova censura travestita da progressismo
« Risposta #16 il: Febbraio 13, 2021, 01:17:01 pm »
Idee molto di destra = coglione, in my book.

Comunque questa non crede nell'uso delle mascherine e crede che trumpo abbia vinto; questo non è semplicemente essere di destra, è essere negatori della realtà.

ah, va be', mi ero persa queste perle di saggezza  ::)
avevo letto tempo addietro dei suoi tweet simpatici in cui perculava l'usanza di mettere i pronomi inventati nelle biografie.
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30946
Re:La nuova censura travestita da progressismo
« Risposta #17 il: Febbraio 13, 2021, 01:19:45 pm »
Idee molto di destra = coglione, in my book.

bisogna vedere nello specifico di quali idee parliamo, ce ne sono alcune che semplicemente non condivido ma non reputo stupide (esempio, buona parte di quelle di politica economica), altre che reputo dannose (pro life e cagate simili), altre semplicemente ridicole e fuori dal tempo (il patriottismo estremo).
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 58576
  • Socialista in cravatta bianca
Re:La nuova censura travestita da progressismo
« Risposta #18 il: Febbraio 13, 2021, 01:43:24 pm »
Coglione per me non è esattamente la stessa cosa di stupido.

Comunque per me proprio le idee economiche di destra sono coglione, posto che sono profondamente ingiuste, quindi chi le sostiene è o proprio stupido, se vanno a suo detrimento, o profondamente egoista se sostengono una sua posizione di privilegio; se si aggiunge che di solito le posizioni economicamente di destra sono anche distruttive per il pianeta nel medio ma ormai anche nel breve periodo, ciò aumenta la loro coglionaggine.
« Ultima modifica: Febbraio 13, 2021, 01:45:49 pm da Allevi3MSC »
Io sono un capibara e voi no.

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 58576
  • Socialista in cravatta bianca
Re:La nuova censura travestita da progressismo
« Risposta #19 il: Febbraio 13, 2021, 01:51:59 pm »
Per andare al suo parallelismo con la Germania anni '30: non è antisemita, è cretino, del tutto inadeguato a descrivere la situazione attuale.

Io sono un capibara e voi no.

Allevi3MSC

  • Biscotto Gullon
  • *****
  • Post: 58576
  • Socialista in cravatta bianca
Re:La nuova censura travestita da progressismo
« Risposta #20 il: Febbraio 13, 2021, 10:33:01 pm »
avevo letto tempo addietro dei suoi tweet simpatici in cui perculava l'usanza di mettere i pronomi inventati nelle biografie.

Per quanto riguarda le biografie: io sono per una posizione che in America verrebbe indicata come degna della gogna, cioè usare i pronomi del sesso che si aveva al momento di determinati accadimenti e risultati; così nel caso Wachowski il maschile quando si parla dell'infanzia, degli studi o della produzione dei Matrix e il femmninile per ogni cosa post transizione.
Io sono un capibara e voi no.

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30946
Re:La nuova censura travestita da progressismo
« Risposta #21 il: Febbraio 14, 2021, 11:26:48 pm »
Per andare al suo parallelismo con la Germania anni '30: non è antisemita, è cretino, del tutto inadeguato a descrivere la situazione attuale.

su questo concordo.
non concordo sul licenziarla e desiderare di lanciafiammarla dalla faccia della terra per aver semplicemente espresso un'opinione in modo stupido (cosa che diversi sjw su twitter auspicano).
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)

Betty Moore

  • Administrator
  • Cecy
  • *****
  • Post: 30946
Re:La nuova censura travestita da progressismo
« Risposta #22 il: Febbraio 14, 2021, 11:27:18 pm »
avevo letto tempo addietro dei suoi tweet simpatici in cui perculava l'usanza di mettere i pronomi inventati nelle biografie.

Per quanto riguarda le biografie: io sono per una posizione che in America verrebbe indicata come degna della gogna, cioè usare i pronomi del sesso che si aveva al momento di determinati accadimenti e risultati; così nel caso Wachowski il maschile quando si parla dell'infanzia, degli studi o della produzione dei Matrix e il femmninile per ogni cosa post transizione.

è una posizione estremamente ragionevole.
Tutte le strade portano a Ro Pullo e Voreno (NC)